Slide background




Sicurezza macchinari tessili: orditoi

ID 13491 | | Visite: 2376 | Documenti Riservati NormazionePermalink: https://www.certifico.com/id/13491

ID 13491

Sicurezza macchinari tessili: orditoi

ID 13491 | 06.05.2021 / Documento di approfondimento allegato

Documento elaborato a seguito dell'infortunio mortale sul lavoro di Luana D’Orazio, 22 anni, avvenuto il 3 maggio nella frazione di Oste di Montemurlo (PT).

L’orditoio è il macchinario usato nell’industria tessile necessario per la preparazione dell’ordito. L’operazione di preparazione dell’ordito consiste nel trasferire il filato, contenuto nelle bobine di filatura o nelle rocche, sul subbio da sistemare dietro al telaio pronto per la tessitura.

Ordito: In tessitura, l'insieme dei fili che costituiscono la parte longitudinale del tessuto e tra i quali viene inserita la trama a formare l'intreccio del tessuto stesso.

Figura 1

Fig. 1 - Composizione del tessuto

Lo scopo dell’orditura è di assemblare un determinato numero di fili di ordito (ordimento totale) su di un singolo subbio.

[...]

1. Orditura e tessitura

Lo scopo degli orditoi è di avvolgere gruppi di fili detti portate o sezioni su di un grande cilindro chiamato botte o aspo, una accanto all’altra, fino all’avvolgimento di tutti i fili dell’ordito nella lunghezza e nell’altezza previsti per l’ordimento. Eseguito l’avvolgimento di tutte le portate stabilite, l’ordito viene trasferito sul subbio destinato al telaio.

Componenti processo orditura

Cantra: rastrelliera dove vanno disposte le rocche che formeranno i fili di ogni portata.

Pettine di invergatura: elemento che tiene separati i fili pari dai fili dispari per dare a ciascuno di essi la propria posizione da mantenere sempre anche durante la tessitura (in ogni dente passa un filo solo).

Pettine di riduzione: elemento che dà alla portata la giusta altezza, che ripetuta tante volte, va a costituire l’altezza di tutti i fili di ordito. In ogni dente passano più fili.

Botte/Aspo: è costituito da un grande cilindro avente una forma conica (fessurata e non) nella parte iniziale, che impedisce ai fili della prima portata di rovesciarsi con l’aumento dello spessore della portata stessa (metri orditi). Lo stesso procedimento viene ripetuto per ogni portata e l’una si adagia sull’altra.

Subbio di ordito: una volta eseguito l’avvolgimento di tutti i fili di ordito sulla botte questi vengono scaricati contemporaneamente e riversati sul subbio destinato al telaio (operazione di scaricamento della botte).

Figura 2

Fig. 2 - Schema processo orditura

Componenti processo tessitura

Subbio di avvolgimento: attrezzo a forma di cilindro su cui si avvolge il tessuto prodotto.

Trama: il filo che costituisce la parte trasversale del tessuto.

Pettine: elemento che, sospeso sui i fili di ordito tra i licci e il tessuto in formazione, comprime un filo di trama contro l'altro, ad ogni passaggio della navetta, determinando così la fittezza e il peso del tessuto che si sta formando.

Liccio: parte di un telaio da tessitura che serve al movimento dei fili di ordito.

Navetta: elemento che porta nel suo interno il filo di trama e, spostandosi in continuazione da una parte all’altra del telaio, lo intreccia con i fili di ordito.

Spola: tubetto su cui si avvolge il filato di trama e che si inserisce nella navetta per la tessitura

Figura 3

Fig. 3 - Schema processo tessitura su telaio a navetta

Figura 4

Fig. 4 – Navetta e spola

Il subbio prodotto nel processo di orditura viene collegato al macchinario per la tessitura nel quale viene intrecciato con la trama. Il filato di trama si trova su bobine dette spole inserite in delle navette. I fili del subbio dell’ordito vengono fatti passare attraverso gli occhielli dei licci e fra un dente e l’altro del pettine del telaio. La navetta contenente il filo di trama viene fatta passare avanti ed indietro tra i fili dell’ordito, ad ogni passaggio si alzano e si abbassano alternativamente i licci.

I telai industriali, pur lavorando come il telaio a navetta, l’hanno sostituita con altri dispositivi per velocizzare il processo di tessitura.

[...]

2. Normativa di riferimento orditoi

Gli orditori rientrano nel campo di applicazione della Direttiva Macchine 2006/42/CE.

Principali norme armonizzate Direttiva Macchine 2006/42/CE applicabili per la progettazione/adeguamento

UNI EN ISO 11111-1:2016 “Macchinario tessile - Requisiti di sicurezza - Parte 1: Requisiti comuni”

UNI EN ISO 11111-5:2016 “Macchinario tessile - Requisiti di sicurezza - Parte 5: Macchine di preparazione alla tessitura e alla maglieria”

[...]

5. Requisiti specifici di sicurezza UNI EN ISO 11111-5:2016

In accordo alla UNI EN ISO 11111-5:2016, i requisiti specifici di sicurezza per gli orditoi, le insubbiatrici e le insubbiatrici riunitrici sono i seguenti:

a) i punti di trascinamento tra i cilindri della testata di comando devono essere muniti di un riparo (per esempio un riparo mobile interbloccato);
b) i punti di trascinamento tra il subbio e il filo di catena, il subbio e il/i cilindro/i di comando o pressore/i, così come quelli tra la flangia del subbio e il pavimento o le parti fisse della macchina, devono essere provvisti di ripari o di dispositivi di sicurezza, per esempio:

1) un riparo mobile interbloccato come in figura 7a) che scenda fino al livello del pavimento e con un'altezza determinata conformemente al prospetto 1 della UNI EN 13857-2020;

2) solo per insubbiatrici, un dispositivo di protezione optoelettronico (AOPD) (figura 7b) secondo il prospetto 3 della UNI EN ISO 1111-1:2016, disposto in modo che l’AOPD sia attivato in caso di acceso al punto di trascinamento e il subbio sia giunto in posizione di arresto prima che l’operatore possa raggiungere il punto di trascinamento;

Nota l’AOPD può essere completata con una barriera aggiuntiva (per esempio barra sensibile come in figura 5b) che può essere utile per impedire l’attivazione accidentale dell’AOPD.

3) una piattaforma elevatrice interbloccata in associazione ad altri ripari progettati in modo da impedire, insieme, l’accesso a qualsiasi punto di trascinamento, come illustrato nella figura 7c).

c) Gli orditoti, le insubbiatrici e le imbozzimatrici devono essere progettate in modo che quando i ripari e i dispositivi di sicurezza di cui in a) e b) sono inattivi, la macchina deve poter muovere mediante uno dei seguenti mezzi:

1) operando a bassa velocità, in conformità al prospetto A.1 della UNI EN ISO 1111-1:2016, mediante un dispositivo di comando ad azione mantenuta;

Prospetto A 1

Prospetto A.1 della UNI EN ISO 1111-1:2016

2) girando il subbio a mano.

Figura 7

1) Filo d'ordito
2) Riparo mobile interbloccato
3) Cilindri pressori
4) Flangia del subbio
5) Barra sensibile
6) Dispositivo di protezione fotoelettrico
7) Piattaforma elevatrice interbloccata

Fig. 7 - Protezione dei punti di trascinamento

[...] segue in allegato

Fonti
UNI EN ISO 11111-1:2016 “Macchinario tessile - Requisiti di sicurezza - Parte 1: Requisiti comuni”
UNI EN ISO 11111-5:2016 “Macchinario tessile - Requisiti di sicurezza - Parte 5: Macchine di preparazione alla tessitura e alla maglieria”

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2021 
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice Revisioni:

Rev. Data Oggetto Autore
0.0 06.05.2021 -- Certifico Srl

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Sicurezza macchinari tessili orditoi Rev. 00 2021.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2021
415 kB 91

Tags: Normazione Norme Direttiva macchine Abbonati Normazione

Articoli correlati

Ultimi archiviati Normazione

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA
Mag 09, 2022 94

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA

Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle RSA - UNI/PdR XX:2021 ID 16590 | 09.05.2022 / In allegato bozza PdR In consultazione pubblica, fino al 23 maggio 2022, il progetto di prassi di riferimento "Linee guida per la gestione delle emergenze sanitarie nelle Residenze Sanitarie… Leggi tutto
UNI PdR 117 2022
Apr 22, 2022 167

UNI/PdR 117:2022 - Linee guida utilizzo responsabile della plastica

UNI/PdR 117:2022 Linee guida per l'utilizzo responsabile della plastica Data entrata in vigore: 21 aprile 2022 La presente prassi di riferimento fornisce i requisiti minimi di un sistema di gestione finalizzato a un utilizzo responsabile della plastica. Essa si applica alle organizzazioni di… Leggi tutto
UNI EN 12542 2020
Apr 21, 2022 97

UNI EN 12542:2020

UNI EN 12542:2020 Attrezzature e accessori per GPL - Recipienti a pressione fissi cilindrici di acciaio saldato, prodotti in serie per lo stoccaggio di gas di petrolio liquefatto (GPL) con un volume non maggiore di 13 m³ - Progettazione e fabbricazione La norma specifica i requisiti per la… Leggi tutto

Più letti Normazione