Slide background
Slide background
Slide background




Linee guida audit rifiuti lavori demolizione e ristrutturazione

ID 6073 | | Visite: 3492 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/6073

Guidelines waste audits before demolition

Linee guida audit rifiuti prima dei lavori di demolizione e ristrutturazione degli edifici

Update 14.09.2018 - Versione in IT

Aprile 2018

Guidelines for the waste audits before demolition and renovation works of buildings

Questo documento fornisce una guida sulle migliori pratiche per la valutazione dei flussi di rifiuti da costruzione e demolizione prima della demolizione o ristrutturazione di edifici e infrastrutture, denominata "audit dei rifiuti". Lo scopo dell'orientamento è di facilitare e massimizzare il recupero di materiali e componenti dalla demolizione o ristrutturazione di edifici e infrastrutture per il riutilizzo e il riciclaggio utili, senza compromettere le misure e le pratiche di sicurezza delineate nel Protocollo europeo di demolizione.

Questo protocollo afferma che:

- Qualsiasi progetto di demolizione, ristrutturazione o costruzione deve essere ben pianificato e gestito al fine di ridurre gli impatti sull'ambiente e sulla salute, fornendo al contempo importanti vantaggi in termini di costi.
- Gli audit dei rifiuti (o audit pre-demolizione come definiti nel Protocollo europeo di demolizione) devono essere eseguiti prima di qualsiasi progetto di ristrutturazione o demolizione, per qualsiasi materiale da riutilizzare o riciclare, nonché per i rifiuti pericolosi.
- Le autorità pubbliche dovrebbero decidere la soglia per gli audit pre-demolizione (che è attualmente altamente variabile nell'UE).
- I controlli dei rifiuti tengono pienamente conto dei mercati locali per i rifiuti C & D e materiali riutilizzati e riciclati.
- Una buona verifica dei rifiuti deve essere effettuata da un esperto qualificato.

Lo scopo della Linea Guida comprende i rifiuti da lavori di costruzione, ristrutturazione e demolizione. Esclude, tuttavia la fase di progettazione, così come i terreni di scavo e dragaggio. Per quanto riguarda la copertura geografica, questo documento è stato sviluppato per la sua applicazione in tutti i 28 Stati membri dell'Unione europea. Include buone pratiche da in tutta l'UE che può essere fonte d'ispirazione sia per i responsabili politici sia per i professionisti.

La linea guida ha i seguenti gruppi target di stakeholder:

- professionisti del settore; settore delle costruzioni (comprese le imprese di ristrutturazione e le imprese di demolizione), rifiuti trattamento, trasporto e logistica, nonché società di riciclaggio;
- autorità pubbliche a livello locale, regionale, nazionale e dell'UE;
- Organismi di certificazione della qualità per la costruzione e l'infrastruttura.

Partecipanti audit rifiuti

La figura 1 illustra il processo di gestione dei rifiuti, mostrando gli attori coinvolti e le relazioni tra le fasi e responsabilità. Gli attori coinvolti sono:

- Il proprietario è responsabile della nomina di un revisore dei conti per la stesura di una verifica dei rifiuti per l'identificazione e classificazione dei rifiuti e pianificazione preliminare del loro trattamento;

- L'autorità rilascia permessi di demolizione o ristrutturazione e dovrebbe stabilire meccanismi per accertare (direttamente o con l'intervento di terze parti) che vengono eseguite analisi dei rifiuti, incluso un sistema di controllo della qualità e le loro raccomandazioni seguirono;

- Il revisore  o il gruppo di revisione è un esperto responsabile della revisione dei rifiuti. Il revisore deve essere qualificato esperto con conoscenza adeguata dei materiali da costruzione attuali e storici (compresi materiali pericolosi), tecniche di costruzione attuali e storiche e storia dell'edificio e familiarità con tecniche di demolizione, rifiuti trattamento e lavorazione, nonché con i mercati (locali);

- Il contraente è responsabile delle operazioni di demolizione / decostruzione / ristrutturazione definite nel contratto con il proprietario. Il contraente dovrebbe contribuire agli aspetti di tracciabilità dei rifiuti;

- Il gestore dei rifiuti è responsabile della gestione e dello smaltimento appropriati dei rifiuti ricevuti da il detentore del rifiuto o il produttore. Il gestore dei rifiuti dovrebbe anche contribuire agli aspetti di tracciabilità dei rifiuti;

-  Il produttore  può contribuire alla revisione dei rifiuti fornendo soluzioni e/o requisiti per il materiali e componenti riutilizzati/riciclati.

Guidelines waste audits before demolition fig 1

Figure 1: Role of waste audit actors in the waste management process

.....

Table of content
Foreword
1. Introduction
1.1. Purpose of the waste audit
1.2. Participants in the waste audit
2. Waste audit
2.1. Inventory of materials and elements
2.2. Waste management recommendations
2.3. Reporting
3. Quality Assessment of waste audits
3.1. Requirements for auditors
3.2. Traceability
4. Recommended waste audit process
4.1. Desk study
4.2. Field survey
4.3. Inventory of materials and elements
5. Waste management recommendations
5.1. Reporting
6. European Waste Catalogue
7. Recommended template for inventory of materials
8. Recommended template for inventory of building element
9. Recommended template for waste management recommendations
10. Recommended template for waste traceability
11. Annexes
11.1. Examples of international, EU and national policy and framework conditions
12. Best practice examples
12.1. Waste logistics
12.2. Waste processing and treatment
12.3. Quality management and assurance
13. Glossary
CHECK LIST
Identification and statistics (key aspects are highlighted in grey)

Fonte: Commissione Europea

Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Decisione  UE  2016 1841 Accordo di Parigi
Ago 11, 2022 27

Decisione (UE) 2016/1841

Decisione (UE) 2016/1841 / Approvazione Accordo di Parigi Decisione (UE) 2016/1841 del Consiglio, del 5 ottobre 2016, relativa alla conclusione, a nome dell'Unione europea, dell'accordo di Parigi adottato nell'ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (GU L 282… Leggi tutto
Decisione  UE  2015 1339 Emendamento Doha
Ago 11, 2022 65

Decisione (UE) 2015/1339

Decisione (UE) 2015/1339 / Approvazione emendamento di Doha del protocollo di Kyoto Decisione (UE) 2015/1339 del Consiglio, del 13 luglio 2015, concernente la conclusione, a nome dell'Unione europea, dell'emendamento di Doha del Protocollo di Kyoto alla convenzione quadro delle Nazioni Unite sui… Leggi tutto
Ago 08, 2022 58

Decisione n. 406/2009/CE

Decisione n. 406/2009/CE / Effort Sharing Decisione n. 406/2009/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, concernente gli sforzi degli Stati membri per ridurre le emissioni dei gas a effetto serra al fine di adempiere agli impegni della Comunità in materia di riduzione delle… Leggi tutto
Ago 07, 2022 102

Regolamento (UE) n. 525/2013

Regolamento (UE) n. 525/2013 Regolamento (UE) n. 525/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013, relativo a un meccanismo di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra e di comunicazione di altre informazioni in materia di cambiamenti climatici a… Leggi tutto
Ago 07, 2022 68

Decisione 280/2004/CE

Decisione 280/2004/CE Decisione n. 280/2004/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 febbraio 2004, relativa ad un meccanismo per monitorare le emissioni di gas a effetto serra nella Comunità e per attuare il protocollo di Kyoto (GU L 49 del 19.2.2004) Abrogato da: Regolamento (UE)… Leggi tutto
Ago 07, 2022 172

Legge 15 gennaio 1994 n. 65

Legge 15 gennaio 1994 n. 65 / Ratifica IT convenzione UN cambiamenti climatici (UNFCCC) Ratifica ed esecuzione della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, con allegati, fatta a New York il 9 maggio 1992. (GU n.23 del 29.01.1994 - S.O. n. 16)… Leggi tutto
Ago 07, 2022 70

Decisione di esecuzione 2013/644/UE

Decisione di esecuzione 2013/644/UE Decisione di esecuzione della Commissione, dell’ 8 novembre 2013, che modifica la decisione 2006/944/CE per includere il livello di emissione assegnato alla Repubblica di Croazia nell’ambito del protocollo di Kyoto [notificata con il numero C(2013) 7489] (GU L… Leggi tutto

Più letti Ambiente