Slide background
Slide background
Slide background




Vademecum EMAS | Registrazione | Uso del logo

ID 4568 | | Visite: 5398 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/4568

Vademecum EMAS 2020

Vademecum EMAS |Registrazione | Uso del logo

ID 4658 | 20.01.2020 Rev. 1.0 2020

Update Rev. 1.0 2020

Aggiornate BAT al 20.01.2020, inserite:

Best Environmental Management Practice for the Waste Management Sector2
Best Environmental Management Practice in the Retail Trade Sector – JRC 2013
Best Environmental Management Practice in the Tourism Sector – JRC 2013
Best Environmental Management Practice for the Food and Beverage Manufacturing Sector – JRC 2015
Best Environmental Management Practice for the Car Manufacturing Sector 2017
Best Environmental Management Practice for the electrical and electronic equipment manufacturing sector 2016 (draft)
Best Environmental Management Practice for the Public Administration Sector 2019
Best environmental management practice for the agriculture sector - crop andanimal production – Final draft 2018
Best environmental management practice for the building and construction sector 2012
Best Environmental Management Practice for the Waste Management Sector May 2108
Best environmental management practice in the fabricated metal product manufacturing sector 2019

EMAS è uno strumento volontario messo a disposizione di qualsiasi organizzazione operante in qualsiasi settore economico, all’interno o all’esterno dell’Unione europea, e che intende:

- assumersi una responsabilità ambientale ed economica,
- migliorare le proprie prestazioni ambientali,
- comunicare i propri risultati ambientali alla società e alle parti interessate in generale.

Le organizzazioni che si registrano a EMAS devono:

- dimostrare il rispetto della normativa in materia ambientale,
- impegnarsi a migliorare costantemente le proprie prestazioni ambientali,
- dimostrare di avere un dialogo aperto con tutte le parti interessate,
- coinvolgere il personale nel miglioramento delle prestazioni ambientali dell’organizzazione,
- pubblicare e aggiornare una dichiarazione ambientale EMAS convalidata, destinata alla comunicazione esterna.

Le organizzazioni devono inoltre:

- effettuare un’analisi ambientale (che comprenda l’individuazione di tutti gli aspetti ambientali diretti e indiretti),
- registrarsi presso un organismo competente dopo aver svolto con successo la verifica della propria organizzazione.

Dopo essersi registrate, le organizzazioni acquisiscono il diritto di usare il logo EMAS.

Il logo può essere utilizzato solo da organizzazioni in possesso di una valida registrazione EMAS.

Il logo deve sempre recare il numero di registrazione dell'organizzazione, ad eccezione delle attività promozionali e di marketing relative a EMAS.

Solo il logo ufficiale è valido.

Se l'organizzazione dispone di diversi siti, non tutti inclusi nella registrazione, può utilizzare il logo solo per quei siti registrati - in modo che non dà l'impressione che l'intera organizzazione sia registrata.

La dichiarazione ambientale dell'organizzazione deve riportare il logo.

Il logo non può essere utilizzato su imballaggi di trasporto e terziario o in altri modi che potrebbero creare confusione con le etichette dei prodotti ambientali.

Il logo non dovrebbe essere utilizzato con qualsiasi rivendicazione comparativa riguardante altre attività e servizi.

Il logo non deve essere utilizzato in modi che possono causare confusione con altre etichette per prodotti o servizi.

Estratto

Uso logo: Esempi



Procedura EMAS

Fase 1: Contattare l’organismo competente.

Fase 2: Eseguire la revisione ambientale

Fase 3: Strutturare il sistema di gestione ambientale (EMS) definendo una politica ambientale e un programma ambientale

Fase 4: Implementare il proprio sistema di gestione ambientale (EMS)

Fase 5: Audit ambientale interno.

Fase 6: Obiettivo per un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali.

Fase 7: Dichiarazione ambientale

Fase 8: EMS verificato e dichiarazione ambientale convalidata.

Fase 9: Invio della registrazione.

Fase 10: Utilizzare EMAS

Regolamento EMAS

Regolamento (CE) n. 1221/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2009 sull’adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS), che abroga il regolamento (CE) n. 761/2001 e le decisioni della Commissione 2001/681/CE e 2006/193/CE (Regolamento EMAS III)

Il regolamento EMAS 1836/93 è stato introdotto per la prima volta nel luglio 1993 come strumento di politica ambientale elaborato dalla Commissione europea in un passo verso l'adempimento dell'obiettivo comunitario di uno sviluppo sostenibile. EMAS è stato aperto alla partecipazione volontaria da parte delle organizzazioni dall'aprile 1995. Il suo campo di applicazione ha inizialmente limitato la partecipazione alle imprese del settore industriale.

Nel 2001 è stato adottato il regolamento (CE) n. 761/2001 ("EMAS II") riveduto. I suoi elementi principali sono stati l'estensione del campo di applicazione dell'EMAS a tutti i settori dell'attività economica, comprese le autorità locali, e l'integrazione del sistema internazionale di gestione ambientale standard EN ISO 14001.

Nel 2009 il regolamento EMAS è stato rivisto e modificato per la seconda volta. Il regolamento (CE) n. 1221/2009 ("EMAS III") è entrato in vigore l'11 gennaio 2010.

Con EMAS III, il sistema viene messo a disposizione anche delle organizzazioni non europee o delle imprese europee operanti in paesi non europei.

Nel 2017, gli allegati I, II e III del regolamento EMAS sono stati modificati per includere le modifiche associate alla revisione dello standard ISO 14001: 2015.

Il regolamento (UE) 2017/1505 della Commissione che modifica tali allegati entrerà in vigore il 17/09/2017.

Documenti di riferimento settoriali

I Documenti di riferimento settoriali (SRD) sulla migliore pratica di gestione ambientale forniscono indicazioni e ispirazioni alle organizzazioni in settori specifici su come migliorare ulteriormente le prestazioni ambientali.

La Commissione europea, in consultazione con gli Stati membri dell'UE e con i soggetti interessati dai settori affrontati, produce due documenti per ciascun settore:

1.    un breve documento di riferimento settoriale (SRD) e
2.    una relazione tecnica dettagliata sulle migliori pratiche di gestione ambientale (la "relazione sulle migliori pratiche").

Questi documenti sono stati sviluppati per diversi settori che sono stati identificati come settori prioritari.

Ogni SRD include i seguenti elementi:

-    Migliori pratiche di gestione ambientale;
-    Indicatori di prestazioni ambientali;
-    Benchmark di eccellenza.

La CE ha adottato SRD ufficiali nei seguenti settori:

Tabella 1

Per i seguenti settori sono stati finalizzati rapporti di pratica e sono in corso i SRD:

Tabella2

Fonti: CE/ISPRA

Certifico Srl - IT | Rev. 1.0 2020
©Copia autorizzata Abbonati

Matrice revisioni

Rev. Data Oggetto Autore
1.0 20.01.2020 Aggiornamento BAT/SDR Certifico Srl
0.0 03.09.2017 -- Certifico Srl

...

Vedi l'ebook Regolamento EMAS Testo consolidato 2019:

Regolamento EMAS Testo Consolidato 2019

Vedi Testo consolidato

Collegati


Pin It


Scarica questo file (Decisione (UE) 2015 801 della Commissione del 20 maggio 2015.pdf)Decisione (UE) 2015 801 della Commissione del 20 maggio 2015Commercio al dettaglioIT1245 kB(466 Downloads)
Scarica questo file (Decisione (UE) 2017 1508 della Commissione del 28 agosto 2017.pdf)Decisione (UE) 2017 1508 della Commissione del 28 agosto 2017Produzione alimenti e bevandeIT555 kB(395 Downloads)
Scarica questo file (Decisione della Commissione (UE) 2016 611 del 15 aprile 2016.pdf)Decisione della Commissione (UE) 2016 611 del 15 aprile 2016TurismoIT965 kB(398 Downloads)

Tags: Ambiente Abbonati Ambiente EMAS Vademecum

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Il declino delle api e impollinatori  Riposte alle domande pi  frequenti
Lug 02, 2020 19

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti

Il declino delle api e impollinatori. Riposte alle domande più frequenti Quasi il 90% delle piante selvatiche che fioriscono e oltre il 75% delle principali colture agrarie esistenti necessitano dell'impollinazione animale per produzione, resa e qualità dei prodotti. Essi sono essenziali per… Leggi tutto
Giu 25, 2020 96

Direttiva 2013/12/UE

Direttiva 2013/12/UE Direttiva 2013/12/UE del Consiglio, del 13 maggio 2013, che adatta la direttiva 2012/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sull’efficienza energetica, in conseguenza dell’adesione della Repubblica di Croazia GU L 141 del 28.5.2013 Collegati[box-note]Direttiva… Leggi tutto
Giu 25, 2020 81

Raccomandazione (UE) 786/2019

Raccomandazione (UE) 786/2019 Al fine di agevolare il recepimento entro il 10/03/2020 della Direttiva 30/05/2018 n.844 (recante le disposizioni modificative e integrative della Direttiva sulla Prestazione energetica nell’edilizia 2010/31/UE recepita in Italia con la L.90), è stata pubblicata nella… Leggi tutto
Linee guida licheni
Giu 23, 2020 63

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori

Linee guida per l'utilizzo dei licheni come bioaccumulatori ISPRA, 23.06.2020 Queste linee guida sono basate sulla revisione delle migliori pratiche e dei risultati di recenti studi metodologici e applicativi. Esse riguardano l’utilizzo di licheni epifiti (bioaccumulo mediante licheni nativi e… Leggi tutto
DIRETTIVA 2004 101 CE
Giu 17, 2020 64

Direttiva 2004/101/CE

Direttiva 2004/101/CE Direttiva 2004/101/CE del Parlamento europeo e Del consiglio del 27 ottobre 2004 recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, riguardo ai meccanismi di progetto del Protocollo… Leggi tutto
D LGS 4 APRILE 2006 N  216
Giu 17, 2020 75

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216

D.Lgs.4 aprile 2006 n. 216 Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunita', con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto. (GU n.140 del 19-6-2006 - Suppl. Ordinario n. 150 ) Entrata in vigore… Leggi tutto
Decisione 2014 746 UE
Giu 16, 2020 85

Decisione 2014/746/UE

Decisione 2014/746/UE Decisione del 27 ottobre 2014 che determina, a norma della direttiva 2003/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, un elenco dei settori e dei sottosettori ritenuti esposti a un rischio elevato di rilocalizzazione delle emissioni di carbonio per il periodo dal 2015 al… Leggi tutto

Più letti Ambiente