Slide background
Slide background
Slide background




Resistenza al fuoco: quadro normativo

ID 6474 | | Visite: 495 | Prevenzione IncendiPermalink: https://www.certifico.com/id/6474

Resistenza al fuoco

Resistenza al fuoco: quadro normativo

ID 6474 | Update 24.07.2021 (!) Attenzione Documento in sviluppo

Secondo la definizione del punto 1.11 del DM 30 novembre 1983, aggiornata dall’allegato al DM 9 marzo 2007, punto 1.1 lettera j), la resistenza al fuoco è:

“una delle fondamentali strategie di protezione da perseguire per garantire un adeguato livello di sicurezza della costruzione in condizioni di incendio. Essa riguarda la capacità portante in caso di incendio, per una struttura, per una parte della struttura o per un elemento strutturale nonché la capacità di compartimentazione rispetto all’incendio per gli elementi di separazione sia strutturali, come muri e solai, sia non strutturali, come porte e tramezzi”.

Analoga definizione si trova al punto 1 del paragrafo G.1.12 dell’allegato 1 al Codice di prevenzione incendi DM 3 agosto 2015.

Come indicato al paragrafo S.2.1 del Codice di prevenzione incendi, “la finalità della resistenza al fuoco è quella di garantire la capacità portante delle strutture in condizioni di incendio nonché la capacità di compartimentazione, per un tempo minimo necessario al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza di prevenzione incendi”.

Fino al il 25 settembre 2007, data di entrata in vigore del DM 9 marzo 2007, che insieme al DM 16 febbraio 2007 ha aggiornato interamente la materia della resistenza al fuoco abrogando la normativa precedente, si applicava la circolare M.I. 14 settembre 1961, n. 91, recante “Norme di sicurezza per la protezione contro il fuoco dei fabbricati a struttura in acciaio destinati ad uso civile” e il DM 6 marzo 1986 recante “Calcolo del carico di incendio per locali aventi strutture portanti in legno”. Eventuali riferimenti al carico di incendio o alla classe dei compartimenti presenti nelle regole tecniche di prevenzione incendi che rimandano alla vecchia circolare M.I. 14 settembre 1961, n. 91, sono da ritenersi superati dall’entrata in vigore del DM 9 marzo 2007.

Normativa principale
 - DM 16 febbraio 2007: Classificazione  di  resistenza  al  fuoco  di  prodotti  ed elementi costruttivi di opere da costruzione.
DM 9 marzo 2007: Prestazioni  di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. 
DM  maggio 2007: Direttive per l’attuazione dell’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio
Lettera circolare prot. n. P414/4122 sott. 55 del 28 marzo 2008 - DM 9 marzo 2007 – Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del CNVVF. Chiarimenti ed indirizzi applicativi”.
Lettera Circolare Prot. n. 1968 del 15 febbraio 2008 - Pareti di muratura portanti resistenti al fuoco
 - Lettera Circolare 23/09/15, n° 11074: Prova di resistenza al fuoco su volta muraria – pubblicazione rapporto di prova e rapporto di prova.

DM 9 marzo 2007

Ad eccezione delle costruzioni in cui si svolgono attività per le quali è imposto un livello minimo di prestazione (Regole Tecniche di P.I.), per le altre, p il livello di prestazione è scelto dal p g ro ettista, sulla scorta delle indicazioni fornite dal committente e dal punto 3 dell’Allegato al DM 9 marzo 2007 (Livelli I-V), in funzione dello specifico obiettivo che s’intende perseguire attraverso la resistenza al fuoco e la capacità di compartimentazione.

Livelli di prestazione

Livello I Nessun requisito specifico di resistenza al fuoco dove le conseguenze della perdita dei requisiti stessi siano accettabili o dove il rischio di incendio sia trascurabile
Livello II Mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo sufficiente all'evacuazione degli occupanti in luogo sicuro all'esterno della costruzione
Livello III Mantenimento dei requisiti di resistenza al fuoco per un periodo congruo con la gestione dell congruo con la gestione dell emergenza ' emergenza 
Livello IV Requisiti di resistenza al fuoco tali da garantire, dopo la fine dell'incendio, un limitato danneggiamento della costruzione
Livello V Requisiti di resistenza al fuoco tali da garantire, dopo la fine dell'incendio, il mantenimento della totale funzionalità della costruzione stessa

In ogni caso, è vietato il livello di prestazione I per le costruzioni soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ai sensi del DPR 151/2011.

Il livello II di prestazione è adeguato per:
- costruzioni fino a 2 piani f.t. ed 1 piano interrato, isolate - eventualmente adiacenti ad altre purché strutturalmente e funzionalmente separate - destinate ad un'unica attività non aperta al pubblico,
- i relativi impianti tecnologici di servizio e depositi,
Qualora si verifichino tutte le seguenti ulteriori condizioni:
- le dimensioni della costruzione siano tali garantire l'esodo in sicurezza degli occupanti;
- gli eventuali crolli totali o parziali della costruzione non arrechino danni ad altre costruzioni;
- gli eventuali crolli totali o parziali della costruzione non compromettano l'efficacia degli elementi di compartimentazione e gli impianti di protezione attiva che proteggono altre costruzioni,
- il massimo affollamento complessivo della costruzione non superi 100 persone e la densità di affollamento media non sia superiore a 0,2 pers/m2;
- la costruzione non sia adibita ad attività che prevedono posti letto;
- la costruzione non sia adibita ad atti la costruzione ad attività specificamente destinate a malati, anziani, bambini o a persone con ridotte o impedite capacità motorie, sensoriali o cognitive. 

Le classi di resistenza al fuoco sufficienti a garantire il Le classi di resistenza al fuoco sufficienti a garantire il livello II livello II di prestazione non dipendono dal valore del carico di incendio specifico di progetto. Nelle costruzioni che ospitano attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, le classi di resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello II di prestazione sono stabilite dal legislatore:

30* per costruzioni ad un piano fuori terra senza interrati
60* per costruzioni fino a due piani fuori terra e un interrato

* sono consentite classi inferiori se compatibili con il livello III.

Il livello III di prestazione è adeguato per le costruzioni soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ai sensi del DPR 151/2011. Le classi di resistenza al fuoco necessarie per garantire il livello III sono indicate nella tabella 4 del punto 3 dell’Allegato al DM 9/03/2007, in funzione del carico d'incendio specifico di progetto (qf,d).

I livelli IV o V possono essere:

- oggetto di specifiche richieste del committente,
- previsti da capitolati tecnici di progetto,
- richiesti dalla autorità competente per costruzioni destinate ad attività di particolare importanza.

Per garantire il livello IV le costruzioni devono essere oggetto delle seguenti verifiche:

- capacità portante mantenuta per tutta la durata dell capacità portante mantenuta per tutta la durata dell incendio; ’incendio;
- regime deformativo contenuto; 
- capacità portante residua che consenta interventi di ripristino.

Per garantire il livello V le costruzioni devono essere oggetto delle seguenti verifiche: seguenti verifiche:

- capacità portante mantenuta per tutta la durata dell’incendio;
- regime deformativo trascurabile;
- capacità portante residua adeguata alla funzionalità immediata della costruzione.

In Italia è prassi consolidata seguire l’approccio prescrittivo, per:

- l'esigenza di semplificare il comporta ’esigenza di semplificare il comportamento strutturale in caso d mento strutturale in caso d incendio ’incendio,
- la disponibilità di metodi semplificati,
- la scarsa attitudine del mondo professionale ad abbandonare prassi consolidate.
...

DATA

NORMA

ARGOMENTO

14/09/1961

Circolare 14/09/61, n° 91

Norme di sicurezza per la protezione contro il fuoco dei fabbricati a struttura in acciaio destinati ad uso civile (Circolare abrogata dal comma 1 dell’art. 4 del DM 09/03/2007. N.d.R.).

08/03/1985

DM 08/03/85                     

Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali  di prevenzione incendi ai fini del rilascio del nullaosta provvisorio di cui alla legge 7 dicembre 1984, n. 818. (Vedere il punto 6.1. dell’allegato per la velocità di combustione del legno. N.d.R.).

20/07/1987

Lettera Circolare 20/07/87, n° 14445/4122

Resistenza al fuoco degli elementi strutturali - Casi di difformità tra i valori delle tabelle della circolare n. 91/1961 e risultati di prove ufficiali.

07/12/1987

Lettera Circolare 07/12/87, n° 23752/4122 sott. 54

Strutture in legno. Controsoffitti. (Sulla possibilità di impiego, per la protezione di strutture lignee, di controsoffitti classificati per la protezione di strutture in acciaio. N.d.R.)

26/11/1990

Lettera Circolare 26/11/90, n° 20689/4122

Resistenza al fuoco di strutture portanti in legno.

16/01/2004

Lettera Circolare 16/01/04,  n° DCPST/A5/283/FR

Controsoffitti per strutture resistenti al fuoco - Chiarimenti sull’impiego di controsoffitti certificati ai sensi della circolare MI.SA. del 14 settembre 1961 n. 91

09/06/2005

CHIARIMENTO 09/06/05, n° P567/4122 sott. 55

Comportamento al fuoco di elementi strutturali in calcestruzzo armato contenenti polistirene di alleggerimento.

23/01/2006

CHIARIMENTO 23/01/06, n° P1795/4122 sott. 55

Muratura ordinaria di pietrame - Resistenza al fuoco – Quesito.

16/02/2007

DM 16/02/07

Classificazione  di  resistenza  al  fuoco  di  prodotti  ed elementi costruttivi di opere da costruzione.

09/03/2007

DM 09/03/07

Prestazioni  di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

20/07/2007

Lettera Circolare 20/07/07, n° P902/4122 sott. 55

DM 9 marzo 2007 “criteri di progettazione degli elementi strutturali resistenti al fuoco”. Chiarimenti al punto 5 dell’allegato.- (Inerente gli elementi di completamento, quali lucernari, finestre e simili. N.d.R.)

26/07/2007

CHIARIMENTO 26/07/07, n° P939/4122/1 sott. 3

Attività turistico ricettive. Efficienza delle porte REI di vecchia installazione. - Quesito.

15/02/2008

Lettera Circolare 15/02/08, n°. 1968

 Pareti di muratura portanti resistenti al fuoco. (Riporta i valori provvisori per la classificazione della resistenza al fuoco di pareti di muratura portanti col metodo tabellare. N.d.R.)

31/03/2010

Lettera Circolare 31/03/10, n° DCPST/A5/5642

Certificazione della resistenza al fuoco di elementi costruttivi – Murature.

08/06/2011

CHIARIMENTO 08/06/11, n° 0008274-213/032101.014122.056

Quesito in merito all’applicazione del D.M. 09/03/2007. (Relativo alle caratteristiche R/REI che deve avere un  soppalco metallico, seppure indipendente dalle restanti strutture, quando incorporato in modo permanente in una costruzione con livello II di prestazione. N.d.R.)

05/04/2013

Lettera Circolare 05/04/13, n° 4638

Pubblicazione in Gazzetta Ufficiale degli Annessi Nazionali degli Eurocodici.

 27/12/2013

Lettera Circolare 27/12/13, n° 17381

Qualificazione di resistenza al fuoco di protettivi da applicare ad elementi in acciaio.

 16/01/2014

Lettera Circolare 16/01/14, n° 465

Classificazione dei controsoffitti ai fini della resistenza al fuoco. Chiarimenti.

 18/03/2015

Lettera Circolare 18/03/15, n° 3396

Chiarimenti in merito alla classificazione di resistenza al fuoco di partizioni vetrate.

23/09/2015

Lettera Circolare 23/09/15, n° 11074

Prova di resistenza al fuoco su volta muraria – pubblicazione rapporto di prova. (Con allegato il rapporto di prova. N.d.R.)
 15/12/2015

CHIARIMENTO 15/12/15, n° 14801

Classificazione di resistenza al fuoco per le scaffalature metalliche installate all’interno di un edificio magazzino - Quesito
05/04/2019

Lettera Circolare 05/04/19, n° 5014

Armadi compattabili resistenti al fuoco impiegati ai fini della riduzione del carico di incendio specifico di progetto.
06/11/2019

Lettera Circolare 06/11/19, n° 16746

Porte resistenti al fuoco ricadenti nel campo di applicazione del Regolamento (UE) n.305/2011 sui Prodotti da Costruzione (CPR) – Porte pedonali esterne, porte e cancelli industriali, chiarimenti ed indirizzi applicativi
24/07/2020

NOTA 24/07/20, n° 9962

Decreto 3 agosto 2015 e s.m.i. - Capitolo S.2 - Implementazione di soluzioni alternative di resistenza al fuoco. Chiarimenti e indirizzi applicativi.

Per tutti i chiarimenti: Vedi
.
..
segue in allegato

Collegati

Tags: Prevenzione Incendi Abbonati Prevenzione Incendi

Articoli correlati

Più letti Prevenzione Incendi

Dic 27, 2021 77919

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 n. 151

Decreto Presidente della Repubblica 1° agosto 2011 n. 151 Disponibile, in allegato, il testo aggiornato con modifiche e note Riservato Abbonati in formato PDF stampabile/copiabile aggiornato data articolo. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla… Leggi tutto
Decreto 5 agosto 2011
Dic 16, 2019 58197

Decreto 5 agosto 2011

Decreto 5 agosto 2011: Professionisti antincendio Iscrizione elenchi MI Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. G.U. n.198 del 26 agosto 2011 Testo… Leggi tutto
DPR 151 2011 small
Nov 04, 2021 56736

Elenco Attività soggette visite Prevenzione Incendi D.P.R. 151/2011

PDF | ebook Google Android | ebook Apple iOSElenco delle attività soggette alle visite e ai controlli di Prevenzione Incendi DPR 151/2011 Testo consolidato ID 921 | Update 25.09.2021 Tabella di equiparazione DPR 151/2011 e DM 16.02.1982 Documento Tabella Attività e RTV (al link il Documento formato… Leggi tutto
Marcatura CE maniglioni antipanico
Ott 31, 2021 56275

Maniglioni antipanico: normativa

Maniglioni antipanico: marcatura CE Le porte antincendio, salvo casi particolari, devono "aprirsi a semplice spinta dall'interno nel verso dell'esodo", i dispositivi di apertura del tipo maniglioni o piastre ai apertura pur non esssendo obbligatori, sono altamente consigliati per soddisfare il… Leggi tutto

Ultimi inseriti Prevenzione Incendi

Gen 22, 2022 39

Circolare Ministero dell'interno 23 gennaio 1996 n. 3

Circolare Ministero dell'interno 23 gennaio 1996 n. 3 Decreto Legislativo 19 dicembre 1994, n. 758 - Modificazioni alla disciplina sanzionatoria in materia di lavoro. Competenze ed adempimenti da parte del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco... Allegati Circolare- Schema delle fasi procedimentali… Leggi tutto
Decreto 18 settembre 2008 n  163
Dic 03, 2021 152

Decreto 18 settembre 2008 n. 163

Decreto 18 settembre 2008 n. 163 Regolamento recante la disciplina del concorso pubblico per l'accesso alla qualifica iniziale del ruolo dei Vigili del fuoco. Articolo 5, comma 7, del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217. (GU n.249 del 23.10.2008) Entrata in vigore del provvedimento:… Leggi tutto
Decreto 5 ottobre 2021 n  203
Dic 03, 2021 206

Decreto 5 ottobre 2021 n. 203

Decreto 5 ottobre 2021 n. 203 Regolamento recante modifiche al decreto del Ministro dell'interno 18 settembre 2008, n. 163, disciplinante il concorso pubblico per l'accesso alla qualifica iniziale del ruolo dei vigili del fuoco. Articolo 5, comma 6, del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217.… Leggi tutto
Circolare CNI   XIX Sessione n  809 11 Novembre 2021
Nov 16, 2021 225

Circolare CNI - XIX Sessione n. 809 dell'11 Novembre 2021

Circolare CNI - XIX Sessione n. 809 dell'11 Novembre 2021 Novità in materia di sicurezza antincendio e nuova RTV _______ Sono stati emanati: 1. Decreto 1° settembre 2021, recante: “Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza… Leggi tutto