Slide background
Slide background




EFSA | Valutazione sicurezza biossido di titanio (E171) come additivo alimentare

ID 13595 | | Visite: 350 | News ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/13595

Temi: Chemicals , Food

Valutazione sicurezza biossido di titanio E171 come additivo alimentare

EFSA | Valutazione sicurezza biossido di titanio (E171) come additivo alimentare

EFSA, 2021

L'EFSA ha aggiornato la sua valutazione di sicurezza dell'additivo alimentare biossido di titanio (E 171), a seguito di una richiesta della Commissione europea nel marzo 2020.

La valutazione aggiornata rivede i risultati della precedente valutazione dell'EFSA pubblicata nel 2016, che ha evidenziato la necessità di ulteriori ricerche per colmare le lacune nei dati.

Il prof. Maged Younes, presidente del gruppo di esperti sugli additivi e aromi alimentari (FAF) dell'EFSA, ha dichiarato: "Tenendo conto di tutti gli studi scientifici e i dati disponibili, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che il biossido di titanio non può più essere considerato sicuro come additivo alimentare. Un elemento critico per giungere a questa conclusione è che non abbiamo potuto escludere problemi di genotossicità dopo il consumo di particelle di biossido di titanio. Dopo l'ingestione orale, l'assorbimento delle particelle di biossido di titanio è basso, tuttavia possono accumularsi nell'organismo ”.

La valutazione è stata condotta seguendo una metodologia rigorosa e prendendo in considerazione molte migliaia di studi che si sono resi disponibili dalla precedente valutazione dell'EFSA nel 2016, comprese nuove prove scientifiche e dati sulle nanoparticelle.

I nostri esperti scientifici hanno applicato per la prima volta la Guida 2018 del Comitato scientifico dell'EFSA sulla nanotecnologia per la valutazione della sicurezza degli additivi alimentari. Il biossido di titanio E 171 contiene al massimo il 50% delle particelle nell'intervallo nanometrico (cioè meno di 100 nanometri) a cui i consumatori possono essere esposti.

EFSA 2021 - Parere valutazione della sicurezza del biossido di titanio E171 come additivo alimentare

Il presente parere si occupa di una valutazione di sicurezza aggiornata dell'additivo alimentare biossido di titanio (E 171) sulla base di nuove prove scientifiche pertinenti considerate affidabili dal gruppo di esperti scientifici, compresi i dati ottenuti con nanoparticelle di TiO 2 (NP) e dati da una versione estesa. studio sulla tossicità riproduttiva della generazione (EOGRT).

Meno del 50% delle particelle costituenti in numero in E 171 hanno una dimensione esterna minima <100 nm. Inoltre, il gruppo di esperti scientifici ha notato che le particelle costituenti <30 nm ammontano a meno dell'1% in numero di particelle. Il gruppo di esperti scientifici ha pertanto ritenuto che gli studi con TiO 2 NP <30 nm fossero di limitata rilevanza per la valutazione della sicurezza di E 171. Il gruppo di esperti scientifici ha concluso che, sebbene l'assorbimento gastrointestinale di TiO 2le particelle sono basse, possono accumularsi nel corpo. Gli studi sulla tossicità generale e d'organo non hanno indicato effetti avversi con E 171 fino a una dose di 1.000 mg / kg di peso corporeo (pc) al giorno o con TiO 2 NP (> 30 nm) fino alla dose massima testata di 100 mg / kg pc al giorno. Non sono stati osservati effetti sulla tossicità riproduttiva e dello sviluppo fino a una dose di 1.000 mg E 171 / kg di peso corporeo al giorno, la dose più alta testata nello studio EOGRT.

Tuttavia, le osservazioni di potenziale immunotossicità e infiammazione con E 171 e potenziale neurotossicità con TiO 2 NP, insieme alla potenziale induzione di focolai di cripta aberranti con E 171, possono indicare effetti avversi. Per quanto riguarda la genotossicità, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che TiO 2le particelle hanno il potenziale per indurre rotture del filamento di DNA e danni cromosomici, ma non mutazioni geniche. Non è stata osservata una chiara correlazione tra le proprietà fisico-chimiche delle particelle di TiO 2 e il risultato dei test di genotossicità in vitro o in vivo.

Pertanto, non è stato possibile escludere una preoccupazione per la genotossicità delle particelle di TiO 2 che possono essere presenti in E 171. Diverse modalità di azione per la genotossicità possono operare in parallelo e non sono noti i contributi relativi di diversi meccanismi molecolari indotti dalle particelle di TiO 2 . C'era incertezza sulla possibilità di assumere una modalità d'azione soglia. Inoltre, un valore limite per TiO 2non è stato possibile identificare la dimensione delle particelle rispetto alla genotossicità. Non era disponibile uno studio progettato in modo appropriato per indagare i potenziali effetti cancerogeni delle NP di TiO 2 .

Sulla base di tutte le prove disponibili, non è stato possibile escludere una preoccupazione per la genotossicità e, date le numerose incertezze, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che l'E 171 non può più essere considerato sicuro se usato come additivo alimentare.

Valutazione della genotossicità

La genotossicità si riferisce alla capacità di una sostanza chimica di danneggiare il DNA, il materiale genetico delle cellule. Poiché la genotossicità può portare a effetti cancerogeni, è essenziale valutare il potenziale effetto genotossico di una sostanza per trarre conclusioni sulla sua sicurezza.

Il prof Matthew Wright, sia membro del gruppo di esperti scientifici FAF che presidente del gruppo di lavoro dell'EFSA sull'E 171, ha dichiarato: "Sebbene le prove degli effetti tossici generali non fossero conclusive, sulla base dei nuovi dati e dei metodi rafforzati non potevamo escludere una preoccupazione per la genotossicità e di conseguenza non siamo riusciti a stabilire un livello sicuro per l' assunzione giornaliera dell'additivo alimentare ".

I gestori del rischio presso la Commissione europea e negli Stati membri dell'UE sono stati informati delle conclusioni dell'EFSA e valuteranno le azioni appropriate da intraprendere per garantire la protezione dei consumatori.

...

Il biossido di titanio (E 171) è autorizzato come additivo alimentare nell'UE secondo l'allegato II del regolamento (CE) n. 1333/2008.

La sicurezza dell'additivo alimentare E 171 è stata rivalutata dal gruppo di esperti scientifici ANS dell'EFSA nel 2016 nel quadro del Regolamento (UE) n. 257/2010, nell'ambito del programma di rivalutazione degli additivi alimentari autorizzati nell'UE prima del 20 gennaio 2009.

Nel suo parere del 2016, il gruppo di esperti scientifici ANS ha raccomandato la realizzazione di nuovi studi per colmare le lacune sui possibili effetti sul sistema riproduttivo, che potrebbero consentire loro di stabilire una dose giornaliera accettabile ( DGA ). È stata inoltre evidenziata l' incertezza circa la caratterizzazione del materiale utilizzato come additivo alimentare (E 171), in particolare per quanto riguarda la granulometria e la distribuzione granulometrica del biossido di titanio utilizzato come E 171.

Nel 2019 l'EFSA ha pubblicato una dichiarazione sulla revisione del rischio correlato all'esposizione all'additivo alimentare biossido di titanio (E171) effettuata dall'Agenzia francese per l'alimentazione, l'ambiente e la sicurezza sul lavoro (ANSES). Nella sua dichiarazione, l'EFSA ha sottolineato che il parere dell'ANSES ha ribadito le incertezze e le lacune nei dati precedentemente identificate dall'EFSA e non ha presentato risultati che invalidassero le precedenti conclusioni dell'Autorità sulla sicurezza del biossido di titanio.

Nello stesso anno (2019), anche l'Autorità olandese per la sicurezza dei prodotti alimentari e di consumo (NVWA) ha espresso un parere sui possibili effetti sulla salute dell'additivo alimentare biossido di titanio, che ha evidenziato l'importanza di esaminare gli effetti immunotossicologici oltre ai potenziali effetti reprotossicologici.

...

Fonte: EFSA

Collegati



Tags: Chemicals Food

Ultimi archiviati Chemicals

Piano nazionale delle attivit  di controllo sui prodotti chimici 2021
Set 18, 2021 27

Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici 2021

Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici 2021 A cura di Ministero della Salute Anno 2021 Il Piano è stato predisposto dal Ministero della Salute con la collaborazione del Gruppo tecnico interregionale REACH - CLP, con il Centro nazionale delle sostanze chimiche, prodotti… Leggi tutto
Set 02, 2021 80

Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 | 02.09.2021

Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 | 02.09.2021 Rettifica del regolamento (UE) 2020/1683 della Commissione, del 12 novembre 2020, che modifica gli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio sui prodotti cosmetici (Gazzetta ufficiale dell’Unione… Leggi tutto
Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021
Ago 30, 2021 83

Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021

Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021 Decisione di esecuzione della Commissione del 26 agosto 2021 che rettifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/2182 che stabilisce, a nome dell’Unione, la risposta definitiva sulla futura importazione di talune sostanze chimiche a norma… Leggi tutto
Piano nazionale ricerca residui 2020
Ago 27, 2021 95

Piano nazionale per la ricerca dei residui relazione anno 2020

Piano nazionale per la ricerca dei residui relazione anno 2020 Il Piano Nazionale Residui viene predisposto annualmente dal Ministero della salute sulla base delle indicazioni previste dalle norme europee e viene attuato a livello locale grazie alla collaborazione delle Autorità competenti… Leggi tutto
Ago 27, 2021 76

Decreto Ministeriale 9 maggio 1927

Decreto Ministeriale 9 maggio 1927 Approvazione di disposizioni concernenti l'impiego dei gas tossici di cui al regolamento approvato con R.D. 9 gennaio 1927, n. 1947.(GU n. 111 del 13 maggio 1927) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147
Leggi tutto
Ago 27, 2021 76

Decreto Luogotenenziale 12 luglio 1945 n. 417

Decreto Luogotenenziale 12 luglio 1945 n. 417 Istituzione dell'Alto Commissariato per L'igiene e la sanita' pubblica. (GU n.144 del 31.07.1945) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147
Leggi tutto
Ago 27, 2021 123

Decreto ministeriale 23 settembre 1969

Decreto ministeriale 23 settembre 1969 Riconoscimento ufficiale come gas tossico della sostanza denominata «acido fluoridrico» (GU n. 240 del 22.09.1969) Collegati
Regio Decreto 9 gennaio 1927 n. 147Vademecum impiego gas tossiciGas tossici: quadro normativo
Leggi tutto
Ago 26, 2021 108

Decreto Ministeriale 20 gennaio 1978

Decreto Ministeriale 20 gennaio 1978 Riconoscimento dei gas tetraidrotiofene, dietilsolfuro, etilisopropilsolfuro, etilmercaptano ai sensi e per gli effetti del regolamento speciale per l'impiego di gas tossici. GU n. 43 del 13.02.1978)_______ Art. 1.Le sostanze denominte, « Tetraidrotiofene »,… Leggi tutto
Ago 26, 2021 91

Decreto ministeriale 27 agosto 1930

Decreto ministeriale 27 agosto 1930 Variazioni ed aggiunte al prospetto allegato al regolamento concernente l'impiego dei gas tossici approvato con R. decreto 9 gennaio 1927, n. 147. (G.U. n. 209 del 06.09.1930) Art. 2. La sostanza denominata «Piombo tetraetile» (Fluidoethyl), avente la formula… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Mag 04, 2021 51105

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto