Slide background
Slide background
Slide background




Recepimento “Direttive rifiuti”

ID 7605 | | Visite: 2756 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/7605

Recepimento pacchetto rifiuti

La Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento è impegnata al recepimento del cosiddetto “pacchetto rifiuti” ovvero al recepimento nell’ordinamento nazionale delle modifiche delle più importanti direttive europee in materia di rifiuti:

Direttiva (UE) 2018/849 del 30 maggio 2018 che modifica le direttive 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche;
Direttiva (UE) 2018/850 del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti;
Direttiva (UE) 2018/851 del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti;
Direttiva (UE) 2018/852 del 30 maggio 2018 che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Gli obiettivi generali del recepimento riguardano la semplificazione, il decentramento, la chiarezza e certezza normativa, l’accorpamento delle discipline, la riduzione del ricorso alla decretazione attuativa, la responsabilità della gestione e chiusura del ciclo (riordino competenze).

Per far ciò la Direzione ha individuato i temi da affrontare e ha istituito specifici gruppi di lavoro per ciascuno di questi settori dei quali fa parte anche ISPRA.

Tenuto conto della portata che tale provvedimento riveste nelle politiche ambientali nazionali e nell’economia in generale si è tenuto, il 23 ottobre 2018, un primo incontro con gli operatori interessati – stakeholder, il 20 novembre 2018 con gli Enti Pubblici. (In allegato slides)

Gruppi di Lavoro

I gruppi di lavoro sono formati da funzionari, tecnici, esperti Ispra.

1. Imballaggi Consorzi
2. EPR Responsabilità’ estesa del produttore
3. Tracciabilità e SISTRI
4. Definizioni, classificazione assimilazione
5. Tariffa e tributo in discarica
6. Strumenti finanziari
7. EOW End of Waste e sottoprodotti
8. Rifiuti organici
9. Prevenzione. Marine litter. Food waste
10. Elenco rifiuti e operazioni recupero e smaltimento
11. Competenze
12. Discariche, ammissibilità in discarica e fanghi
13. Reporting
14. RAEE, pile, ELV

__________

Riforma del sistema degli imballaggi e dei consorzi

Criteri specifici di delega
a) riformare il sistema di responsabilità estesa del produttore, in attuazione dell’articolo 1, paragrafi 8 e 9, della direttiva (UE) 2018/851 e dell’articolo 1, paragrafi 8 e 9, della direttiva (UE) 2018/852, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) procedere al riordino dei principi generali di riferimento;
2) definire i modelli ammissibili di responsabilità estesa per i sistemi di gestione delle diverse filiere, nonché procedure omogenee per il riconoscimento;
3) prevedere una disciplina sanzionatoria;
4) definire la natura del contributo, l’ambito di applicazione e le modalità di determinazione in relazione alla copertura dei costi di gestione nonché prevedere adeguati sistemi di garanzia;
5) estendere l’obbligo di raccolta per l’intero anno di riferimento, al di là dell’adempimento dell’obiettivo fissato;
6) prevedere l’obbligo, nell’ambito della responsabilità estesa, di sviluppare attività di comunicazione e di informazione ai fini della promozione ed implementazione delle attività di riutilizzo e recupero dei rifiuti;
7) disciplinare le attività di vigilanza e controllo sui sistemi di gestione;
8) prevedere sanzioni proporzionate in relazione agli obiettivi di riciclo definiti a livello nazionale ed europeo.

Riforma del sistema EPR

Criteri specifici di delega

a) riformare il sistema di responsabilità estesa del produttore, in attuazione dell’articolo 1, paragrafi 8 e 9, della direttiva (UE) 2018/851 e dell’articolo 1, paragrafi 8 e 9, della direttiva (UE) 2018/852, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) procedere al riordino dei principi generali di riferimento;
2) definire i modelli ammissibili di responsabilità estesa per i sistemi di gestione delle diverse filiere, nonché procedure omogenee per il riconoscimento;
3) prevedere una disciplina sanzionatoria;
4) definire la natura del contributo, l’ambito di applicazione e le modalità di determinazione in relazione alla copertura dei costi di gestione nonché prevedere adeguati sistemi di garanzia;
5) estendere l’obbligo di raccolta per l’intero anno di riferimento, al di là dell’adempimento dell’obiettivo fissato;
6) prevedere l’obbligo, nell’ambito della responsabilità estesa, di sviluppare attività di comunicazione e di informazione ai fini della promozione ed implementazione delle attività di riutilizzo e recupero dei rifiuti;
6) con riferimento alle competenze delle Regioni:
6.1. configurare la programmazione e la pianificazione della gestione dei rifiuti – salvo specifiche eccezioni – come specifica responsabilità regionale, che deve essere esercitata senza poteri di veto da parte degli enti territoriali minori, pur nel rispetto del principio di leale collaborazione, in modo da assicurare la chiusura del ciclo dei rifiuti a livello regionale;
6.2. prevedere idonei strumenti, anche sostitutivi, per garantire l’attuazione delle previsioni sul riparto in ambiti ottimali, nonché sulla istituzione e concreta operatività dei relativi enti di governo;
6.3. assegnare alle Regioni la funzione di individuazione delle zone idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento e recupero, tenendo conto della pianificazione territoriale di area vasta;
7) con riferimento alle competenze delle Province e delle Città metropolitane:
7.1. prevedere la possibilità che l’organizzazione del servizio sia affidata alla Provincia o alla Città metropolitana, se l’ambito ottimale è individuato con riferimento al suo territorio;
7.2. coordinare le previsioni con la legge 7 aprile 2014, n. 56, eventualmente specificando quali funzioni in materia di rifiuti devono considerarsi fondamentali;
8) con riferimento alle competenze dei Comuni:
8.1. mantenere le sole funzioni dimensionalmente adeguate alla luce del riassetto della governance;
8.2. specificare, ove necessario, quali funzioni in materia di rifiuti devono considerarsi fondamentali, ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, lettera p), della Costituzione;
9) con riferimento ai compiti di vigilanza e controllo:
9.1. prevedere adeguati poteri sostitutivi regionali e, ove occorra, provinciali, in caso di funzioni interconnesse, per garantire che l’inadempimento di una funzione da parte di un ente di minori dimensioni non pregiudichi il buon esito di funzioni assegnate all’ente di maggiori dimensioni; predeterminare inoltre alcuni casi in cui il mancato adempimento di compiti di Regioni, Province, Città metropolitane, Comuni ed Enti di governo d’ambito, determina la sussistenza delle condizioni per l’applicazione dell’articolo 120, secondo comma, della Costituzione, prevedendo inoltre la possibilità per i relativi interventi sostituitivi di giovarsi di strutture amministrative e poteri adeguati allo scopo; 10) rispettare le competenze delle autonomie speciali, come risultano dai rispettivi statuti e dalla applicazione dell’articolo 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3.

Revisione normativa discariche

Criteri specifici di delega
a) riformare il sistema dei criteri di ammissibilità in discarica dei rifiuti al fine di consentire il pronto adeguamento alle disposizioni di cui all’articolo 1, paragrafo 4, della direttiva (UE) 2018/850, nonché la semplificazione del procedimento per la modifica degli allegati tecnici;
b) procedere ad una nuova disciplina organica in tema di utilizzazione dei fanghi, anche modificando la disciplina di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 99, al fine di garantire il perseguimento degli obiettivi di conferimento in discarica di cui all’articolo 1, paragrafo 4, della direttiva (UE) 2018/850, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) adeguare la normativa alle nuove conoscenze tecnico-scientifiche in materia di inquinanti;
2) considerare adeguatamente le pratiche gestionali ed operative del settore;
3) disciplinare la possibilità di realizzare nuove forme di gestione innovative finalizzate in particolare al recupero dei nutrienti ed in particolare del fosforo;
4) garantire la gestione e l'utilizzo dei fanghi in sicurezza per l'uomo e per l'ambiente;
5) prevedere la predisposizione di specifici piani regionali di gestione dei fanghi di depurazione delle acque reflue, all'interno dei piani regionali di gestione dei rifiuti speciali, mirati alla chiusura del ciclo dei fanghi nel rispetto dei principi di prossimità e di autosufficienza;
c) adeguare al progresso tecnologico i criteri di realizzazione e di chiusura delle discariche favorendo l’evoluzione verso requisiti tecnici di tipo prestazionale

Modiche alla normativa RAEE, pile ed ELV

Criteri specifici di delega
a) riformare il sistema di gestione dei veicoli fuori uso, in attuazione della direttiva (UE) 2018/849, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) coordinare le previsioni del decreto legislativo 24 giugno 2003, n. 209, con le disposizioni contenute nella direttiva (UE) 2018/851che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, con particolare riferimento, tra l’altro, allo schema di responsabilità estesa del produttore;
2) individuare forme di promozione e semplificazione per il riutilizzo delle parti dei veicoli fuori uso utilizzabili come ricambio;
3) rafforzare l’efficacia e l’efficienza dei sistemi di tracciabilità e contabilità dei veicoli e dei veicoli fuori uso;
4) individuare misure di incentivazione del recupero energetico dei rifiuti provenienti dal trattamento degli stessi;
b) riformare il sistema di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori in attuazione della direttiva (UE) 2018/849, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) definire obiettivi di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori per i produttori, come previsto dall’articolo 8-bis della direttiva 2008/98/CE come modificata dalla direttiva (UE) 2018/851;
2) prevedere specifiche modalità semplificate per la raccolta dei rifiuti di pile portatili;
3) adeguare lo schema di responsabilità estesa alle nuove previsioni, anche alla luce delle disposizioni che, sull’argomento, sono contenute nella direttiva (UE) 2018/851;
4) armonizzare il sistema di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori con quello di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche;
a) riformare il sistema di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in attuazione della direttiva (UE) 2018/849, nel rispetto delle seguenti indicazioni:
1) definire obiettivi di gestione dei RAEE per i produttori, come previsto dall’articolo 8-bis della direttiva 2008/98/CE come modificata dalla direttiva (UE) 2018/851;
2) adeguare lo schema di responsabilità estesa alle nuove previsioni, anche alla luce delle disposizioni, che sull’argomento, sono contenute nella direttiva (UE) 2018/851;
3) individuare misure di promozione e semplificazione per il riutilizzo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE);
4) definire condizioni, requisiti e standard operativi, nonché le relative modalità di controllo, per gli impianti di trattamento adeguato dei RAEE.

...

Fonte: MATTM

Collegati:

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (14. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Incontro stakeholders 23.10.18.pdf)Incontro stakeholders 23.10.18
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT443 kB416
Scarica questo file (13. Recepimento direttive pacchetto rifiuti -  RAEE, pile, ELV.pdf)RAEE, pile, ELV
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT147 kB440
Scarica questo file (12. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Reporting.pdf)Reporting
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT97 kB381
Scarica questo file (11. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Discariche, ammissibilità in discarica e fanghi.pdf)Discariche, ammissibilità in discarica e fanghi
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT135 kB363
Scarica questo file (10. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Competenze.pdf)Competenze
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT264 kB338
Scarica questo file (09. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Elenco rifiuti e operazioni recupero e smaltimento.pdf)Elenco rifiuti e operazioni recupero e smaltimento
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT173 kB385
Scarica questo file (08. Recepimento direttive pacchetto rifiuti -  Prevenzione. Marine litter. Food waste.pdf)Prevenzione. Marine litter. Food waste
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT379 kB386
Scarica questo file (07. Recepimento direttive pacchetto rifiuti -  Rifiuti organici.pdf)Rifiuti organici
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT537 kB370
Scarica questo file (06. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - EOW End of Waste e sottoprodotti.pdf)EOW End of Waste e sottoprodotti
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT136 kB411
Scarica questo file (05. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Tariffa e tributo in discarica.pdf)Tariffa e tributo in discarica
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT128 kB344
Scarica questo file (04. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Definizioni, classificazione assimilazione.pdf)Definizioni, classificazione assimilazione
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT133 kB352
Scarica questo file (03. Recepimento direttive pacchetto rifiuti - Tracciabilità e SISTRI.pdf)Tracciabilità e SISTRI
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT519 kB378
Scarica questo file (02. Recepimento direttive pacchetto rifiuti -  EPR Responsabilità’ estesa del produttore.pdf)EPR Responsabilità’ estesa del produttore
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT341 kB398
Scarica questo file (01. Economia Circolare e pacchetto rifiuti- Imballaggi Consorzi.pdf)Imballaggi Consorzi
Recepimento direttive pacchetto rifiuti
IT181 kB413

Tags: Ambiente Rifiuti

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Rapporto 2019 sull attuazione della VAS in Italia   Dati 2018
Gen 28, 2022 16

Rapporto 2019 sull’attuazione della VAS in Italia - Dati 2018

Rapporto 2019 sull’attuazione della VAS in Italia - Dati 2018 ID 15593 | 28.01.2022 Il Rapporto sull’attuazione della Valutazione Ambientale Strategica in Italia si aggiunge alla reportistica che a partire dal 2011, annualmente, restituisce un quadro complessivo dello stato di attuazione della VAS… Leggi tutto
Stato di applicazione al 2020 delle Linea Guida GPP SNPA nel Sistema
Gen 28, 2022 23

Stato di applicazione al 2020 delle Linea Guida GPP SNPA nel Sistema

Stato di applicazione al 2020 delle Linea Guida GPP SNPA nel Sistema Report SNPA n. 28/2021 Il presente documento sintetizza i risultati della rilevazione dello stato di applicazione delle “Linee guida GPP nel Sistema Agenziale” adottate nel 2017. L’indagine ha evidenziato disomogeneità… Leggi tutto
Gen 27, 2022 24

Decreto 10 aprile 2013

Decreto 10 aprile 2013 Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione (G.U. 8 maggio 2008 n.107) [box-info]Aggiornamento Il documento allegato aggiorna il Piano d’azione di cui al D.I. 11 aprile 2008, sostituendo in particolare il punto 4.2… Leggi tutto
Gen 27, 2022 26

Decreto 11 aprile 2008

Decreto 11 aprile 2008 Piano d'azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione (G.U. 8 maggio 2008 n.107)
Aggiornamento Il documento allegato è aggiornato dal D.I. 10 aprile 2013.
Collegati[box-note]Decreto 10 aprile 2013Criteri… Leggi tutto
Il monitoraggio del GPP nel SNPA 2019
Gen 27, 2022 33

Il monitoraggio del Green Public Procurement nel SNPA - 2019

Il monitoraggio del Green Public Procurement nel SNPA - 2019 Report SNPA n. 27/2021 Il presente documento illustra le risultanze di un primo ciclo di monitoraggio degli acquisti aggiudicati nel 2019 nel SNPA. I risultati ottenuti, pur parziali, hanno evidenziato alcune criticità comuni nelle… Leggi tutto
Decreto 20 novembre 2021
Gen 26, 2022 41

Decreto 20 novembre 2021

Decreto 20 novembre 2021 Modifica e sostituzione dell'allegato del decreto 22 gennaio 2018, n 33, recante: «Regolamento sulle misure e sui requisiti dei prodotti fitosanitari per un uso sicuro da parte degli utilizzatori non professionali». (GU n.20 del 26.01.2022) Testo consolidato del decreto 22… Leggi tutto
Criteri EU GPP riscaldamento ad acqua
Gen 26, 2022 54

Criteri EU GPP riscaldamento ad acqua

Criteri EU GPP riscaldamento ad acqua (2014) L'oggetto del presente documento è costituito dagli appalti pubblici per il riscaldamento ad acqua. Ai fini dei criteri in esame, il gruppo di prodotti "riscaldamento ad acqua" comprende i prodotti usati per generare calore e facenti parte di un impianto… Leggi tutto
Criteri Ambientali Minimi GPP acque reflue
Gen 26, 2022 56

Criteri EU GPP Infrastruttura delle acque reflue

Criteri EU GPP Infrastruttura delle acque reflue (2013) Il presente documento contiene i criteri per gli appalti pubblici verdi dell'UE (Green Public Procurement - GPP) raccomandati per l'aggiudicazione di progetti di infrastrutture delle acque reflue. La relazione tecnica preliminare di… Leggi tutto
Criteri EU GPP   Toilette
Gen 26, 2022 58

Criteri EU GPP Toilette e orinatoi

Criteri EU GPP Toilette e orinatoi (2013) L'oggetto del presente documento è costituito da appalti pubblici per elementi di vasi sanitari a scarico d'acqua, compresi vasi sanitari accoppiati a un sistema di scarico, i vasi sanitari ad alimentazione indipendente e i sistemi di scarico dell'acqua per… Leggi tutto
Criteri EU GPP   Tessile
Gen 26, 2022 46

Criteri EU GPP Tessile

Criteri EU GPP Tessile (2017) I criteri per i prodotti tessili si riferiscono ai seguenti prodotti, che comprendono tanto prodotti finiti quanto prodotti intermedi e accessori: - abbigliamento e accessori tessili: divise, abbigliamento da lavoro, dispositivi di protezione individuale (DPI) e… Leggi tutto

Più letti Ambiente