Slide background
Slide background
Slide background




Italia e il riesame dell'attuazione delle politiche ambientali

ID 8348 | | Visite: 812 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/8348

Temi: Ambiente

Riesame attuazione politiche ambientali 2019

Italia e il riesame dell'attuazione delle politiche ambientali

Riesame dell'attuazione delle politiche ambientali 2019 - Italia

Documento di Lavoro dei servizi della Commissione

Bruxelles, 4.4.2019

Nella relazione di riesame dell'attuazione delle politiche ambientali (EIR) del 2017, le principali sfide individuate relative alla loro attuazione in Italia erano:

- migliorare la gestione dei rifiuti, in particolare riducendo il collocamento in discarica e aumentando la raccolta differenziata dei rifiuti nelle regioni meridionali;
- migliorare il trattamento delle acque reflue urbane tramite investimenti adeguati;
- ridurre le emissioni di particolato fine e di biossido di azoto riducendo la congestione del traffico e la combustione di biomassa;
- designare i siti Natura 2000 restanti come zone speciali di conservazione e far sì che la rete Natura 2000 venga gestita in modo da garantire il raggiungimento di uno stato di conservazione soddisfacente di tutti gli habitat e le specie.

Nel periodo 2017-2018, in Italia sono stati organizzati quattro seminari tematici EIR su argomenti generali, i rifiuti, l'aria e l'acqua. Ha inoltre avuto luogo un dialogo tra la Commissione e l'Italia sul piano d'azione dell'UE per la natura. Nel 2017 la Commissione ha avviato il programma TAIEX-EIR Peer-to-Peer (EIR P2P), un nuovo strumento pratico inteso a favorire l'apprendimento reciproco tra le autorità responsabili in materia di ambiente. L'Italia ha beneficiato del sostegno dell'UE tramite le attività del programma EIR peer-to-peer sull'inquinamento atmosferico e le foreste. La struttura regionalizzata dell'Italia implica una condivisione delle responsabilità tra il livello nazionale e regionale, nonché la necessità di un coordinamento efficace all'interno di un sistema di governance multilivello. È necessario conseguire gli obiettivi del programma ambientale elaborato dal governo.

Passi avanti rispetto alla relazione del 2017 nell'affrontare le sfide

Sono stati registrati alcuni progressi nella gestione dei rifiuti, con un aumento continuo e costante del riciclaggio e del compostaggio nel corso degli ultimi sette anni.

Tuttavia, saranno necessari maggiori sforzi per conformarsi agli obiettivi di riciclaggio dell'UE dopo il 2020. Il governo italiano continua nell'opera di bonifica delle discariche irregolari presenti sul territorio; per alcune delle quali la Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) impone, dal 2014, sanzioni economiche all'Italia.

L'Italia continua inoltre a essere soggetta a sanzioni dovute all'incapacità di creare una rete appropriata di gestione dei rifiuti in Campania, sebbene la regione abbia compiuto progressi in merito. Sono stati riscontrati passi avanti nello sviluppo di una strategia nazionale di economia circolare e di un piano d'azione sul consumo e sulla produzione sostenibili, alla luce della strategia per lo sviluppo sostenibile del 2017.

Per quanto riguarda la gestione delle risorse idriche, nonostante la pianificazione e la nomina di un commissario straordinario, sono stati registrati progressi alquanto limitati nella riduzione del numero di agglomerati non conformi alla direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane, con la conseguente imposizione di sanzioni da parte della CGUE. È necessario continuare a promuovere investimenti nel quadro della pianificazione territoriale (per ridurre l'impermeabilizzazione del suolo) e per garantire il controllo delle inondazioni.

Per quel che riguarda la qualità dell'aria, sono stati registrati progressi limitati nella riduzione delle emissioni totali; per tale ragione, sono stati conclusi accordi tra il governo nazionale e le amministrazioni regionali. Tali accordi hanno incluso misure di pianificazione (come le zone a traffico limitato), incentivi fiscali e miglioramenti tecnici ai veicoli. Tuttavia, nel 2016 e nel 2017 sono stati registrati superamenti della soglia dei valori di particolato e di NO2. La ragione principale dei superamenti è legata all'alta incidenza del traffico stradale in Italia, con più dell'80 % degli spostamenti realizzati tramite veicoli privati, nonché ai metodi di combustione inefficienti in ambienti domestici. È inoltre necessario compiere progressi nella riduzione delle sovvenzioni ai veicoli aziendali, nel garantire parità tra il prezzo della benzina e quello del diesel, nonché nell'investimento in modi di trasporto più sostenibili.

Nell'ambito della rete Natura 2000 restano ancora da designare alcune zone speciali di conservazione. È inoltre necessario migliorare lo stato di conservazione degli habitat e delle specie di interesse unionale, attuando pienamente gli strumenti messi a disposizione da Natura 2000, utilizzando i quadri regionali di azione prioritaria per una migliore integrazione dei fondi UE, e pianificando gli investimenti in modo più strategico.

Il riesame dell'attuazione delle politiche ambientali del 2019 evidenzia che l'Italia potrebbe garantire un uso più efficiente dei fondi UE e delle opportunità di accesso ai prestiti, evitando la riassegnazione del bilancio destinato all'ambiente ad altri settori e incrementando l'assorbimento dei fondi tramite attività mirate di sviluppo delle capacità.

Esempi di buone pratiche

- L'Italia ha istituito un corpo specializzato di guardie ambientali per far fronte alla criminalità in tale settore.
- Il ministero dell'Ambiente ha promosso in modo efficace i progetti LIFE. Tre dei progetti LIFE più degni di nota sono: GESTIRE 2020 (per la tutela dell'ambiente in Lombardia), PREPAIR (per migliorare la qualità dell'aria nel bacino del Po) e il programma ASAP, che mira a diffondere la conoscenza delle specie esotiche.
- Mappe spaziali impiegate per la modellizzazione della qualità dell'aria e dati scaricabili per analisi nella città di Milano.
- Tetti verdi potenzialmente in grado di dimezzare le inondazioni.
- Buone pratiche a livello regionale per promuovere una migliore gestione delle risorse idriche e dei rifiuti.
- Per quanto riguarda l'economia circolare, negli ultimi due anni si sono moltiplicate le piattaforme di portatori di interessi, le alleanze tra il settore pubblico e quello privato, le iniziative di sensibilizzazione, ed è stato incentivato lo scambio di migliori pratiche.

________

Indice
SINTESI 
1. TRASFORMARE L'UE IN UN'ECONOMIA A BASSE EMISSIONI DI CARBONIO, CIRCOLARE, EFFICIENTE SOTTO IL PROFILO DELLE RISORSE, VERDE E COMPETITIVA
Misure a sostegno della transizione all'economia circolare
Gestione dei rifiuti
Cambiamenti climatici 

2. PROTEZIONE, PRESERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE NATURALE
Natura e biodiversità 
Mantenimento e ripristino di ecosistemi e dei relativi servizi 
Stima del capitale naturale
Specie esotiche invasive 
Protezione del suolo
Protezione dell'ambiente marino

3. GARANTIRE LA SALUTE E LA QUALITÀ DELLA VITA DEI CITTADINI
Qualità dell'aria 
Emissioni industriali
Rumore 
Qualità e gestione delle risorse idriche 
Sostanze chimiche
Rendere le città più sostenibili 

4. TASSAZIONE ECOLOGICA, APPALTI PUBBLICI VERDI, FINANZIAMENTI PER L'AMBIENTE E INVESTIMENTI
Tassazione ecologica e sovvenzioni che hanno un impatto negativo sull'ambiente
Appalti pubblici verdi
Finanziamenti per l'ambiente e investimenti

5. POTENZIAMENTO DELLA GOVERNANCE AMBIENTALE
Informazioni, partecipazione del pubblico e accesso alla giustizia 
Assicurazione della conformità 
Efficienza delle amministrazioni ambientali
Accordi internazionali
Sviluppo sostenibile e realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

...

Fonte: Commissione Europea

Pin It

Tags: Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 23

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 98

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 89

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 65

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 65

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 79

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto
Decisione 2014 746 UE
Giu 16, 2020 89

Decisione 2014/746/UE

Decisione 2014/746/UE Decisione del 27 ottobre 2014 che determina, a norma della direttiva 2003/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, un elenco dei settori e dei sottosettori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio per il periodo dal 2015 al… Leggi tutto

Più letti Ambiente