Slide background




Fissaggio del carico: la nuova Direttiva 2014/47/UE e le norme tecniche

ID 2245 | | Visite: 64734 | Documenti norme UEPermalink: https://www.certifico.com/id/2245

Fissaggio del carico: la nuova Direttiva 2014/47/UE e le norme tecniche EN/ISO / Testo Consolidato 2022

ID 2245 | Update news 19.05.2023 / In allegato

Direttiva 2014/47/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014 , relativa ai controlli tecnici su strada dei veicoli commerciali circolanti nell’Unione e che abroga la direttiva 2000/30/CE Testo rilevante ai fini del SEE (GU L 127 del 29.4.2014)
_________

Fissaggio del carico: l'appoggio alle norme tecniche EN/ISO nella nuova Direttiva 2014/47/UE anche per le merci non pericolose, al via definitivo nel 2018.

La Direttiva 2014/47/UE del 3 Aprile 2014 abroga la direttiva 2000/30/CE e fornisce nuove prescrizioni per l’esecuzione dei controlli tecnici su strada dei veicoli commerciali circolanti nell’Unione, al fine di migliorare la sicurezza stradale e ambientale.

La Direttiva si applica a tutte le merci, pericolose o non ai fini del trasporto, con adozione da parte degli Stati membri dal 20 maggio 2018.
________

Modificata da:

- M1 Direttiva delegata (UE) 2021/1716 della Commissione del 29 giugno 2021 (GU L 342 45 27.9.2021) - Consolidato 2022

Rettificata da:
- C1 Rettifica, GU L 197 del 4.7.2014, pag. 87 (2014/47/UE)
- C2 Rettifica, GU L 219 del 22.8.2019, pag. 77 (2014/47/UE)
________

L’Articolo 13 della Direttiva, riporta le gli obblighi sul controllo della fissazione del carico.

Articolo 13. Controllo della fissazione del carico

1. Durante il controllo su strada un veicolo può essere sottoposto all’ispezione della fissazione del suo carico a norma dell’allegato III, per accertare che il carico sia fissato in modo tale da non interferire con la guida sicura del veicolo o costituire una minaccia per la vita, la salute, le cose o l’ambiente. I controlli possono essere effettuati per verificare che durante tutte le fasi di operazione del veicolo, comprese le situazioni di emergenza e le manovre di avvio in salita:

- i carichi possano subire solo minimi cambiamenti di posizione gli uni rispetto agli altri e rispetto alle pareti e superfici del veicolo e
- i carichi non possano fuoriuscire dal compartimento destinato alle merci o muoversi al di fuori della superficie di carico.

2. Fatte salve le prescrizioni applicabili al trasporto di determinate categorie di merci come quelle oggetto dell’accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada (ADR) (1), la fissazione del carico e il controllo della fissazione del carico possono essere effettuati conformemente ai principi e, se del caso, alle norme di cui all’allegato III, sezione I.

Si può utilizzare l’ultima versione delle norme di cui all’allegato III, sezione I, punto 5.

3. Le procedure in merito alle conseguenze di cui all’articolo 14 possono essere applicate anche in caso di carenze gravi o pericolose della fissazione del carico.

4. Gli Stati membri dispongono che il personale impegnato nel controllo della fissazione del carico riceva un’adeguata formazione a tal fine

(1) Recepito dalla direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 settembre 2008, relativa al trasporto interno di merci pericolose (GU L 260 del 30.9.2008, pag. 13), modificata tra l’altro dalla direttiva 2012/45/UE della Commissione (GU L 332 del 4.12.2012, pag. 18)

Allegato III

I. Principi in materia di fissazione del carico

1. La fissazione del carico è in grado di resistere alle seguenti forze risultanti da accelerazioni/decelerazioni del veicolo:

- in direzione di marcia: 0,8 volte il peso del carico e
- in direzione laterale: 0,5 volte il peso del carico e
- in direzione contraria a quella di marcia: 0,5 volte il peso del carico
- e deve, in generale, impedire l’inclinazione o il ribaltamento del carico.

2. La distribuzione del carico tiene conto dei carichi massimi autorizzati per asse e dei carichi minimi per asse necessari entro i limiti della massa massima autorizzata del veicolo, in linea con le disposizioni legali in materia di pesi e dimensioni dei veicoli.

3. Nel fissare il carico va tenuto conto dei requisiti relativi alla resistenza di determinati componenti del veicolo, quali le pareti anteriore, laterali e posteriore, i montanti o i punti di ancoraggio, qualora tali elementi siano utilizzati per la fissazione del carico.

4. Per la fissazione del carico possono essere utilizzati, anche in combinazione tra loro, uno o più dei seguenti metodi:
- immobilizzazione,
- bloccaggio (locale/generale),
- ancoraggio diretto,
- ancoraggio per attrito.

5. Norme applicabili:

- EN 12195-1 Calcolo delle forze di ancoraggio
- EN 12640 Punti di ancoraggio
- EN 12642 Resistenza della struttura del veicolo
- EN 12195-2 Cinghie di tessuto di fibra chimica
- EN 12195-3 Catene di ancoraggio
- EN 12195-4 Funi di ancoraggio di acciaio
- ISO 1161, ISO 1496 Contenitore ISO
- EN 283 Casse mobili
- EN 12641 Teloni impermeabili
- EUMOS 40511 Pali Montanti
- EUMOS 40509 Imballaggio per il trasporto

EN ISO 12195-1 Modelli Protocollo fissaggio del carico

UNI EN ISO 12195-1:2010
Dispositivi di ancoraggio del carico su veicoli stradali Sicurezza Parte 1: Calcolo delle forze di ancoraggio

La presente norma è la versione ufficiale della norma europea EN 12195-1 (edizione novembre 2010) e tiene conto dell'errata corrige di marzo 2014 (AC:2014). La norma specifica i coefficienti di accelerazione per il trasporto di superficie e fornisce i metodi per il calcolo delle forze sulle cinghie che agiscono sulle merci. La norma non si applica per veicoli con un carico totale minore o uguale di 3 500 kg.

Allegato C/D/E
Coloro che sono responsabili per il fissaggio del carico in un’unità, per esempio veicolo, rimorchio, semi-rimorchio, container, pianale, cassa mobile o altro, dovrebbero predisporre il presente protocollo.

Allegato C - Protocollo fissaggio del carico
Allegato D - Prove pratiche per la determinazione dell'efficienza dei sistemi di fissaggio del carico
Allegato E - Documentazione delle prove pratiche

EN ISO 12195-1 Modelli Protocollo fissaggio del carico

Pertanto il soggetto che assolve al ruolo di caricatore deve prendere le appropriate misure affinché il carico venga effettuato in modo da garantire la sicurezza durante la successiva fase di trasporto.
Per ottemperare a tali disposizioni occorre applicare le norme suddette in materia di fissazione del carico e costruzione di veicoli e container.

Codice della strada
Art. 164 del D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modifiche e integrazioni 

“Il carico dei veicoli deve essere sistemato in modo da evitare la caduta o la dispersione dello stesso; da non diminuire la visibilità al conducente né impedirgli la libertà dei movimenti nella guida; da non compromettere la stabilità del veicolo; da non mascherare dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva né le targhe di riconoscimento e i segnali fatti col braccio.”

Recepimento

Decreto 19 maggio 2017 

Recepimento della direttiva 2014/47/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014, relativa ai controlli tecnici su strada dei veicoli commerciali circolanti nell'Unione e che abroga la direttiva 2000/30/CE.

GU n.139 del 17-06-2017

Vedi documento riepilogativo fissaggio del carico

Fissaggio del carico   Normativa e Documenti

Collegati

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Direttiva 2014 47 UE Consolidato 2022.pdf)Direttiva 2014/47/UE Consolidato 2022
Fissaggio del carico e le norme tecniche EN/ISO
IT1581 kB256
Scarica questo file (Direttiva 2014 47 UE Consolidato 2014.pdf)Direttiva 2014/47/UE Consolidato 2014
Fissaggio del carico e le norme tecniche EN/ISO
IT1513 kB1186
Scarica questo file (Direttiva 2014 47 UE.pdf)Direttiva 2014/47/UE
Fissaggio del carico e le norme tecniche EN/ISO
IT2001 kB7126

Tags: Trasporto Strada

Ultimi archiviati Normazione

UNI EN 303 5 2023   Requisiti caldaie per combustibili solidi Pn max 500 kW
Feb 15, 2024 142

UNI EN 303-5:2023

UNI EN 303-5:2023 / Requisiti caldaie per combustibili solidi Pn < 500 kW ID 21366 | 15.02.2024 / Preview in allegato Caldaie per riscaldamento - Parte 5: Caldaie per combustibili solidi, con alimentazione manuale o automatica, con una potenza termica nominale fino a 500 kW - Terminologia,… Leggi tutto
UNI 11763 2 2024   Requisiti casseforme orizzontali
Feb 12, 2024 136

UNI 11763-2:2024

UNI 11763-2:2024 / Requisiti casseforme orizzontali ID 21350 | 12.02.2024 / Preview in allegato UNI 11763-2:2024 Attrezzature provvisionali - Casseforme - Parte 2: Casseforme orizzontali - Requisiti generali per la progettazione, la costruzione e l'uso Data disponibilità: 01 febbraio 2024 La norma… Leggi tutto
UNI PdR 93 4 2024
Feb 08, 2024 136

UNI/PdR 93.4:2024 - Linee guida verifica funzionale del contatore termico

UNI/PdR 93.4:2024 - Linee guida verifica funzionale del contatore termico ID 21331 | 08.02.2024 UNI/PdR 93.4:2024 Linee guida per la verifica funzionale del contatore di energia termica effettuata su richiesta del cliente del servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento La prassi di… Leggi tutto
Norme tecniche UNI  pubblicazioni mese
Feb 01, 2024 332

Norme tecniche UNI: Pubblicazioni mensili 2024

Norme tecniche UNI: pubblicazioni mensili 2024 Pubblicazioni mensili 2024 delle nuove norme tecniche da UNI. Allegati al presente articolo un elenco di tutte le novità di ogni mese. Gli elenchi intendono essere uno strumento di rapida consultazione dei titoli di nuove norme introdotte. 01 Gennaio… Leggi tutto
ISO IEC TR 5469 2024 Artificial intelligence   Functional safety and AI systems
Gen 18, 2024 233

ISO/IEC TR 5469:2024

ISO/IEC TR 5469:2024 Artificial intelligence - Functional safety and AI systems ID 211179 | 18.01.2024 ISO/IEC TR 5469:2024 Artificial intelligence - Functional safety and AI systems Publication date: 08.01.2024ISO/IEC JTC 1/SC 42 - Artificial Intelligence ISO/IEC TR 5469:2024 This document… Leggi tutto

Più letti Normazione