Slide background
Slide background
Slide background




Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2019

ID 10961 | | Visite: 964 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/10961

Italian bathing water quality 2019

Rapporto EEA sulle acque di balneazione in Italia 2019

EEA, 08.06.2020

La qualità delle acque di balneazione in Europa è notevolmente migliorata negli ultimi decenni. Il monitoraggio e la gestione sistematici introdotti ai sensi della direttiva sulle acque di balneazione, (UE, 2006), ingenti investimenti in impianti di trattamento delle acque reflue urbane e miglioramenti nelle reti di acque reflue hanno portato a una drastica riduzione degli inquinanti rilasciati attraverso acque reflue urbane non trattate o parzialmente trattate. Grazie a questi continui sforzi, oggi è possibile fare il bagno nelle acque superficiali urbanizzate e precedentemente fortemente inquinate. Ciò suggerisce come politiche solide e ben attuate possano fare la differenza.

Il numero di acque di balneazione in Europa aumenta ogni anno. Nel 2019, i paesi hanno identificato 22.295 siti di balneazione, 164 in più rispetto all’anno precedente e 813 in più rispetto alla stagione balneare 2015. Due terzi dei siti balneari si trovano lungo le coste dell’Europa.

Figura 1

La qualità delle acque di balneazione in Europa rimane elevata. Gli standard minimi di qualità dell’acqua sono stati soddisfatti dal 95% dei siti. La quota di siti eccellenti è cresciuta costantemente dall’adozione della direttiva fino al 2015, quando si è stabilizzata all’85% circa. Nel 2019 era dell’84,6% in Europa e dell’84,8% nei paesi dell’UE.

La qualità dei siti costieri è generalmente migliore di quella dei siti interni.

La percentuale di eccellenti acque di balneazione nell’UE è leggermente cambiata dal 2013, passando dall’85,2% all’87,4% per le acque di balneazione costiere e dal 76,5% al 79,1% per le acque di balneazione interne.

Nel 2019, il 294 o l’1,3% dei siti di acque di balneazione nell’UE erano di scarsa qualità. Mentre la percentuale di siti di scarsa qualità è leggermente diminuita dal 2013, persistono problemi nelle acque di balneazione di scarsa qualità o nelle acque di balneazione che sono spesso colpite dall’inquinamento a breve termine. È indispensabile valutare le fonti di inquinamento nel loro bacino idrografico e attuare misure integrate di gestione delle acque. Nei siti di balneazione per i quali le origini o le cause dell’inquinamento sono difficili da identificare, sono necessari studi speciali sulle fonti di inquinamento.

...

Fonte: EEA
SNPA

Collegati:

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (EEA - Italian bathing water quality in 2019.pdf)EEA - Italian bathing water quality in 2019
 
EN611 kB263

Tags: Ambiente Acque

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Regolamento delegato UE 2022 759
Mag 18, 2022 65

Regolamento delegato (UE) 2022/759

Regolamento delegato (UE) 2022/759 / Modifica Alleg. VII RED II Regolamento delegato (UE) 2022/759 della Commissione del 14 dicembre 2021 che modifica l’allegato VII della direttiva (UE) 2018/2001 per quanto riguarda la metodologia di calcolo della quantità di energia rinnovabile usata per il… Leggi tutto
Mag 16, 2022 38

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 52

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Mag 16, 2022 41

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 della Commissione del 13 maggio 2022 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2023, il 2024 e il 2025, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Interconfronto 2020 2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d acqua dolce
Mag 11, 2022 46

Interconfronto 2020-2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce

Interconfronto 2020-2021 sulla tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce Rapporto ISPRA 364/2022 Nell’ambito delle attività di armonizzazione delle metodiche di monitoraggio biologico delle acque dolci superficiali e nella prosecuzione di un percorso di collaborazione tra le Agenzie… Leggi tutto
Mag 10, 2022 55

Decreto 8 maggio 2003 n. 203

Decreto 8 maggio 2003 n. 203 Norme affinche' gli uffici pubblici e le societa' a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo. (GU n.180 del… Leggi tutto
Deliberazione n  05  del 21 aprile 2022
Mag 09, 2022 81

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022 ID 16587 | 09.05.2022 / In allegato Deliberazione Modifica e integrazione alla deliberazione n. 4 del 13 luglio 2016. Articolo 1 1. Il modello di accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui all’Allegato B della deliberazione n. 4… Leggi tutto

Più letti Ambiente