Slide background

EN 31010 Guida alle Tecniche di Valutazione del Rischio: elenco / scelta

ID 4040 | | Visite: 15346 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/4040

EN 31010 Guida alle Tecniche di Valutazione del Rischio: elenco / scelta

Il Documento, estratto dalla norma e dall'allegato informativo A, illustra le "Tecniche di Valutazione del Rischio": dalle definizioni delle fasi del processo di VR, alle tecniche/metodi e la scelta opportuna in relazione:

- alle fasi del processo (Tabella 1)
- ai fattori del processo (Tabella 2).

La norma EN 31010 (guida applicativa della ISO 31000) è  una guida sulla selezione e sull'applicazione di tecniche sistematiche per la valutazione del rischio. 

Presenta l'applicazione di diverse tecniche, con specifico riferimento ad altre norme internazionali dove il concetto e l'applicazione delle singole tecniche sono descritte in maggior dettaglio.

Sono riportate 31 Tecniche di Valutazione del rischio (Tabella A), non necessariamente legate alla sicurezza:

01. Brainstorming
02. Structured or semi-structured interviews
03. Delphi
04. Check-lists
05. Primary hazard analysis
06. Hazard and operability studies (HAZOP)
07. Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP)
08. Environmental risk assessment
09. Structure «What if? (SWIFT)
10. Scenario analysis
11. Business impact analysis
12. Root cause analysis
13. Failure mode effect analysis
14. Fault tree analysis
15. Event tree analysis
16. Cause and consequence analysis
17. Cause-and-effect analysis
18. Layer protection analysis (LOPA)
19. Decision tree
20. Human reliability analysis
21. Bow tie analysis
22. Reliability centred maintenance
23. Sneak circuit analysis
24. Markov analysis
25. Monte Carlo simulation
26. Bayesian statistics and Bayes Nets
27. FN curves
28. Risk indices
29. Consequence/probability matrix
30. Cost/benefit analysis
31. Multi-criteria decision analysis (MCDA)

Valutazione del rischio

La valutazione del rischio è il processo complessivo di identificazione dei rischi, analisi dei rischi e valutazione del rischio (Vedi figura 1). 

La valutazione dei rischi consente ai responsabili delle decisioni e ai soggetti responsabili di comprendere meglio i rischi che potrebbero influenzare il raggiungimento degli obiettivi e l'adeguatezza e l'efficacia dei controlli già in atto. Ciò fornisce una base per le decisioni circa l'approccio più appropriato da utilizzare per trattare i rischi.

I risultati della valutazione dei rischi devono essere un contributo ai processi decisionali dell'organizzazione.

Il modo in cui questo processo viene applicato dipende non solo dal contesto del processo di gestione dei rischi, ma anche dai metodi e dalle tecniche utilizzate per effettuare la valutazione dei rischi.


Figura 1

...

Selezione delle tecniche

La valutazione del rischio può essere effettuata in diversi gradi di dettaglio e utilizzando uno o più metodi semplici / complessi.

IL processo di valutazione e la suoi risultati devono essere coerenti con i criteri del rischio sviluppati nell'ambito della definizione del contesto.

L'Allegato A illustra la relazione concettuale tra le varie categorie di tecniche di valutazione dei rischi dei fattori presenti in una determinata situazione di rischio e fornisce esempi illustrativi su come le organizzazioni possono scegliere le appropriate tecniche di valutazione del rischio per una determinata situazione.

In termini generali, la tecniche appropriate devono presentare le seguenti caratteristiche:

- devono essere giustificabili e adeguate alla situazione o all'organizzazione in esame;
- dovrebbero fornire risultati in una forma che aumenta la comprensione della natura del rischio e del suo trattamento;
- dovrebbero poter essere utilizzate in modo che siano tracciabili, ripetibili e verificabili.

Le ragioni per la scelta delle tecniche dovrebbero essere date, per quanto riguarda la pertinenza e l'idoneità. Quando si integrano i risultati di diversi studi, le tecniche utilizzate e i risultati devono essere comparabili.

Le tecniche dovrebbero essere selezionate, basandosi su fattori applicabili quali:

- gli obiettivi dello studio.
- le esigenze di decisione. 
- il tipo e la gamma dei rischi da analizzare;
- la potenziale grandezza delle conseguenze.
- il livello di competenza, le risorse umane e le altre risorse necessarie.
- la disponibilità di informazioni e dati. Alcune tecniche richiedono maggiori informazioni e dati rispetto ad altri;
- la necessità di modificare / aggiornare la valutazione dei rischi. La valutazione potrebbe essere necessario modificare / aggiornare in futuro e alcune tecniche sono più modificabili di altre a questo proposito;
- requisiti regolamentari e contrattuali.

Vari fattori influenzano la scelta di un approccio alla valutazione del rischio come la disponibilità di risorse, natura e grado di incertezza nei dati e nelle informazioni disponibili e la complessità dell'applicazione (vedere tabella A.2).

Tipi di tecniche di valutazione dei rischi

Le tecniche di valutazione dei rischi possono essere classificate in vari modi per aiutare a comprendere i loro punti di forza e le loro debolezze.

Le tabelle dell'allegato A correlano alcune potenziali tecniche e le loro categorie a fini illustrativi.

Ciascuna delle tecniche è ulteriormente elaborata nell'allegato B (non presente nel documento) per quanto riguarda la natura della valutazione che forniscono e orientano la loro applicabilità a determinate situazioni.
...

Allegato A (informativo)
Confronto delle tecniche di valutazione dei rischi

STEP 1 (scelta secondo le fasi)

A1. Tipi di tecnica

La prima classificazione mostra come le tecniche si applicano a ciascuna fase del processo di valutazione del rischio come segue:

- identificazione del rischio;
- analisi del rischio - analisi delle conseguenze;
- analisi dei rischi - stima della probabilità qualitativa, semiquantitativa o quantitativa;
- analisi dei rischi - valutazione dell'efficacia di tutti i controlli esistenti;
- analisi del rischio - stima del livello di rischio;
- valutazione dei rischi.

Per ciascuna fase del processo di valutazione dei rischi, la spiegazione del metodo è descritta come fortemente applicabile, applicabile o non applicabile (Tabella A.1):

Tools and techniques Risk assessment process See
Annex
 
Risk analysis
 
Risk Identification Consequence Probability Level-risk Risk evaluation
Brainstorming SA 1) NA 2) NA NA NA B01
Structured or semi-structured interviews SA NA NA NA NA B02
Delphi SA NA NA NA NA B03
Check-lists SA NA NA NA NA B04
--- --- --- --- --- --- ---
Hazard and operability studies (HAZOP)            
-- --- --- --- --- --- ---
Environmental risk assessment SA SA SA SA SA B07
             
Failure mode effect analysis  SA SA SA SA SA B13
--- --- --- --- --- --- ---
Consequence/probability matrix  SA SA SA SA A B29

Tabella A.1

1) Strongly Applicable (SA)
2) Not Applicable (NA)
3) Applicable (A)

STEP 2 (scelta secondo fattori)

A.2 Fattori che influenzano la selezione delle tecniche di valutazione dei rischi

La scelta del metodo è descritta in termini di:
 
- complessità del problema e modalità necessarie per analizzarlo,
- natura e grado di incertezza della valutazione dei rischi in base alla quantità di informazioni disponibili e quanto necessario per soddisfare obiettivi,
- entità delle risorse necessarie in termini di tempo e livello di competenza, di dati o di costo,
- se il metodo può fornire una produzione quantitativa.

Esempi di tipi di metodi di valutazione dei rischi disponibili sono elencati nella tabella A.2 dove ogni metodo è classificato come medio alto o basso in termini di questi attributi.


Type of risk assessment 
technique
Description Relevance of influencing factors

Can
provide
Quantitative 
output
Resources and capability Nature and degree of uncertainty Complexity
LOOK-UP METHODS
Check-lists A simple form of risk identification. A technique which provides a listing of typical uncertainties which need to be considered. Users refer to a previously developed list, codes or standards Low Low Low No
Preliminary hazard analysis A simple inductive method of analysis whose objective is to identify the hazards and hazardous situations and events that can cause harm for a given activity, facility or system Low High Medium No
--- --- --- --- --- ---

Tabella A.2

segue

Fonte ISO/IEC:
IEC 31010:2009
Risk management -- Risk assessment techniques
https://www.iso.org/standard/51073.html

https://webstore.iec.ch/publication/7535

Fonte CEI
CEI EN 31010:2011
Gestione del rischio - Tecniche di valutazione del rischio 
https://my.ceinorme.it/index.html#detailsId=0000011330

 

Formato pdf
Pagine 14
Rielaborabile: SI
Riservato Abbonati: Normazione/3X/4X/Full
Certifico Srl - IT Rev. 00 2017



Tags: Normazione Norme ISO Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

IFA 2 0 8 Sistema
Gen 18, 2019 22

SISTEMA ISO 13849-1 Versione 2.0.8 Build 3

SISTEMA ISO 13849-1 Versione 2.0.8 Build 3 Safety Integrity Software Tool for the Evaluation of Machine Applications Rilasciata da IFA la Versione stabile di SISTEMA 2 (2.0.8 Build 3) del 17 Gennaio 2019 I progetti e le librerie delle versioni precedenti 1.x.x non sono compatibili e devono essere… Leggi tutto
Gen 08, 2019 53

ISO Update 2019

ISO Update 2019 International Standards in process List of CD (committee draft) registered; DIS (draft International Standard) circulated, FDIS (final draft International Standard) circulated and Standards published, confirmed and withdrawn for a given period.____View Safety of machinery ISO/TC 199… Leggi tutto
EN 13128 2009 Sicurezza Fresatrici
Dic 20, 2018 67

EN 13128:2009 Sicurezza Fresatrici

EN 13128:2009 Sicurezza delle macchine utensili - Fresatrici (incluse alesatrici) La presente norma è la versione ufficiale della norma europea EN 13128:2001+A2 (edizione aprile 2009) e tiene conto dell'errata corrige di marzo 2010 (AC:2010). La norma specifica le misure e i requisiti di sicurezza… Leggi tutto
Guida CEN CENELEC 17
Nov 27, 2018 122

Guida CEN/CENELEC 17

Guida CEN/CENELEC 17 Linee guida per la stesura delle norme tenendo in considerazione le esigenze delle micro, piccole e medie imprese (PMI) Il presente documento (CEN/CLC Guida 17) è stato elaborato dal CEN/CLC BT WG 208 “Linee guida sulle esigenze delle PMI”, la cui segreteria è affidata a… Leggi tutto
CEN guide 4
Nov 27, 2018 105

CEN GUIDE 4

CEN GUIDE 4:2008 Guide for addressing environmental issues in product standards Every product has an impact on the environment during all stages of its life-cycle, e.g. extraction of resources, acquisition of raw materials, production, distribution, use (application), reuse, end-of-life treatment,… Leggi tutto
UNI CEI EN ISO IEC 17020 2012
Nov 22, 2018 220

UNI CEI EN ISO-IEC 17020

UNI CEI EN ISO-IEC 17020:2012 Valutazione della conformità - Requisiti per il funzionamento di vari tipi di organismi che eseguono ispezioni. L’organismo di ispezione ha il compito e la responsabilità di effettuare delle valutazioni di conformità degli elementi sottoposti ad ispezione. Gli elementi… Leggi tutto
Nov 17, 2018 184

Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n. 13

Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n. 13 Definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l'individuazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certificazione delle competenze, a norma… Leggi tutto

Più letti Normazione