Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Valori limite fluoruro nelle acque consumo umano

ID 18760 | | Visite: 212 | Legislazione acquePermalink: https://www.certifico.com/id/18760

Valori limite di fluoruro nelle acque destinate al consumo umano

Valori limite fluoruro nelle acque consumo umano

ID 18760 | 24.01.2023 / In allegato

Informazioni generali

Il fluoro è un elemento largamente diffuso in natura, dove non si trova allo stato elementare, a causa della sua reattività, ma sotto forma di fluoruri in molti minerali. Tracce di fluoruri sono presenti in molte acque, con alte concentrazioni soprattutto in quelle profonde. I composti del fluoro inorganico sono usati nella produzione di alluminio, nell’industria dell’acciaio e delle fibre di vetro, nella produzione di fertilizzanti a base di fosfato, nella fabbricazione di mattoni e tegole, di ceramiche.

L’acido fluorosilicico è utilizzato per la fluorizzazione delle acque destinate al consumo umano, pratica non adottata in Italia.

Fonti di contaminazione e vie di esposizione per l’uomo

Il fluoruro è largamente utilizzato nei preparati medici odontoiatrici per combattere le carie, soprattutto nelle zone dove vi è un elevato consumo di zuccheri. In alcuni paesi può essere aggiunto al sale da tavola o all’acqua potabile anche in questo caso per prevenire le carie dentali. Il fluoruro nell’acqua è presente sempre sotto forma di ioni, sia che provenga da sorgenti naturali che da una fluorazione artificiale. Tutti i vegetali in genere contengono fluoruri in quanto assorbito dal suolo e dall’acqua. In particolare sono ricchi di fluoro i cavoli. Altri cibi ricchi di fluoro sono il pesce ed il te.

L’esposizione totale giornaliera può variare significativamente a seconda delle zone. Ciò è in relazione alla concentrazione di fluoruro nell’acqua potabile, alla quantità bevuta, ai livelli presenti negli alimenti e all’uso delle preparazioni per uso odontoiatrico.

Effetti sulla salute

Dopo ingestione orale, i fluoruri solubili in acqua vengono rapidamente e quasi completamente assorbiti dal tratto gastrointestinale sebbene l’assorbimento può essere ridotto dalla formazione di complessi con alluminio, fosforo, magnesio e calcio. I fluoruri assorbiti vengono rapidamente trasportati in circolo ed incorporati nei denti e nelle ossa. Una volta terminata l’esposizione, i fluoruri sono mobilizzati ed eliminati con le urine, le feci ed il sudore. Studi su animali di laboratorio hanno evidenziato che l’esposizione a dosi elevate di fluoruri comporta alterazioni a carico delle ossa e dei denti; uno studio di 2 anni condotto sui ratti ha rilevato un debole aumento nella comparsa di osteosarcoma nei ratti di sesso maschile e nessuna evidenza di cancerogenicità nei ratti di sesso maschile o femminine o nei topi di sesso femminile. Tali dati indicano che la fluorizzazione dell’acqua non incrementa il rischio di sviluppo di tumore.

Per quanto riguarda l’uomo, il fluoro è considerato un elemento chimico di grande importanza per la salute. Numerosi sono gli studi epidemiologici sui possibili effetti a lungo termine dell’esposizione a fluoruri per ingestione attraverso l’acqua. Questi studi stabiliscono con chiarezza che il fluoro produce principalmente effetti sui tessuti scheletrici (ossa e denti). Basse concentrazioni forniscono protezione contro la carie dentaria, specialmente nei bambini, prima e dopo la loro comparsa. Questi effetti aumentano con concentrazioni di fluoruri nell’acqua potabile superiori a 2 mg/L. La concentrazione minima richiesta è di 0,5 mg/L.

Tuttavia, essi possono anche determinare effetti negativi sullo smalto e dar luogo a fluorosi dentale quando le concentrazioni nell’acqua potabile sono comprese tra 0,9 e 1,2 mg/L.

L’eccessiva assunzione di fluoruri può anche avere seri effetti sul tessuto scheletrico: la fluorosi scheletrica (con cambiamenti nella struttura dell’osso) può insorgere quando l’acqua contiene 3-6 mg/L.

Deformità scheletriche si sviluppano generalmente con concentrazioni superiori ai 10 mg/L. S

tudi sulla possibile correlazione tra presenza di elevate concentrazioni di fluoruri nell’acqua potabile e sviluppo di tumori non hanno fornito dati certi. Per quanto riguarda i risultati di studi epidemiologici su donne in gravidanza non vi è nessuna evidenza di una correlazione tra sindrome di Down o malformazioni congenite e consumo di acqua con elevate concentrazioni di fluoro.

Valore guida

La OMS ha stabilito un valore guida di 1,50 mg/L. La Direttiva 98/83CE (abrogata dal 13 gennaio 2023 dalla Direttiva (UE) 2020/2184 / ndr) ed il suo recepimento il Decreto Legislativo 31/2001 e s.m.i hanno fissato un valore di parametro uguale a quello dell’ OMS.

Efficacia dei trattamenti

Una concentrazione pari a 1 mg/L può essere raggiunta utilizzando filtri di allumina.
...
segue in allegato

Collegati


Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Valori limite di fluoruro nelle acque destinate al consumo umano.pdf
MIN: Salute 2016
711 kB 16

Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Acque

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Rapporto 2021 Osservatorio atmosferico della Commissione europea
Gen 30, 2023 41

Osservatorio atmosferico della Commissione europea | Rapporto 2021

Osservatorio atmosferico della Commissione europea | Rapporto 2021 ID 18863 | 30.01.2023 JRC Technichal report 18.01.2023 La missione dell'Osservatorio atmosferico della Commissione europea è valutare l'impatto delle politiche europee e delle convenzioni internazionali sull'inquinamento atmosferico… Leggi tutto
Aggiornamento delle modalit  di calcolo delle emissioni navali
Gen 27, 2023 49

Aggiornamento delle modalità di calcolo delle emissioni navali

Aggiornamento delle modalità di calcolo delle emissioni navali ID 18849 | 27.01.2023 Rapporto ISPRA 382/2023 - Aggiornamento delle modalità di calcolo delle emissioni navali con particolare riferimento all’ambito portuale a livello nazionale e locale Il rapporto sintetizza i risultati di un… Leggi tutto
Decreto n  345 del 18 dicembre 2018
Gen 27, 2023 54

Decreto n. 345 del 18 dicembre 2018

Decreto n. 345 del 18 dicembre 2018 ID 18848 | 27.01.2023 Decreto del Ministro dell’Ambiente n. 345 del 18 dicembre 2018 Approvazione del Piano degli interventi di contenimento ed abbattimento del rumore dell’aeroporto G.B. Pastine di Ciampino In allegato Leggi tutto
Linea guida ARPAE   Metodologia individuazione MTD BAT di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati
Gen 27, 2023 72

Linea guida ARPAE - Metodologia individuazione MTD/BAT di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati

Linea guida ARPAE - Metodologia individuazione MTD/BAT di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati ID 18846 | 27.01.2023 / Linee guida in allegato Linea guida ARPAE - Rev. 0.0 del 01.03.2020 La Linea Guida è uno strumento di indirizzo per tutti gli operatori coinvolti nei procedimenti… Leggi tutto
Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano
Gen 26, 2023 74

Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano

Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano ID 18788 | 26.01.2023 / In allegato Informazioni generali L’antimonio elementare viene utilizzato per formare leghe molto forti con il rame, il piombo e lo stagno. I composti dell’antimonio hanno diversi usi terapeutici (malattie parassitarie).… Leggi tutto
Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano
Gen 26, 2023 60

Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano

Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano ID 18787 | 26.01.2023 / In allegato Informazioni generali L’acrilammide è usata come intermedio chimico o come monomero nella produzione di poliacrilammide, ed ambedue sono usate per il trattamento dell’acqua destinata al consumo umano.… Leggi tutto

Più letti Ambiente