Slide background




Strumenti di stima rischio chimico occupazionale

ID 5005 | | Visite: 4652 | Documenti Sicurezza EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/5005

Strumenti rischio chimico 2017

Strumenti di stima rischio chimico occupazionale

Panoramica degli strumenti riconosciuti dall'ECHA per la valutazione del rischio chimico occupazionale

Lo scenario d’esposizione è definito nel Regolamento REACH come “l'insieme delle condizioni, comprese le condizioni operative e le misure di gestione dei rischi, che descrivono il modo in cui la sostanza è fabbricata o utilizzata durante il suo ciclo di vita ed il modo in cui il fabbricante o l'importatore controlla, o raccomanda agli utilizzatori a valle di controllare, l'esposizione delle persone e dell'ambiente”.

Lo scenario d’esposizione rappresenta il fulcro del processo di valutazione della sicurezza chimica in quanto costituisce la base per la stima dell’esposizione ed, allegato alla Scheda di Dati di Sicurezza (SDS), è anche il maggior strumento di comunicazione delle informazioni lungo la catena d’approvvigionamento della sostanza. La stima dell’esposizione deve essere effettuata per ciascun scenario d’esposizione nella sua fase iniziale di sviluppo e successivamente affinata fino alla definizione dello scenario finale.

Il processo di stima dell’esposizione dovrebbe basarsi su misure sperimentali. In pratica, la disponibilità di dati reali d’esposizione è limitata e quindi, nella maggior parte dei casi, si deve ricorrere all’uso di modelli di calcolo. In particolare nel caso delle piccole e medie imprese (PMI), che si distinguono per un’elevata variabilità delle mansioni lavorative degli addetti e dei relativi tempi di esposizione, nonché delle modalità d’uso degli agenti chimici, gli algoritmi o i modelli di calcolo possono rappresentare uno strumento di grande utilità nella valutazione del rischio.

L’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA), nella Guida alle disposizioni in materia di informazione e alla valutazione della sicurezza chimica - Parte D , distingue tra modelli elaborati con l’intento di offrire una semplicità d’uso, ma intrinsecamente conservativi, e pertanto indicati ad essere utilizzati come modelli per uno screening iniziale (modelli di livello 1), e modelli più complessi di livello 2, che richiedono un maggior numero di dati di input e che forniscono stime d’esposizione più accurate e più aderenti ai dati sperimentali.

Gli strumenti comuni attualmente disponibili sono descritti nell'Appendice R.14-1 Guidance on Information Requirements and Chemical Safety Assessment - Chapter R.14: Occupational exposure assessment Version 3. 0 - August 2016.

Una panoramica di base sui diversi ambiti e domini di applicabilità degli strumenti è riportato nella Tabella R.14-2 e nella Tabella R.14-3:

Table R.14- 2: Applicability matrix (inhalation models)

Tabella ECHA R 14 1

Table R.14- 3 Applicability matrix (dermal models)

Tabella ECHA R 14 2

TREXMO

TREXMO

Lo strumento TREXMO può essere un'utile fonte di informazioni su come i diversi strumenti definiscono i determinanti dell'esposizione.

Lo strumento stabilisce un terreno comune per tutti i modelli di assumendo che un insieme di parametri di input in un modello possa essere tradotto in un altro modello. Ulteriori informazioni sullo strumento TREXMO sono disponibili su https://www.seco.admin.ch/trexmo.

Cos'è TREXMO?

TREXMO è uno strumento più grande per valutare in modo efficiente e affidabile l'ampia gamma di effetti speciali di esposizione professionale.

TREXMO integra sei modelli di esposizione professionale utilizzati:

-          ART v.1.5,
-          STOFFENMANAGER (versione Schinkel et al. 2010) v.5.1,
-          ECETOC TRA v.3,
-          MEASE v.1.02.01,
-          EMKG-EXPO-TOOL e EASE v. 2.0.

Questo metodo armonizza l'uso di diversi modi per la stessa situazione di esposizione In definitiva, TREXMO dovrebbe contribuire a rendere più affidabili i problemi di esposizione.

Perché è necessario TREXMO?

Spesso è un approccio di 1 ° livello (metodo di screening) o di 2 ° livello (analisi approfondita) per stimare l'esposizione per diversi scenari di esposizione. Nessuna guida è disponibile per interpretare i diversi livelli del modello e per gestire le incertezze associate alla situazione di esposizione, ai parametri e ai modelli. Numerosi studi sull'affidabilità tra utenti hanno presentato una valutazione di esposizione che si stima su diversi ordini di grandezza per la stessa situazione di esposizione.

Quali sono gli obiettivi del progetto TREXMO?

-          ridurre l'entrata per la selezione dei parametri in sei modelli.

-          ridurre il tempo richiesto per l'esecuzione di diversi modelli per un determinato ES

-          beneficio di stime di esposizione più affidabili per migliorare l'esperienza tra utente.

l'uso di TREXMO per scenari scenari di esposizione, ad esempio per rapporti di sicurezza o per il processo di autorizzazione delle SVHC.

Stoffenmanager® 

sTOFFENMANAGER 7

Il modello Stoffenmanager è stato sviluppato in Olanda inizialmente per le piccole e medie imprese con l’intento di facilitare il controllo del rischio chimico e l’individuazione delle priorità tra gli interventi di prevenzione e protezione da mettere in atto.

Il modello è intermedio tra il livello 1 e 2, è un modello web-based, ossia utilizzabile tramite internet, e attualmente è fruibile in Inglese, Olandese e Finlandese dal sito web: https://www.stoffenmanager.nl; è disponibile in una versione base, gratuita, e in una versione a pagamento, con maggiori funzionalità che, ad esempio, consente di far interagire il modello con altri database.

Stoffenmanager® ha i seguenti moduli:

1. Banding di controllo. Stoffenmanager® è stato inizialmente sviluppato come strumento per le PMI per dare priorità ai loro rischi per la salute di lavorare con prodotti pericolosi sul posto di lavoro e per determinare misure di controllo efficaci. Per raggiungere una priorità di rischio, Stoffenmanager® combina le informazioni sui pericoli di un prodotto con una stima dell'esposizione per inalazione o contatto con la pelle. Se vengono identificati dei rischi, è possibile selezionare le misure di controllo. Le valutazioni del rischio possono essere aperte come report e salvate sul computer. Un piano d'azione mostra le misure di controllo selezionate. I filmati Pimex e le schede di istruzioni sul posto di lavoro possono essere utilizzate per lo scambio di informazioni e la comunicazione del rischio. Il Report Sostanze pericolose genera una panoramica di tutti i prodotti pericolosi che vengono utilizzati all'interno dell'azienda. Accanto a questo è disponibile una registrazione speciale CMR (sostanze cancerogene, mutagene e tossiche per la riproduzione).

2. Valutazione quantitativa dell'esposizione . Stoffenmanager® contiene un modulo di esposizione quantificato e convalidato per stimare l'esposizione a polveri e vapori in mg / m3. Stoffenmanager® stima la concentrazione del compito nel caso peggiore, il cosiddetto 90 percentile. Accanto a questi altri percentili della distribuzione dell'esposizione sono disponibili (ad esempio 50, 75 o 95 percentile). L'esposizione durante l'attività può essere confrontata con un limite di esposizione professionale (OEL). Successivamente la concentrazione media giornaliera può essere calcolata per uno o più compiti. Questo risultato può anche essere confrontato con un OEL. Se vengono identificati dei rischi, è possibile selezionare le misure di controllo. Le valutazioni del rischio possono essere aperte come report e salvate sul computer. Un piano d'azione mostra le misure di controllo selezionate.

3. L'esposizione del lavoratore. Stoffenmanager® contiene un modulo di esposizione REACH per stimare quantitativamente l'esposizione per inalazione. Questo è lo stesso modello del modulo di valutazione dell'esposizione quantitativa ma specificato per REACH. Stoffenmanager® presenta la distribuzione completa dell'esposizione e i corrispondenti percentili. La stima dell'esposizione può essere confrontata con il DNEL della sostanza. Questo modulo è disponibile solo nel pacchetto Premium.

4. Modulo Nano. Questo è un modulo separato per valutare qualitativamente i rischi di lavorare con oggetti nano fabbricati. Proprio come il modulo di controllo numerico, le proprietà di rischio e le informazioni sull'esposizione sono combinate per ricavare un punteggio di rischio. Le misure di gestione del rischio possono essere selezionate per controllare l'esposizione.

5. PGS-15. Questo è un modulo speciale per la gestione della conservazione chimica secondo la linea guida olandese PGS-15. Questo modulo è disponibile online in olandese e nel pacchetto Premium.

6. ATEX. Questo è un modulo per la valutazione della sicurezza dell'esplosione sul luogo di lavoro in conformità con le linee guida europee ATEX. Questo modulo è disponibile online in olandese e nel pacchetto Premium.

MEASE

MEASE (versione 1.02.01) è stata ampiamente utilizzata dall'industria dei metalli per le valutazioni di sicurezza chimica nei fascicoli di registrazione REACH negli ultimi anni.

Per valutare l'esposizione professionale, la guida prevede un "approccio a più livelli". Per il 1 ° livello, si propone di utilizzare i cosiddetti "strumenti di screening". Questi strumenti forniscono stime prudenti dell'esposizione e sono intesi a identificare (schermare) PROC privi di problemi al fine di risparmiare risorse da allocare alle PROC per le quali sono necessarie valutazioni di livello superiore.

A nome di EUROMETAUX, EBRC ha sviluppato uno strumento per la stima e la valutazione dell'esposizione della sostanza (MEASE versione 1) che combina approcci dal sistema esperto EASE, dallo strumento TRA ECETOC e dalla guida per la valutazione del rischio per la salute dei metalli (HERAG). Mira a fornire uno strumento di screening di 1 ° livello per la stima dell'inalazione professionale e dell'esposizione cutanea a metalli e sostanze inorganiche.

Per l'esposizione per inalazione, lo strumento segue l'approccio PROC dello strumento ECETOC TRA e seleziona le stime di esposizione iniziale da tre classi di fugacità (bassa, media, alta). Le classi di fugacità sono definite in base alla forma fisica, al punto di fusione del metallo, alla temperatura del processo, alla tensione di vapore e alla PROC selezionata. Le stime di esposizione iniziale per PROC 21-27a in MEASE si basano su dati misurati dall'industria dei metalli.

Per l'esposizione dermica, MEASE si basa sul sistema di bande di esposizione del sistema EASE ampiamente utilizzato. Tuttavia, le stime dell'esposizione generate si basano su dati misurati da diversi metalli, raccolti e tracciati rispetto alle classi di esposizione EASE nella "scheda informativa dermica" del progetto HERAG.

MEASE versione 1.02.01 http://www.ebrc.de/mease.html.

Strumento REACH avanzato (ART)

ART

ART è uno strumento di valutazione dell'esposizione di livello superiore che combina le previsioni dell'esposizione per inalazione modellate meccanicamente con i dati di esposizione disponibili utilizzando un approccio bayesiano. ART valuta l'esposizione per scenari in diversi impianti e siti. Le stime sono fornite per percentili diversi della distribuzione dell'esposizione e degli intervalli di confidenza attorno alla stima. Produce anche stime dell'esposizione in assenza di dati, ma l'incertezza delle stime diminuirà quando saranno inclusi i risultati delle misurazioni dell'esposizione.

L'Advanced REACH Tool (ART) è uno strumento di valutazione dell'esposizione che combina stime dell'esposizione per inalazione modellate meccanicamente con i dati di esposizione disponibili utilizzando un approccio bayesiano.

Il modello meccanicistico è basato su nove fattori di modifica principali indipendenti (MF). Uno di questi MF è il potenziale di emissione della sostanza, che affronta le proprietà intrinseche della sostanza come determinanti dell'emissione da una fonte. Questo documento descrive le attuali conoscenze e prove sulle caratteristiche intrinseche di solidi e liquidi che determinano il potenziale per il loro rilascio nell'aria del posto di lavoro. Il fattore principale che determina il rilascio di aerosol dalla manipolazione o dalla lavorazione di materiali in polvere, granulari o pellettizzati è la polverosità del materiale, nonché la frazione in peso della sostanza di interesse nella polvere e il contenuto di umidità. La pressione parziale di vapore è il principale fattore intrinseco che determina il potenziale di emissione della sostanza per l'emissione di vapori. Per la generazione di nebbia, il potenziale di emissione della sostanza è determinato dalla viscosità del liquido e dalla frazione in peso della sostanza di interesse nel liquido. All'interno di ART il rilascio di vapori è considerato per sostanze con una tensione di vapore parziale alla temperatura di processo di 10 Pa o più, mentre la formazione di nebbia è considerata per sostanze con una tensione di vapore ≤ 10 Pa. I moltiplicatori relativi sono assegnati per la maggior parte dei fattori intrinseci, ad eccezione della frazione in peso e della tensione di vapore, che viene applicata come variabile continua nella stima del potenziale di emissione della sostanza. Attualmente, la stima del potenziale di emissione di sostanze non è disponibile per fumi, fibre e gas. Il potenziale di emissione delle sostanze tiene conto dell'ultima riflessione sulle emissioni di polveri, nebbie e vapori e, a nostro avviso, fornisce un buon equilibrio tra teoria e pragmatismo. L'espansione della base di conoscenze sul potenziale di emissione delle sostanze migliorerà il potere predittivo dei modelli di esposizione professionale e, di conseguenza, l'accuratezza e la precisione delle stime dell'esposizione. 

Lo strumento avanzato REACH (ART): incorporazione di un database di misurazione dell'esposizione

L'incorporazione del database di esposizione in ART consente agli utenti che non dispongono di dati di misurazione propri per il proprio scenario di esposizione, di aggiornare le stime dell'esposizione prodotte dal modello meccanicistico utilizzando serie di misurazioni analoghe selezionate dal database di misurazione dell'esposizione ART. A seconda dell'input dell'utente per la categoria di sostanze e le classi di attività (sotto), il sistema seleziona le serie di misurazione dell'esposizione dal database di esposizione. Le esaurienti descrizioni degli scenari e le statistiche riassuntive aiutano l'utente a decidere se le serie di misure sono effettivamente completamente analoghe. Dopo aver selezionato uno o più set di dati analoghi, i dati sono utilizzati dal modulo bayesiano del sistema ART per aggiornare le stime dell'esposizione modellate meccanicamente. Le misurazioni dell'esposizione 1944 attualmente memorizzate nel database di misurazione dell'esposizione ART coprono 9 situazioni di esposizione per la gestione di oggetti solidi (n = 65), 42 situazioni per il trattamento di polveri, granuli o materiale pelletizzato (n = 488), 5 situazioni per la gestione della bassa volatilità liquidi (n = 88), 35 situazioni per la manipolazione di liquidi volatili (n = 870) e 26 situazioni per il trattamento di liquidi in cui le polveri sono disciolte o disperse (con conseguente esposizione alla nebbia) (n = 433). 

Advanced Reach Tool 1.5

EMKG-EXPO-TOOL 

Il sistema di controllo del posto di lavoro facile da usare per sostanze pericolose (EMKG) dell'Istituto federale tedesco per la sicurezza e la salute sul lavoro (BAuA) esiste dal 2005. È una guida pratica per la gestione dei rischi che coinvolge attività con sostanze pericolose. L'EMKG ha lo scopo di aiutare soprattutto le piccole e medie imprese (PMI) a tradurre le informazioni dalle schede di sicurezza e dai luoghi di lavoro in misure di riduzione dei rischi pratici che portano a condizioni di lavoro più sicure.

Identificazione rapida delle misure

Combinando i parametri facilmente accessibili dalle schede di sicurezza e dalle ispezioni in loco, l'EMKG consente di determinare in modo rapido e preciso il livello corretto di azione per ciascun pericolo. Vengono rilevati rischi inaccettabili per la salute e vengono fornite raccomandazioni appropriate per l'azione.

 Ad ogni livello di azione, l'EMKG offre linee guida sulle linee guida sotto forma di liste di controllo fronte-retro, che aiutano nell'implementazione delle misure.

Quali livelli di azione ci sono?

Nel complesso, l'EMKG comprende tre fasi.

Misura livello 1: il livello di misurazione 1 include i requisiti minimi per il posto di lavoro. Queste misure organizzative e igieniche devono sempre essere implementate.

Misura livello 2: il livello di misurazione 2 descrive le misure di riduzione delle emissioni per i processi di lavoro tipici che riducono al minimo il rilascio di sostanze pericolose, quali: B. pesatura, riempimento e decantazione, svuotamento, miscelazione, rivestimento e laminazione.

Livello di azione 3: il livello di azione 3 contiene proposte per la progettazione di sistemi chiusi

https://www.baua.de/DE/Themen/Arbeitsgestaltung-im-Betrieb/Gefahrstoffe/EMKG/Einfaches-Massnahmenkonzept-EMKG_node.html

ECETOC’S TARGETED RISK ASSESSMENT (TRA) 

Lo strumento ECETOC's Targeted Risk Assessment calcola il rischio di esposizione dei lavoratori, dei consumatori e dell'ambiente ai prodotti chimici.

È stato identificato dal regolamento sulla registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (REACH) della Commissione europea come approccio preferenziale per la valutazione dei rischi per la salute dei consumatori e dei lavoratori (ECHA, 2010 a, b).

L'aggiornamento alla versione 3.1 è stato utilizzato come un'occasione per includere una lista specifica di rilascio ambientale aggiornato (SpERC) e miglioramenti delle funzionalità offrendo l'esportazione e l'importazione di singoli set di dati di sostanze. La versione 3.1 è disponibile sia come modello integrato che come versione standalone per la parte consumer e può essere scaricata insieme con guide aggiornate per questi strumenti e rapporti tecnici ECETOC TRA.

ECHA. 2010 a. Guida tecnica REACH sui requisiti di informazione e sulla valutazione della sicurezza chimica, Capitolo R14: Estimazione dell'esposizione professionale. Agenzia europea delle sostanze chimiche, Helsinki, Finlandia.

ECHA. 2010 b. Guida ai requisiti di informazione e valutazione della sicurezza chimica, Capitolo R15: Valutazione del rischio di consumo (versione 2, aprile 2010). Agenzia europea delle sostanze chimiche, Helsinki, Finlandia. Addendum a TR114: Base tecnica per il TRA v3.1 (giugno 2014)

ECETOC

RISKOFDERM 

Il modello RISKOFDERM (http://product-testing.eurofins.com) è stato sviluppato da un consorzio di 15 società di 11 paesi e aventi come coordinamamento l’ente olandese TNO (Netherlands Organisation for Applied Scientific Research).
Questo modello calcola solamente l'esposizione dermica per ambienti industriali e professionali. vengono presi in considerazione sei differenti ambienti di lavoro (DEO: Dermal Occupational Units). Il modello si presenta in forma di foglio di calcolo e rilascia una stima quantitativa del carico dermico (mg/day) nei vari DEO, inoltre da la possibilità di scegliere il valore percentile dell’esposizione.

Viene considerato il modello di riferimento per l’esposizione dermica. 

Versione non più aggiornata dal 2004.

Page Toolkit

Fonte: ECHA

Guidance on Information Requirements and Chemical Safety Assessment - Chapter R.14: Occupational exposure assessment Version 3. 0 - August 2016

Correlati:

Pin It


Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Nov 18, 2019 20

D.P.C.M. 28 novembre 2011 n. 231

D.P.C.M. 28 novembre 2011 n. 231 Regolamento di attuazione dell'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, recante "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro", relativamente… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Nov 15, 2019 40

Cassazione Penale Sent. Sez. F Num. 45719 | 11 Novembre 2019

Cassazione Penale Sez. Fer. dell' 11 novembre 2019, n. 45719 Rischio da schiacciamento per oscillazione. Sebbene non vi sia un divieto di intervenire manualmente sui carichi, è necessario garantire il pieno governo del carico da parte del lavoratore Penale Sent. Sez. F Num. 45719 Anno 2019… Leggi tutto
D Lgs  14 agosto 1996 n  494
Nov 14, 2019 56

D.Lgs. 14 agosto 1996 n. 494

D.Lgs. 14 agosto 1996 n. 494 Attuazione della direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili. (GU n.223 del 23-9-1996 - SO n. 156) Abrogato da: D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Testo nativo allegato a scopo di Archivio.… Leggi tutto
RapportoISTISAN 1919
Nov 12, 2019 49

Tecnologie wireless applicate ai dispositivi medici

Tecnologie wireless applicate ai dispositivi medici Valutazione dell’impatto su qualità e sostenibilità dei servizi offerti dalla rete dell’emergenza-urgenza Rapporto ISTISAN 19/19 I dispositivi e i sistemi che ci consentono di comunicare senza utilizzare supporti fisici, come cavi in rame o… Leggi tutto
Guidelines Exposure to Time Varying Electric  Magnetic  and Electromagnetic Fields  Up to 300 GHz
Nov 12, 2019 59

Guidelines Exposure to Time-Varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (Up to 300 GHz)

Guidelines for Limiting Exposure to Time-Varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (Up to 300 GHz) INTRODUCTION IN 1974, the International Radiation Protection Association (IRPA) formed a working group on non-ionizing radiation (NIR), which examined the problems arising in the field of… Leggi tutto
Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields
Nov 12, 2019 62

Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields

Guidelines on Limits of Exposure to Static Magnetic Fields INTRODUCTION THE RAPID development of technologies in industry and medicine using static magnetic fields has resulted in an increase in human exposure to these fields and has led to a number of scientific studies of their possible health… Leggi tutto

Più letti Sicurezza