Slide background
Slide background

Trasporto materie corrosive ADR

ID 8268 | | Visite: 1326 | Documenti Riservati Trasporto ADRPermalink: https://www.certifico.com/id/8268

Materie corrosive ADR 2 2 8

Trasporto materie corrosive ADR

ID 8268 | 14.05.2019 | Documento completo in allegato

La corrosività è la caratteristica propria di quelle sostanze che, per la loro azione chimica, attaccano i tessuti epiteliali e le mucose con le quali vengono in contatto o che, in caso di dispersione, possono causare danni ad altre merci o ai mezzi di trasporto.

Le materie corrosive comprendono gli acidi, le basi e gli alcali.

Sono comprese in questa classe anche le materie che formano un liquido corrosivo in presenza di solo acqua o che in presenza dell'umidità dell'aria producono vapori o nebbie corrosivi.

Come desumibile dalle istruzioni di imballaggio di colonna della tabella nominativa ADR, le materie della classe 8 devono essere trasportate in imballaggi:

- resistenti all'azione chimica corrosiva,
- nella maggioranza dei casi in recipienti metallici in acciaio inossidabile,
- in alcuni casi in recipienti di plastica od in metallo rivestito internamente in ebanite o gomme protettive.

I materiali dei recipienti di trasporto non devono reagire pericolosamente con il loro contenuto (ad es. favorire la decomposizione).

In via generale, per il trasporto di materie della classe 8, non sono previsti particolari prescrizioni per le carrozzerie, che, di conseguenza, possono essere aperte, telonate, chiuse o furgonate.

Es. di materie corrosive:
UN 1833 ACIDO SOLFOROSO
UN 2491 ETANOLAMMINA
UN 3495 IODIO
UN 1938 ACIDO BROMOACETICO

Download report materia ADR 8 ONU 1938 Acido bromoacetico in soluzione

________

PARTE 2 - CLASSIFICAZIONE
CAPITOLO 2.2 - DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER LE DIVERSI CLASSI

2.2.8. Classe 8 - Materie corrosive

2.2.8.1. Definizione, disposizioni generali e criteri (1)

2.2.8.1.1
Le materie corrosive sono materie che, per azione chimica, provocano danni irreversibili alla pelle o, in caso di perdita, possono danneggiare gravemente o persino distruggere altre merci o mezzi di trasporto. Il titolo della presente classe comprende inoltre le materie che formano una materia corrosiva liquida solo in presenza d'acqua o che, in presenza dell'umidità naturale dell'aria, producono vapori o nebbie corrosivi.

2.2.8.1.2.
Le disposizioni che riguardano la classificazione delle materie corrosive per la pelle sono indicate al 2.2.8.1.4. La corrosione cutanea si riferisce a lesioni cutanee irreversibili, ovvero una necrosi visibile attraverso l'epidermide e nel derma che si verifica dopo un'esposizione alla materia.

2.2.8.1.3.
Le materie liquide e solide che possono sciogliersi durante il trasporto, che non sono considerate corrosive per la pelle, devono comunque essere considerate come potenzialmente corrosive per determinate superfici metalliche, in conformità ai criteri del 2.2.8.1.5.3 c) ii).

2. Classificazione

2.2.8.1.4.
Disposizioni generali relative alla classificazione

2.2.8.1.4.1.
Le materie e gli oggetti della classe 8 sono suddivisi come segue:

C1- C11 Materie corrosive senza rischio sussidiario e oggetti contenenti tali materie;

C1-C4 
Materie di carattere acido:
C1 Inorganiche, liquide;
C2 Inorganiche, solide;
C3 Organiche, liquide;
C4 Organiche, solide;

C5-C8 Materie di carattere basico:
C5 Inorganiche, liquide;
C6 Inorganiche, solide;
C7 Organiche, liquide;
C8 Organiche, solide;

C9-C11 
Altre materie corrosive:
C9 Liquide;
C10 Solide;
C11 Oggetti;

CF Materie corrosive, infiammabili:
CF1 Liquide;
CF2 Solide;

CS Materie corrosive, autoriscaldanti:
CS1 Liquide;
CS2 Solide;

CW Materie corrosive che, a contatto con l'acqua, sviluppano gas infiammabili:
CW1 Liquide;
CW2 Solide;

CO Materie corrosive, comburenti:
CO1 Liquide;
CO2 Solide;

CT Materie corrosive tossiche e oggetti contenenti tali materie:
CT1 Liquide;
CT2 Solide;
CT3 Oggetti;
CFT Materie corrosive liquide, infiammabili, tossiche;
COT Materie corrosive, comburenti, tossiche.

2.2.8.1.4.2.
Le materie della classe 8 devono essere classificate in tre gruppi d'imballaggio, secondo il grado di pericolo che presentano per il trasporto, secondo i criteri seguenti:

a) Gruppo d'imballaggio I: Materie molto pericolose;

b) Gruppo d'imballaggio II: Materie che presentano un pericolo medio;

c) Gruppo d'imballaggio III: Materie che presentano un pericolo basso.

2.2.8.1.4.3.
La classificazione delle materie della tabella A del capitolo 3.2 nei gruppi di imballaggio della classe 8 si basa sull'esperienza acquisita e tiene conto di fattori supplementari come il rischio di inalazione (cfr. 2.2.8.1.4.5) e l'idro-reattività (compresa la formazione di prodotti di decomposizione che presentano un pericolo).

2.2.8.1.4.4.
Le nuove materie possono essere classificate nei gruppi di imballaggio sulla base del tempo di contatto necessario per provocare una lesione irreversibile al tessuto cutaneo intatto secondo i criteri del 2.2.8.1.5. In alternativa, per le miscele possono essere utilizzati i criteri del 2.2.8.1.6.

2.2.8.1.4.5.
Una materia conforme ai criteri della classe 8, la cui tossicità per inalazione di polveri e nebbie (CL50) corrisponde al gruppo di imballaggio I, ma la cui tossicità per ingestione e assorbimento cutaneo corrisponde solo al gruppo di imballaggio III o con un grado inferiore di tossicità, deve essere assegnata alla classe 8 (vedere 2.2.61.1.7.2).

2.2.8.1.5.
Assegnazione ai gruppi d'imballaggio

2.2.8.1.5.1.
I dati esistenti sull'uomo e sugli animali, compresi i dati derivanti da esposizioni singole o ripetute, dovrebbero essere valutati per primi in quanto forniscono informazioni direttamente correlate agli effetti sulla pelle.

2.2.8.1.5.2.
Per classificare una materia in un gruppo d'imballaggio conformemente al 2.2.8.1.4.4, si deve tener conto dell'esperienza acquisita sugli esseri umani in caso di esposizioni accidentali. In assenza di tale esperienza, la classificazione deve essere basata sui risultati dell'esperimento conformemente alla Linea guida 404 o 435 de l'OCSE. Ai fini dell'ADR, una materia definita come non corrosiva secondo la Linea guida 430 o 431 de l'OCSE è considerata non corrosiva per la pelle senza la necessità di eseguire ulteriori prove.

2.2.8.1.5.3.
Le materie corrosive sono classificate nei gruppi di imballaggio secondo i seguenti criteri (cfr. tabella 2.2.8.1.5.3):

a) nel gruppo di imballaggio I sono classificate le materie che causano una lesione irreversibile del tessuto cutaneo intatto per un periodo di osservazione di massimo 60 minuti che inizia immediatamente dopo il tempo di applicazione di 3 minuti o meno;

b) nel gruppo di imballaggio II sono classificate le materie che causano una lesione irreversibile del tessuto cutaneo intatto per un periodo di osservazione di massimo 14 giorni che inizia immediatamente dopo il tempo di applicazione di 3 minuti ma meno di 60 minuti;

c) nel gruppo di imballaggio III sono classificate:

i) le materie che causano una lesione irreversibile del tessuto cutaneo intatto per un periodo di osservazione di massimo 14 giorni che inizia immediatamente dopo il tempo di applicazione di più di 60 minuti ma di 4 ore al massimo;
ii) le materie che sono ritenute non provocare una lesione irreversibile del tessuto cutaneo intatto, ma la cui velocità di corrosione su superfici di acciaio o alluminio supera i 6,25 mm all'anno alla temperatura di prova di 55 °C, quando vengono effettuate le prove su questi due materiali. Per le prove sull'acciaio, devono essere utilizzati i tipi S235JR + CR (1.0037, rispettivamente St 37-2), S275J2G3 + CR (1.0144, rispettivamente St 44-3), ISO 3574, Unified Numbering System (UNS) G10200 o SAE 1020, e per le prove sull'alluminio i tipi non rivestiti 7075-T6 o AZ5GU-T6. Una prova accettabile è descritta nel Manuale delle prove e dei criteri, terza parte, sezione 37. [...]

(1) Sottosezione così sostituita dagli emendamenti ADR 2019

 Materie non ammesse al trasporto

2.2.8.2.1.

Le materie chimicamente instabili della classe 8 sono ammesse al trasporto solo se sono state prese le misure necessarie per prevenire un'eventuale decomposizione pericolosa o polimerizzazione pericolosa nelle normali condizioni di trasporto. Per le misure da prendere per prevenire una polimerizzazione, vedere la disposizione speciale 386 del capitolo 3.3. A tal fine, è necessario, in particolare, assicurarsi che i recipienti e le cisterne non contengano alcuna materia suscettibile di favorire tali reazioni.

Le seguenti materie non sono ammesse al trasporto:

- n. ONU 1798 ACIDO CLORIDRICO E ACIDO NITRICO IN MISCELA;

- le miscele chimicamente instabili d'acido solforico residuo;

- le miscele chimicamente instabili d'acido solfonitrico o le miscele d'acido solforico e nitrico residue, non denitrificate;

-le soluzioni acquose d'acido perclorico contenenti più del 72% d'acido puro, in massa, oppure le miscele d'acido perclorico con qualsiasi altro liquido diverso dall'acqua.

Lista delle rubriche collettive

2.2.8.3. Lista delle rubriche collettive

Materie corrosive senza rischio sussidiario e oggetti contenenti tali materie 

Acide C1- C4

Inorganiche

Liquide C1

2584

ACIDI ALCHILSOLFONICI LIQUIDI contenenti più del 5% di acido solforico libero o

2584

ACIDI ARILSOLFONICI LIQUIDI contenenti più del 5% di acido solforico libero

2693

IDROGENOSOLFITI IN SOLUZIONE ACQUOSA, N.A.S.

2837

IDROGENOSOLFATI IN SOLUZIONE ACQUOSA

3264

LIQUIDO INORGANICO CORROSIVO, ACIDO, N.A.S.

Solide C2

1740

IDROGENOFLUORURI SOLIDI, N.A.S. [5]

2583

ACIDI ALCHILSOLFONICI SOLIDI contenenti più del 5% di acido solforico libero o

2583

ACIDI ARILSOLFONICI SOLIDI contenenti più del 5% di acido solforico libero

3260

SOLIDO INORGANICO CORROSIVO, ACIDO, N.A.S.

Organiche

 

Liquide C3

2586

ACIDI ALCHILSOLFONICI LIQUIDI non contenenti più del 5% di acido solforico libero o

2586

ACIDI ARILSOLFONICI LIQUIDI non contenenti più del 5% di acido solforico libero

2987

CLOROSILANI CORROSIVI, N.A.S.

3145

ALCHILFENOLI LIQUIDI N.A.S. (compresi gli omologhi da C2 a C12)

3265

LIQUIDO ORGANICO CORROSIVO, ACIDO, N.A.S.

Solide C4

2430

ALCHILFENOLI SOLIDI N.A.S. (compresi gli omologhi da C2 a C12)

2585

ACIDI ALCHILSOLFONICI SOLIDI non contenenti più del 5% di acido solforico libero o

2585

ACIDI ARILSOLFONICI SOLIDI non contenenti più del 5% di acido solforico libero

3261

SOLIDO ORGANICO CORROSIVO, ACIDO, N.A.S.

Basiche C5 - C8

Inorganiche

Liquide C5

1719

LIQUIDO ALCALINO CAUSTICO N.A.S.

2797

ELETTROLITA ALCALINO PER ACCUMULATORI

3266

LIQUIDO INORGANICO CORROSIVO, BASICO, N.A.S.

Solide C6

3262

SOLIDO INORGANICO CORROSIVO, BASICO, N.A.S.

Organiche

Liquide C7

2735

AMMINE LIQUIDE CORROSIVE, N.A.S. o

2735

POLIAMMINE LIQUIDE CORROSIVE, N.A.S.

3267

LIQUIDO ORGANICO CORROSIVO, BASICO, N.A.S.

Solide C8

3259

AMMINE SOLIDE CORROSIVE, N.A.S. o

3259

POLIAMMINE SOLIDE CORROSIVE, N.A.S.

3263

SOLIDO ORGANICO CORROSIVO, BASICO, N.A.S.

Altre sostanze corrosive C9 - C10

Liquide C9

1903

DISINFETTANTE LIQUIDO CORROSIVO, N.A.S.

2801

COLORANTE LIQUIDO CORROSIVO, N.A.S. o

2801

MATERIA INTERMEDIA LIQUIDA PER COLORANTI, CORROSIVA, N.A.S.

3066

PITTURE (comprese pitture, lacche smalti, colori, vernici, cere, encaustici, appretti a base liquida per lacche) o

3066

MATERIE SIMILI ALLA PITTURE (compresi solventi e diluenti per pitture)

1760

LIQUIDO CORROSIVO, N.A.S.

Solide a C10

3147

COLORANTE SOLIDO CORROSIVO, N.A.S. o

3147

MATERIA INTERMEDIA SOLIDA PER COLORANTI, CORROSIVA, N.A.S.

3244

SOLIDI CONTENENTI LIQUIDO CORROSIVO, N.A.S.

1759

SOLIDO CORROSIVO, N.A.S.

Oggetti C11

1774

RICARICHE PER ESTINTORI, liquido corrosivo 

2028

BOMBE FUMOGENE NON ESPLOSIVE contenenti un liquido corrosivo, senza dispositivo d'innesco [6]

2794

ACCUMULATORI elettrici RIEMPITI DI ELETTROLITA LIQUIDO ALCALINO

2795

ACCUMULATORI elettrici RIEMPITI DI ELETTROLITA LIQUIDO ACIDO

2800

ACCUMULATORI elettrici A TENUTA RIEMPITI DI ELETTROLITA LIQUIDO

3028

ACCUMULATORI elettrici SECCHI CONTENENTI IDROSSIDO DI POTASSIO SOLIDO

3477

CARTUCCE PER PILA A COMBUSTIBILE, contenenti materie corrosive, o 

3477

CARTUCCE PER PILA A COMBUSTIBILE CONTENUTE IN UN EQUIPAGGIAMENTO, contenenti materie corrosive, o 

3477

CARTUCCE PER PILA A COMBUSTIBILE IMBALLATE CON UN EQUIPAGGIAMENTO, contenenti materie corrosive

3547

OGGETTI CONTENENTI MATERIA CORROSIVA, N.A.S. (2)

 Materie corrosive che presentano (un) rischi(osussidiari(oe oggetti contenenti tali materie 

Infiammabili CF

Liquide CF1

3470

PITTURE CORROSIVE, INFIAMMABILI, (comprese pitture, lacche, smalti, colori, tinte, mordenti, gommalacca, vernici, lucidi, cere, fondi, per vernici e basi liquide per lacche) o

MATERIE AFFINI ALLE PITTURE, CORROSIVE, INFIAMMABILI (compresi solventi e diluenti per pitture) [7]

2734

AMMINE LIQUIDE CORROSIVE, INFIAMMABILI, N.A.S. O

2734

POLIAMMINE LIQUIDE CORROSIVE, INFIAMMABILI, N.A.S.

2986

CLOROSILANI CORROSIVI INFIAMMABILI, N.A.S.

2920

LIQUIDO CORROSIVO INFIAMMABILE, N.A.S.

Solide CF2

2921

SOLIDO CORROSIVO INFIAMMABILE, N.A.S.

Autoriscaldanti CS

Liquide CS1

3301

LIQUIDO CORROSIVO AUTORISCALDANTE, N.A.S.

Solide CS2

3095

SOLIDO CORROSIVO AUTORISCALDANTE, N.A.S.

Idroreattive CW

Liquide b

CW1

3094

LIQUIDO CORROSIVO IDROREATTIVO, N.A.S.

Solide CW2

3096

SOLIDO CORROSIVO IDROREATTIVO, N.A.S.

Comburenti CO

Liquide CO1

3093

LIQUIDO CORROSIVO COMBURENTE, N.A.S.

Solide CO2

3084

SOLIDO CORROSIVO COMBURENTE, N.A.S.

Tossiche CT

Liquide c

CT1

3471

IDROGENOFLUORURI IN SOLUZIONE, N.A.S.

2922

LIQUIDO CORROSIVO TOSSICO, N.A.S.

Solide e

CT2

2923

SOLIDO CORROSIVO TOSSICO, N.A.S.

Oggetti CT3

3506

MERCURIO CONTENUTO IN OGGETTI MANUFATTI [6]

Infiammabili tossiche liquide CFT

(Non ci sono altre rubriche collettive con questo codice di classificazione, se del caso, la classificazione in una rubrica collettiva con un codice di classificazione si deve determinare secondo la tabella dell'ordine di preponderanza delle caratteristiche di pericolo del 2.1.3.10)

Comburenti e tossiche f g COT

(Non ci sono altre rubriche collettive con questo codice di classificazione, se del caso, la classificazione in una rubrica collettiva con un codice di classificazione si deve determinare secondo la tabella dell'ordine di preponderanza delle caratteristiche di pericolo del 2.1.3.10)

NOTE

a Le miscele di materie solide che non sono sottoposte alle disposizioni dell'ADR e di liquidi corrosivi sono ammesse al trasporto sotto il numero di identificazione 3244, senza l'applicazione preliminare dei criteri di classificazione della Classe 8, a condizione che nessun liquido libero appaia al momento del carico della materia o della chiusura dell'imballaggio o dell'unità di trasporto. Ogni imballaggio deve corrispondere a caratteristiche costruttive che abbiano soddisfatto una prova di tenuta per il gruppo di imballaggio II.

b I clorosilani che, a contatto con l'umidità contenuta nell'aria o nell'acqua, sviluppano gas infiammabili sono materie della classe 4.3.

c I cloroformiati aventi proprietà preponderanti tossiche principalmente sono materie della classe 6.1.

d Le materie corrosive molto tossiche all'inalazione, come definite da 2.2.61.1.4 a 2.2.61.1.9, sono materie della classe 6.1.

e I numeri ONU 1690 fluoruro di sodio solido, 1812 fluoruro di potassio, solido, 2505 floruro di ammonio, 2674 fluorosilicato di sodio, 2856 fluorosilicati, n.a.s., 3415 fluoruro di sodio in soluzione e 3422 fluoruro di potassio in soluzione, sono materie della classe 6.1.

(2) Parole aggiunte dagli emendamenti ADR 2019

[...]

 

Modelli di etichette 

5.2.2.2.2.Modelli di etichette 

corrosivo

                       Etichetta materie corrosive

__________

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2019
©Copia Autorizzata Abbonati

Collegati

Pin It


Scarica questo file (Materia ONU 1938.PDF)Materia ONU 1938ADR 8 Acido bromoacetico in soluzioneIT51 kB(192 Downloads)

Tags: Merci Pericolose Materia ONU ADR Abbonati Trasporto ADR

Articoli correlati

Ultimi archiviati Merci Pericolose

Risk management for inland transport of dangerous goods
Set 17, 2019 51

Risk management framework for inland transport of dangerous goods

Risk management framework for inland transport of dangerous goods Risk management framework for Inland transport of dangerous goods:- Framework guide - Guide for decision-making- Guide for risk estimation- Framework glossary In 2006 and 2008 two important guidelines were published in order to… Leggi tutto
Multilateral Agreement M313
Set 14, 2019 27

Multilateral Agreement M313

Multilateral Agreement M313 M313 Carriage of explosive substances and articles belonging to the Armed Forces set to be destroyed COUNTRY SIGNED REVOKED Sweden 02/07/2018 Germany 02/08/2018 United Kingdom 05/07/2018 Netherlands 06/09/2018 France 26/02/2019 Norway 19/06/2019 Italy 12/09/2019… Leggi tutto
M316
Set 13, 2019 24

Multilateral Agreement M316

Multilateral Agreement M316 M316 Working pressure of composite cylinders intended for the carriage of hydrogen (UN 1049) 1. By derogation from the provisions of 6.2.5.5 of ADR, the minimum burst ratio (burst pressure divided by test pressure) for composite cylinders intended for the carriage of… Leggi tutto
Procedure per l approvazione delle cisterne  escluse classe 2
Ago 10, 2019 206

Procedure per l’approvazione delle cisterne (escluse classe 2)

Procedure per l’approvazione delle cisterne (escluse classe 2) UMC D.G.T. Nord-Ovest Procedure per l’approvazione delle cisterne e relative ispezioni tecniche, dei veicoli cisterna per il trasporto di merci pericolose, escluso classe 2, e dei documenti obbligatori per la circolazione. A seguito… Leggi tutto
Ago 01, 2019 206

Decreto 19 settembre 2005

Decreto 19 settembre 2005 Disciplina del trasporto su strada delle merci pericolose in cisterne. (GU n. 1 del 2-1-2006) Leggi tutto
Ago 01, 2019 198

Decreto 24 novembre 2006

Decreto 24 novembre 2006 Procedure di approvazione delle cisterne ad esclusione di quelle destinate al trasporto delle materie della classe 2 - Attuazione delle disposizioni dell'articolo 2 del decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 19 settembre 2005.(GU n. 289 del 13… Leggi tutto

Più letti Merci Pericolose

Set 07, 2017 44124

GHS - Fourth revised edition

in GHS
GHS - Fourth revised edition GHSGlobally Harmonized System of Classification and Labelling of Chemicals Il GHS è un regolamento internazionale per la classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio di sostanze chimiche che deve essere integrato nel diritto nazionale.Nel quadro della Conferenza… Leggi tutto