Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Esempio progetto dispersore impianti di terra industriali CEI 99-5

ID 8963 | | Visite: 1416 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/8963

Guida CEI 99 5 Esempio progetto dispersore di terra Allegato G

Messa a terra impianti elettrici industriali: Esempio progetto dispersore di terra CEI 99-5

ID 8693 | 21.08.2019

Disponibile in allegato Esempio di progetto di un dispersore di terra (CEI 99-5 Allegato G)

CEI 99-5:2015-07 Guida per l’esecuzione degli impianti di terra delle utenze attive e passive connesse ai sistemi di distribuzione con tensione superiore a 1 kV in corrente alternata

Dal primo novembre 2013, la nona edizione della Norma CEI 11-1 è abrogata e sostituita dalle Norme:

CEI EN 61936-1 (Classificazione CEI 99-2): Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kV in corrente alternata;
CEI EN 50522 (Classificazione CEI 99-3): Messa a terra degli impianti elettrici a tensione superiore a 1 kV in corrente alternata.

In seguito alla pubblicazione della Norma CEI EN 50522, il CEI ha effettuato una revisione della Guida 11-37, ora disponibile come Guida Tecnica CEI 99-5: “Guida per l’esecuzione degli impianti di terra delle utenze attive e passive connesse ai sistemi di distribuzione con tensione superiore a 1 kV in corrente alternata”.

Allegato G  Esempio di progetto di un dispersore di terra

G.1   Procedura per l’esecuzione del progetti dell’impianto di terra Sulla base dello schema a blocchi indicato nel capitolo 14.3, Il progetto di un dispersore di messa a terra si può suddividere nelle seguenti fasi temporali:

Fase 1 - Raccolta dei dati fondamentali del progetto

Fase 2 - Determinazione delle tensioni di contatto ammissibili

Fase 3 - Disegno del dispersore e calcolo della resistenza di terra RES

Fase 4 - Determinazione delle correnti di terra IE e IRS

Fase 5 - Calcolo del potenziale totale di terra UE ed applicazione dello schema a blocchi indicato nel capitolo 14.3 della presente guida

Fase 6 - Elaborazione dei profili di tensione di contatto utilizzando adeguati sistemi di calcolo ed individuazione delle zone di pericolo ed utilizzazione dei metodi di protezione addizionali

Fase 7 - Calcolo termico dei conduttori di terra e formati la maglia

Fase 8 - Adozione di sistemi atti ad impedire il trasferimento del potenziale La scelta della geometria del dispersore a maglia (Fase 3) viene ottenuta mediante iterazioni successive eseguendo di volta in volta l’elaborazione dei profili di tensione (Fase 6).  Normalmente si inizia adottando maglie rettangolari molto larghe per poi ridurle gradualmente in accordo ai risultati ottenuti per ogni geometria.  Le altre fasi incluso, il calcolo delle resistenza del dispersore magliato (RES) sono indipendenti dalla geometria del dispersore e quindi devono essere effettuate una volta sola.

Nel presente esempio sono utilizzate, dove opportuno, le seguenti abbreviazioni:

UvT tensione di contatto a vuoto effettiva
UvTp tensione di contatto ammissibile a vuoto
UTp tensione di contatto ammissibile
...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2019
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Tags: Impianti Impianti elettrici Abbonati Impianti

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

UNI PDR 70 2019
Nov 04, 2019 64

UNI/PdR 70:2019 | Impresa 4.0 profili esperti settore Energia

UNI/PdR 70:2019 | Impresa 4.0 profili esperti settore Energia UNI/PdR 70:2019 Impresa 4.0 - Competenze dei profili manageriali degli esperti, che avvalendosi delle tecnologie abilitanti, supportano la valorizzazione, il trasferimento e l’applicazione dell’innovazione nei processi e sistemi… Leggi tutto
Inchiesta pubblica preliminare Linee guida per le diagnosi energetiche
Ott 09, 2019 193

Inchiesta pubblica preliminare: Linee guida per le diagnosi energetiche

Inchiesta pubblica preliminare: Linee guida per le diagnosi energetiche degli edifici Il CTI presenta il progetto UNI1604716 - futuro rapporto tecnico - che costituisce una linea guida per l’esecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici (ad uso residenziale, terziario o altri assimilabili).… Leggi tutto
GSE Teleriscaldamento e teleraffrescamento
Ott 07, 2019 179

Rapporto GSE teleriscaldamento e teleraffrescamento

Rapporto GSE teleriscaldamento e teleraffrescamento Il documento allegato riporta i risultati delle indagini svolte dal GSE con l’obiettivo di fare il punto sui livelli di sviluppo e di diffusione del fenomeno del teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia, guardando tanto alle peculiarità… Leggi tutto
Set 10, 2019 238

RDL 9 luglio 1926 n. 1331

Regio Decreto Legge del 09 luglio 1926 n. 1331 Costituzione dell'Associazione nazionale per il controllo della combustione. (ANCC) (GU n.185 del 11-8-1926 ) Entrata in vigore del provvedimento: 11/08/1926Regio Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 16 giugno 1927, n. 1132 (in G.U.… Leggi tutto
Set 10, 2019 242

RD 12 maggio 1927 n. 824

Regio Decreto del 12 maggio 1927 n. 824 Regolamento per l'esecuzione del R.D. 09/07/26 n. 1331 che costituisce l'associazione per il controllo della combustione.(GU n.152 del 4-7-1927 ) _________ Testo consolidato alla data del 10-09-2019 con gli aggiornamenti degli atti: 08/02/1929 DECRETO 19… Leggi tutto