Slide background
Slide background




ECHA Guida in pillole - Registrazione

ID 4569 | | Visite: 2181 | Documenti Chemicals ECHAPermalink: https://www.certifico.com/id/4569

Temi: Chemicals , Reach

ECHA Guida in pillole - Registrazione

Versione 3.0 Luglio 2017

Questo documento intende offrire assistenza a fabbricanti, importatori e “rappresentanti esclusivi” che sono stabiliti nello Spazio economico europeo (SEE), per chiarire gli obblighi loro attribuiti da REACH in relazione alla registrazione di sostanze in quanto tali o in quanto componenti di miscele o di articoli e per aiutarli ad adottare le decisioni più opportune al fine di garantire la conformità al regolamento REACH.

Il documento sarà di aiuto anche alle aziende ubicate al di fuori dello Spazio economico europeo, che esportano nel SEE sostanze in quanto tali o in quanto componenti di miscele o di articoli, alle quali spetta l’obbligo di controllare che gli importatori dei loro prodotti nel SEE rispettino le prescrizioni che il regolamento REACH impone loro.

Questa guida in pillole si rivolge in modo particolare ai dirigenti e ai professionisti meno esperti nel campo della regolamentazione, per aiutarli a decidere in merito al modo di procedere con la registrazione e a valutare eventuali suggerimenti offerti da altri. Intende inoltre presentare l’argomento ai lettori e fornire accesso alle informazioni più dettagliate necessarie per preparare i fascicoli di registrazione, in particolare mediante la sezione sui riferimenti (sezione 8).

Versione 3.0

Aggiornamento dell’intero documento in seguito all’aggiornamento della Guida alla registrazione di cui costituisce una sintesi. Principali modifiche:

- revisione dell’intero documento in relazione alle informazioni obsolete, erronee o mancanti;

- aggiornamento delle informazioni sul processo di richiesta nella sezione 6.1;

- aggiornamento delle informazioni sulle procedure di condivisione dei dati;

- modifica della struttura della sezione 6 (aggiunta di una sezione 6.2);

- aggiornamento del testo sulla trasmissione comune di dati nella sezione 6.2;

- inserimento di riferimenti per includere manuali tecnici aggiornati con istruzioni pratiche su preparazione, presentazione e aggiornamento di fascicoli di registrazione

Estratto

6.1 Richiesta, SIEF e condivisione dei dati

La condivisione dei dati ha lo scopo di accrescere l’efficacia del sistema di registrazione, ridurre al minimo i costi e ridurre le sperimentazioni sugli animali vertebrati. La duplicazione di test sugli animali deve essere evitata e la sperimentazione sugli animali vertebrati deve essere effettuata solo in caso di assoluta necessità (articolo 25).

Al fine di agevolare la condivisione dei dati, il regolamento REACH dispone che, prima della registrazione, per tutte le sostanze si debba effettuare una preregistrazione oppure si debba presentare una richiesta a norma dell’articolo 26. In generale, la preregistrazione riguarda le sostanze soggette a un regime transitorio, mentre la richiesta riguarda sia le sostanze non soggette a un regime transitorio sia le sostanze soggette a un regime transitorio che non sono state preregistrate.

Sostanze non soggette a un regime transitorio e/o sostanze non preregistrate

La presentazione della richiesta è il processo mediante il quale ogni dichiarante potenziale deve richiedere all’ECHA se per la stessa sostanza è già stata presentata una registrazione valida.

Tale processo mira ad assicurare che i dati vengano condivisi dalle parti interessate.

Per le sostanze non soggette a un regime transitorio e per le sostanze soggette a un regime transitorio che non sono state preregistrate prima di procedere alla registrazione della sostanza deve sempre essere presentata una richiesta.

Al ricevimento del fascicolo di richiesta l’ECHA eseguirà un controllo sull’identità della sostanza per identificare i dichiaranti esistenti e altri soggetti che hanno presentato con esito positivo la richiesta per la stessa sostanza. L’ECHA fornirà al dichiarante potenziale i recapiti dei dichiaranti esistenti e dei soggetti che hanno presentato con esito positivo la richiesta per la stessa sostanza. Sulla base delle informazioni presentate nella richiesta, l’ECHA fornirà al dichiarante potenziale l’elenco dei sommari di studio pertinenti o dei sommari esaurienti di studio già presentati e a disposizione dell’ECHA.

I dichiaranti potenziali possono utilizzare liberamente gli studi presentati nell’ambito di una registrazione almeno 12 anni prima. Per studi di sostanze registrate meno di 12 anni prima23, le due parti (dichiarante potenziale e dichiarante esistente) sono messe in contatto affinché si accordino per la condivisione dei dati.

Il dichiarante potenziale deve, nel caso di informazioni che implicano sperimentazioni su animali vertebrati, e può, nel caso di informazioni che non implicano sperimentazioni su animali vertebrati, richiedere i dati ai dichiaranti esistenti.

Il dichiarante potenziale e il dichiarante esistente devono compiere ogni sforzo per giungere a un accordo sulla condivisione delle informazioni e per garantire che i costi inerenti alla condivisione delle informazioni siano determinati in modo obiettivo, trasparente e non discriminatorio. L’obbligo di compiere ogni sforzo si applica a tutte le informazioni richieste, che riguardino dati che comportano sperimentazioni su animali vertebrati, altri dati che non comportano sperimentazioni su animali vertebrati o condizioni di accesso alla trasmissione comune.

Sostanze soggette a un regime transitorio

Per consentire il funzionamento del meccanismo di condivisione dei dati ai fini della registrazione delle sostanze soggette a un regime transitorio, le aziende devono effettuare una preregistrazione (cfr. la sezione 4 della presente guida). I principi generali della condivisione dei dati descritti sopra per le sostanze non soggette a un regime transitorio valgono anche per le sostanze soggette a un regime transitorio.

Tutti i dichiaranti potenziali e titolari di dati della stessa sostanza soggetta a un regime transitorio preregistrata partecipano a un “forum per lo scambio di informazioni sulle sostanze” (SIEF).

I dichiaranti che hanno registrato prima la stessa sostanza soggetta a un regime transitorio o la cui sostanza è considerata registrata24 partecipano anch’essi al SIEF. Gli obiettivi del SIEF sono:

• facilitare la condivisione dei dati ai fini della registrazione, in tal modo evitando la duplicazione degli studi, e
• laddove vi sia una differenza nella classificazione ed etichettatura della sostanza fra i potenziali dichiaranti, concordare la classificazione ed etichettatura della sostanza in questione.

I partecipanti sono liberi di organizzarsi nella forma che ritengono più appropriata per l’adempimento dei loro doveri e obblighi di cui al regolamento REACH. La forma organizzativa utilizzata per la collaborazione all’interno del SIEF può essere utilizzata anche nell’ambito della trasmissione comune delle informazioni pertinenti di cui agli allegati da VII a XI.

6.2 Trasmissione comune

Ogni dichiarante è tenuto a presentare un fascicolo di registrazione per ognuna delle sue sostanze. Se la stessa sostanza è fabbricata o importata o destinata a essere fabbricata o importata da più di un’azienda, tutti i dichiaranti hanno l’obbligo di associarsi alla stessa trasmissione comune per tale sostanza. L’obbligo di trasmissione comune si applica sia per la registrazione di sostanze soggette a un regime transitorio sia per quella di sostanze non soggette a un regime transitorio.

I dichiaranti sono tenuti a trasmettere insieme le informazioni relative alle proprietà intrinseche della sostanza (studi ed eventuali proposte di sperimentazione) e alla sua classificazione ed etichettatura. I dichiaranti possono decidere se trasmettere insieme o separatamente gli orientamenti sull’uso sicuro della sostanza, la relazione sulla sicurezza chimica (CSR) e un’indicazione relativa a quali informazioni presentate per la CSR sono state esaminate da un consulente tecnico (articolo 11).

Le informazioni da trasmettere congiuntamente vengono trasmesse da un dichiarante capofila per conto degli altri dichiaranti (i cosiddetti “dichiaranti membri”).

....

Sommario

AVVERTENZA LEGALE
CRONOLOGIA DEL DOCUMENTO
1. INTRODUZIONE
2. A CHI È DESTINATA QUESTA GUIDA IN PILLOLE?
3. DESCRIZIONE DEGLI ASPETTI TRATTATI NELLA PRESENTE GUIDA
4. REGISTRAZIONE DELLE SOSTANZE IN BREVE
5. PROCESSO DI REGISTRAZIONE
5.1 Proprietà delle sostanze
5.2 Prescrizioni in materia di informazione
5.2.1 Sostanze.
5.2.2 Sostanze usate come sostanze intermedie
5.3 Fascicolo di registrazione
5.4 Valutazione della sicurezza chimica
6. PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DEL FASCICOLO
6.1 Richiesta, SIEF e condivisione dei dati
6.2 Trasmissione comune
6.3 Strumenti informatici per la registrazione
7. SEGUITO DA DARE ALLA REGISTRAZIONE: COMPITI DELL’ECHA E DEL DICHIARANTE
7.1 Controllo di completezza
7.2 Obbligo di mantenere aggiornate le informazioni di registrazione
8. RIFERIMENTI E ULTERIORI INFORMAZIONI

Indice delle figure
Figura1. Panoramica generale dei processi di REACH e aspetti trattati nella guida in pillole
Figura2. Scadenze di registrazione ai sensi del regolamento REACH
Figura3. Elementi della valutazione della sicurezza chimica

Indice delle tabelle
Tabella1. Prescrizioni in materia di informazioni standard degli allegati VII-X.

Fonte: ECHA

Collegati:

ebook Regolamento REACH

Pin It
Scarica questo file (ECHA Guida in pillole - Registrazione.pdf)ECHA Guida in pillole - Registrazione.pdfVersione 3.0 Luglio 2017IT388 kB(316 Downloads)

Tags: Chemicals Reach

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Feb 15, 2020 21

Regolamento (UE) n. 944/2013

Regolamento (UE) n. 944/2013 Regolamento (UE) n. 944/2013 della Commissione, del 2 ottobre 2013, recante modifica, ai fini dell’adeguamento al progresso tecnico e scientifico, del regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla classificazione, all’etichettatura e… Leggi tutto
Feb 15, 2020 23

Decisione di esecuzione (UE) 2019/961

Decisione di esecuzione (UE) 2019/961 della Commissione del 7 giugno 2019 che autorizza una misura provvisoria adottata dalla Repubblica francese a norma dell'articolo 129 del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione,… Leggi tutto
Feb 15, 2020 24

Decisione 80/372/CEE

Decisione 80/372/CEE Decisione 80/372/CEE del Consiglio, del 26 marzo 1980, relativa ai clorofluorocarburi nell'ambiente GU L 90 del 3.4.1980 Vedi Documento: Collegati[box-note]Protezione dell'Ozono: Quadro normativoProtocollo di MontrealConvenzione di Vienna per la protezione dello strato di… Leggi tutto
Feb 14, 2020 23

Direttiva 2011/8/UE

Direttiva 2011/8/UE della Commissione del 28 gennaio 2011 che modifica la direttiva 2002/72/CE per quanto riguarda le restrizioni d'impiego del bisfenolo A nei biberon di plastica GU L 26/11 del 29.1.2011 ... Collegati:[box-note]Decreto 16 febbraio 2011D.M. 21 Marzo 1973 MOCA IT | Consolidato… Leggi tutto
Feb 14, 2020 23

Decreto 16 febbraio 2011

Decreto 16 febbraio 2011 Recepimento della direttiva 2011/8/UE della Commissione del 28 gennaio 2011 che modifica la direttiva 2002/72/CE per quanto riguarda le restrizioni d'impiego del bisfenolo A nei biberon di plastica. (GU Serie Generale n.63 del 18-03-2011) ... Collegati:[box-note]D.M. 21… Leggi tutto
Feb 14, 2020 21

Decreto 25 marzo 2015

Decreto 25 marzo 2015 Procedura per l'esenzione, nell'interesse della difesa, del regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) per alcune sostanze in quanto tali o in quanto componenti di miscele o articoli, ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 3, del medesimo regolamento. (GU n. 106 del 9 maggio 2015) ...… Leggi tutto
Feb 14, 2020 19

Regolamento (CE) n. 689/2008

Regolamento (CE) n. 689/2008 Regolamento (CE) n. 689/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 giugno 2008, sull’esportazione ed importazione di sostanze chimiche pericolose (GU L 204 del 31.7.2008) Abrogato da: Regolamento (UE) n. 649/2012 [box-note]Regolamento (UE)… Leggi tutto
Feb 14, 2020 31

D.Lgs. 27 ottobre 2011 n. 200

D.Lgs. 27 ottobre 2011 n. 200 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 689/2008 sull'esportazione ed importazione di sostanze chimiche pericolose. (GU n. 283 del 5 dicembre 2011) Abrogato da: D.Lgs. 10 febbraio 2017 n. 28 Collegati[box-note]Decreto… Leggi tutto
Feb 14, 2020 20

Accordo CSR n. 182 del 29 ottobre 2009

Accordo CSR n. 182 del 29 ottobre 2009 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n . 281, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente il sistema dei controlli ufficiali e relative linee di indirizzo per l'attuazione… Leggi tutto
D Lgs  14 settembre 2009 n  133
Feb 14, 2020 22

D.Lgs. 14 settembre 2009 n. 133

D.Lgs. 14 settembre 2009 n. 133 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1907/2006 che stabilisce i principi ed i requisiti per la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche. (GU n. 222 del 24 settembre 2009)… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 23877

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto
Regolamento  CE  n  178 2002
Set 04, 2019 23224

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto