Slide background




Linee guida prevenzione e controllo organismi resistenti ai carbapenemi strutture sanitarie

ID 12431 | | Visite: 784 | Documenti SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/12431

Linee guida enterobatteri

Linee guida prevenzione e controllo organismi resistenti ai carbapenemi strutture sanitarie

Ministero della Salute, 12.11.2020

Linee guida per la prevenzione e il controllo di Enterobatteri, Acinetobacter baumannii e Pseudomonas aeruginosa resistenti ai carbapenemi nelle strutture sanitarie

Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) rappresentano uno degli eventi avversi più frequenti dell’assistenza sanitaria, sia per la diffusione endemica di alcuni microrganismi che per il verificarsi di epidemie, e costituiscono un problema di salute pubblica rilevante. Le ICA hanno un significativo impatto su morbilità, mortalità e qualità di vita e rappresentano un fardello economico che ricade sulla società. Tuttavia, un’elevata percentuale di ICA sono prevenibili e vi è un numero crescente di prove che aiutano a far aumentare la consapevolezza del peso globale di pericolo provocato da tali infezioni, incluse strategie per ridurne la diffusione.

La prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC) è una componente universalmente importante di tutti i sistemi sanitari e influenza la salute e la sicurezza delle persone che usufruiscono dei servizi e di coloro che li forniscono. Spinti da una serie di fattori emergenti nel campo della salute pubblica globale, è necessario sostenere gli Stati membri nello sviluppo e nel rafforzamento delle strategie di IPC per offrire sistemi sanitari resilienti, a livello nazionale e di struttura. Questi fattori sono strettamente legati alle conseguenze delle emergenze di salute pubblica globali recenti di portata internazionale, quali l’epidemia del virus Ebola nel 2013-2015 e l’attuale revisione del regolamento sanitario internazionale (IHR), insieme al programma d’azione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l’antimicrobico-resistenza (AMR) e il suo ruolo guida nell’implementazione del Piano d’azione globale correlato.

Gli obiettivi di queste linee guida sono quelli di fornire:

- raccomandazioni basate sull’evidenza riguardo al riconoscimento precoce e alle pratiche e procedure specifiche di prevenzione e controllo necessarie a prevenire in maniera efficace la comparsa e a controllare la diffusione delle colonizzazioni e infezioni da CRE-CRAB-CRPsA nelle strutture sanitarie per acuti;
- un quadro basato sull’evidenza che aiuti a informare riguardo allo sviluppo e/o il rafforzamento delle politiche e programmi di prevenzione e controllo nazionali e di struttura per controllare la trasmissione di CRE-CRAB-CRPsA nei diversi tipi di strutture sanitarie.

Le raccomandazioni incluse in queste linee guida sono state create a partire dagli standard globali di IPC definiti dalle Linee guida dell’OMS sulle componenti centrali di un programma di prevenzione e controllo delle infezioni a livello nazionale e di strutture sanitarie per acuti (WHO guidelines on core components of infection prevention and control programmes at the national and acute health care facility level) e, in questo contesto, sono pensate per allinearsi ai principi fondamentali di IPC e per rafforzarne la diffusione.

Le linee guida sono state sviluppate secondo il metodo delineato dal Manuale OMS per lo sviluppo delle linee guida del 2014.

Il processo di sviluppo ha incluso sei passaggi principali:

(1) identificazione delle questioni PICO (popolazione/partecipanti, intervento, indicatore, esito/i), un approccio comunemente utilizzato per formulare domande di ricerca;
(2) esecuzione di una revisione sistematica per il reperimento delle evidenze;
(3) realizzazione di un inventario dei piani d’azione IPC e dei documenti strategici nazionali e regionali;
(4) valutazione e sintesi delle evidenze;
(5) formulazione di raccomandazioni utilizzando l’approccio di classificazione delle raccomandazioni, sviluppo e valutazione GRADE;
(6) stesura delle linee guida e pianificazione delle strategie di diffusione e implementazione.

_______

In allegato:

Manuale pratico ad interim per l'implementazione delle Linee Guida per la prevenzione e il controllo di Enterobatteri, Acinetobacter baumannii e Pseudomonas aeruginosa resistenti ai carbapenemi nelle strutture sanitarie.

 Manuale

Il presente manuale pratico è pensato per sostenere i programmi di IPC nazionali e le strutture sanitarie nel raggiungere un’implementazione efficace delle Linee guida dell’OMS per la prevenzione e il controllo di Enterobatteri, A. baumannii e P. aeruginosa resistenti ai carbapenemi, nelle strutture sanitarie per migliorare la qualità e la sicurezza dei servizi sanitari offerti e gli effetti sulla salute delle persone che accedono a tali servizi. I principi e le indicazioni forniti nel presente manuale sono validi per qualsiasi Paese, ma includono anche dei riferimenti particolari ai contesti con risorse limitate.

...

Fonte: Ministero della Salute

Collegati:

Tags: Sicurezza lavoro Rischio biologico Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Mag 27, 2022 34

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 20127 | 24 Maggio 2022

Cassazione Penale Sez. 4 del 24 maggio 2022 n. 20127 Infortunio con la macchina masticatrice. Principio di effettività Penale Sent. Sez. 4 Num. 20127 Anno 2022Presidente: PICCIALLI P.P.ARelatore: CIRESE MARINAData Udienza: 30/03/2022 [panel]Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del 10.12.2018 il… Leggi tutto
Decreto 23 marzo 2022
Mag 26, 2022 66

Decreto 23 marzo 2022

Decreto 23 marzo 2022 Presidenza del Consiglio dei Ministri dipartimento della funzione pubblica Esperienze di formazione e lavoro professionalizzanti per giovani nella pubblica amministrazione. (GU n.122 del 26.05.2022) Leggi tutto
Rapporto ISTISAN 22 11
Mag 26, 2022 44

Sensibilità chimica multipla: un campanello di allarme da inquinamento chimico?

Sensibilità chimica multipla: un campanello di allarme da inquinamento chimico? Rapporto ISTISAN 22/11 (EN) La sensibilità chimica multipla è una sindrome multisistemica dai risvolti ancora poco definiti. Data la correlazione ipotizzata con l’esposizione a basse dosi (sotto i limiti di legge) o a… Leggi tutto

Più letti Sicurezza