Slide background
Slide background
Slide background




The 7 layersof fire safety in buildings

ID 8855 | | Visite: 454 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/8855

EU fire safety

EU Fire Safety Guide | The 7 layersof fire safety in buildings

La Guida "The 7 layersof fire safety in buildings" della Confederation of Fire Protection Association Europe (CFPA-Europe) identifica e descrive i sette livelli di sicurezza antincendio che devono essere assicurati ai fini della protezione delle strutture e delle persone che in esse vi ospitano.

I  sette livelli vengono così individuati:

1) PREVENTION
2) DETECTION
3) EARLY SUPPRESSION
4) EVACUATION
5) COMPARTMENTATION
6) STRUCTURAL SAFETY
7) FIREFIGHTING

1) PREVENTION

Innanzitutto, l'inizio di un incendio dovrebbe essere prevenuto . Comprendere le cause e i fattori di rischio di questo è il punto di partenza per informare gli efficaci sforzi di prevenzione attraverso misure tecniche e umane.

Le principali cause di incendi accidentali in Europa sono il fumo, i guasti elettrici, la cottura e la negligenza con fonti di accensione, come fiammiferi o candele.

La maggior parte degli incendi residenziali fatali accendono mobili imbottiti , letti , materassi e tessuti , compresi i vestiti, e iniziano nel soggiorno , seguiti dalla camera da letto e dalla cucina * .

I prodotti da costruzione che potrebbero essere esposti a un incendio iniziale sono soggetti ai requisiti di prestazione di "reazione al fuoco" basati sul sistema Euroclass.

* Nel 2018 la European Fire Safety Alliance ha presentato un primo rapporto sugli incendi residenziali mortali in Europa.

Migliori pratiche

L'Estonia ha aggiornato il suo approccio alla sicurezza antincendio nel 2006 per includere la prevenzione sistematica. Da allora, il numero di incidenti d'incendio ha visto una riduzione di tre volte. La Finlandia organizza ogni anno una settimana per la sicurezza antincendio, tra cui un evento per la famiglia "Day at the Fire Station", in cui è possibile apprendere importanti capacità di sicurezza antincendio.

Cosa si può fare?

Migliorare la raccolta di statistiche esaminando le principali cause e i fattori di rischio per gli incendi negli edifici. Nel 2018, il Parlamento europeo ha adottato un progetto pilota a tale scopo .

Affrontare le aree chiave di interesse con prodotti specifici. Ad esempio, la sicurezza elettrica richiede elevati standard di prodotto, un'efficace sorveglianza del mercato e ispezioni regolari.

Il sistema di allarme rapido dell'UE (RAPEX) identifica, tra le altre cose, apparecchi a rischio per i prodotti che devono essere rimossi dal mercato.

Supportare iniziative di sensibilizzazione e istruzione molto importanti ed efficaci. Ad esempio, il progetto finanziato da Erasmus + " BFireSafe @ School " ha lo scopo di aumentare la consapevolezza della sicurezza antincendio per gli alunni e gli insegnanti delle scuole secondarie di tutta Europa.


2) DETECTION

Quando si verifica un incendio nonostante le misure di prevenzione, è importante rilevarlo il prima possibile per dare agli occupanti dell'edificio il tempo sufficiente per reagire , compresa l'evacuazione sicura e l'estinzione anticipata.

Il fumo non ti sveglierà in tempo in caso di incendio di notte, lo faranno solo gli allarmi e i rilevatori di fumo. Questi sono fondamentali per consentire l'evacuazione tempestiva.

Si consiglia l'installazione di allarmi antincendio all'interno di ogni camera da letto, all'esterno di ogni zona notte e su tutti i livelli dell'intero edificio residenziale .

Negli edifici più grandi, gli allarmi devono idealmente essere interconnessi per avvisare tutti gli occupanti dell'edificio.

Migliori pratiche

Gli allarmi antifumo sono obbligatori negli alloggi residenziali in Norvegia, Danimarca, Svezia, Finlandia, Estonia, Regno Unito, Paesi Bassi, Francia, Irlanda, Austria, Belgio e Germania *.

Giorno Smoke Alarm nei paesi nordici promuove il controllo regolare dei rilevatori di fumo.

* Il tipo e la portata dei requisiti varia da paese a paese.

Cosa si può fare?

Gli occupanti degli edifici devono assicurarsi che gli allarmi antincendio siano posizionati correttamente, siano in numero sufficiente e funzionino correttamente. In diversi paesi e regioni, i servizi antincendio organizzano campagne di sensibilizzazione specifiche e vengono distribuiti o installati rilevatori di fumo per le persone più vulnerabili.

Il Parlamento europeo può sostenere il lavoro a livello nazionale sostenendo l'uso esteso degli allarmi antincendio in tutta Europa e riconoscendo il ruolo dei servizi antincendio nelle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione.

3) EARLY SUPPRESSION

Quando si verifica un incendio, può essere fermato entro i primi minuti da un estintore manuale o da irrigatori automatici . Gli irrigatori vengono attivati ​​automaticamente dal calore e solo nel luogo in cui si verifica l'incendio.

Il 96% degli incendi in edifici protetti da irrigatori sono controllati o estinti dal sistema in loco.

Le prove dimostrano che mentre gli irrigatori sono principalmente destinati a contenere o controllare gli incendi, possono anche essere strumentali per salvare la vita delle persone nella stanza di origine dell'incendio.

Migliori pratiche

I sistemi automatici di soppressione del fuoco sono richiesti in tutte le case residenziali in Galles e negli edifici residenziali sopra due piani in Norvegia . Sono disponibili diversi tipi di irrigatori , tra cui unità portatili e temporanee che possono essere installate senza la necessità di costruire tubature e che, ad esempio, possono essere utili per le persone che soggiornano a casa e che sono meno in grado di evacuare, come gli anziani o persone disabili .

Cosa si può fare?

Promuovere un uso più ampio dei sistemi di soppressione automatica (in particolare per edifici a più alto rischio e persone più vulnerabili) è la chiave per ridurre ulteriormente gli incendi mortali.
L'UE può sostenere gli sforzi attraverso finanziamenti UE dedicati .

4) EVACUATION

Se un incendio inizia e non può essere fermato immediatamente, l'evacuazione sicura degli occupanti di un edificio è la prima priorità . È essenziale avere accesso a buone vie di fuga ben illuminate, brevi e senza fumo e conoscerle. Pertanto, le vie di fuga dovrebbero essere incluse nella progettazione degli edifici come parte di un approccio olistico alla sicurezza antincendio .

Il tempo target per l'evacuazione di un edificio in caso di incendio varia a seconda delle dimensioni dell'edificio.

Le vie di fuga bloccate o ingombra possono essere un grosso problema.

Migliori pratiche

La Slovenia ha sviluppato una campagna per fornire ai cittadini informazioni e raccomandazioni sulla pianificazione tempestiva dell'evacuazione in caso di incendio.

I pompieri di Francoforte organizzano controlli di sicurezza di grattacieli e esercitazioni di evacuazione.

In molti regolamenti edilizi sono definiti i metodi per mantenere le vie di fuga senza fumo. Ciò può essere ottenuto attraverso il rilascio di fumo o l'estrazione del fumo, nonché la compartimentazione.

Cosa si può fare?

I regolamenti europei prevedono già requisiti minimi per la fornitura di segnali di sicurezza sul lavoro, anche per le vie di fuga d'emergenza.
Negli edifici residenziali, le persone devono conoscere il proprio piano di evacuazione ed esercitarsi in esercizi di evacuazione . Ciò può essere sostenuto a livello dell'UE attraverso campagne di sensibilizzazione e istruzione in tutte le lingue.
Strategie specifiche dovrebbero essere sviluppate per gruppi più vulnerabili come gli anziani o i disabili.

5) COMPARTMENTATION

La compartimentazione del fuoco garantirà che un incendio e il suo fumo siano contenuti nel compartimento di origine e non si diffondano in altre stanze. Mira anche a proteggere le vie di fuga sicure come corridoi e scale.

Le barriere fisiche raggiungeranno la compartimentazione, tra cui pareti e pavimenti antincendio, porte tagliafuoco e sigillatura ignifuga di giunti e penetrazioni .

In caso di propagazione rapida di un incendio su una facciata, la strategia di compartimentazione potrebbe essere compromessa.

Il Regolamento UE sui prodotti da costruzione (CPR) consente una metodologia di prova e classificazione comune per i prodotti da costruzione per quanto riguarda la loro reazione o resistenza al fuoco e per comunicare le loro prestazioni .

Consente agli Stati membri di definire i requisiti di prestazione nazionali per applicazioni specifiche, anche a fini di compartimentazione .

Migliori pratiche

Diversi paesi ( Regno Unito, Irlanda, Germania, Francia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Austria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia ) utilizzano test su larga scala per i sistemi di facciata, che è il modo migliore per garantire che un sistema di facciata non compromettere la strategia di compartimentazione.

I vigili del fuoco di Francoforte organizzano l' ispezione regolare di grattacieli Sicurezza antincendio in edifici alti e medi dove verifica che la compartimentazione non sia compromessa da guasti nelle porte tagliafuoco o penetrazioni non sigillate attraverso i muri.

Cosa si può fare?

I codici di costruzione e l'applicazione sono di competenza nazionale. Evidenziare le migliori pratiche in materia di applicazione e riconoscere il ruolo dei servizi antincendio nell'ispezione degli edifici può essere un ruolo per l'UE.
L' UE fornisce alle autorità nazionali con norme armonizzate per i prodotti sviluppati dal CEN. È inoltre in fase di sviluppo un metodo armonizzato di prova e classificazione UE per i sistemi di facciata.

6)  STRUCTURAL SAFETY

In caso di un grande incendio, la sicurezza strutturale dell'edificio deve essere garantita in modo che non collassi su occupanti o vigili del fuoco.

Le prove antincendio strutturali si basano sull'uso della prova di resistenza al fuoco standard su elementi strutturali e assiemi.

Le strutture antincendio non sono solo una questione di combustibilità dei materiali.

Le attuali conoscenze consentono la progettazione di strutture antincendio in calcestruzzo e acciaio, nonché in legno, materiali compositi ed elementi con prodotti combustibili.

Migliori pratiche

Gli Eurocodici - un insieme di standard europei per la progettazione di edifici e altre opere di ingegneria civile - sono un riferimento in Europa e fuori per la progettazione di strutture che tengono conto dell'incendio e della sicurezza sismica .

Cosa si può fare?

Ulteriori metodi di ingegneria basati su studi sperimentali possono essere utilizzati per migliorare la comprensione delle prestazioni antincendio dei sistemi strutturali durante gli incendi reali.
L'UE può sostenere il lavoro svolto dalla piattaforma di scambio di informazioni antincendio (FIEP) che sta esplorando la fattibilità dello sviluppo di standard e qualifiche di ingegneria antincendio dell'UE.


7) FIREFIGHTING

Quando si verifica un incendio, i vigili del fuoco dovrebbero arrivare il più presto possibile per evacuare gli occupanti, combattere l'incendio e prevenire qualsiasi ulteriore propagazione.

 Migliori pratiche

112 è il numero di emergenza europeo disponibile in tutta Europa. Viene celebrato ogni anno l'11 febbraio in occasione della Giornata europea del 112 per sensibilizzare l'opinione pubblica sui suoi vantaggi e sul ruolo dei servizi di emergenza.

In Germania, una linea guida specifica per i grattacieli di appartamenti richiede la progettazione di edifici per integrare specifiche strutture antincendio che consentano una reazione più rapida, come una fornitura idrica specifica o ascensori antincendio.

Cosa si può fare?

La lotta antincendio richiede attrezzature, addestramento e conoscenze all'avanguardia. La ricerca, la condivisione delle conoscenze e la formazione possono essere ulteriormente organizzate e supportate a livello dell'UE tramite la piattaforma di scambio di informazioni antincendio (FIEP) o programmi di finanziamento specifici.

Imparare dagli incidenti d'incendio è la chiave. L'UE potrebbe promuovere la creazione di un forum permanente di esperti che analizza le cause dell'incendio e la condivisione di strategie di sicurezza antincendio basate sul lavoro in corso della piattaforma di scambio di informazioni sugli incendi (FIEP) della Commissione europea.

...

Fonte: CFPA-Europe

Collegati:

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Prevenzione Incendi Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Più letti Prevenzione Incendi

Decreto 5 agosto 2011
Dic 28, 2018 42633

Decreto 5 agosto 2011

Decreto 5 agosto 2011: Professionisti antincendio Iscrizione elenchi MI Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. G.U. n.198 del 26 agosto 2011 Testo… Leggi tutto
Ott 06, 2019 35579

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 , n. 151 Disponibile, in allegato, il testo aggiornato con modifiche e note Riservato Abbonati in formato PDF stampabile/copiabile aggiornato data articolo. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla… Leggi tutto
Marcatura CE maniglioni antipanico
Nov 12, 2018 24814

Maniglioni antipanico: normativa

Maniglioni antipanico: marcatura CE Le porte antincendio, salvo casi particolari, devono "aprirsi a semplice spinta dall'interno nel verso dell'esodo", i dispositivi di apertura del tipo maniglioni o piastre ai apertura pur non esssendo obbligatori, sono altamente consigliati per soddisfare il… Leggi tutto
DPR 151 2011 small
Nov 07, 2019 23921

Elenco Attività soggette visite Prevenzione Incendi D.P.R. 151/2011

PDF | ebook Google Android | ebook Apple iOSElenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di Prevenzione Incendi DPR 151/2011 Testo consolidato Update 05.11.2019 Tabella di equiparazione DPR 151/2011 e DM 16.02.1982 Documento Tabella Attività e RTV (al link il Documento formato PDF) (1)… Leggi tutto

Ultimi inseriti Prevenzione Incendi

Ott 22, 2019 132

Circolare prot. n. 12580 del 28.10.2015

Circolare prot. n. 12580 del 28.10.2015 Con il D.M.19 marzo 2015 recante “Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre 2002”, pubblicato nella G.U. n.70 del… Leggi tutto