Slide background
Slide background

Trasporto rifiuti amianto ADR

ID 2197 | | Visite: 11201 | Documenti Merci PericolosePermalink: https://www.certifico.com/id/2197



Il trasporto di rifiuti contenenti amianto e trasporto ADR

In allegato all'articolo una Scheda di Gestione Trasporto Rifiuto amianto CER 170601 / ADR

L’amianto o asbesto è un minerale a base di silicati della famiglia del serpentino e degli anfiboli.
Ne esistono vari tipi: il crisotilo o amianto bianco, l’amosite o amianto bruno, la crocidolite o amianto blu, la tremolite, l’antofillite e l’actinolite.

I pannelli di divisione o tamponatura usati erano, spesso, materiali compositi dell’amianto dove, oltre al cemento, si possono ritrovare lane minerali, resine organiche, cellulosa.

Per valutare l'assenza di amianto, la lana di roccia deve innanzitutto provenire da intercapedini di sola muratura e che non abbiano evidenti parti in amianto, pannelli, condutture, intelaiature.

Se la lana di roccia proviene da cumuli di detriti e quindi è stata contaminata anche con polvere o residui di pannelli in eternit, occorre assicurarsi che non sia dannosa per coloro che vi entrano in contatto. 

Per determinare se la lana di roccia da smaltire abbia o meno una pericolosità se ne deve portare un piccola quantità in un centro di analisi chimiche che, in ragione della valutazione del diametro delle fibre (3 millesimi di millimetro).

Il Regolamento n.1272/2009 CLP inquadra l’amianto nel numero EINECS 650-013-00-6 tutte le forme di asbesto:

- Crocidolite (CAS n. 12001-28-4)
- Crisotilo (CAS n. 12001-29-5)
- Amosite (CAS n. 12172-73-5)
- Antofillite (CAS n. 77536-67-5)
- Actinolite (CAS n. 77536-66-4)
- Tremolite (CAS n. 77536-68-6);

classificandole tutte come cancerogene di categoria 1A con codice di indicazione di pericolo:

- H350 Può provocare il cancro
- H372 Provoca danni agli organi per esposizione prolungata o ripetuta

Dal punto di vista della gestione dei rifiuti, l’amianto, correttamente incapsulato, imballato ed etichettato, deve essere codificato con un codice CER adeguato al processo produttivo che lo ha generato come rifiuto.
Solitamente i codici CER attribuiti sono:

- 17.06.01* Materiali isolanti contenenti amianto
- 17.06.05* Materiali da costruzione contenenti amianto

Un esempio tipico è  trasporto dei rifiuti derivanti dall'attività di rimozione delle coperture in cemento amianto, per il quale applicabili le seguenti normative:

- Normativa rifiuti D.Lgs 152/2006 e s.m.i.
- Normativa ADR
- Art 168- Codice della strada

Con l’ADR 2015 si è provveduto ad una revisione della classificazione dei diversi tipo di amianto e della loro assegnazione a specifiche rubriche.

Sono stati modificati i due numeri ONU eliminando le denominazioni di amianto blu-bruno-bianco e identificando in modo specifico l’origine:

UN 2212 amianto anfibolo (amosite, tremolite, actinolite, anotofillite, crocidolite) ANFIBOLO = ( Silicato di calcio e magnesio )
UN 2590 amianto, crisotilo SERPENTINO ( Silicato di magnesio) - CRISOLITO

Il crisotilo rappresenta la tipologia di amianto oggi maggiormente diffusa con oltre il 93% dell’asbesto utilizzato commercialmente.

Nelle attività industriali è stato frequente l’utilizzo di coperture nei capannoni con lastre ondulate di cemento-amianto più comunemente conosciute con il nome commerciale di "eternit", con amianto in una percentuale variabile tra il 12 ed 15 % sul peso totale.

La tipologia di amianto usata è il crisotilo, ma spesso avvenivano aggiunte di crocidolite (a volte riconoscibile da ciuffi blu scuro di fibre affioranti) e/o amosite in basse percentuali.

Trattandosi di amianto in matrice stabile classificabile come UN 2590 o UN 2212 è applicabile la Disposizione Speciale n. 168 di cui al punto 3.3.1 ADR 2015 ovvero:

“L’amianto immerso o fissato in un materiale legante naturale o artificiale (come cemento, plastica, asfalto, resina o minerali), in modo tale che durante il trasporto non possano essere liberate quantità pericolose di fibre d’amianto respirabili, non è sottoposto alle disposizioni dell’ADR. Gli oggetti manufatti che contengono amianto e che non soddisfano questa disposizione non sono comunque sottoposti alle disposizioni dell’ADR, se sono imballati in modo tale che, durante il trasporto non possano essere liberate quantità pericolose di fibre di amianto respirabili”.

Quindi il trasporto di ETERNIT, (nelle condizioni di "corretto imballaggio" tale che durante il trasporto non possano liberarsi fibre respirabili) non è sottoposto alla normativa sul trasporto di merci pericolose (ADR).

Gestione e classificazione rifiuti contenenti amianto

Esposizione all’amianto: la raccolta di articoli scientifici sugli sviluppi della ricerca 2014

Regolamento (CE) n. 1272/2008 CLP



Tags: Merci Pericolose Rifiuti ADR Abbonati Trasporto ADR

Articoli correlati

Ultimi archiviati Merci Pericolose

Dic 17, 2018 73

Guidelines application of EN 13094:2015 compliance ADR

Guidelines for the application of EN 13094:2015 compliance ADR The European standard EN 13094 specifies requirements for the design and construction of metallic gravity-discharge tanks intended for the carriage of substances having a vapour pressure not exceeding 110 kPa (absolute pressure) for… Leggi tutto
Dic 17, 2018 72

Guideline tanks for transport of dangerous goods EN 12972

Guideline tanks for transport of dangerous goods EN 12972 Guideline for the application of EN 12972 (Tanks for transport of dangerous goods - Testing, inspection and marking of metallic tanks) for compliance with RID/ADR At its 105th session, held on November 2018, the Working Party adopted the… Leggi tutto
ADR 2019 Applicazione e recepimento
Nov 26, 2018 350

Direttiva (UE) 2018/1846

ADR 2019: Applicazione e recepimento Direttiva (UE) 2018/1846 della Commissione del 23 novembre 2018 che modifica gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al trasporto interno di merci pericolose al fine di tenere conto del progresso scientifico e… Leggi tutto

Più letti Merci Pericolose

Set 07, 2017 38695

GHS - Fourth revised edition

in GHS
GHS - Fourth revised edition GHSGlobally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals Il GHS è un regolamento internazionale per la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio di sostanze chimiche che deve essere integrato nel diritto nazionale.Nel quadro della Conferenza… Leggi tutto