Slide background
Slide background
Slide background




Rifiuti prodotti: Esempio planimetria

ID 9184 | | Visite: 2300 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/9184

Rifiuti prodotti planimetria

Rifiuti prodotti: Esempio planimetria

ID 9184 | 28.09.2019

Il presente elaborato fornisce un esempio illustrato di planimetria riguardante la gestione dei rifiuti prodotti in un'azienda operante nel settore metalmeccanico.

Esempio rifiuti prodotti in azienda metalmeccanica

Rifiuti prodotti per reparto (come da planimetria allegata):

- Magazzino Materie prime
- Reparto taglio
- Reparto saldatura
- Reparto meccanica
- Reparto verniciatura / assemblaggio
- Magazzino prodotti finiti
- Servizi tecnologici
- Servizi addetti
- Uffici

I rifiuti vengono stoccati/depositati temporaneamente all’interno dell’azienda in aree adibite per poi essere smaltiti a mezzo di azienda esterna specializzata.

Come definito dall’articolo 183, comma 1, lettera m) del D.Lgs. 152/2006, il deposito temporaneo, ovvero "Il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti,…” rispetta le seguenti condizioni:

- i rifiuti depositati non devono contenere policlorodibenzodiossine, policlorodibenzofurani, policlorodibenzofenoli in quantità superiore a 2,5 parti per milione (ppm), né policlorobifenili e policlorotrifenili in quantità superiore a 25 parti per milione (ppm);
- il deposito temporaneo deve essere effettuato per categorie omogenee e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute;
- devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi.

In merito alle tipologie di rifiuti prodotti occasionalmente si precisa che gli stessi saranno depositati in area coperta nel rispetto della normativa tecnica vigente e appositamente identificati. […]

I rifiuti provenienti dalla pulizia degli uffici, attività effettuata da un’impresa di pulizie, vengono smaltiti direttamente in impianto.

I consumabili esausti dei sistemi di stampa elettronica (gruppo cartuccia toner per stampanti laser, contenitori toner per fotocopiatrici, cartucce per stampanti, fax e calcolatrici a getto d’inchiostro, cartuccia nastro per stampanti ad aghi) sono classificati, dal D.Lgs. 152/2006, come rifiuti speciali non pericolosi. I componenti elettrici ed elettronici obsoleti sono classificati, dal D.Lgs. 152/2006, come rifiuti pericolosi (ad esempio monitor) o rifiuti non pericolosi (computer, calcolatrici, stampanti). È necessario che le suddette tipologie di rifiuto vengano trasportate con automezzi autorizzati e smaltite/recuperate in appositi centri autorizzati.

L’area dei punti di stoccaggio/deposito temporaneo, per le tipologie di rifiuti non pericolosi deve soddisfare i seguenti requisiti:

- essere chiaramente delimitata dal resto dell’area destinata all’esercizio dell’attività; 
- i rifiuti devono essere stoccati e raggruppati in base alla tipologia.

L’area dei punti di stoccaggio/deposito temporaneo dei rifiuti pericolosi deve soddisfare i seguenti requisiti:

- essere convenientemente riparata dagli agenti atmosferici, almeno tramite la realizzazione di una tettoia;
- essere chiaramente delimitata;
- i recipienti, fissi o mobili, destinati a contenere i rifiuti devono possedere adeguati requisiti di resistenza in relazione alla proprietà chimico-fisica ed alla caratteristica di pericolosità dei rifiuti;
- i recipienti mobili devono essere provvisti di: o idonee chiusure che impediscano la fuoriuscita del contenuto; o dispositivi tali da garantire la sicurezza nelle operazioni di riempimento e svuotamento; o mezzi di presa che rendano sicure le operazioni di movimentazione;
- tutti i recipienti ed i cumuli di rifiuti allo stato solido devono essere contrassegnati con etichette che indicano: o la denominazione del rifiuto stoccato; o il codice CER identificativo; o la segnalazione della pericolosità del rifiuto;
- i recipienti devono poggiare su superfici impermeabili, che impediscano l’eventuale propagarsi di sversamenti/perdite (es. vasche di contenimento, griglie a delimitare la zona di stoccaggio, superfici inclinante e convergenti ad uno scarico collegato ad una vasca di contenimento sotterranea).

In ottemperanza a quanto indicato all’art. 183, lett. m), punto 2 del D.Lgs. 152/2006 i rifiuti pericolosi e non pericolosi vengono avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito. Il controllo di un corretto stoccaggio, attraverso periodiche ispezioni visive sulle aree di stoccaggio, e la verifica del rispetto della normativa è compito di RSR in collaborazione con RA. I punti di stoccaggio/deposito vengono evidenziati nella planimetria allegata.

E’ sempre vietato miscelare categorie diverse di rifiuti pericolosi oppure rifiuti pericolosi con rifiuti non pericolosi per non impedire sia tecnicamente ed economicamente il recupero dei rifiuti oppure al fine di impedire la diluizione delle sostanze pericolose in essi contenute e quindi declassificare il rifiuto.

Consulta

Vademecum illustrato depositi temporanei

Vademecum gestione rifiuti in azienda

...

Tabelle di riepilogo rifiuti prodotti in un’azienda metalmeccanica

Tabelle

[...segue in allegato]

________

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2019
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati:

Pin It


Tags: Ambiente Rifiuti Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 29

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 106

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 95

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 73

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 71

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 85

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto

Più letti Ambiente