Slide background

Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori

ID 8813 | | Visite: 559 | Guide Sicurezza lavoro INAILPermalink: https://www.certifico.com/id/8813

Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori

Il rischio da sovraccarico biomeccanico restauratori

Il rischio da sovraccarico biomeccanico del rachide nel settore del restauro conservativo di superfici decorate e beni di interesse storico ed artistico: analisi delle movimentazioni manuali dei carichi (MMC) e delle posture incongrue tipiche delle lavorazioni ricorrenti.

Premessa

Quello del restauratore è, in alcune situazioni, un lavoro fisicamente faticoso, a potenziale rischio di sovraccarico biomeccanico del rachide. I restauratori e gli aiuto-restauratori sono figure professionali particolari rispetto agli altri addetti del comparto edile. La forte motivazione al lavoro può essere un elemento critico nella valutazione dei rischi perché può portarlo a sottovalutare la tutela della propria salute di fronte all'opera d'arte di cui conosce e apprezza il grande valore.

Il presente lavoro, partendo da una disamina dei cicli tecnologici tipici della mansione analizza sia il rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi, sia da posture incongrue nelle attività di:

- restauro di tele, pale e tavole lignee;
- restauro di elementi marmorei;
- restauro di superfici decorate e/o consolidamento di profondità dell'intonaco e delle murature.

Le movimentazioni manuali dei carichi sono state valutate applicando la metodologia di analisi della UNI ISO 11228-1 unitamente a modelli biomeccanici utilizzando il software 3D Static Strength Prediction Program 6.0.6, sviluppato dall’Università del Michigan.

Nell’analisi delle attività lavorative e delle eventuali conseguenze del sovraccarico biomeccanico sul rachide lombare sono state inoltre considerate possibili sinergie di forze esterne che possono indurre danni a carico dell'unità funzionale lombosacrale prendendo in considerazione:

- le forze compressive;
- le forze di taglio;
- l’eventuale concomitante presenza di fattori complementari di rischio, come movimenti incongrui (flessione - estensione o torsione) che rappresentano una modifica dei limiti di tolleranza di
alcune componenti dell'unità funzionale lombosacrale.

Lo stress posturale è stato valutato con la metodologia dettata dalla norma ISO 11226 che porta a definire la postura come ACCETTABILE o come NON RACCOMANDATA ma ai soli fini di una riprogettazione del posto di lavoro. La norma non dà infatti alcuna indicazione sul rapporto di causa ed effetto tra postura e danno prevedibile. Per avere una indicazione realistica se le posture statiche non raccomandate possano essere causa o concausa di patologie della colonna, parallelamente si è utilizzata la modellazione biomeccanica per definire gli sforzi sulle varie strutture anatomiche dell'unità funzionale del rachide: tali sforzi sono stati quindi confrontati coi limiti di tolleranza indicati da Marras (2008) come soglia di danno biologico per le stesse strutture anatomiche.

Valutazione della esposizione a MMC e Posture incongrue nel settore del restauro Nel corso della variegata vita lavorativa un restauratore sarà senz’altro esposto a Movimentazione Manuale dei Carichi e a Posture Incongrue.

Tale rischio va comunque quantificato attraverso i riferimenti tecnici noti in letteratura scientifica, prendendo in considerazione la continuità-ripetitività delle attività a rischio, la loro frequenza nei turni lavorativi e l’intera storia lavorativa.

Valutazione della esposizione a MMC e Posture incongrue nel settore del restauro

Nel corso della variegata vita lavorativa un restauratore sarà senz’altro esposto a Movimentazione Manuale dei Carichi e a Posture Incongrue.

Tale rischio va comunque quantificato attraverso i riferimenti tecnici noti in letteratura scientifica, prendendo in considerazione la continuità-ripetitività delle attività a rischio, la loro frequenza nei turni lavorativi e l’intera storia lavorativa.
...
segue in allegato

P. De Santis,
B.. M. Antonelli,
M. Cristiani
INAIL DR LAZIO, CONTARP

Collegati

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio MMC Abbonati Sicurezza

Ultime Linee guida INAIL archiviate

Esposizione a micotossine
Nov 05, 2019 119

Esposizione a micotossine aerodisperse

Esposizione a micotossine aerodisperse: un rischio occupazionale? INAIL, 2019 Numerosi studi epidemiologici riportano effetti sanitari dovuti a ingestione di alimenti contaminati. Meno studiato è il rischio di contrarre patologie a seguito di inalazione di spore fungine o particelle di polvere… Leggi tutto
Scaffolder
Ott 18, 2019 270

Formazione e addestramento scaffolder e rigger

Formazione e addestramento per la salute e sicurezza Di scaffolder e rigger nel settore degli spettacoli e dell’intrattenimento INAIL, 2019 Il documento, in attuazione del Protocollo d’intesa tra Inail e Assomusica del 30/10/2014, rinnovato in data 18/01/2018. Fornisce, in relazione a quanto… Leggi tutto
Nuove tariffe dei premi infortuni lavoro e malattie professsionali INAIL 2019
Ott 11, 2019 271

Tariffe dei Premi INAIL

Tariffe dei Premi INAIL 2019 Nuove tariffe dei premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali - Ed. 2019 Con l'entrata in vigore del decreto interministeriale 27 febbraio 2019 innovativo del T.U. n. 1124/1965, in materia di assicurazione contro gli infortuni… Leggi tutto
Protoclli sorveglianza sanitaria strutture INAIL
Set 14, 2019 290

I protocolli di sorveglianza sanitaria nelle strutture INAIL

I protocolli di sorveglianza sanitaria nelle strutture INAIL Come è noto il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. ha innovato il D.Lgs. 626/94 e s.m.i. e, quello che prima era previsto negli artt. 16 e 17, ora si ritrova, meglio normato, all’art. 25 (Obblighi del Medico Competente) e 41 (Sorveglianza sanitaria).… Leggi tutto
Procedura
Set 02, 2019 307

Ritardanti di fiamma alogenati in ambienti di lavoro

Procedura sperimentale per la determinazione di ritardanti di fiamma alogenati presenti in ambienti di lavoro INAIL, 02.09.2019 I ritardanti di fiamma alogenati sono impiegati in comuni oggetti o materiali facilmente infiammabili per ridurre, in caso di incendio, lo sviluppo di fumo e contenere la… Leggi tutto
Il primo soccorso nei lavori in quota
Lug 18, 2019 649

Il primo soccorso nei lavori in quota

Il primo soccorso nei lavori in quota Il lavoro in quota o in altezza riguarda tutte le attività lavorative che portano il lavoratore a operare a più di due metri di altezza rispetto al piano stabile (art. 107, d.lgs. 81/2008). Questo lo espone a importati rischi per la salute e sicurezza. Molti… Leggi tutto

Linee guida INAIL più lette

Set 15, 2017 26997

Linea guida ISPESL carrelli elevatori

Linea guida Ispesl carrelli elevatori Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature.ISPESL 2006 Vedasi prodotto: Leggi tutto