Slide background

Ambienti confinati - Classificazione e criteri di sicurezza: un progetto di norma UNI

ID 2732 | | Visite: 2756 | Documenti UNIPermalink: https://www.certifico.com/id/2732

Ambienti confinati - Classificazione e criteri di sicurezza: un progetto di norma UNI

Il progetto UNI1601920 si propone di supportare i datori di lavoro nell’analizzare e valutare se all’interno delle infrastrutture aziendali o del proprio ciclo produttivo esistono ambienti che rientrano nel campo di applicazione del DPR 177/2011, riportando indicazioni operative sulla loro gestione.

L’entrata in vigore del DPR 177/2011 ha determinato l’osservanza di obblighi per il Datore di lavoro committente che non tengono conto delle differenti tipologie di ambienti confinati/sospetti di inquinamento esistenti (differenze di natura strutturale, impiantistica, di lavorazioni condotte al loro interno, di natura e tipologia di sostanze pericolose e in termini di correlazione o meno tra la presenza di tali sostanze e il processo di lavoro della committente).

Peraltro, riguardo al campo di applicazione del DPR 177/2011, la norma non fornisce una nuova definizione di spazio confinato o di spazio sospetto di inquinamento ma si riferisce alle aziende che operano negli ambienti di cui agli artt. 66 e 121 e di cui all'Allegato IV del Decreto legislativo 81/2008.

Facendo riferimento a diverse interpretazioni derivanti da documenti e indicazioni elaborate a livello nazionale e alla normativa internazionale, si evidenzia come la classificazione di questi ambienti sia caratterizzata dal fatto che sono spazi circoscritti, non progettati per la presenza continua di un lavoratore, che talora presentano aperture di accesso con dimensione limitate (difficoltà di accesso e/o di uscita) e da una ventilazione naturale sfavorevole, in cui può accadere un evento incidentale importante, che può portare a un infortunio grave o mortale, in presenza di condizioni che possono essere immediatamente pericolose per la salute o la sicurezza del lavoratore (agenti chimici pericolosi, sotto ossigenazione, rischio di elettrocuzione, annegamento, ecc.).

Tuttavia, ad oggi, permangono ancora delle criticità relative alla definizione degli ambienti sopra citati e quindi al relativo campo di applicazione del DPR 177/2011.

Giustificazioni: 
Si rende utile e necessaria una norma che possa supportare i datori di lavori nel gestire la sicurezza degli accessi negli ambienti confinati sulla base delle diverse tipologie.

Benefici attesi:
 
Si propone pertanto la redazione di una norma che possa supportare i datori di lavoro nell’analizzare e valutare se all’interno delle infrastrutture aziendali o del proprio ciclo produttivo esistono ambienti che rientrano nel campo di applicazione del DPR 177/2011, riportando indicazioni operative sulla loro gestione. Ai fini dell’accesso e della permanenza dei lavoratori all’interno di ambienti sospetti di inquinamento o confinati, dopo verifica preliminare ai lavori, può infatti essere utile suddividere gli ambienti in diverse tipologie, identificate sia in base alle caratteristiche strutturali e impiantistiche sia in relazione alle attività lavorative da cui origina il rischio. A tali tipologie possono infatti essere associate specifiche modalità operative, misure di prevenzione e protezione e procedure di emergenza, di complessità e livelli di sicurezza crescenti sulla base dei rischi per gli operatori.

Data di inizio inchiesta preliminare: 01/06/2016
Data di fine inchiesta preliminare: 15/06/2016

Il progetto è stato elaborato dal GL 59 “Determinazione dell'esposizione dei lavoratori agli agenti chimici”.

Pin It

Tags: Normazione Norme UNI

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

UNI ISO 23815 1 Apparecchi di sollevamento   Manutenzione
Lug 16, 2019 53

UNI ISO 23815-1 Apparecchi di sollevamento - Manutenzione

UNI ISO 23815-1:2011 Apparecchi di sollevamento - Manutenzione - Parte 1: Generalità La norma stabilisce le modalità di manutenzione, da parte dei loro proprietari/utilizzatori, di apparecchi di sollevamento. Allegato Preview Collegati[box-note]ISO 23813:2011 Apparecchi di sollevamento - Lista di… Leggi tutto
UNI EN 12285 Serbatoi di acciaio prefabbricati
Lug 03, 2019 170

UNI EN 12285-2:2005 Serbatoi di acciaio prefabbricati

UNI EN 12285-2:2005 Serbatoi di acciaio prefabbricati - Parte 2: Serbatoi orizzontali cilindrici a singola e a doppia parete per depositi fuori-terra di liquidi infiammabili e non infiammabili che possono inquinare l'acqua La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese della norma… Leggi tutto
UNI EN 12285 3 2019
Lug 03, 2019 170

UNI EN 12285-3:2019 Serbatoi in acciaio fabbricati in officina

UNI EN 12285-3:2019 Serbatoi in acciaio fabbricati in officina - Parte 3: Serbatoi cilindrici orizzontali a singola pelle e doppia pelle per lo stoccaggio sotterraneo di liquidi, infiammabili e non infiammabili che inquinano l'acqua, per il riscaldamento e il raffrescamento degli edifici La norma… Leggi tutto
Giu 25, 2019 102

UNI EN 482 Prestazioni procedure misura agenti chimici

UNI EN 482:2015 Esposizione negli ambienti di lavoro - Requisiti generali riguardanti le prestazioni delle procedure per la misura degli agenti chimici La norma specifica i requisiti generali riguardanti le prestazioni delle procedure per la determinazione della concentrazione degli agenti chimici… Leggi tutto

Più letti Normazione