Slide background

Strage di Viareggio: le motivazioni della sentenza di 1° grado

ID 4446 | | Visite: 8460 | News generaliPermalink: https://www.certifico.com/id/4446

Temi: News

Strage di Viareggio: le motivazioni della sentenza di 1° grado

In aggiornamento

02 Agosto 2017

I giudici: «La strage di Viareggio poteva essere evitata, ma i manager non vollero valutare i rischi»

In oltre 1000 pagine le motivazioni della sentenza per il processo di primo grado che ha portato alla condanna di 23 imputati, tra cui Mauro Moretti e Michele Mario Elia.

Per il Tribunale di Lucca «il disastro non fu un fatto imprevedibile»

La strage di Viareggio si poteva evitare. O meglio, «non è stato un fatto imprevedibile». Così scrivono i giudici del Tribunale di Lucca, nelle oltre 1000 pagine che motivano la sentenza del processo in primo grado, quello che si è concluso lo scorso gennaio portando a 23 condanne tra cui Mauro Moretti (7 anni), ex  AD di Ferrovie dello Stato ma ritenuto responsabile per il periodo in cui era ad di Rfi, e Michele Mario Elia, all’epoca della strage amministratore delegato della Rete ferroviaria.

A provocare il disastro - alle 23.48 del 29 giugno 2009 - fu la rottura di un assile di un carro che determinò il deragliamento di un treno merci, appena fuori dalla stazione di Viareggio: nell’incidente, si squarciò un vagone carico di gpl, il liquido fuoriuscito provocò una «nube esplosiva» e 32 persone morirono investite dal fuoco. 

Mancata valutazione dei rischi

Alla figura dell’amministratore delegato, scrivono i giudici, «non poteva e non doveva sfuggire l’assenza di adeguata analisi e valutazione dei rischi connessi alla circolazione di convogli trasportanti merce pericolosa sull’intera rete nazionale». Anche la presenza di un muro tra i binari e le abitazioni non avrebbe forse evitato la strage. Tutte le omissioni non possono essere ricondotte solo alle strutture o ai soggetti incaricati all’interno dell’azienda, spiegano i giudici «ma sono espressione di una generale linea aziendale e imprenditoriale di precise scelte gestionali, in particolare in materia di manutenzione, nonché di strutturali carezza organizzative e valutative risalenti nel tempo e facenti capo direttamente ai vertici di Rfi e all’amministratore delegato». Quindi chi ricopriva l’incarico di amministratore delegato «era ben consapevole delle violazioni, dell’assenza dei livelli di sicurezza. Avrebbe potuto ben prevedere i tragici effetti che potevano conseguire dalla violazione delle norme cautelari e avrebbe potuto evitare gli eventi».

In totale erano 33 gli imputati del processo: dieci gli assolti, mentre le pene più pesanti sono state inflitte all’ad e al responsabile del sistema manutenzioni di Gatx Rail, la società tedesca che aveva affittato i carri cisterna: 9 anni e mezzo. I giudici rilevano infatti che, riguardo a società coinvolte nel processo, anche queste hanno «ottenuto vantaggi consistenti nel risparmio economico derivato dalla omissione di interventi di carattere tecnico».

Fonte: Corriere

Collegati
Scarica questo file (Dispositivo Sentenza Strage Viareggio Tribunale di Lucca 31 01 2017.pdf)Sentenza Strage Viareggio Tribunale di Lucca 31 01 2017Dispositivo 31.01.2017IT2064 kB(2966 Downloads)
Scarica questo file (Motivazioni Sentenza n. 222-2017 Tribunale di Lucca 31-07-2017.pdf)Sentenza n. 222-2017 Tribunale di Lucca 31-07-2017Motivazioni 31.07.2017IT98452 kB(1959 Downloads)

Tags: News