Slide background
Slide background




Portale Minerva | Strumenti rischio incidente rilevante

ID 7118 | | Visite: 1394 | News ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/7118

 Portale EU Minerva  Strumenti rischio incidente rilevante

Portale Minerva | Strumenti rischio incidente rilevante

Il portale Minerva fornisce una raccolta di informazioni tecniche e strumenti a sostegno della prevenzione/gestione dei rischi di incidenti rilevanti. 

Ospita anche la banca dati eSPIRS con gli stabilimenti coperti dalla direttiva Seveso e la banca dati eMARS che comprende le segnalazioni di incidenti rilevanti.

Le emissioni di singoli incidenti chimici che coinvolgono sostanze pericolose negli impianti chimici, nelle raffinerie petrolchimiche e petrolifere continuano a verificarsi abbastanza frequentemente in Europa e dimostrano la necessità di un migliore e più efficiente controllo dei principali rischi industriali.

https://minerva.jrc.ec.europa.eu/en/minerva

Applicazioni portale MINERVA

espirseSPIRS

La banca dati SPIRS (Seveso Plants Information Retrieval System) è stata creata nel 2001 dal JRC su richiesta della Direzione generale dell'Ambiente della Commissione europea (DG ENV) come banca dati volontaria a cui gli Stati membri dell'UE potevano identificare i loro stabilimenti Seveso Commissione europea.

Nel 2005, a seguito di una modifica della legislazione Seveso II (direttiva 2003/105/CE), la segnalazione degli stabilimenti alla banca dati SPIRS della Commissione europea è diventata obbligatoria.

Tale obbligo è stato successivamente riconfermato nella direttiva Seveso III (2012/18/UE).

Il JRC gestisce questo sistema di segnalazione per conto della DG ENV in adempimento degli obblighi della Commissione ai sensi della direttiva Seveso ed è il principale punto di contatto per gli Stati membri a tale riguardo..

eSPIRS è stato progettato e sviluppato all'interno della piattaforma web MINERVA. MINERVA è il portale di MAHB per i servizi e gli strumenti di supporto scientifico e politico e un'architettura ICT di strumenti volti a sostenere le politiche dell'Unione Europea relative alla prevenzione e preparazione degli incidenti chimici (CAPP) e alla riduzione del rischio di disastri.

All'inizio del 2013, il MAHB, in consultazione con la DG ENV, ha iniziato a progettare e sviluppare il quadro per eSPIRS per comprendere le informazioni sugli stabilimenti che sono considerati presentare rischi gravi a causa del potenziale rischio di incidenti associato alla presenza di sostanze pericolose come definito dal Seveso III direttiva.

Ora ci sono 28 Stati membri dell'UE, più tre paesi EEA/EFTA (Islanda, Norvegia e su base volontaria Svizzera), che comunicano con eSPIRS. Attualmente ci sono più di 10.000 stabilimenti segnalati.

Lo scopo della base di dati è di sostenere gli Stati membri e la Commissione nei processi decisionali relativi alla gestione del rischio, fornendo una panoramica della distribuzione geografica dei rischi dagli stabilimenti di Seveso.

Le informazioni minime raccolte a norma dell'articolo 21, paragrafo 3, della direttiva Seveso III (2012/18/UE) comprendono il nome o il nome commerciale dell'operatore, l'indirizzo completo dello stabilimento e l'attività dello stabilimento.

Inoltre, eSPIRS è stato progettato sulla base della Decisione di esecuzione della Commissione del 10 dicembre 2014 che stabilisce il formato per la comunicazione delle informazioni di cui all'articolo 21, paragrafo 3, della direttiva 2012/18/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sul controllo pericoli di incidenti rilevanti che coinvolgono sostanze pericolose.

Le informazioni raccolte forniscono una panoramica del numero, della distribuzione spaziale e del tipo di siti di pericolosità principali. I sistemi di informazione geografica (GIS) consentono la mappatura delle componenti spaziali degli stabilimenti e la preparazione di una varietà di mappe tematiche basate su una specifica esigenza o richiesta.

Il contenuto di eSPIRS è aggiornato dagli utenti autorizzati nazionali, paese per paese.

Il contenuto del eSPIRS DB è a disposizione del pubblico, per le informazioni ritenute non confidenziali da ciascun paese a partire dal 1 ° gennaio 2017.

A tutti gli utenti sarà richiesto di ottenere l'autenticazione dal Servizio di autenticazione della Commissione europea (ECAS) per poter accedere ai dati non riservati di eSPIRS (privilegi di sola lettura).

Per le Autorità Seveso Competenti, esiste un processo di autorizzazione aggiuntivo per poter aggiungere e modificare i dati di stabilimento (privilegi di lettura e scrittura). Per ulteriori informazioni, contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  '; document.write(''); document.write(addy_text54604); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

emarseMARS

eMARS (sistema di segnalazione degli incidenti rilevanti on line) contiene resoconti di incidenti chimici e mancati soccorsi forniti al Major Hazard Bureau (MAHB) del Centro comune di ricerca della Commissione europea (JRC) dai paesi dell'UE, del SEE, dell'OCSE e dell'UNECE (ai sensi della convenzione TEIA).

La segnalazione di un evento in eMARS è obbligatoria per gli Stati membri dell'UE quando è coinvolto uno stabilimento Seveso e l'evento soddisfa i criteri di un "grave" incidente come definito dall'allegato VI della direttiva Seveso III (2012/18/UE).

Per i Paesi dell'OCSE e UNECE non UE, segnalare gli incidenti alla banca dati eMARS è volontario. Le informazioni dell'evento segnalato sono inserite direttamente in eMARS dall'autorità di segnalazione ufficiale del paese in cui si è verificato l'evento.

Lo scopo del database

I rapporti sugli incidenti chimici derivanti dalle indagini possono essere efficaci nel sensibilizzare i potenziali guasti che potrebbero causare gravi incidenti negli stabilimenti che utilizzano sostanze pericolose. Forniscono inoltre al pubblico l'accesso alle informazioni sugli incidenti per aiutare gli sforzi locali e nazionali volti a ridurre i rischi di incidenti chimici.

Le relazioni in eMARS non sono intese come strumenti per esprimere un giudizio su singole società o paesi associati a un incidente. Una cultura della colpa che circonda il database ridurrebbe notevolmente la condivisione delle informazioni. Pertanto, i nomi e le sedi delle società non sono identificati nel database al fine di mantenere l'attenzione sul valore delle lezioni apprese delle informazioni e di incoraggiare una segnalazione completa e accurata di ciò che è accaduto in modo che tutti possano imparare da esso. 

aidaAIDA

AIDA è concepito come una raccolta di strumenti per la gestione e l'analisi dei dati sugli incidenti. Il primo strumento AIDA eMARS Light offre il modello di un incidente chimico di segnalazione applicazione per i paesi interessati a stabilire il proprio strumento online e il database di incidenti chimici. Gli utenti autorizzati di qualsiasi paese interessato (all'interno o all'esterno dell'UE) possono testare la funzionalità dello strumento immettendo i dati sugli incidenti.

adamADAM

ADAM (Modulo di analisi dei danni agli incidenti) è uno strumento software sviluppato dal Joint Research Center (JRC) della Commissione europea (CE) per valutare gli effetti fisici e i relativi danni di un incidente industriale derivante da un rilascio involontario di una sostanza pericolosa.

Questo software è specificamente destinato ad assistere le autorità competenti dell'UE, che sono responsabili dell'attuazione della direttiva Seveso nei loro paesi, nonché le organizzazioni governative e di ricerca degli Stati membri dell'UE, i paesi candidati e in via di adesione dell'UE e i paesi vicini europei Paesi politici coinvolti nella prevenzione e nella preparazione degli incidenti chimici.

Più specificamente, ADAM è progettato per implementare il calcolo degli effetti fisici di un incidente industriale in termini di radiazione termica, sovrapressione o concentrazione tossica che possono derivare dalla perdita di contenimento di una sostanza infiammabile o tossica. A tale scopo, sono stati usati e combinati modelli adatti per simulare la possibile evoluzione di un incidente, dal momento del rilascio al danno finale.

Tutti i modelli implementati sono stati testati durante la fase di ricerca e, come tale, potrebbero fornire un grande supporto a diversi operatori coinvolti nel settore della sicurezza industriale, come gli analisti del rischio, gli ispettori del sito e i revisori dei rapporti di sicurezza. L'esito dei calcoli ADAM è di fondamentale importanza per qualsiasi stima del rischio, ma è anche essenziale per attività connesse al supporto decisionale quali, ad esempio, l'identificazione di misure di protezione efficaci, l'organizzazione di piani di emergenza interni ed esterni, la fornitura delle informazioni corrette al pubblico e definizione dell'uso del territorio attorno a una struttura industriale. Inoltre, l'analisi dell'esposizione agli effetti di un incidente che coinvolge una certa sostanza pericolosa può essere utilizzata anche per valutare il potenziale intrinseco della sostanza a produrre danni.

Fonte: Commissione Europea
https://espirs.jrc.ec.europa.eu/en/espirs/content
https://emars.jrc.ec.europa.eu/en/emars/content
https://aida.jrc.ec.europa.eu/en/aida/content
https://adam.jrc.ec.europa.eu/en/adam/content

________

Collegati:

Pin It

Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Ultimi archiviati Chemicals

RapportoISTISAN 1918
Nov 11, 2019 17

Metalli in prodotti cosmetici | Valutazione dei rischi per la salute

Metalli in prodotti cosmetici: procedure raccomandate per la determinazione e valutazione dei rischi per la salute ISTISAN 19/18 Il Regolamento (CE) 1223/2009 sui prodotti cosmetici contiene le disposizioni armonizzate per proteggere la salute dei consumatori (art. 3) e garantire il buon… Leggi tutto
Regolamento CE  428 2009
Nov 08, 2019 23

Regolamento (CE) N. 428/2009

Regolamento (CE) N. 428/2009 Regolamento (CE) N. 428/2009 del Consiglio del 5 maggio 2009 che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell’intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso GU L 134/1 del 29.5.2009 Data di entrata in… Leggi tutto
Micotossine alimenti
Ott 30, 2019 44

Relazione controllo delle micotossine negli alimenti | anno 2018

Relazione riguardante il controllo delle micotossine negli alimenti anno 2018 A cura di Ministero della Salute Anno 2019 Il Ministero della Salute, in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità, ha predisposto a partire dall’anno 2016 il Piano nazionale di controllo ufficiale delle… Leggi tutto
Pridina
Ott 21, 2019 85

Piridina

Piridina Monografie IARC vol 77 (2000) e Vol 119 (2019) E' usata come solvente nella sintesi di prodotti chimici e nell'industria. E anche usata come denaturante in miscele di alcol e antigelo, come solvente per vernice, gomma e resine in policarbonato, come intermedio nella produzione di… Leggi tutto
Rapporti ISTSAN 19 2
Ott 21, 2019 63

Rapporto ISTSAN 19 | 2

Rapporti ISTSAN 19|2: I tatuaggi: sicurezza d’uso e criteri di controllo Negli ultimi decenni è stato osservato un aumento della diffusione della pratica del tatuaggio considerata, allo stato attuale, principalmente come una forma di arte del corpo che coinvolge sia le donne che gli uomini e in… Leggi tutto
Solvents for acetylene filling
Ott 17, 2019 117

Solvents for acetylene filling

Solvents for acetylene filling EIGA, Doc. 225/19 Acetylene is a chemically unstable gas which can decompose violently under pressure. The acetylene gas is dissolved into a liquid solvent within the cylinder to improve the acetylene’s chemical stability. This reduces the hazards involved in filling,… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 21285

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Mar 02, 2019 20493

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto