Slide background




Classificazione sostanze cancerogene e mutagene

ID 4668 | | Visite: 55230 | Documenti Riservati SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/4668

Classificazione sostanze cancerogene ENTI

Classificazione sostanze cancerogene e mutagene

Aggiornamento Ed. 2.0 2019 (Rev. 3a)

Il Documento traccia una panoramica sulla classificazione delle sostanze chimiche cancerogene e mutagene, indicando i livelli che sono a riferimento nella normativa e da Enti riconosciuti.

In particolare sono evidenziate le classificazioni delle seguenti fonti:

UE - Regolamento (CE) 1272/2008 CLP (UE)
IARC - International Agency for Research on Cancer (UE)
ACGIH - American Conference of Industrial Hygienists (US)
CCTN - Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale Italiana (IT)
EPA - Environmental Protection Agency NTP - National Toxicology Program (US)
NTP - National Toxicology Program (US)

Di seguito vengono riassunte in una tabella le classificazioni di cui alle fonti e i relativi livelli/categorie da queste individuate(1):



(1) Tabella schematica - non armonizzata
...

1. Classificazione della Unione Europea (UE)

Secondo la classificazione della UE - Regolamento (CE) 1272/2008 (CLP) - le sostanze cancerogene sono suddivise nelle categorie seguenti.

...
3.6. Cancerogenicità
...


Tabella 3.6.1 Categorie di pericolo per le sostanze cancerogene
...

Tabella 3.6.2
...


Tabella 3.6.2 Limiti di concentrazione generici di componenti di una miscela classificati come cancerogeni che determinano la classificazione della miscela
...

3.6.3. Criteri di classificazione delle miscele
...


Tabella 3.5.2 Limiti di concentrazione generici dei componenti di una miscela classificati come mutageni sulle cellule germinali che determinano la classificazione della miscela
...

2. Classificazione dell’International Agency for Research on Cancer (IARC)

La IARC individua 5 categorie di cancerogeni così suddivise:

Gruppo 1 - “Cancerogeni umani”:
categoria riservata alle sostanze con sufficiente evidenza di cancerogenicità per l’uomo;

Gruppo 2: è diviso in due sottogruppi, denominati A e B.

Sottogruppo 2A - “Probabili cancerogeni umani”:
categoria è riservata alle sostanze con limitata evidenza di cancerogenicità per l’uomo e sufficiente evidenza per gli animali. In via eccezionale anche sostanze per le quali sussiste o solo limitata evidenza per l’uomo o solo sufficiente evidenza per gli animali purché supportata da altri dati di rilievo.

Sottogruppo 2B - “Sospetti cancerogeni umani”:
usato per le sostanze con limitata evidenza per l’uomo in assenza di sufficiente evidenza per gli animali o per quelle con sufficiente evidenza per gli animali ed inadeguata evidenza o mancanza di dati per l’uomo. In alcuni casi possono essere inserite in questo gruppo anche le sostanze con solo limitata evidenza per gli animali purché questa sia saldamente supportata da altri dati rilevanti.

Gruppo 3 - “Sostanze non classificabili per la cancerogenicità per l’uomo”:
in questo gruppo sono inserite le sostanze che non rientrano in nessun altra categoria prevista.

Gruppo 4 - “Non cancerogeni per l’uomo”:
sostanze con evidenza di non cancerogenicità sia per l’uomo che per gli animali. In alcuni casi, possono essere inserite in questa categoria le sostanze con inadeguata evidenza o assenza di dati per l’uomo ma con provata mancanza di cancerogenicità per gli animali, saldamente supportata da altri dati di rilievo. 
...

Download Agents Classified by the IARC Monographs, Volumes 1-119 | Last Update 28 June 2017

4. Classificazione della Environmental Protection Agency (EPA)

La classificazione dell’EPA prevede sette gruppi di sostanze contraddistinti ciascuno da lettere:

Gruppo A: “Cancerogeni umani”:
sostanze con sufficiente evidenza di cancerogenicità in studi epidemiologici.

Gruppo B: “Probabili cancerogeni umani”:
diviso in due sottogruppi, denominati B1 e B2.

Sottogruppo B1: comprende sostanze con limitata evidenza di cancerogenicità in studi epidemiologici.

Sottogruppo B2: comprende sostanze con sufficiente evidenza di cancerogenicità in studi su animali e inadeguata evidenza o assenza di dati in studi sull’uomo.

Gruppo C: “Sospetti cancerogeni umani”:
raccoglie sostanze con limitata evidenza di cancerogenicità per gli animali e assenza di dati o dati negativi o dati inadeguati sull’uomo.

Gruppo D: “Sostanze non classificabili”:
riservato alle sostanze con inadeguata evidenza di cancerogenicità sia nell’uomo che negli animali o sostanze per cui non sono disponibili dati.

Gruppo E: “Non cancerogeni”:
sostanze che non hanno dimostrato potenzialità cancerogene in almeno due studi su animali, condotti in modo adeguato su specie diverse, o sia in studi animali che epidemiologici. 

Download Table 1. Prioritized Chronic Dose-Response Values 9 May 2014 | Last Update 9 may 2014

Download Table 2. Acute Dose-Response Values for Screening Risk Assessments | Last Update 18 sept 2014

6. Classificazione dell’American Conference of Industrial Hygienists (ACGIH)

La classificazione dell’ACGIH prevede cinque gruppi di sostanze.

A1. Carcinogeno riconosciuto per l’uomo:
l’agente è risultato carcinogeno per l’uomo sulla base dei risultati di studi epidemiologici o di evidenza clinica convincente in esposti umani.

A2. Carcinogeno sospetto per l’uomo:
l’agente è risultato carcinogeno in animali da esperimento: a livelli di dose, per vie di somministrazione, in siti di tipo istologico, o per meccanismi che non sono considerati rilevanti per l’esposizione dei lavoratori. Gli studi epidemiologici disponibili sono contrastanti, controversi o insufficienti per confermare un incremento del rischio di cancro per l’uomo esposto.

A3. Carcinogeno per l’animale:
l’agente è risultato carcinogeno in animali da esperimento ad una dose relativamente elevata o per vie di somministrazione, in siti di tipo istologico o per meccanismi che non vengono considerati rilevanti per i lavoratori esposti. Gli studi epidemiologici disponibili non confermano un incremento del rischio del cancro per l’uomo esposto. Le conoscenze disponibili suggeriscono come improbabile che l’agente causi il cancro nell’uomo, se non in improbabili e non comuni situazioni espositive.

A4. Non classificabile come carcinogeno per l’uomo:
attualmente non esistono dati o quelli esistenti sono inadeguati per classificare l’agente per quanto riguarda la cancerogenicità per l’uomo e/o gli animali.

A5. Non sospetto come carcinogeno per l’uomo:
l’agente non è ritenuto essere carcinogeno per l’uomo sulla base di studi epidemiologici appropriatamente condotti sull’uomo. Questi studi hanno un follow-up sufficientemente prolungato, storie espositive affidabili, dosi sufficientemente elevate e evidenza statistica adeguata per concludere che l’esposizione all’agente non comporta un rischio significativo di cancro per l’uomo. L’evidenza di scarsa cancerogenicità nelle prove su animali viene considerata se è supportata da altri dati pertinenti.

Per le sostanze per le quali non si dispone di dati di cancerogenicità sull’uomo e su animali da esperimento, non viene data alcuna designazione relativa alla cancerogenicità.

7. Differenze UE | IARC | ACGIH |

Si desume che sostanze chimiche classificate nel gruppo 1 di IARC, A1 dell'ACGIH e nella categoria 1A dell'Unione europea sono equivalenti.  e che esistono differenze sostanziali, confrontando tra loro le tre liste degli agenti cancerogeni. 

Esistono differenze particolarmente importanti tra le sostanze chimiche incluse nell'elenco dell'ACGIH e quelle dell'IARC e dell'Unione europea.

Es.



L'Unione europea e gli elenchi IARC sono più vicini, ma ed importante notare che le sostanze chimiche classificate nel gruppo 1 del IARC possono anche essere elencate nelle categorie 1A o 1B del CLP.

Prendendo a riferimento l'elenco degli agenti cancerogeni umani per l'IARC, si vedano grandi differenze e analogie esistenti con quelle di ACGIH e dell'Unione Europea.

Molte sostanze chimiche sono classificate come cancerogene solo dall'IARC.
...

8. Agenti cancerogeni D.Lgs. 81/2008

Secondo l’art. 234 del decreto legislativo 81/2008 si definisce:

a) agente cancerogeno:
1) una sostanza o miscela che corrisponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena di categoria 1 A o 1 B di cui all'allegato I del regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio;

2) una sostanza, miscela o procedimento menzionati all'allegato XLII del presente decreto, nonché sostanza o miscela liberate nel corso di un processo e menzionate nello stesso allegato;

b) agente mutageno:
1) una sostanza o miscela corrispondente ai criteri di classificazione come agente mutageno di cellule germinali di categoria 1 A o 1 B di cui all'allegato I del regolamento (CE) n. 1272/2008.

c) valore limite:
se non altrimenti specificato, il limite della concentrazione media, ponderata in funzione del tempo, di un agente cancerogeno o mutageno nell'aria, rilevabile entro la zona di respirazione di un lavoratore, in relazione ad un periodo di riferimento determinato stabilito nell'allegato XLIII.

Classificazione sostanze cancerogene ENTI 00

NB Tale elenco sarà a breve aggiornato al Recepimento della Direttiva (UE) 2017/2398.

Certifico - Update 04 Ottobre 2018

Altri agenti cancerogeni e relativi limiti di esposizione durante il lavoro

Con la Direttiva (UE) 2017/2398 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2017 che modifica la direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro 
(GUUE L 345/87 del 27.12.2017) modifica alla VI Direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1 della direttiva 89/391/CEE), Direttiva 2004/37/CE, che dovrà essere recepita nel D.Lgs. 81/2008 entro il 17 gennaio 2020, sono aggiunte 11 nuove sostanze di cui all'ALLEGATO III, introdotti valori limite e altre disposizioni direttamente connesse.

Dalle 3 sostanze attuali, inserite nell'ALLEGATO XLIII del D.Lgs. 81/2008 che comunque sono modificate nelle soglie, si passa ad un totale di 14 sostanze:

- Polveri di legno duro (esistente)
- Composti di cromo VI definiti cancerogeni ai sensi dell’art. 2, lett. a), p. i), (come cromo)
- Fibre ceramiche refrattarie definite cancerogene ai sensi dell’articolo 2, lettera a), punto i)
- Polvere di silice cristallina respirabile
- Benzene (esistente)
- Cloruro di vinile monomero (esistente)
- Ossido di etilene
- 1,2-Epossipropano
- Acrilammide
- 2-Nitropropano
- o-Toluidina
- 1,3-Butadiene
- Idrazina
- Bromoetilene

Maggiori Info

Certifico - Update 16 Luglio 2019

Altri agenti cancerogeni e relativi limiti di esposizione durante il lavoro

La direttiva (UE) 2019/130 del Parlamento Europeo e del Consiglio e del 16 gennaio 2019 che modifica la direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro. E’ la 5a direttiva di modifica della Direttiva 90/394/CEE del Consiglio, del 28 giugno 1990, sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni durante il lavoro (sesta direttiva particolare ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1 della direttiva 89/391/CEE).

Recepimento: entro il 20.02.2021

Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro un termine di due anni dalla data della sua entrata in vigore.

Sostanze cancerogene introdotte:

- Oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna
- Miscele di idrocarburi policiclici aromatici
- Emissioni di gas di scarico dei motori diesel
- Tricloroetilene
- 4,4′-metilendianilina (MDA)
- Epicloridrina
- Etilene dibromuro
- Etilene dicloruro

Elenco di sostanze, miscele e processi:

- Lavori comportanti penetrazione cutanea degli oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna pr lubrificare e raffreddare le parti mobili all'interno del motore.

- Lavori comportanti esposizione alle emissioni di gas di scarico dei motori diesel.

La Direttiva (UE) 2019/983 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 giugno 2019, che modifica la direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro.

Recepimento: entro il 11.07.2021

Sostanze cancerogene introdotte Direttiva (UE) 2019/983:

- Cadmio e suoi composti inorganici
- Berillio e composti inorganici del berillio
- Acido arsenico e suoi sali e composti inorganici dell'arsenico
- Formaldeide
- 4,4′-metilene-bis(2 cloroanilina)

Riepilogo:

Sono 24 le nuove sostanze cancerogene da inserire nell'Alegato XLIII di cui al Capo II Protezione da agenti cancerogeni e mutageni del Titolo IX Sostanze pericolose del D.Lgs. 81/2008 in accordo con le Direttive Direttiva (UE) 2017/2398 e Direttiva (UE) 2019/130 e la Direttiva (UE) 2019/983

Sostanze cancerogene introdotte Direttiva (UE) 2017/2398

- Composti di cromo VI
- Fibre ceramiche refrattarie
- Polvere di silice cristallina respirabile
- Ossido di etilene
- 1,2-Epossipropano
- Acrilammide
- 2-Nitropropano
- o-Toluidina
- 1,3-Butadiene
- Idrazina
- Bromoetilene

Sostanze cancerogene introdotte Direttiva (UE) 2019/130:

- Oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna 
- Miscele di idrocarburi policiclici aromatici
- Emissioni di gas di scarico dei motori diesel
- Tricloroetilene
- 4,4′-metilendianilina (MDA) 
- Epicloridrina
- Etilene dibromuro
- Etilene dicloruro

Sostanze cancerogene introdotte Direttiva (UE) 2019/983:

- Cadmio e suoi composti inorganici
- Berillio e composti inorganici del berillio
- Acido arsenico e suoi sali e composti inorganici dell'arsenico
- Formaldeide
- 4,4′-metilene-bis(2 cloroanilina)

Certifico Srl - IT Rev. 2.0 2019
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
2.0 2019 Update TUS Certifico Srl
1.0 2019 - Aggiustamenti e fix
- Update TUS
Certifico Srl
0.0 2017 --- Certifico Srl

Collegati

Pin It


Scarica questo file (Table 2. Acute Dose-Response Values for Screening Risk Assessments 18 Sept 2014.pdf)Table 2. Acute Dose-Response Values for Screening Risk AssessmentsEPA Sept 18, 2014EN231 kB(1223 Downloads)
Scarica questo file (Table 1. Prioritized Chronic Dose-Response Values 9 May 2014.pdf)Table 1. Prioritized Chronic Dose-Response Values 9 May 2014EPA May 9, 2014EN40 kB(871 Downloads)
Scarica questo file (List of Classifications by cancer sites.pdf)List of Classifications by cancer sitesIARC 28 June 2017EN43 kB(959 Downloads)
Scarica questo file (List of Classifications Agent IARC 28 June 2017.pdf)List of Classifications AgentIARC 28 June 2017EN149 kB(861 Downloads)
Scarica questo file (Agents Classified by the IARC Monographs, Volumes 1-119 28 June 2017.pdf)Agents Classified by the IARC Monographs, Volumes 1-119 IARC 28 June 2017EN156 kB(1987 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Nov 15, 2019 18

Cassazione Penale Sent. Sez. F Num. 45719 | 11 Novembre 2019

Cassazione Penale Sez. Fer. dell' 11 novembre 2019, n. 45719 Rischio da schiacciamento per oscillazione. Sebbene non vi sia un divieto di intervenire manualmente sui carichi, è necessario garantire il pieno governo del carico da parte del lavoratore Penale Sent. Sez. F Num. 45719 Anno 2019… Leggi tutto
D Lgs  14 agosto 1996 n  494
Nov 14, 2019 38

D.Lgs. 14 agosto 1996 n. 494

D.Lgs. 14 agosto 1996 n. 494 Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili. (GU n.223 del 23-9-1996 - SO n. 156) Abrogato da: D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Testo nativo allegato a scopo di Archivio.… Leggi tutto
RapportoISTISAN 1919
Nov 12, 2019 31

Tecnologie wireless applicate ai dispositivi medici

Tecnologie wireless applicate ai dispositivi medici Valutazione dell’impatto su qualità e sostenibilità dei servizi offerti dalla rete dell’emergenza-urgenza Rapporto ISTISAN 19/19 I dispositivi e i sistemi che ci consentono di comunicare senza utilizzare supporti fisici, come cavi in rame o… Leggi tutto
Guidelines Exposure to Time Varying Electric  Magnetic  and Electromagnetic Fields  Up to 300 GHz
Nov 12, 2019 41

Guidelines Exposure to Time-Varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (Up to 300 GHz)

Guidelines for Limiting Exposure to Time-Varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (Up to 300 GHz) INTRODUCTION IN 1974, the International Radiation Protection Association (IRPA) formed a working group on non-ionizing radiation (NIR), which examined the problems arising in the field of… Leggi tutto
Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields
Nov 12, 2019 40

Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields

Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields INTRODUCTION THE RAPID development of technologies in industry and medicine using static magnetic fields has resulted in an increase in human exposure to these fields and has led to a number of scientific studies of their possible health… Leggi tutto
Guidance compliance of exposure to pulsed and complex non sinusoidal waveforms below 100 kHz
Nov 12, 2019 35

Guidance compliance of exposure to pulsed and complex non-sinusoidal waveforms below 100 kHz

Guidance compliance of exposure to pulsed and complex non-sinusoidal waveforms below 100 kHz THE INTERNATIONAL Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP) has published guidelines for limiting exposure to electric, magnetic and electromagnetic fields (ICNIRP 1998a, b) and has provided… Leggi tutto
Guidelines for limiting exposure to time varying electric and magnetic fields  1 Hz to 100 kHz
Nov 12, 2019 34

Guidelines exposure time-varying electric and magnetic fields (1Hz - 100 KHz)

Guidelines for limiting exposure to time-varying electric and magnetic fields (1 hz to 100 khz) International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection INTRODUCTION In this document, guidelines are established for the protection of humans exposed to electric and magnetic fields in the… Leggi tutto

Più letti Sicurezza