Slide background




La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico

ID 5636 | | Visite: 5466 | Documenti Sicurezza EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/5636

Cheope CLP

La Metodologia CHEOPE-CLP VR chimico

Dall’entrata in vigore del D. Lgs. 626/94, ormai più di 16 anni fa, l’approccio alla sicurezza e igiene del lavoro basato sulla valutazione del rischio è entrato nella mentalità di tutti gli operatori del settore e, di conseguenza, nel modo di gestire questi aspetti da parte dei Datori di lavoro.

Per sua natura, la valutazione dei rischi è, in generale, un processo dinamico, che si nutre di informazioni di natura anche molto diversa: caratteristiche dei pericoli presi in considerazione, caratteristiche strutturali dei luoghi di lavoro, modalità operative adottare, aspetti organizzativi di carattere generale, situazioni al contorno.

La valutazione del rischio da esposizione ad agenti chimici, a cui è dedicato il Titolo IX capo I del D.Lgs. 81/08, rientra appieno in questa fattispecie, anzi risulta tra i compiti più complessi da affrontare in termini di elementi che necessariamente debbono essere presi in considerazione. L’obiettivo di ogni valutazione dei rischi è quello di consentire al Datore di lavoro di individuare i provvedimenti che sono effettivamente necessari per la salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori.

Come è noto, il rischio per i lavoratori è legato alla presenza di determinate condizioni di pericolo. In particolare, per quanto riguarda gli agenti chimici, l’Art. 222 del D. Lgs. 81/08 adotta le seguenti definizioni:

- pericolo: la proprietà intrinseca di un agente chimico di poter produrre effetti nocivi;

- rischio: la probabilità che si raggiunga il potenziale nocivo nelle condizioni di utilizzazione o esposizione.

Negli approcci strutturati basati su indici numerici si definiscono specifiche funzioni matematiche che associano al pericolo e al rischio valori numerici (in genere crescenti con l’aumentare del livello di pericolo o di rischio). La funzione di pericolo deve essere correlata alle modalità e all’entità della proprietà intrinseca potenzialmente in grado di produrre effetti nocivi sui lavoratori. La funzione di rischio presuppone di definire un modello dell’esposizione dei lavoratori ad un dato pericolo, che consenta di porre in relazione l’entità del danno atteso con la probabilità del suo verificarsi, e questo per ogni condizione operativa all’interno di certe ipotesi al contorno.

Federchimica 2011

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (CHemical Exposure OPerating Evaluation CLP.pdf)CHemical Exposure OPerating Evaluation CLP
Federchimica 2011
IT413 kB1697

Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Codice comportamento INL
Gen 24, 2022 21

Decreto direttoriale n. 31 del 30 settembre 2021

Decreto direttoriale n. 31 del 30 settembre 2021 Con D.D. n. 31 del 30 settembre 2021 è stato adottato lo schema di Codice di comportamento dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro con annessa relazione illustrativa. La consultazione pubblica (inizio consultazione 06.10.2021 - fine consultazione… Leggi tutto
Vademecum Ispezioni FIPE
Gen 23, 2022 40

Vademecum ispezioni FIPE

Vademecum ispezioni sicurezza lavoro FIPE Il Vademecum analizza le norme per le ispezioni inerenti:- Lavoro - Salute e Sicurezza - Igienico Sanitarie______ INDICEPRESENTAZIONE ISPEZIONI SUL LAVOROPREMESSALE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEGLI ISPETTORIL’ACCESSO AGLI ATTI DELL’ISPEZIONE DEL LAVOROI POTERI… Leggi tutto
Decreto MLPS 15 gennaio 2014
Gen 23, 2022 28

Decreto MLPS 15 gennaio 2014

Decreto MLPS 15 gennaio 2014 ID 15526 | 23.01.2022 / Testo PDF in allegato Decreto MLPS 15 gennaio 2014Codice di comportamento ad uso degli ispettori del lavoro_______ Allegato CODICE DI COMPORTAMENTO AD USO DEGLI ISPETTORI DEL LAVOROCAPO I DEFINIZIONI E FINALITÀ ART. 1 DEFINIZIONI1. Nel presente… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Gen 23, 2022 28

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 27210 | 19 Giugno 2019

Cassazione Penale Sez. 4 del 19 giugno 2019 n. 27210 Omesso controllo della chiusura della soletta e caduta. La delega di funzione non esclude l'obbligo di vigilanza sull'attività del preposto, peraltro privo degli adeguati requisiti Penale Sent. Sez. 4 Num. 27210 Anno 2019Presidente: FUMU… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Gen 23, 2022 35

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 46194 | 14 Novembre 2019

Cassazione Penale Sez. 4 del14 novembre 2019 n. 46194 Caduta di una pompa idraulica manuale. Appartiene al preposto la sfera di responsabilità dell’infortunio occasionato dalla concreta esecuzione della prestazione lavorativa Penale Sent. Sez. 4 Num. 46194 Anno 2019Presidente: PICCIALLI… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Gen 23, 2022 26

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 57361 | 19 dicembre 2018

Cassazione Penale Sez. 4 del 19 dicembre 2018 n. 57361 Infortunio mortale durante le operazioni di scavo: in presenza di mezzi meccanici va vietata la presenza di operai nel campo di azione del macchinario. Mancanza di un preposto Penale Sent. Sez. 4 Num. 57361 Anno 2018Presidente: PICCIALLI… Leggi tutto
Gen 22, 2022 39

Circolare Ministero dell'interno 23 gennaio 1996 n. 3

Circolare Ministero dell'interno 23 gennaio 1996 n. 3 Decreto Legislativo 19 dicembre 1994, n. 758 - Modificazioni alla disciplina sanzionatoria in materia di lavoro. Competenze ed adempimenti da parte del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco... Allegati Circolare- Schema delle fasi procedimentali… Leggi tutto
Prassi azione di polizia giudiziaria Sicurezza lavoro
Gen 22, 2022 50

Prassi AUSL/Procure azione di polizia giudiziaria Sicurezza lavoro

Prassi nelle relazioni AUSL/Procure nel caso di infortuni e malattie professionali: analisi di casi riguardanti l’azione di polizia giudiziaria ...(U.P.G.): con il trasferimento dallo Stato alle Regioni delle competenze in materia di prevenzione e controllo per l’igiene e la sicurezza del lavoro,… Leggi tutto

Più letti Sicurezza