Slide background




Sentenza Consiglio di Stato n. 5830 del 9 agosto 2021

ID 14777 | | Visite: 2018 | Giurisprudenza CostruzioniPermalink: https://www.certifico.com/id/14777

Sentenza Consiglio di Stato n  5830 del 9 agosto 2021

Sentenza Consiglio di Stato n. 5830 del 9 agosto 2021

Distanze tra edifici: il limite dei 10 metri non si applica ai centri storici

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5830 del 9 agosto 2021, ribaltando la decisione assunta in primo grado dal TAR, ha affermato che il limite di 10 metri previsto all’articolo 9 del DM 1444/1968 per le “nuove costruzioni” non è riferito ai centri storici ma alle “altre zone”.

Tra le motivazioni poste alla base della decisione il Consiglio di Stato ha ritenuto che:

- il DM 1444/1968 nel disciplinare le zone A (centri storici) ha prescritto in questi casi che la distanza “non sia inferiore a quella intercorrente tra i volumi edificati preesistenti”;
- il limite dei 10 metri si applica solo alle “nuove costruzioni” ed è riferito alle “altre zone” ossia diverse da quelle delle zone A – centro storico e non può essere data una interpretazione più ampia di quella che può esserne tratta in via letterale.

L'art. 9 DM 1444/1968 prevede:

zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti, computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale;
nei nuovi edifici ricadenti in altre zone è prescritta in tutti i casi la distanza minima assoluta di m. 10 tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti;
zone C): è altresì prescritta, tra pareti finestrate di edifici antistanti, la distanza minima pari all’altezza del fabbricato più alto; la norma si applica anche quando una sola parete sia finestrata, qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo superiore a mt 12.

Il caso sottoposto all’esame del collegio riguardava un intervento di demolizione e ricostruzione con incremento volumetrico in applicazione del cd. Piano casa regionale (LR 49/2009) su un immobile ubicato in centro storico.

Per il TAR l’intervento doveva essere considerato come “nuova costruzione” e per questo essere tenuto al rispetto della distanza minima di 10 metri prevista dall’articolo 9 del DM 1444/1968.

Diversa la decisione del Consiglio di Stato che, oltre a non qualificare l’intervento come nuova costruzione, ha sottolineato come, l’assenza di una disciplina specifica per le distanze da osservare nei centri storici all’interno del DM 1444/1968, si giustifica per il fatto che, in tali ambiti, non sono consentiti interventi se non sul preesistente.

Applicando il limite dei 10 metri anche nei centri storici, inoltre, verrebbe preclusa in ampie zone dei territori comunali l’applicazione del Piano Casa regionale, nella parte in cui prevede la possibilità di realizzare ampliamenti.

...

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Sentenza Consiglio di Stato n. 5830 del 9 agosto 2021.pdf
 
147 kB 0

Tags: Costruzioni Abbonati Costruzioni

Articoli correlati

Ultimi archiviati Costruzioni

Nov 25, 2022 87

Nota MLPS n.17314 del 17 novembre 2022

Nota MLPS n.17314 del 17 novembre 2022 ID 18183 | 25.11.2022 Oggetto: Richiesta di chiarimenti sull’applicabilità dell’art. 71 comma 1 del Dlgs. n. 117/2017 (Codice del Terzo Settore – CTS). Riscontrota della disciplina urbanistica. [...] "...In altri termini, estendere l’applicabilità dell’art. 71… Leggi tutto
Buone pratiche sostenibilit  infrastrutture
Nov 07, 2022 117

Buone pratiche di sostenibilità nel mondo delle infrastrutture

Buone pratiche di sostenibilità nel mondo delle infrastrutture MIMS Ottobre 2022 Nella fase della pandemia le reti infrastrutturali e la logistica hanno giocato un ruolo chiave per assicurare la distribuzione dei beni essenziali e garantire le attività economiche. In ugual misura possono… Leggi tutto
Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici
Nov 02, 2022 392

Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici

Schema preliminare del nuovo Codice dei contratti pubblici ID 17971 | 02.11.2022 / In allegato prima bozza provvisoria Schema preliminare di Codice dei contratti pubblici in attuazione dell’articolo 1 della legge 21 giugno 2022, n. 78, recante “Delega al Governo in materia di contratti pubblici del… Leggi tutto
La nuova visura catastale AdE
Ott 25, 2022 133

La nuova visura catastale

La nuova visura catastale / Ott. 2022 ID 17929 | 25.10.2022 / In allegato L’Agenzia delle entrate, in una logica di integrazione tra le diverse banche dati catastali e cartografiche, ha attivato dal 1° febbraio 2021 la nuova piattaforma tecnologica denominata “SIT” (Sistema Integrato del… Leggi tutto
Ott 15, 2022 209

Delibera ANAC n. 453 del 5 ottobre 2022

Delibera ANAC n. 453 del 5 ottobre 2022 La Delibera fornisce, in particolare, indicazioni sulla modalità di calcolo del compenso per gli incarichi di collaudo, chiarendo che esiste una differenza tra dipendenti pubblici e professionisti esterni alla pubblica amministrazione. Leggi tutto
Decreto 28 settembre 2022
Ott 12, 2022 672

Decreto 28 settembre 2022

Decreto 28 settembre 2022 Disposizioni in materia di possibile esclusione dell'operatore economico dalla partecipazione a una procedura d'appalto per gravi violazioni in materia fiscale non definitivamente accertate. (GU n.239 del 12.10.2022) ... Art. 1 Oggetto 1. Il presente decreto, adottato ai… Leggi tutto
Opere pubbliche varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilit
Ott 11, 2022 147

Opere pubbliche: varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilità

Opere pubbliche: varate le Linee guida per i Provveditorati in tema di sostenibilità ID 17811 | 11.10.2022 / In allegato DM di approvazione Il Ministro Giovannini: “Le Linee guida sono il frutto delle buone pratiche di sostenibilità messe in atto dai Provveditorati nell’ultimo anno, in attuazione… Leggi tutto

Più letti Costruzioni