Slide background




Valutazione rischio biologico nelle attività istituzionali delle Agenzie per la Protezione dell’Ambiente

ID 17692 | | Visite: 383 | Documenti Sicurezza EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/17692

Manuale ISPRA n  93 2013

Valutazione rischio biologico nelle attività istituzionali delle Agenzie per la Protezione dell’Ambiente

ID 17692 | 26.09.2022 / In allegato Linee guida

Manuale ISPRA 93/2013

Criteri ed indirizzi per la tutela della salute e sicurezza in tema di valutazione del rischio biologico nelle attività istituzionali delle Agenzie per la Protezione dell’Ambiente

La presente pubblicazione è il risultato di studi e analisi sul rischio per la salute e sicurezza degli operatori esposti ad Agenti Biologici (AB), sviluppati e condotti dal Centro Interagenziale Igiene e Sicurezza in collaborazione con l’INAIL (Direzione Regionale Liguria). Ha lo scopo di definire criteri ed indirizzi utili alla valutazione di tale rischio durante l’esecuzione di attività istituzionali delle Agenzie per la Protezione dell’Ambiente (ARPA-APPA).

Nel documento si forniscono definizioni e caratterizzazioni degli AB ai sensi dal D.Lgs. 81/08 al Titolo X; si introduce, inoltre, al significato di esposizione agli AB. Si descrivono poi le vie e i meccanismi di trasmissione dalle fonti e dai serbatoi di AB ai recettori (soggetti esposti); la sensibilità degli AB ai fattori chimici e fisici, al fine di valutare i limiti alla trasmissione di specifici agenti; i meccanismi con cui questi agenti provocano danni all’organismo, la cui gravità dipende dal tipo d’esposizione. Infine si fornisce un metodo operativo utilizzabile per stabilire i livelli di rischio, basato su informazioni e dati oggettivi disponibili o facilmente reperibili.

Organizzazione interna al Sistema nazionale delle agenzie per la protezione dell'ambiente (ARPA/APPA e ISPRA) finalizzata ad iniziative sinergiche per la promozione ed il miglioramento della salute e sicurezza del lavoro degli operatori delle Agenzie ambientali.

Il Titolo X del D.Lgs. 81/08 richiede di effettuare la valutazione in tutte le attività lavorative nelle quali si possono presentare le seguenti condizioni di rischio:

- Rischio Biologico Generico, potenzialmente presente in tutti gli ambienti di lavoro;
- Rischio Biologico Specifico, proprio della mansione svolta e classificato in:
-- deliberato: nel caso in cui una determinata attività preveda l’uso intenzionale di agenti biologici (AB);
-- potenziale: derivante da un’esposizione non intenzionale, bensì potenziale ed accidentale ad AB presenti nell’ambiente di lavoro.

Tra i metodi presenti in letteratura che consentono di determinare il livello di rischio biologico specifico vi è l’algoritmo elaborato dall’ISPRA e pubblicato con il presente manuale - Manuale e Linee Guida ISPRA n. 93/2013: “Criteri ed indirizzi per la tutela della salute e sicurezza in tema di valutazione del Rischio Biologico nelle attività istituzionali delle Agenzie per la Prevenzione dell’Ambiente” (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, 2013).

...

Fonte: ISPRA

Collegati

Tags: Sicurezza lavoro Rischio biologico Abbonati Sicurezza ISPRA

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Sentenze cassazione penale
Dic 02, 2022 19

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 45135 | 28 novembre 2022

Cassazione Penale Sez. 4 del 28 novembre 2022 n. 45135 Rottura delle catene di sollevamento della piattaforma elevabile. Omessa manutenzione e responsabilità del datore di lavoro e del RSPP che non svolge i propri compiti consultivi Penale Sent. Sez. 4 Num. 45135 Anno 2022Presidente: FERRANTI… Leggi tutto
Nov 30, 2022 50

Circolare INAIL n. 36 del 15 settembre 2010

Circolare INAIL n. 36 del 15 settembre 2010 Denuncia di malattia professionale per via telematica: modalita di acquisizione del certificato medico. Modifica dell'articolo 53 del Testo Unico approvata con Decreto Interministeriale del 30 luglio 2010. Collegati[box-note]Decreto 30 luglio 2010… Leggi tutto
Alimentazione al lavoro un possibile modello di intervento
Nov 30, 2022 45

Alimentazione al lavoro: un possibile modello di intervento

Alimentazione al lavoro: un possibile modello di intervento ID 18234 | 30.11.2022 / In allegato Fact Sheet INAIL 2022 La scorretta alimentazione è un fattore di rischio modificabile e prevenibile che può portare all’insorgenza o al peggioramento di alcune malattie croniche non trasmissibili. Le… Leggi tutto
Nov 25, 2022 148

Circolare CNI n. 626/XIX Sess./2020

Circolare CNI n. 626/XIX Sess./2020 Elenco nazionale certificato degli ingegneri biomedici e clinici di cui all’art.10, comma 1, della legge 11 gennaio 2018, n.3 – PROCEDURE PER ISCRIZIONE. Collegati[box-note]Ingegnere biomedico: elenco nazionale certificatoLegge 11 gennaio 2018 n. 3Circolare CNI… Leggi tutto
Nov 25, 2022 119

Circolare CNI n. 680/XIX Sess./2021

Circolare CNI n. 680/XIX Sess./2021 Modalità di iscrizione all’Elenco nazionale certificato degli Ingegneri biomedici e clinici di cui all’art. 10, comma 1, della legge 11 gennaio 2018, n.3 Requisiti di iscrizione all’Elenco nazionale certificato a) Ingegneri con Laurea magistrale o specialistica… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Nov 25, 2022 78

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 44561 | 23 Novembre 2022

Cassazione Penale Sez. 4 del 23 novembre 2022 n. 44561 Pulizia dei rulli del macchinario in movimento e trascinamento della mano dell'operaio litografo. Prassi comune e protezione inadeguata Penale Sent. Sez. 4 Num. 44561 Anno 2022Presidente: FERRANTI DONATELLARelatore: VIGNALE LUCIAData Udienza:… Leggi tutto
Contagi sul lavoro COVID   31 10 2022
Nov 24, 2022 86

Covid-19 | Contagi sul lavoro denunciati all’INAIL: 31 Ottobre 2022

Covid-19 | Contagi sul lavoro denunciati all’INAIL: 31 Ottobre 2022 ID 18163 | 24.11.2022 Covid-19, tra gennaio e ottobre 2022 denunciati oltre 100mila contagi sul lavoro Lo rileva il 30esimo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail, pubblicato oggi insieme alla versione… Leggi tutto

Più letti Sicurezza