Slide background




Circolare Prot. n. 7127 del 2 marzo 2023

ID 21671 | | Visite: 235 | Trasporto StradaPermalink: https://www.certifico.com/id/21671

Circolare Prot. n. 7127 del 2 marzo 2023

ID 21671 | 10.04.2024 / In allegato

OGGETTO:

Chiarimenti in ordine alla corretta applicazione delle previsioni dell’art. 80 del Codice della Strada.

1. Iscrizione al RUI del personale dipendente dell’Amministrazione con qualifica di “ispettore autorizzato“.
2. Ambito operativo di riferimento per l’attività degli Ispettori Autorizzati.

Al fine di favorire l’uniforme applicazione delle vigenti disposizioni sul territorio nazionale ed in merito alle tematiche di cui ai punti 1. e 2. in oggetto, si rappresenta quanto segue.

Iscrizione al RUI del personale dipendente dell’Amministrazione con qualifica di “ispettore autorizzato“.

Con nota prot. n. 54001 del 28.2.2023, la DGT del Nord-Est ha chiesto alla scrivente DG di esprimersi in merito alla seguente fattispecie.

Si tratta della possibilità concreta di operatività del personale dipendente dell’Amministrazione, non operatore tecnico ai sensi dell’articolo 81 del codice della strada e quindi non “ispettore abilitato”, che, alternativamente:

a) avendo seguito il prescritto corso di formazione e sostenuto e superato gli esami per la qualifica di “ispettore autorizzato”[1], oppure
b) avendo comprovato il possesso del titolo di “responsabile tecnico” di officina alla data del 31.8.2018, ha chiesto e legittimamente ottenuto l’iscrizione al RUI appunto con la qualifica di “ispettore autorizzato” di modulo B, ovvero di modulo C.
In merito, dunque, alla possibilità di impiegare tale personale ai fini delle operazioni di revisione si dispone che – salvo diverso avviso della DG del personale, del bilancio, degli affari generali e della gestione sostenibile del Ministero, a cui la presente nota è pure indirizzata -, tale possibilità sia certamente esclusa dallo status stesso di dipendente presso il Ministero, anche con contratto part time, e fintanto che permanga tale status.

Tanto in applicazione della disciplina in tema di incompatibilità di cui all’articolo 53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in ossequio al dovere generale di astenersi da situazioni che possono configurare conflitto di interessi, quale sarebbe quella in ipotesi, posto dal decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62 “Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici”, nonché in coerenza con i principi di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 9 maggio 2014, n. 192, recante “Codice di comportamento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”.

Alla predetta Direzione Generale del personale si rimette, per competenza, l’espressione del parere in merito, invece, all’applicabilità o meno nel caso di specie delle disposizioni di cui all’art. 53, comma 16 ter, del citato decreto legislativo 165 del 2011 e, quindi, circa la necessità o meno che i dipendenti de quibus si astengano dallo svolgere attività come ispettori autorizzati nei tre anni successivi alla cessazione del rapporto di pubblico impiego.

Per il caso, che si ritiene assolutamente marginale, in cui, invece, il dipendente dell’Amministrazione, già in possesso dello status di “ispettore abilitato”, avesse successivamente conseguito anche quello di “ispettore autorizzato”, si segnala quanto segue.

Il Registro Unico degli Ispettori (RUI) è per sua natura “unico”. In detto registro figurano (una sola volta) tutti gli ispettori, ciascuno associato al livello di autorizzazione che gli compete (i.e., in ordine crescente: autorizzato modulo B, autorizzato modulo C, ausiliario, abilitato, abilitato “autobus”).

Il livello di autorizzazione più elevato in possesso dell’ispettore è quello cui fare riferimento per l’assegnazione delle sedute che, coerentemente con il principio definito dal comma 8 dell’art. 80 del codice della strada (i.e.: “…. al fine di assicurare in relazione a particolari e contingenti situazioni operative degli uffici competenti … il rispetto dei termini previsti per le revisioni periodiche dei veicoli, …”) dovranno prevedere il ricorso ad ispettori con livelli di autorizzazione via via più bassi solo una volta esaurita la disponibilità offerta dagli ispettori con livelli di autorizzazione più elevati e sempre con l’obiettivo di consentire il rispetto dei termini previsti per le revisioni periodiche.

Ambito operativo di riferimento per l’attività degli Ispettori Autorizzati.
Si richiama ancora l’articolo 80, comma 8, del codice della strada nella parte in cui recita: “Il Ministro dei trasporti e della navigazione, al fine di assicurare in relazione a particolari e contingenti situazioni operative degli uffici competenti del Dipartimento per i trasporti terrestri, il rispetto dei termini previsti per le revisioni periodiche dei veicoli a motore capaci di contenere al massimo sedici persone compreso il conducente, ovvero con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 t, ovvero superiore a 3,5 t se destinati al trasporto di merci non pericolose o non deperibili in regime di temperatura controllata (ATP) e dei relativi rimorchi e semirimorchi…”.

Stante quanto sopra, è necessario fornire disposizioni univoche utili a disciplinare in modo omogeneo il perimetro operativo dei futuri Centri di controllo privati nonché degli Ispettori Autorizzati tanto nell’attività presso detti Centri quanto presso i Centri di Controllo dell’Amministrazione o da questa autorizzati (i.e.: officine autorizzate ex legge n. 870 del 1986).

Veicoli ADR
Come è noto molti veicoli di categoria N ed O soddisfano in maniera “nativa” i requisiti richiesti per il riconoscimento in sede di omologazione della classificazione ADR; è altrettanto noto, però, come ciò non implichi necessariamente una destinazione d’uso al trasporto delle merci pericolose.

Stante quanto sopra, qualora il proprietario che conferisce il veicolo alla revisione richieda il rilascio del mod. DTT306 (barrato rosa), la revisione dovrà essere necessariamente effettuata da un Ispettore abilitato.

In caso contrario, anche se il veicolo risponde ai requisiti di cui alla parte 9 dell’accordo ADR, ma il proprietario non richiede il rilascio/rinnovo del “barrato rosa”, la revisione potrà essere eseguita anche da un Ispettore autorizzato.

Veicoli ATP
I veicoli in regime di ATP, per circolare e trasportare derrate in regime di temperatura controllata, necessitano dell’attestato ATP (barrato blu) in corso di validità e della revisione periodica, anch’essa in corso di validità. La revisione di veicoli di questo tipo con m.c.p.c. maggiore di 3.5 tonnellate è di competenza esclusiva degli Ispettori abilitati.

Tuttavia, qualora l’attestato ATP sia scaduto di validità e non ricorrono le condizioni o non vi sia l’intenzione del proprietario di rinnovarlo, la revisione potrà essere eseguita anche da un Ispettore autorizzato, previa riclassificazione della destinazione d’uso del veicolo da “trasporto specifico” a “trasporto cose” ed esibizione del nuovo documento di circolazione (DU) rilasciato quale duplicato a seguito della suddetta riclassificazione.

Si rammenta che la riclassificazione potrà essere effettuata in via amministrativa qualora il veicolo sia privo di dispositivi asserviti al mantenimento della temperatura (frigorifero, piastre eutettiche, caloriferi, etc..) e qualora le dimensioni del veicolo stesso non eccedano i limiti di sagoma di cui all’articolo 61 del codice della strada.

In caso contrario, la stessa potrà avvenire solo a seguito di visita e prova presso l’UMC.

 

IL DIRETTORE GENERALE

ing. Pasquale D’Anzi

___

 

[1] Si fa riferimento alla disciplina di cui all’ ACCORDO 17 aprile 2019, n. 65/CSR (G.U. n. 183 del 6.8.2019) “Accordo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, relativo ai criteri di formazione dell’ispettore dei centri di controllo privati autorizzati all’effettuazione della revisione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi”; al decreto del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili 15 novembre 2021, n. 446 ed al Decreto Dirigenziale 16 febbraio 2022, n. 40

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Circolare Prot. n. 7127 del 2 marzo 2023.pdf)Circolare Prot. n. 7127 del 2 marzo 2023
 
IT322 kB25

Tags: Abbonati Trasporto ADR Trasporto ATP Trasporto

Articoli correlati

Ultimi inseriti Trasporto

Mag 23, 2024 58

Regolamento di esecuzione (UE) 2024/1109

Regolamento di esecuzione (UE) 2024/1109 ID 21916 | 23.05.2024 Regolamento di esecuzione (UE) 2024/1109 della Commissione, del 10 aprile 2024, recante modalità di applicazione del regolamento (UE) 2018/1139 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i requisiti per l’autorità… Leggi tutto
Mag 23, 2024 62

Regolamento delegato (UE) 2024/1107

Regolamento delegato (UE) 2024/1107 ID 21914 | 23.05.2024 Regolamento delegato (UE) 2024/1107 della Commissione, del 13 marzo 2024, che integra il regolamento (UE) 2018/1139 del Parlamento europeo e del Consiglio stabilendo norme dettagliate per il mantenimento dell’aeronavigabilità dei sistemi… Leggi tutto
Regolamento  UE  2024 1257
Mag 08, 2024 154

Regolamento (UE) 2024/1257

Regolamento (UE) 2024/1257 ID 21822 | 08.05.2024 Regolamento (UE) 2024/1257 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 aprile 2024, sull'omologazione di veicoli a motore e motori, nonché di sistemi, componenti ed entità tecniche indipendenti destinati a tali veicoli, per quanto riguarda le… Leggi tutto
Mag 02, 2024 128

Decreto 19 aprile 2024

Decreto 19 aprile 2024 Modifiche al decreto dirigenziale del 9 luglio 2013 recante «Disposizioni di applicazione del decreto 2 agosto 2005, in materia di autorizzazioni internazionali al trasporto merci su strada». (GU n.101 del 02.05.2024) Collegati[box-note]Decreto 9 luglio 2013Decreto 2 agosto… Leggi tutto
Apr 25, 2024 198

Decreto 29 ottobre 1997

Decreto 29 ottobre 1997 Approvazione di prototipi di apparecchiature per l'accertamento dell'osservanza dei limiti di velocita' e loro modalita' di impiego. (GU n.292 del 16.12.1997) Collegati[box-note]D.Lgs 285/1992 | Codice della StradaD.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495Decreto 13 giugno… Leggi tutto
Apr 22, 2024 370

Circolare MIT Prot. 8176 del 11.11.2020

Circolare MIT Prot. 8176 del 11.11.2020 Oggetto: equivalenza sostanziale tra le procedure di omologazione e quelle di approvazione dei dispositivi e sistemi di regolazione e controllo della circolazione stradale e conseguente equivalenza della validità dei sistemi approvati e omologati per il loro… Leggi tutto
Apr 22, 2024 262

Corte costituzionale sentenza 5 marzo 2024 n. 52

Corte costituzionale sentenza 5 marzo 2024 n. 52 ID 21734 | 22.04.2024 / In allegato Corte costituzionale sentenza 5 marzo 2024 n. 52 - Giudizio di legittimita' costituzionale in via incidentale. Circolazione stradale - Fermo amministrativo del veicolo - Circolazione abusiva in violazione degli… Leggi tutto
Apr 16, 2024 198

Regolamento (UE) 2017/2400

Regolamento (UE) 2017/2400 ID 21693 | 16.04.2024 Regolamento (UE) 2017/2400 della Commissione, del 12 dicembre 2017, che attua il regolamento di esecuzione (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la determinazione delle emissioni di CO2 e del consumo di… Leggi tutto
Apr 16, 2024 212

Regolamento delegato (UE) 2024/1127

Regolamento delegato (UE) 2024/1127 ID 21692 | 16.04.2024 Regolamento delegato (UE) 2024/1127 della Commissione, dell'8 febbraio 2024, che integra il regolamento (UE) 2019/1242 del Parlamento europeo e del Consiglio stabilendo i principi guida e i criteri per definire le procedure di verifica dei… Leggi tutto

Più letti Trasporto

Convezione STWC
Nov 22, 2021 44918

Convenzione STCW

in IMO
Convezione STCW ’78 Convenzione internazionale sugli standard di formazione, certificazione e tenuta della guardia della gente di mare Lo scopo principale della convenzione è promuovere la sicurezza della vita e della proprietà in mare e la protezione della ambiente marino stabilendo di comune… Leggi tutto
Nov 22, 2021 15561

IGC Code

in IMO
IGC Code (International Code of the Construction and Equipment of Ships Carrying Liquefied Gases in Bulk) ID 3631 | 14.02.2017 The International Code of the Construction and Equipment of Ships Carrying Liquefied Gases in Bulk (IGC Code), adopted by resolution MSC.5(48),has been mandatory under… Leggi tutto
D P R  16 dicembre 1992 n  495
Apr 19, 2021 14727

D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495

D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. Entrata in vigore del decreto: 1-1-1993(GU n.303 del 28-12-1992 - SO n. 134 ) Allegati i testi consolidati (Riservati Abbonati Trasporto ADR):- Versione aggiornata al 17.06.2019- Versione… Leggi tutto