Slide background

Criteri Ambientali Minimi (CAM) negli acquisti verdi (GPP)

ID 4795 | | Visite: 56966 | News generaliPermalink: https://www.certifico.com/id/4795

Criteri Ambientali Minimi (CAM) negli acquisti verdi (GPP) / Update 07.06.2024

ID 4795 | Update 07.06.2024 / Documento riepilogativo e CAM/GPP allegati (Tutti ai link interni riportati)

Update Rev. 11.0 del 07.06.2024

- Decreto 17 maggio 2024 Modifiche al decreto 6 novembre 2023, recante «Criteri ambientali minimi per gli affidamenti relativi ai servizi di ristoro e alla distribuzione di acqua di rete a fini potabili». (GU n.131 del 06.06.2024)

Entrata in vigore: 07.06.2024

Panoramica illustrativa

Il GPP (Green Public Procurement, ovvero acquisti pubblici verdi) è uno strumento di politica ambientale che intende favorire lo sviluppo di un mercato di prodotti e servizi a ridotto impatto ambientale attraverso la leva della domanda pubblica, contribuendo, in modo determinante, al raggiungimento degli obiettivi delle principali strategie europee come quella sull’uso efficiente delle risorse o quella sull’Economia Circolare.

Le autorità pubbliche che intraprendono azioni di GPP si impegnano sia a razionalizzare acquisti e consumi che ad incrementare la qualità ambientale delle proprie forniture ed affidamenti.

Il GPP è stato introdotto in Italia dal 2008 con il Piano d’azione nazionale GPP che ha previsto l’adozione, con successivi decreti ministeriali, dei Criteri Ambientali Minimi (CAM) per ogni categoria di prodotti, servizi e lavori acquistati o affidati dalla Pubblica amministrazione.

Il GPP si qualifica come il principale strumento della strategia europea su “Consumo e Produzione Sostenibile” (COM 2008/397 “Piano d’azione per il Consumo la Produzione Sostenibili e la Politica Industriale Sostenibile”). Per questo motivo il Ministero dell’Ambiente sta affrontando la tematica del GPP unitamente a quella SCP (Sustainable Consumption and Production).

La principale novità in tema di Green Public Procurement - GPP (Acquisti Pubblici Verdi) in Italia, riguarda l'evoluzione normativa che ha portato, fin dal codice appalti del 2017 a rendere obbligatoria la sua applicazione. Questo dettato normativo è stato confermato anche nell'ultimo Codice, con l'articolo 57 comma 2 del decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36, che prevede l’obbligo di applicazione, per l’intero valore dell’importo della gara, delle “specifiche tecniche” e delle “clausole contrattuali”, contenute nei  criteri ambientali minimi (CAM).

Lo stesso comma prevede che si debba tener conto dei CAM anche per la definizione dei “criteri di aggiudicazione dell’appalto” di cui all’art. 108, commi 4 e 5, del Codice.

Per gli interventi di ristrutturazione edilizia, comprensiva degli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici, bisogna attenersi a quanto previsto dal DM di approvazione dei CAM per l’edilizia.

Inquadramento politico normativo

Dalla fine degli anni ’90 con Il Libro Verde “Gli appalti pubblici nell’Unione Europea” del 1996, la Commissione europea ha mostrato progressivamente maggiore attenzione verso lo strumento del Green Public Procurement - GPP.

Il GPP è nato come uno strumento di politica ambientale volontario volto a favorire lo sviluppo di un mercato di prodotti e servizi a ridotto impatto ambientale attraverso la leva della domanda pubblica. I prodotti “ambientalmente preferibili” sono, per esempio, quelli meno energivori, costituiti da materiale riciclato e/o privi di sostanze nocive, di facile riciclabilità e di maggior durata ovvero sono il risultato di processi produttivi meno impattanti.

Dato il peso rilevante degli acquisti pubblici in termini sull’intero sistema economico dei paesi europei (si ricorda che, in base alle stime della Commissione Europea, la spesa pubblica nei paesi membri per l’acquisto di beni, servizi e lavori ammonta annualmente a circa il 19% del relativo PIL), è evidente l’efficacia del GPP nel promuovere le condizioni per favorire la diffusione di un modello di produzione e consumo sostenibile.

Per questo motivo, già dal 2003, il GPP è stato riconosciuto dalla Commissione Europea uno strumento cardine della Politica Integrata dei Prodotti, nell’ambito della relativa Comunicazione COM 2003/302 . In tale comunicazione venivano invitati gli Stati membri ad adottare dei Piani d’azione nazionali sul GPP, per assicurarne la massima diffusione.

Nel 2004, le due direttive europee sugli appalti pubblici, (la Direttiva 2004/17/CE e la Direttiva 2004/18/CE), nel dar seguito anche ad alcune sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità Europee , tra cui la sentenza del 17 settembre 2002 (caso C 513/99 della Concordia Bus Filanda OY Ab vs Finland City Council),  hanno dato un significativo supporto giuridico al GPP.

Meritano ugualmente menzione le seguenti direttive dell’Unione europea in materia appalti pubblici, pubblicate in data 26 febbraio 2014 e recepite nell’ordinamento italiano dal d.lgs n.50/2016:

- la Direttiva 2014/24/UE sugli appalti, che ha abrogato la direttiva 2004/18/CE;
- la Direttiva 2014/23/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione;
- la Direttiva 2014/25/UE sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, che ha abrogato la direttiva 2004/17/CE.

Con il Decreto Interministeriale dell’11 Aprile 2008, recante l’approvazione del Piano d’azione nazionale sul GPP, emanato a seguito alla delega conferita al Governo dall’art. 1, comma 1126 della L. 296/2006 (finanziaria per l’anno 2007), è stato delineato anche a livello nazionale un quadro di riferimento complessivo utile a facilitare l’adozione e l’implementazione di pratiche di GPP, sia dal punto di vista tecnico che metodologico.

Il decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36 "Codice dei contratti pubblici" ha recepito le Direttive comunitarie sopra richiamate fornendo, in qualche passaggio, input ancor più vigorosi di quelli di matrice comunitaria,  volti a realizzare nel nostro Paese, la svolta verso un'economia più verde:  non a caso, sull’assunto che gli “acquisti sostenibili” costituiscono un fondamentale strumento strategico per favorire la “transizione” verso una economia più sostenibile,  l’Italia è stato il primo Paese che ha imposto l’obbligo di applicazione del GPP per le stazioni appaltanti.

Obiettivi del GPP

- Riduzione degli impatti ambientali
- Tutela e miglioramento della competitività delle imprese
- Stimolo all’innovazione
- Razionalizzazione della spesa pubblica
- Diffusione di modelli di consumo e di acquisto sostenibili
- Efficienza e risparmio di risorse naturali, in particolare energia
- Riduzione dei rifiuti prodotti
- Riduzione uso sostanze pericolose
- Integrazione delle considerazioni ambientali nelle altre politiche dell’ente
- Miglioramento dell’immagine della pubblica amministrazione
- Accrescimento delle competenze degli acquirenti pubblici

Il PAN GPP 

Accogliendo l’indicazione contenuta nella Comunicazione della Commissione europea “Politica integrata dei prodotti, sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale” (COM(2003) 302), e in ottemperanza del comma 1126, articolo 1, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007), il Ministero, attraverso un ampio processo di consultazione con enti locali e parti interessate e con la collaborazione degli altri Ministeri Competenti e degli enti e strutture tecniche di supporto (CONSIP, ENEA, ISPRA, ARPA), aveva elaborato il “Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione"  (PAN GPP).

Con Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica 3 agosto 2023, di concerto con il Ministro delle Imprese e del Made in Italy e con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, è stata approvata l’edizione 2023 del “Piano d’azione nazionale per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione” (GU n.193 del 19.08.2023).

Il nuovo Piano delinea una cornice di riferimento organica e aggiornata della politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi, inquadrandola nell’ambito dei più recenti atti di indirizzo comunitari e delle intervenute novità giuridiche ed individua le azioni necessarie a massimizzarne i benefici ambientali, economici e sociali di questo strumento, anche sulla base di un’analisi dei punti di forza e delle criticità emerse durante la sua fase attuativa.

Il PAN GPP in sintesi

Il PAN GPP fornisce un quadro generale sul Green Public Procurement, definisce degli obiettivi nazionali, identifica le categorie di beni, servizi e lavori di intervento prioritarie per gli impatti ambientali e i volumi di spesa sulle quali definire i ‘Criteri Ambientali Minimi’ (CAM).

Detta inoltre specifiche prescrizioni per gli enti pubblici, che sono chiamati a:

- effettuare un'analisi dei propri fabbisogni con l'obiettivo di razionalizzare i consumi e favorire il decoupling (la dissociazione tra sviluppo economico e degrado ambientale)
- identificare le funzioni competenti per l'attuazione del GPP coinvolte nel processo d'acquisto
- redigere uno specifico programma interno per implementare le azioni in ambito GPP

Il PAN GPP prevede infine un monitoraggio annuale per verificarne l’applicazione, con relativa analisi dei benefici ambientali ottenuti e delle azioni di formazione e divulgazione da svolgere sul territorio nazionale.

Il Comitato di gestione

I compiti attribuiti al “Comitato di gestione” dall’articolo 2 del DM 247 del 21 settembre 2016, in vigore al momento dell’elaborazione del PAN GPP, sono i seguenti:

a) formulare le proposte di Criteri Ambientali Minimi e degli obiettivi di sostenibilità per determinate categorie di acquisti da sottoporre ad approvazione del Ministro, nonché i relativi aggiornamenti;
b) assicurare la programmazione delle attività previste dal PAN GPP relative alla comunicazione, alla formazione ed al monitoraggio dell’applicazione del Piano stesso;
c) supportare il Comitato di cui all’art. 1, comma 1128 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, ove costituito.

Il monitoraggio

L’art. 213, comma 9, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 assegnava ulteriori funzioni l’Autorità Nazionale Anticorruzione nel settore dei contratti pubblici, attribuendole il compito di monitorare l’applicazione dei criteri ambientali minimi ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal PAN GPP (Vedasi a tal proposito il paragrafo 5.4 del nuovo PAN GPP 2023), attraverso la sezione centrale dell’Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, composto da una sezione centrale e da sezioni regionali aventi sede presso le Regioni e le Province Autonome ed organizzato secondo l’apposito protocollo d’intesa sottoscritto da ANAC, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dalle stesse Regioni e delle Province Autonome”. Tale compito, non è stato confermato nell’ambito della disciplina dei contratti pubblici riformata con il decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36, ma rimane efficace, fino alla relativa scadenza, il citato Protocollo di intesa tra Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e l’ANAC sottoscritto in data 29 ottobre 2021 di durata triennale che pone, come prima attività ambito della collaborazione, quella relativa al monitoraggio e alla vigilanza sull’applicazione dei CAM.

CAM - Criteri ambientali minimi

Il PAN GPP specifica la procedura per la definizione dei CAM in grado di rispondere alle peculiarità del sistema produttivo nazionale, pur tenendo conto delle indicazioni della Commissione Europea.

I criteri ambientali sono infatti individuati partendo da un’analisi di mercato del settore interessato e attingendo ad un’ampia gamma di requisiti, tra i quali quelli proposti dalla Commissione europea nel toolkit europeo GPP o quelli in vigore relativi alle etichette di qualità ecologica ufficiali. Per la loro definizione si attinge anche dalle normative che impongono determinati standard ambientali, nonché dalle indicazioni che provengono dalle parti interessate, sia delle imprese e delle associazioni di categoria, che dei consumatori e utenti, nonché della stessa Pubblica amministrazione.

La struttura e la procedura di definizione dei CAM facilita il compito delle stazioni appaltanti nell’adozione ed implementazione di una politica GPP.

La definizione dei CAM rientra fra i compiti assegnati alla Direzione Economia Circolare  che si avvale, per la loro elaborazione, di Gruppi di lavoro tecnici composti, rappresentanti ed esperti della Pubblica amministrazione e delle centrali di committenza, di enti di ricerca, di università, nonché dei referenti delle associazioni di categoria degli operatori economici del settore di riferimento.

I CAM così elaborati vengono successivamente sottoposti al Comitato di Gestione del GPP (vedasi par. 3.6 del PAN GPP). Il documento definitivo viene adottato con Decreto del Ministro della Transizione Ecologica e pubblicato in G.U..

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita.

I CAM sono definiti nell’ambito di quanto stabilito dal Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi del settore della pubblica amministrazione e sono adottati con Decreto del Ministero della Transizione Ecologica.

La loro applicazione sistematica ed omogenea consente di diffondere le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili e produce un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della pubblica amministrazione.

In Italia, l’efficacia dei CAM è stata assicurata grazie all’art. 18 della L. 221/2015 e, successivamente, all’art. 34 recante “Criteri di sostenibilità energetica e ambientale” del D.Lgs. 50/2016 “Codice degli appalti” (modificato dal D.Lgs 56/2017), che ne hanno reso obbligatoria l’applicazione da parte di tutte le stazioni appaltanti.

Questo obbligo garantisce che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili, “circolari “ e nel diffondere l’occupazione “verde”.

Oltre alla valorizzazione della qualità ambientale e al rispetto dei criteri sociali, l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi risponde anche all’esigenza della Pubblica amministrazione di razionalizzare i propri consumi, riducendone ove possibile la spesa.

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato.

I CAM sono definiti nell’ambito di quanto stabilito dal Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi del settore della pubblica amministrazione e sono adottati con Decreto del Ministro.

La loro applicazione sistematica ed omogenea consente di diffondere le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili e produce un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi a investire in innovazione e buone pratiche per rispondere alle richieste della pubblica amministrazione in tema di acquisti sostenibili.

In Italia, l’efficacia dei CAM è stata assicurata grazie alle previsioni contenute nel Codice dei contratti. Infatti, l'articolo 57 comma 2 del decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36, prevede l’obbligo di applicazione, per l’intero valore dell’importo della gara, delle “specifiche tecniche” e delle “clausole contrattuali”, contenute nei criteri ambientali minimi (CAM). Lo stesso comma prevede che si debba tener conto dei CAM anche per la definizione dei “criteri di aggiudicazione dell’appalto” di cui all’art. 108, commi 4 e 5, del Codice.

Questo obbligo garantisce che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili, “circolari“ e nell’ aumento del numero di occupati nei diversi settori delle filiere più sostenibili.

Oltre alla valorizzazione della qualità ambientale e al rispetto dei criteri sociali, l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi risponde anche all’esigenza della Pubblica amministrazione di razionalizzare i propri consumi, ottimizzando la spesa in un’ottica di medio-lungo periodo.

I documenti di CAM, sebbene elaborati ognuno per una diversa tipologia di appalto, presentano una struttura di base simile.

Nei paragrafi di premessa, si riportano delle indicazioni e suggerimenti alle stazioni appaltanti per l’analisi dei fabbisogni, ulteriori indicazioni relative all’espletamento della relativa gara d’appalto e, laddove non è prevista la definizione di un documento di accompagnamento tecnico, l’approccio seguito per la definizione dei criteri ambientali.

I criteri ambientali minimi propriamente detti sono definiti per alcune o tutte le fasi di definizione della procedura di gara in particolare per:

Selezione dei candidati: sono requisiti di qualificazione soggettiva atti a provare la capacità tecnica del candidato ad eseguire l’appalto in modo da recare i minori danni possibili all’ambiente. Tali criteri non sono obbligatori secondo quanto previsto dal Codice dei contratti;

Clausole contrattuali: forniscono indicazioni per dare esecuzione all’affidamento o alla fornitura nel modo migliore dal punto di vista ambientale. Tali clausole vengono esplicitate tramite criteri obbligatori ai sensi dell’articolo 57 comma 2 del Codice dei contratti.

Specifiche tecniche: definite dall’Allegato II.5 del Codice dei contratti pubblici (decreto legislativo 31 marzo 2023, n. 36), “definiscono le caratteristiche previste per i lavori, i servizi o le forniture. Tali caratteristiche possono riferirsi al processo o metodo di produzione o prestazione dei lavori, delle forniture o dei servizi richiesti, o a uno specifico processo per un'altra fase del loro ciclo di vita anche se questi fattori non sono parte del loro contenuto sostanziale, purché siano collegati all'oggetto dell'appalto e proporzionati al suo valore e ai suoi obiettivi.” Tali specifiche vengono esplicitate tramite criteri obbligatori ai sensi dell’articolo 57 comma 2 del Codice dei contratti.

Criteri premianti: requisiti volti a selezionare prodotti/servizi con prestazioni ambientali migliori di quelle garantite dalle specifiche tecniche, ai quali attribuire un punteggio tecnico ai fini dell’aggiudicazione secondo l’offerta al miglior rapporto qualità-prezzo. I criteri premianti non sono obbligatori ma l’articolo 57 comma 2 del Codice dei contratti prevede che se ne debba tener conto, anche per la definizione dei “criteri di aggiudicazione dell’appalto”.

Ciascun criterio ambientale riporta inoltre, nella sezione Verifiche, i mezzi di prova per dimostrarne la conformità.


Criteri ambientali minimi CAM | Tutti i Documenti (link) CAM a questo link: Criteri Ambientali Minimi (CAM) - Elenco

Cover CAM 2021

...

CAM IT in vigore (elenco completo)

n. 

CAM

Decreto

Note

01

CAM ristorazione collettiva e derrate alimentari 

DM 25 luglio 2011 
(G.U. n. 220 del 21 settembre 2011)

Abrogato dal 03.08.2020 da - DM 10 marzo 2020 (GU n.90 del 04-04-2020)

02

CAM affidamento di servizi energetici per gli edifici - servizio di illuminazione e forza motrice - servizio di riscaldamento/raffrescamento

DM 07 marzo 2012 
(G.U. n.74 del 28 marzo 2012)

---

03

CAM acquisizione dei veicoli adibiti al trasporto su strada

DM 8 maggio 2012 
(G.U. n. 129 del 5 giugno 2012)

Modifiche all’allegato - DM 30 novembre 2012
Abrogato dal 31.10.2021 - Decreto 17 giugno 2021

04

Guida integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici 

DM 6 giugno 2012 
(G.U. n. 159 del 10 luglio 2012)

---

05

CAM per l’affidamento del servizio di pulizia e per la fornitura dei prodotti per l’igiene

DM 24 maggio 2012 
(G.U. n. 142 del 20 giugno 2012)

Abrogato dal 19.05.2021 - DM 29 Gennaio 2021

06

CAM acquisto di carta per copia e carta grafica - aggiornamento 2013

DM 4 aprile 2013 
(G.U. n. 102 del 3 maggio 2013) 

 

07

CAM affidamento del servizio di gestione del verde pubblico, per acquisto di Ammendanti - aggiornamento 2013, acquisto di piante ornamentali e impianti di irrigazione

DM 13 dicembre 2013 
(G.U. n. 13 del 17 gennaio 2014)

Abrogato dal 03.08.2020 DM 10 marzo 2020

08

CAM acquisto di piante ornamentali e impianti di irrigazione

DM 13 dicembre 2013 
(Allegato 1) (G.U. n. 13 del 17 gennaio 2014) 

---

09

CAM forniture di attrezzature elettriche ed elettroniche d’ufficio - aggiornamento 2013

DM 13 dicembre 2013 
(Allegato 2) (G.U. n. 13 del 17 gennaio 2014) 

---

10

CAM affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani 

DM 13 febbraio 2014 
Allegato 1 (G.U. n. 58 dell’11 marzo 2014)

Abrogato, dal 03.12.2022, limitatamente all':
a) affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani;
b) affidamento del servizio di pulizia e spazzamento e altri servizi di igiene urbana;
c) affidamento della fornitura di contenitori e sacchetti per la raccolta dei rifiuti urbani;
d) affidamento della fornitura di veicoli, macchine mobili non stradali e attrezzature per la raccolta e il trasporto di rifiuti e per lo spazzamento stradale.
Abrogato dal 03.12.2022 l’Allegato 1 («Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani») - DM 23 giugno 2022 

11

CAM forniture di cartucce toner e a getto di inchiostro e affidamento del servizio integrato di ritiro e fornitura di cartucce toner e a getto di inchiostro

DM 13 febbraio 2014 Allegato 2
(G.U. n. 58 dell’11 marzo 2014)

Abrogato dal 06/03/2020 - DM 17 Ottobre 2019

12

CAM acquisto di articoli per l’arredo urbano

DM 5 febbraio 2015 
(G.U. n. 50 del 2 marzo 2015)

Abrogato dal 20/07/2023 - DM 7 febbraio 2023

13

CAM forniture di ausili per l’incontinenza

DM 24 dicembre 2015 (G.U. n. 16 del 21 gennaio 2016)

---

14

CAM affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione

DM 24 dicembre 2015 
(G.U. n. 16 del 21 gennaio 2016)

Aggiornato da DM 11 gennaio 2017 Allegato 2 (G.U. n. 23 del 28 gennaio 2017)

15

CAM affidamento del servizio di sanificazione per le strutture ospedaliere e per la fornitura di prodotti detergenti

DM 18 ottobre 2016 
(G.U. n. 262 del 9 novembre 2016)

Abrogato dal 19.05.2021 - DM 29 Gennaio 2021

16

CAM acquisto di arredi per ufficio

DM 11 gennaio 2017 Allegato 1
(G.U. n. 23 del 28 gennaio 2017) 

Aggiornamento dell’allegato 2 “Criteri Ambientali Minimi per l’acquisto di arredi per ufficio” del DM del 22 febbraio 2011 (G.U. n. 64 del 19 marzo 2011 S.O. n. 74)
Modificato da DM 3 luglio 2019

17

CAM prodotti tessili

DM 11 gennaio 2017 Allegato 3 
(G.U. n. 23 del 28 gennaio 2017)

Abrogato dal 12.09.2021 - Decreto 30 giugno 2021

 

Aggiornamento dei CAM per l’acquisto di prodotti tessili, Allegato 1 del DM 22 febbraio 2011

18

CAM affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione

DM 11 gennaio 2017 Allegato 2 
(G.U. n. 23 del 28 gennaio 2017)

Aggiornamento Allegato 1 del DM 24 dicembre 2015 (G.U. n. 16 del 21 gennaio 2016). 

 

19

CAM acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l'acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l'affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica

DM 27 settembre 2017 
(GU n.244 del 18 ottobre 2017 - S.O. n. 49)

---

20

CAM per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici

DM 11 ottobre 2017 (G.U. n. 259 del 06 novembre 2017)

Abrogato dal 04.12.2022: DM 26 giugno 2022

21

CAM affidamento del servizio di illuminazione pubblica

DM 28 marzo 2018 
(GU n.98 del 28 aprile 2018)

---

22

CAM fornitura di calzature da lavoro non DPI e DPI, articoli e accessori di pelle

DM 17 maggio 2018 
(GU n.125 del 31-05-2018)

----

23

CAM arredi per interni

DM 3 luglio 2019 
(G.U. n.167 del 18-07-2019)

Modifica dell'allegato 1 del DM 11 gennaio 2017 concernente i criteri ambientali minimi per la fornitura e il servizio di noleggio di arredi per interni. (G.U. n. 23 del 28 gennaio 2017)

24

CAM servizio di ristorazione collettiva e fornitura di derrate alimentari

DM 10 marzo 2020 
(GU n.90 del 04-04-2020)

---

25

CAM affidamento del servizio di gestione del verde pubblico e la fornitura di prodotti per la cura del verde

DM 10 marzo 2020 
(GU n.90 del 04-04-2020)

---

26

CAM affidamento del servizio di progettazione di nuova area verde o riqualificazione di un'area gia' esistente

DM 10 marzo 2020 
(GU n.90 del 04-04-2020)

---

27

CAM fornitura di prodotti per la gestione del verde pubblico 

DM 10 marzo 2020 
(GU n.90 del 04-04-2020)

---

28

CAM servizio di stampa gestita, affidamento del servizio di noleggio di stampanti e di apparecchiature multifunzione per ufficio e acquisto o il leasing di stampanti e di apparecchiature multifunzione per ufficio. 

DM 17 ottobre 2020 
(GU n.261 del 07-11-2019)

 

29

CAM affidamento del servizio di lavaggio industriale e noleggio di tessili e materasseria

DM 9 dicembre 2020 
(GU n. 2 del 04.01.2021)

in vigore dal 04/05/2021

30

CAM affidamento del servizio di pulizia e sanificazione di edifici e ambienti ad uso civile, sanitario e per i prodotti detergenti

DM 29 Gennaio 2021
(GU n.42 del 19.02.2021)

in vigore dal 19/05/2021

 

02.10.2021 - Modifica del DM 29 Gennaio 2021, recante «Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di pulizia e sanificazione di edifici e ambienti ad uso civile, sanitario e per i prodotti detergenti». (Decreto 24 settembre 2021GU n.236 del 02.10.2021)

 

 

31

CAM per l'acquisto, leasing, locazione, noleggio di veicoli adibiti al trasporto su strada. 

Decreto 17 giugno 2021 
(GU n.157 del 02.07.2021)

in vigore dal 31/10/2021

32

CAM per forniture e noleggio di prodotti tessili

Decreto 30 giugno 2021
(GU n.167 del 14.07.2021)

Abrogato dal 22/05/2023 - Decreto 7 febbraio 2023

 

33

CAM affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani 

Decreto 23 giugno 2022

(GU n.182 del 05.08.2022).

In vigore dal 03.12.2022

34

CAM per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici

Decreto 23 giugno 2022
(GU n.183 del 06.08.2022)

In vigore dal 04.12.2022

35

Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di fornitura, noleggio ed estensione della vita utile di arredi per interni.

 

Decreto 23 giugno 2022

(GU n.184 dell'08.08.2022)

In vigore dal 06.12.2022

36

Criteri ambientali minimi per il servizio di organizzazione e realizzazione di eventi

Decreto 19 ottobre 2022
(GU n. 282 del 02.12.2022)

In vigore dal 17.12.2022

37

Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di progettazione di parchi giochi, la fornitura e la posa in opera di prodotti per l'arredo urbano e di arredi per gli esterni e l'affidamento del servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria di prodotti per arredo urbano e di arredi per esterni

Decreto 7 febbraio 2023
(GU n. 69 del 22.03.2023)

In vigore dal 20.07.2023

38

Criteri ambientali minimi per le forniture ed il noleggio di prodotti tessili ed il servizio di restyling e finissaggio di prodotti tessili

 

Decreto 7 febbraio 2023
(GU n.70 del 23.03.2023).

 

In vigore dal 22.05.2023

39

Criteri ambientali minimi per gli affidamenti relativi ai servizi di ristoro e alla distribuzione di acqua di rete a fini potabili

Decreto 6 novembre 2023
(GU n. 282 del 02.12.2023)

In vigore dal 31.03.2024

07.06.2024 - Decreto 17 maggio 2024 (GU n.131 del 06.06.2024) - Modificato Allegato 1 del Decreto 6 novembre 2023

________

Elenco completo alla data del 29.01.2024 (link diretti singoli documenti)

Criteri EU GPP Prodotti e servizi di pulizia (2018)

- Criteri EU GPP Copia e carta grafica (2008)

Criteri EU GPP Apparecchiature elettriche ed elettroniche utilizzate nel settore sanitario (2014)

Criteri EU GPP elettricità (2012)

Criteri EU GPP Mobili (2017)

- Criteri EU GPP Apparecchiature per immagini (2020)

Criteri EU GPP Progettazione, costruzione e gestione di edifici per uffici (2016) (attualmente in revisione)

- Criteri EU GPP Pitture, vernici e segnaletica orizzontale (2018)

Criteri EU GPP Progettazione, costruzione e manutenzione di strade (2016)

Criteri EU GPP Rubinetteria sanitaria (2013) 

- Criteri EU GPP Illuminazione stradale e segnali stradali (2018)

Criteri EU GPP Tessile (2017)

- Criteri EU GPP Toilette e orinatoi (2013)

- Criteri EU GPP Infrastruttura delle acque reflue (2013)

- Criteri EU GPP riscaldamento ad acqua (2014)

EU GPP criteria for food procurement, catering services and vending machines (2019)

EU GPP criteria for public spaces maintenance (2019)

- Criteri EU GPP centri dati, sale server e servizi cloud (2020)

- EU GPP criteria for computers, monitors, tablets and smartphones (2021)

- EU GPP criteria for road transport (2021)

Criteri EU GPP | Tutti i Documenti (link) GPP a questo link: Green Public Procurement (GPP) - List

Green Public Procurement  GPP    List

_______

Fonti:
Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza energetica
Commissione Europea

Matrice Revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
11.0 07.06.2024 Decreto 17 maggio 2024 Certifico Srl
10.0 29.01.2024 - Decreto 6 novembre 2023 Adozione dei criteri ambientali minimi per gli affidamenti relativi ai servizi di ristoro e alla distribuzione di acqua di rete a fini potabili. (GU n. 282 del 02.12.2023)- Entrata in vigore: 31.03.2024
- Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica 3 agosto 2023, approvazione Edizione 2023 “Piano d’azione nazionale per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione” (GU n.193 del 19.08.2023).
- Decreto Legislativo 31 marzo 2023 n. 36 Codice dei contratti pubblici in attuazione dell’articolo 1 della legge 21 giugno 2022, n. 78, recante delega al Governo in materia di contratti pubblici (GU n.77 del 31.03.2023 - S.O. n. 12)
- Ristrutturazione documento.
Certifico Srl
9.0  23.03.2023 Decreto 7 febbraio 2023 / CAM forniture e noleggio prodotti tessili. Entrata in vigore: 22.05.2023 Certifico Srl
8.0 22.03.2023 Decreto 7 febbraio 2023 / CA2M parchi giochi, arredo urbano e arredi per esterni. Entrata in vigore: 20.07.2023 Certifico Srl
7.0 03.12.2022 Decreto 19 ottobre 2022 / CAM organizzazione e realizzazione di eventi
Criteri ambientali minimi per il servizio di organizzazione e realizzazione di eventi. (GU n.282 del 02.12.2022). Entrata in vigore: 17.12.2022
Certifico Srl
6.0 09.08.2022 Decreto 23 giugno 2022 / CAM Arredi per interni
Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di fornitura, noleggio ed estensione della vita utile di arredi per interni. (GU n.184 dell'08.08.2022). 
Certifico Srl
5.0 06.08.2022 Decreto 23 giugno 2022 / CAM rifiuti
Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, della pulizia e spazzamento e altri servizi di igiene urbana, della fornitura di contenitori e sacchetti per la raccolta dei rifiuti urbani, della fornitura di veicoli, macchine mobili non stradali e attrezzature per la raccolta e il trasporto di rifiuti e per lo spazzamento stradale.
Decreto 23 giugno 2022 / CAM edilizia
Criteri ambientali minimi per l'affidamento del servizio di progettazione di interventi edilizi, per l'affidamento dei lavori per interventi edilizi e per l'affidamento congiunto di progettazione e lavori per interventi edilizi.
Certifico Srl
4.0 26.01.2022 Aggiornati link diretti singoli documenti criteri EU GPP Certifico Srl
3.0 14.07.2021 Decreto 30 giugno 2021 Adozione dei criteri ambientali minimi per forniture e noleggio di prodotti tessili, ivi inclusi mascherine filtranti, dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale nonche' servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili. Certifico Srl
2.0 02.07.2021 Decreto 17 giugno 2021 Criteri ambientali minimi per l'acquisto, leasing, locazione, noleggio di veicoli adibiti al trasporto su strada.  Certifico Srl
1.0 20.02.2021 DM 29 Gennaio 2021 - CAM affidamento del servizio di pulizia e sanificazione di edifici e ambienti ad uso civile, sanitario e per i prodotti detergenti Certifico Srl
0.0 04.01.2020 --- Certifico Srl

Correlati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 11.0 2024.pdf
Certifico Srl - Rev. 11.0 2024
302 kB 25
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 10.0 2024.pdf
Certifico Srl - Rev. 10.0 2024
301 kB 17
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 9.0 2023.pdf
Certifico Srl - Rev. 9.0 2023
292 kB 20
Allegato riservato Criteri Ambientali Minini CAM Elenco Rev. 8.0 2023.pdf
Certifico Srl - Rev. 8.0 2023
261 kB 9
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 7.0 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 7.0 2022
279 kB 9
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 6.0 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 6.0 2022
275 kB 9
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 5.0_2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 5.0 2022
274 kB 6
Allegato riservato Criteri Ambientali Minimi CAM acquisti verdi GPP Rev. 4.0 2022.pdf
Certifico Srl - Rev. 4.0 2022
265 kB 48
Allegato riservato Criteri EU GPP riscaldamento ad acqua.pdf
CAM - GPP
326 kB 40
Allegato riservato Criteri EU GPP Trasporto.pdf
CAM - GPP
194 kB 38
Allegato riservato Criteri EU GPP Toilette e orinatoi.pdf
CAM - GPP
123 kB 28
Allegato riservato Criteri EU GPP Illuminazione stradale e segnali stradali.pdf
CAM - GPP
208 kB 30
Allegato riservato Criteri EU GPP Rubinetteria sanitaria.pdf
CAM - GPP
105 kB 32
Allegato riservato Criteri EU GPP Progettazione, costruzione e manutenzione di strade.pdf
CAM - GPP
821 kB 33
Allegato riservato Criteri EU GPP Progettazione, costruzione e gestione di edifici per uffici.pdf
CAM - GPP
667 kB 40
Allegato riservato Criteri EU GPP Prodotti e servizi di pulizia.pdf
CAM - GPP
181 kB 30
Allegato riservato Criteri EU GPP Mobili.pdf
CAM - GPP
319 kB 23
Allegato riservato Criteri EU GPP Pitture e vernici segnalitica orizzontale.pdf
CAM - GPP
286 kB 29
Allegato riservato COM 400 2008.pdf
Appalti pubblici per un ambiente migliore
76 kB 36
Allegato riservato Guida per l’integrazione degli aspetti sociali negli appalti pubblici.pdf
CAM - GPP
903 kB 45
Allegato riservato CAM Servizi energetici per edifici.pdf
CAM - GPP
2197 kB 58
Allegato riservato CAM ristorazione collettiva.pdf
CAM - GPP
1780 kB 26
Allegato riservato CAm pulizia e prodotti per igiene.pdf
CAM - GPP
789 kB 33
Allegato riservato CAM prodotti tessili.pdf
CAM - GPP
806 kB 22
Allegato riservato CAM prodotti detergenti.pdf
CAM - GPP
4497 kB 32
Allegato riservato CAM piante ornamentali e irrigazione.pdf
CAM - GPP
1306 kB 26
Allegato riservato CAM gestione rirfiuti urbani.pdf
CAM - GPP
4758 kB 37
Allegato riservato CAM forniture ausili incontinenza.pdf
CAM - GPP
1321 kB 22
Allegato riservato CAM costruzione ristrutturazione manutenzione edifici pubblici.pdf
CAM - GPP
1185 kB 39
Allegato riservato CAM cartucce toner e a getto di inchiostro.pdf
CAM - GPP
1192 kB 29
Allegato riservato CAM carta per copia e carta grafica.pdf
CAM - GPP
742 kB 27
Allegato riservato CAM autoveicoli trasporto su strada.pdf
CAM - GPP
546 kB 28
Allegato riservato CAM articoli per arredo urbano.pdf
CAM - GPP
418 kB 25
Allegato riservato CAM Arredi per interni.pdf
CAM - GPP
645 kB 30
Allegato riservato Criteri UE GPP per i prodotti e i servizi tessili.pdf
CAM - GPP
267 kB 24
Allegato riservato Criteri UE GPP per computer monitor.pdf
CAM - GPP
674 kB 33
Allegato riservato Criteri UE GPP pannelli divisori.pdf
CAM - GPP
114 kB 23
Allegato riservato Criteri UE GPP infrastrutture delle acque reflue.pdf
CAM - GPP
2602 kB 32
Allegato riservato Criteri UE GPP generali per elettricità.pdf
CAM - GPP
32 kB 27
Allegato riservato Criteri UE GPP carta per copia e carta grafica.pdf
CAM - GPP
54 kB 25
Allegato riservato Criteri UE GPP apparecchiature per la riproduzione di immagini.pdf
CAM - GPP
71 kB 22
Allegato riservato Criteri UE GPP apparecchiature elettriche ed elettroniche settore sanitario.pdf
CAM - GPP
247 kB 22
Allegato riservato Criteri UE GPP alimenti e sercizi di ristorazione.pdf
CAM - GPP
62 kB 27
Allegato riservato Criteri UE GPP prodotti e servizi per giardini.pdf
CAM - GPP
168 kB 29

Tags: Ambiente Abbonati Ambiente Codice Appalti GPP

Articoli correlati