Slide background




PL ok: Esempi di calcolo del Performance Level (PL) EN ISO 13849-1

ID 2708 | | Visite: 47811 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/2708

ID 2708   PL OK Esempi di calcolo EN ISO 13849 1

PL ok: Esempi di calcolo del Performance Level (PL) EN ISO 13849-1 | Rev. 2.0 2022

ID 2708 | 24.01.2022 / Documento di approfondimento ed esempio SISTEMA in allegato

Esempi di calcolo del Perfomance Level PL (con schemi) per sistemi di comando relativi a controllo ripari/arresto emergenza per diverse Categorie di sicurezza/valori PL.

In allegato:

- Documento di analisi per l’applicazione della norma tecnica EN ISO 13849-1:2015 contenente i seguenti esempi di calcolo:

1. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 1 | Perfomance Level "c"
2. Controllo arresti d’emergenza | Categoria di Sicurezza 3 | Perfomance Level "e"
3. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 4 | Perfomance Level "e" (Sol. 1)
4. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 4 | Perfomance Level "e" (Sol. 2)
5. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 3 | Perfomance Level "e"
6. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 4 | Perfomance Level "e" (Sol. 3)
7. Controllo ripari | Categoria Sicurezza 4 | Perfomance Level "e" (Sol. 4)

- File di esempio importabile nel software SISTEMA della IFA (CERTIFICO - Esempio Calcolo PL.ssm). L'esempio analizza le funzioni di sicurezza di un sistema di movimentazione ed accoppiamento parti di attrezzature:

1. SF2 - Interblocco porte perimetrali (porte accesso 1 e 2)
2. SF3a - Interblocco porte accesso pedane dx/sx (2 pedane dx/sx)
3. SF3b - Bloccaggio dell'interblocco porta accesso pedana dx/sx (2 pedane dx/sx)
4. SF4 - Sensori fondo corsa pedane lato dx/sx (2 pedane dx/sx)
5. SF5 - Cancelli ponti levatoi pedane lato dx/sx)
6. SF6 - Interblocco sportelli volantini dx/sx

La progettazione e costruzioni di una macchina sicura prevede che vengano identificati tutti i possibili pericoli a cui sono esposti gli operatori della macchina stessa.

Nel caso il rischio venga ridotto attraverso un sistema di controllo, entra in gioco la norma EN ISO 13849‑1 che fornisce un modello di valutazione della bontà di tale sistema. In questo modo, dato un rischio di un determinato livello è possibile utilizzare una funzione di sicurezza di pari livello o superiore (vedi Figura 1).

EN ISO 13849-1:2015 Safety of machinery - Safety-related parts of control systems - Part 1: General principles for design

Entrata in vigore: il 23 dicembre 2015

Recepita in Italia con la “UNI EN ISO 13849-1:2016 Sicurezza del macchinario - Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza - Parte 1: Principi generali per la progettazione” ed entrata in vigore il 28 gennaio 2016.

La norma è armonizzata per la Direttiva macchine 2006/42/CE e l'applicazione è "Presunzione di Conformità" al RESS 1.2.1 dell'Allegato 1 della stessa (Allegato ZA).

[...]

La norma EN ISO 13849‑1 fornisce al costruttore un metodo iterativo per valutare se i rischi di una macchina possono essere limitati ad un livello residuo accettabile mediante l’impiego di adeguate funzioni di sicurezza. Il metodo adottato prevede, per ogni rischio, un ciclo di ipotesi-analisi-validazione alla fine del quale si deve poter dimostrare che ogni funzione di sicurezza prescelta è adeguata al relativo rischio in esame.

Il primo passo consiste quindi nella valutazione del livello di prestazione richiesto da ogni funzione di sicurezza. La EN ISO 13849‑1 utilizza un grafico per l’analisi del rischio di una funzione di una macchina (vedi Figura 2) determinando, in funzione del rischio, anziché una categoria di sicurezza richiesta, un livello di prestazione richiesto o PLr (Required Performance Level) per la funzione di sicurezza che andrà a proteggere quella parte di macchina.

Il costruttore del macchinario, partendo dal punto 1 del grafico e rispondendo alle domande S, F e P identificherà il PLr per la funzione di sicurezza in esame. Dovrà poi realizzare un sistema per proteggere l’operatore della macchina che abbia un livello di prestazione PL uguale o migliore di quello richiesto.

I PL sono classificati in cinque livelli, da PLa a PLe (vedi Tabella 1) al crescere del rischio ed ognuno di essi identifica un ambito numerico di probabilità media di guasto pericoloso per ora. Ad esempio PLd indica che la probabilità media di guasti pericolosi per ora è compresa tra 1x10-6 e 1x10-7 ovvero all’incirca 1 guasto pericoloso mediamente ogni 100-1000 anni.

Figura 1 Analisi dei rischi

Figura 1 - L’analisi dei rischi

Figura 2 Determinazione PL

Legenda

Punto di partenza per la valutazione del contributo alla riduzione del rischio dato dalle funzioni di sicurezza
Basso contributo alla riduzione del rischio
Alto contributo alla riduzione del rischio
PLr Livello di prestazioni richiesto
Gravità del danno
S1 Leggero (danno normalmente reversibile)
S2 Serio (danno normalmente irreversibile o morte)
Frequenza e/o esposizione al rischio
F1 Da rara a poco frequente e/o con breve tempo di esposizione
F2 Da frequente a continua e/o con lungo tempo di esposizione
Possibilità di evitare il rischio o di limitare il danno
P1 Possibile in certe condizioni
P2 scarsamente possibile

Figura 2 - Grafico del rischio per determinare il PLr richiesto per la funzione di sicurezza (tratto da EN ISO 13849-1, figura A.1)

[...]

Per la valutazione del PL di un sistema di controllo servono più parametri ovvero:

1. La Categoria di sicurezza del sistema che a sua volta deriva dall’architettura (struttura) del sistema di controllo e dal suo comportamento in caso di guasto
2. MTTFD dei componenti
3. DC o Copertura Diagnostica del sistema.
4. CCF o Guasti di causa comune del sistema.

[...]

Figura 3 Architetture Categorie

Figura 3 – Architetture categorie

MTTFD (“Mean Time To Dangerous Failure”, Tempo medio al guasto pericoloso).

Questo parametro cerca di definire la bontà qualitativa dei componenti del sistema definendone la vita media prima del guasto pericoloso (si noti bene che non si tratta di un guasto generico) espressa in anni. In pratica il calcolo dell’MTTFD si basa sui valori numerici forniti dai costruttori dei singoli componenti che formano il sistema. Nel caso di mancanza di dati la norma fornisce dei valori in apposite tabelle di riferimento (allegato C della EN ISO 13849-1).

Il conteggio porterà ad un valore numerico che rientrerà in tre categorie: Alto, Medio o Basso.

[...]

PL (“Performance Level”)

Noti questi dati, la norma EN ISO 13849-1 fornisce il PL del sistema attraverso una tabella di correlazione (allegato K della EN ISO 13849-1) o, in forma grafica semplificata (punto 4.5 della EN ISO 13849-1), attraverso la seguente figura 4.

Figura 4 PL  Performance Level

Figura 4 - PL “Performance Level”

Questa immagine è molto utile perché ha più modalità di lettura.

Dato un certo PLr essa evidenzia tutti le possibili soluzioni che forniscono quel livello di PL ovvero le possibili strutture circuitali che forniscono il medesimo PL.

Ad esempio osservando la figura si nota come per ottenere un sistema con PL pari a “c” sono possibili tutte le seguenti soluzioni:

1. Sistema in categoria 3 con componenti poco affidabili (MTTFD = basso) e DC media.
2. Sistema in categoria 3 con componenti affidabili (MTTFD = medio) e DC bassa.
3. Sistema in categoria 2 con componenti affidabili (MTTFD = medio) e DC media.
4. Sistema in categoria 2 con componenti affidabili (MTTFD = medio) e DC bassa.
5. Sistema in categoria 1 con componenti molto affidabili (MTTFD = alto).

Figura 5 Soluzioni con PL pari a c

Al contempo la figura, scelta una struttura circuitale, permette di vedere subito i massimi PL raggiungibili in funzione della copertura diagnostica media e del MTTFD dei componenti.

Il costruttore può quindi escludere a priori alcune strutture circuitali in quanto non adeguate al PLr richiesto.

[...]

Esempio di calcolo mediante software SISTEMA della IFA

Esempio di calcolo SISTEMA IFA

[...] Segue in allegato

Fonti
EN ISO 13849-1:2015

Certifico Srl - IT | Rev. 2.0 2022 
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni:

Rev. Data Oggetto Autore
2.0 24.01.2022 Aggiornamento esempi di calcolo
Nuovo calcolo di esempio Software Sistema IFA
Certifico Srl
1.0 18.06.2016  --- Certifico Srl

Maggiori Info e acquisto Documento

Documento compreso nel Servizio di Abbonamento Tema Normazione

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato PLok - Esempi di calcolo del Performance Level PL Rev. 2.0.zip
Certifico Srl - Rev. 2.0 2022
1358 kB 145
Allegato riservato PLok - Esempi di calcolo del Performance Level PL.zip
Certifico Srl - Rev. 1.0 2016
1973 kB 690

Tags: Normazione EN ISO 13849-1 Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Giu 24, 2022 30

CEI EN 50554

CEI EN 50554 Norma di base per la valutazione in-situ di un impianto di radiodiffusione con riferimento all'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza Data: Aprile 2022Classificazione CEI: 106-29_______ La pubblicazione contiene immagini e testo che, per una migliore lettura del… Leggi tutto
ISO 23601 Ed  2020
Giu 18, 2022 364

ISO 23601:2020

ISO 23601:2020 ID 16879 | 19.06.2022 / Preview in attachment ISO 23601:2020Safety identification - Escape and evacuation plan signs This document establishes design principles for displayed escape plans that contain information relevant to fire safety, escape, evacuation and rescue of the… Leggi tutto
Giu 12, 2022 81

CEI EN 62108: 2018

CEI EN 62108: 2018 Moduli e sistemi fotovoltaici a concentrazione (CPV) - Qualifica di progetto e approvazione di tipo; Classificazione: CEI 82-30 Data pubblicazione: 2022-04 La presente Norma specifica le prescrizioni minime per la qualifica di progetto e l’approvazione di tipo di moduli e sistemi… Leggi tutto
Giu 12, 2022 83

CEI EN IEC 63112:2022

CEI EN IEC 63112:2022 Campi fotovoltaici (FV) - Dispositivi di protezione dai guasti a terra - Sicurezza e funzionalità correlate alla sicurezza Classificazione CEI: 82-92 Data pubblicazione: 2022-04Questo documento è applicabile ai dispositivi di protezione dai guasti a terra a bassa tensione per… Leggi tutto
Giu 12, 2022 87

CEI EN IEC 61936-1:2022

CEI EN IEC 61936-1:2022 Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kV in c.a. e 1,5 kV in c.c. - Parte 1: Corrente alternata Data pubblicazione: 2022-05 Classificazione CEI: 99-2 La Parte 1 della Norma CEI EN 61936 ha lo scopo di rendere sicuri il funzionamento e la conduzione degli impianti… Leggi tutto
Giu 12, 2022 79

CEI EN IEC 62281:2022

CEI EN IEC 62281:2022 Sicurezza delle pile, degli elementi e delle batterie di accumulatori al litio durante il trasporto Data pubblicazione: 05.2022 Classificazione CEI: 21-51 La presente Norma internazionale specifica i metodi di prova e i requisiti delle pile, degli elementi e delle batterie di… Leggi tutto
Norme armonizzate EMC Giugno 2022
Giu 10, 2022 115

Decisione di esecuzione (UE) 2022/910

Decisione di esecuzione (UE) 2022/910 / Norme armonizzate EMC Giugno 2022 ID 16814 | 10.06.2022 / In allegato Dec. di esec. (UE) 2022/910 in IT-EN Decisione di esecuzione (UE) 2022/910 della Commissione del 9 giugno 2022 che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2019/1326 relativa alle norme… Leggi tutto
Giu 05, 2022 159

UNI EN 10027-2:2015 / Designazione acciai / Numerica

UNI EN 10027-2:2015 / Designazione acciai / Numerica Sistemi di designazione degli acciai - Parte 2: Designazione numerica La norma stabilisce un sistema di numerazione, cui si fa riferimento con il termine "designazione numerica", per la designazione dei tipi di acciai. Essa considera la struttura… Leggi tutto

Più letti Normazione