Slide background

Colori di identificazione tubazioni non interrate UNI 5634

ID 3488 | | Visite: 32981 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/3488



Colori di identificazione tubazioni non interrate UNI 5634:1997

Un Documento tecnico sui colori di identificazione e modalità di applicazione delle tubazioni non interrate con riferimento a:

- UNI 5634:1997

- D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Allegato XXVI - Prescrizioni per la segnaletica dei contenitori e delle tubazioni
- Regolamento (CE) n. 1272/2008 CLP

La norma UNI 5634:1997 riguarda i sistemi che devono essere usati per l'identificazione di tubazioni e canalizzazioni non interrate contenenti fluidi (liquidi e/o gas) di diversa natura, con particolare riferimento ai problemi di sicurezza. La UNI 5634:1997 fornisce indicazioni sui colori di base da adottare per l’identificazione della natura di un fluido convogliato mediante tubazioni.

I colori distintivi di base identificano tubazioni convoglianti fluidi dei quali è sufficiente individuare la natura.

Si applicano su tubazioni, quando è necessario individuare con precisione il fluido convogliato, in prossimità di valvole, raccordi ed apparecchiature.

I dati che indicano la natura del fluido possono essere riportati in varie forme quali il nome per esteso, l’abbreviazione o la formula chimica, sono in bianco o in nero, in modo da realizzare un adeguato contrasto con il colore di base, ed applicati direttamente sul tubo o su targhette fissate al tubo stesso.

(*) In alternativa ai colori di base è possibile adottare per i fluidi pericolosi il colore giallo.

Modalità di applicazione

I colori di base vengono applicati o su tutta la tubazione o a bande di larghezza in funzione del diametro della tubazione e della distanza alla quale deve essere visibile, con un valore minimo di 230 mm. Nel caso in cui sia utilizzato il colore a bande è raccomandato l’utilizzo di un colore di fondo diverso da quelli di base per realizzare un efficace contrasto con le bande.
Ad esempio:

La dimensione D deve essere determinata in funzione della dimensione grafica dell’identificazione del fluido pericoloso.

Direzione del flusso

La direzione del flusso deve essere indicate con frecce in prossimità del colore distintivo di base e verniciate di bianco o nero oppure sagomando la banda. Nel caso in cui il flusso sia alternato, devono essere applicati entrambi i sensi di flusso.

segue

Certifico Srl Rev. 00 2017

Pin It


Tags: Impianti Impianti termici Impianti elettrici Abbonati Impianti

Ultimi archiviati Normazione

Norme armonizzate direttiva giocattoli
Lug 23, 2019 4

Decisione di esecuzione (UE) 2019/1254

Decisione di esecuzione (UE) 2019/1254 Decisione di esecuzione (UE) 2019/1254 della Commissione del 22 luglio 2019 relativa alle norme armonizzate sulla sicurezza dei giocattoli redatte a sostegno della direttiva 2009/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio GU L 195/43 del 23.07.2019 Entrata… Leggi tutto
UNI ISO 23815 1 Apparecchi di sollevamento   Manutenzione
Lug 16, 2019 77

UNI ISO 23815-1 Apparecchi di sollevamento - Manutenzione

UNI ISO 23815-1:2011 Apparecchi di sollevamento - Manutenzione - Parte 1: Generalità La norma stabilisce le modalità di manutenzione, da parte dei loro proprietari/utilizzatori, di apparecchi di sollevamento. Allegato Preview Collegati[box-note]ISO 23813:2011 Apparecchi di sollevamento - Lista di… Leggi tutto
UNI EN 12285 Serbatoi di acciaio prefabbricati
Lug 03, 2019 183

UNI EN 12285-2:2005 Serbatoi di acciaio prefabbricati

UNI EN 12285-2:2005 Serbatoi di acciaio prefabbricati - Parte 2: Serbatoi orizzontali cilindrici a singola e a doppia parete per depositi fuori-terra di liquidi infiammabili e non infiammabili che possono inquinare l'acqua La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese della norma… Leggi tutto
UNI EN 12285 3 2019
Lug 03, 2019 180

UNI EN 12285-3:2019 Serbatoi in acciaio fabbricati in officina

UNI EN 12285-3:2019 Serbatoi in acciaio fabbricati in officina - Parte 3: Serbatoi cilindrici orizzontali a singola pelle e doppia pelle per lo stoccaggio sotterraneo di liquidi, infiammabili e non infiammabili che inquinano l'acqua, per il riscaldamento e il raffrescamento degli edifici La norma… Leggi tutto

Più letti Normazione