Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Firmato decreto sui cam per tessili, materassi e DM sterili

ID 12285 | | Visite: 2190 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/12285

Decreto sui cam per tessili materassi e DM sterili

Firmato decreto sui cam per tessili, materassi e DM sterili

Update 14.07.2021: pubblicato in GU Decreto CAM tessili

Decreto MITE 30 giugno 2021

Adozione dei criteri ambientali minimi per forniture e noleggio di prodotti tessili, ivi inclusi mascherine filtranti, dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale nonche' servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili.

(GU n.167 del 14.07.2021)

Entrata in vigore: 12.09.2021

MATTM 10 Dicembre 2020

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato il decreto sui Criteri minimi ambientali (Cam) per il servizio di lavanolo, ovvero le attività di noleggio e lavaggio di tovaglie, lenzuola e simili da parte di mense, ospedali, scuole caserme, carceri e così via. Un servizio che comprende, totalmente o in parte, le seguenti attività: ricondizionamento, logistica e noleggio di dispositivi tessili, di materassi e guanciali, di indumenti ad alta visibilità nonché di dispositivi medici sterili.

Al servizio di lavaggio e distribuzione di tessili, materassi e guanciali sono correlati vari impatti ambientali, come quelli legati all’eutrofizzazione acquatica, ai cambiamenti climatici e alla tossicità umana. Attraverso l’applicazione dei Cam nell’ambito di questi servizi sarà possibile contribuire principalmente alla riduzione dei consumi energetici e delle correlate emissioni di gas climalteranti, alla riduzione dei consumi idrici e alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nei processi di lavaggio.

Per l’efficienza idrica, ad esempio, è previsto che gli stabilimenti nei quali viene effettuato il servizio oggetto dell’appalto abbiano idonei sistemi di filtraggio e riutilizzo dell’acqua. Per la riduzione dell’uso di sostanze pericolose, invece, è previsto l’uso di detergenti e sostanze chimiche meno nocive per l’ambiente.

Per promuovere la diffusione di investimenti verdi vengono valorizzate le tecnologie che consentano l’efficientamento energetico e che consentono di soddisfare il fabbisogno energetico e termico con le fonti rinnovabili. Sono altresì valorizzate le certificazioni che comportano un miglioramento contino dell’impronta ambientale (Made Green in Italy) o dell’impronta di carbonio del servizio o dell’organizzazione.

Inoltre, per quanto riguarda i prodotti a noleggio, sono previsti requisiti di ecodesign finalizzati a garantirne la durabilità o il riuso, oltre alla sicurezza correlata alle sostanze pericolose di cui possono esserci residui nel prodotto finito e alle emissioni di composti organici volatili per ciò che concerne materassi e guanciali.

“Con questo nuovo decreto – afferma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa -, in linea con gli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale previsti nel Piano d’azione per la sostenibilità ambientale e dei consumi nella pubblica amministrazione adottato nel 2008, si vuole dare una spinta all’efficientamento energetico e idrico e alla riduzione dell’uso di sostanze pericolose nei processi di noleggio e lavaggio da parte delle aziende interessate ad accedere agli appalti della pubblica amministrazione. Si garantisce così la qualità del servizio a tutto tondo: dal punto di vista ambientale, sanitario, prestazionale”.

...

Fonte: MATMM

Collegati:

Tags: Ambiente Codice Appalti

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Lug 11, 2024 95

Legge 29 ottobre 1987 n. 441

Legge 29 ottobre 1987 n. 441 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 1987, n. 361, recante disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. (GU n.255 del 31.10.1987) Collegati
Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361
Leggi tutto
Lug 11, 2024 83

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361

Decreto-Legge 31 agosto 1987 n. 361 Disposizioni urgenti in materia di smaltimento dei rifiuti. Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 ottobre 1987, n. 441 (in G.U. 31/10/1987, n.255). (GU n.203 del 01.09.1987)______ Aggiornamenti all'atto 31/10/1987 LEGGE 29 ottobre 1987, n.… Leggi tutto
Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia Anno 2023
Lug 01, 2024 120

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023

Ecosistemi terrestri ed incendi boschivi in Italia: Anno 2023 ID 22151 | 01.07.2024 / In allegato Durante il 2023 l’Italia è stata colpita da incendi boschivi per una superficie complessiva di 1073 km2 (quasi un terzo della Val D’Aosta). Di questi, circa 157 km2 (una superficie confrontabile con… Leggi tutto

Più letti Ambiente