Slide background
Slide background
Slide background




Deposito nazionale rifiuti radioattivi

ID 3561 | | Visite: 5474 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/3561

Deposito Nazionale rifiuti radioattivi e Parco Tecnologico

Un documento sul Deposito Nazionale rifiuti radioattivi, estratto dal sito www.depositonazionale.it di Sogin SpA, la società di Stato responsabile del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi compresi quelli prodotti dalle attività industriali, di ricerca e di medicina nucleare.

Il Deposito Nazionale è un’infrastruttura ambientale dove saranno messi in sicurezza i rifiuti radioattivi prodotti in Italia, generati dall'esercizio e dallo smantellamento delle centrali e degli impianti nucleari, dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca, le tappe:

1. 
Criteri di localizzazione (4 giugno 2014)
2. Consegna della CNAPI (2 gennaio 2015)
3. Consultazione pubblica -----
4. Approvazione della CNAI ----
 
1. Criteri di localizzazione (4 giugno 2014)
Il 4 giugno 2014 l’ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha pubblicato la Guida Tecnica n. 29, contenente 28 criteri er individuare le aree idonee ad ospitare il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi.
L'insieme delle aree che al termine della fase di indagine risultano non escluse va a costituire la proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI) a ospitare il Deposito Nazionale.

2. Consegna della CNAPI (2 gennaio 2015)
Come si arriva ad individuare il sito che ospiterà il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi, a partire dai criteri Ispra: dalla Carta delle Aree Potenzialmente Idonee alla consultazione pubblica e il Seminario Nazionale.

3.Consultazione pubblica ----
​Ottenuto il nulla osta da parte dei Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, Sogin pubblica su internet e sui giornali la Carta Nazionale delle Aree Pontenzialmente Idonee (CNAPI) e il progetto preliminare del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi. Inizia così una fase di consultazione pubblica, della durata di 4 mesi, in cui le Regioni, gli Enti locali e tutti i soggetti portatori di interesse possono formulare osservazioni e proposte tecniche. All’interno della fase di consultazione pubblica si svolge il Seminario Nazionale, un momento di confronto in cui sono invitati a partecipare tutti i soggetti coinvolti e interessati.

4. Approvazione della CNAI ----
In base alle osservazioni emerse durante la fase di consultazione pubblica e del Seminario Nazionale, Sogin elabora una versione aggiornata della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI).
La Carta verrà nuovamente sottoposta ai pareri del Ministro dello Sviluppo Economico, di ISPRA, del Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.In base a questi pareri, il Ministero dello Sviluppo Economico convaliderà la versione definitiva della mappa, ovvero la CNAI, Carta Nazionale delle Aree Idonee.
La CNAI, che sarà pubblicata 5 mesi dopo il Seminario Nazionale, sarà il risultato dell’applicazione dei criteri, di esclusione e di approfondimento, e dei contributi emersi e concordati nelle diverse fasi della Consultazione Pubblica.

CNAI: Carta Nazionale delle Aree Idonee
CNAPI: Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee

Sogin SpA

Elaborato Certifico Srl It - Rev. 00 2017 fonte www.depositonazionale.it
 


Documenti collegati:
 


Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

2021 958
Giu 15, 2021 41

Decisione di esecuzione (UE) 2021/958

Decisione di esecuzione (UE) 2021/958 Decisione di esecuzione (UE) 2021/958 della Commissione del 31 maggio 2021 che stabilisce il formato per la comunicazione dei dati e delle informazioni sugli attrezzi da pesca immessi sul mercato e sui rifiuti di attrezzi da pesca raccolti negli Stati membri e… Leggi tutto
Giu 14, 2021 74

Linee guida Criteri Minimi per le Ispezioni Ambientali (CMIA)

Linee guida Criteri Minimi per le Ispezioni Ambientali (CMIA) ISPRA, 30.06.2014 (Delibera CF n. 40 del 30.06.2014) 1. I CONTROLLI AMBIENTALI NELLA UE1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO ITALIANO2 DEFINIZIONI, CICLO REGOLATORE E ISPEZIONI AMBIENTALI2.1 DEFINIZIONI2.2 CICLO REGOLATORE2.3 CONTROLLO DELLA… Leggi tutto
Giu 14, 2021 33

Raccomandazione 2001/331/CE

Raccomandazione 2001/331/CE Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 aprile 2001, che stabilisce i criteri minimi per le ispezioni ambientali negli Stati membri (GU L 118 del 27.4.2001) Leggi tutto
EEA Italian bathing water quality in 2020
Giu 14, 2021 49

Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2020

Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2020 EEA, 01.06.2021 La relazione annuale sulle acque di balneazione pubblicata il 1° giugno 2021, evidenzia che nel 2020 quasi l'83 % dei siti di balneazione europei ha rispettato gli standard di qualità più severi dell'Unione europea, meritandosi… Leggi tutto
Giu 11, 2021 44

Direttiva (UE) 2015/1513

Direttiva (UE) 2015/1513 Direttiva (UE) 2015/1513 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 settembre 2015, che modifica la direttiva 98/70/CE, relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel, e la direttiva 2009/28/CE, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili… Leggi tutto
Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products
Giu 07, 2021 85

Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products

Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products Revision of EU ecolabel criteria for cosmetic products and animal care products (previously Rinse-off Cosmetic Products)This Technical Report aims at providing a technical basis to the revision process of the EU Ecolabel criteria for Rinse-off… Leggi tutto
Giu 03, 2021 67

Decisione 94/3/CE

Decisione 94/3/CE Decisione 94/3/CE della Commissione, del 20 dicembre 1993, che istituisce un elenco di rifiuti conformemente all'articolo 1 a) della direttiva 75/442/CEE del Consiglio relativa ai rifiuti (GU L 5 del 7.1.1994) Abrogata da: Decisione 2000/532/CE della Commissione, del 3 maggio… Leggi tutto

Più letti Ambiente