Slide background

Linee guida prevenzione e controllo legionellosi

ID 6968 | | Visite: 799 | Documenti Sicurezza Organi IstituzionaliPermalink: https://www.certifico.com/id/6968

Linee guida legionellosi

Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi

In allegato Lista di controllo per il sopralluogo di valutazione del rischio legionellosi

L'esposizione ad agenti biologici sui luoghi di lavoro è normato dal Titolo X del suddetto D. Lgs 81/2008, la Legionella è classificata al gruppo 2 tra gli agenti patogeni. Il rischio Legionellosi (biologico) può essere presente in tutte le attività con impianti che comportano un moderato riscaldamento dell’acqua (da 25 a 42°C) e la sua nebulizzazione (cioè la formazione di microgocce aventi diametri variabili da 1 a 5 micron) tra cui impianti idrosanitari e di condizionamento (strutture turistico-alberghiere, termali, sanitarie, acque di processo, ecc).

Lista di controllo per il sopralluogo di valutazione del rischio legionellosi

Nota introduttiva

La presente lista di controllo è redatta al fine di mettere a disposizione, dell’Organo di Controllo Pubblico, uno strumento di supporto per redigere una sintetica valutazione del rischio legionellosi, in occasione di controlli nei quali si debba verificare la valutazione del rischio legionellosi della struttura oggetto delle attività ispettive.

Tale lista di controllo può anche essere utilizzata, quale base preliminare di stima del rischio, da parte del Responsabile della struttura, in fase d’iniziale azione di prevenzione del Rischio.

Al Responsabile della struttura è comunque richiesta la redazione di una completa ed approfondita valutazione del rischio legionellosi. Pertanto, si sottolinea che l’esecuzione di tale base preliminare di studio, non sostituisce, per il Responsabile della struttura, la necessità della redazione di una più completa ed approfondita valutazione del rischio legionellosi.

La definizione motivata degli interventi tesi a ridurre e controllare gli eventuali Fattori di Rischio (FR), individuati tramite tale lista di controllo, deve essere sviluppata dal Responsabile della struttura, laddove non già eseguito.

Linee guida legionellosi Min. Salute. 2015

Approvato in Conferenza Stato-Regioni, nella seduta del 7 maggio 2015, il documento "Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi" (Atto n° 79/CSR/2015), che intende riunire, aggiornare e integrare tutte le indicazioni riportate nelle precedenti linee guida nazionali e normative:

Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi (G.U. n. 103 del 5 maggio 2000)
Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-recettive e termali” (G.U. n 28 del 4 Febbraio 2005)
Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi” (G.U. n 29 del 5 Febbraio 2005).

Le Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi" (2015) sono aggiornate alla luce delle nuove conoscenze scientifiche, con l’ausilio tecnico-scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità e di figure istituzionali esperte del settore.

Le “Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi” pubblicate nel 2000, sono state il primo documento nazionale finalizzato a fornire agli operatori sanitari informazioni aggiornate sulla legionellosi, sulle diverse fonti di infezione, sui metodi diagnostici e di indagine epidemiologica ed ambientale. In tale documento era compresa la revisione della Circolare 400.2/9/5708 del 29.12.93 "Sorveglianza delle legionellosi" per l'aggiornamento della scheda di sorveglianza.

Il 4 febbraio 2005 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.28 un accordo tra il Ministero della Salute e le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, avente ad oggetto “Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-recettive e termali”. Tale accordo è stato elaborato al fine di offrire ai direttori di strutture turistico-recettive e termali gli elementi di giudizio per la valutazione del rischio legionellosi in dette strutture e un insieme di suggerimenti tecnico-pratici, basati sulle evidenze scientifiche più aggiornate per ridurre al minimo tale rischio.

Il 5 febbraio 2005 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.29 un accordo tra il Ministero della Salute e le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, avente ad oggetto "Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attivita' di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi. L'accordo si propone di organizzare e orientare le attivita' dei laboratori nel settore della diagnostica della legionellosi e del controllo ambientale di Legionella; e' rivolto agli operatori di sanita' pubblica, ai microbiologi laboratoristi ed a tutto il personale comunque coinvolto nel controllo della legionellosi in Italia.

L‟elaborazione del documento si è basata sulle conoscenze presenti nella letteratura scientifica internazionale e ha tratto spunto anche da quanto riportato nelle linee guida prodotte a livello internazionale (WHO), europeo (EWGLI) e nazionale/regionale (Regione Emilia Romagna).

Con il presente documento si intende quindi riunire, aggiornare e integrare in un unico testo tutte le indicazioni riportate nelle precedenti linee guida nazionali e normative, pertanto esso le sostituisce integralmente.

La timeline "Linee guida legionellosi Min. Salute":

Linee guida legioellosi

Rischio legionellosi luoghi di lavoro

Come riportato nel D. Lgs 81/2008, il rischio di esposizione a Legionella in qualsiasi ambiente di lavoro richiede l‟attuazione di tutte le misure di sicurezza appropriate per esercitare la più completa attività di prevenzione e protezione nei confronti di tutti i soggetti presenti considerando che al Titolo X del suddetto D. Lgs 81/2008 la Legionella è classificata al gruppo 2 tra gli agenti patogeni.

Le misure di sicurezza si dovranno realizzare a seguito del procedimento di valutazione del rischio, indicato sempre al menzionato Titolo X e si dovranno attuare in conformità ai disposti del Titolo I (del citato Decreto Legislativo) riferendosi a quanto riportato negli Artt. 15 e 18.

Le linee guida sviluppano diversi aspetti:

1 - Aspetti generali: in cui viene definita la “legionellosi”, le fonti di infezione, le modalità di trasmissione, la frequenza della malattia con relative sintomatologie e le diagnosi di laboratorio per la ricerca di Legionella in campioni di provenienza umana o ambientale.

2 - Sorveglianza e indagine epidemiologica: dove viene esplicitato il sistema di notifica e le relative procedure per il registro nazionale della legionellosi. Il medico che pone la diagnosi deve compilare la scheda di sorveglianza che deve essere inviata alla ASL di competenza, al CNESPS (Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute) e al DMIPI (Dipartimento di Malattie Infettive, parassitarie ed Immunomediate).

3 - Protocollo di controllo del rischio legionellosi prevede tre fasi sequenziali e correlate tra loro:
- valutazione del rischio
- gestione del rischio
- comunicazone del rischio per le struttura turistico-recettive, gli stabilmenti termali, le strutture sanitare.

E’ necessario che il Protocollo venga applicato in ogni struttura (sia civile che industriale) nel quale siano presenti impianti potenzialmente a rischio legionellosi. Questa parte, rivolta in particolare a tecnici progettisti, impiantisti, albergatori e loro associazioni di categoria, responsabili strutture ed edifici pubblici, responsabili della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nei siti civili, industriali, produttivi, viene sviluppata più in dettaglio rispetto all’edizione del 2000.

4 - Metodi di prevenzione e controllo della contaminazione del sistema idrico. La sezione rimanda ad una rassegna dei metodi attualmente più utilizzati che possono essere adottati singolarmente o in combinazione, sulla base della valutazione del singolo impianto:
- Filtrazione al punto di utilizzo
- Trattamento termico (shock termico / disinfezione)
- Irraggiamento UV
- Clorazione
- Disinfezione con biossido di cloro
- Disinfezione con monoclorammina
- Disinfezione con perossido di idrogeno
- Disinfezione con acido peracetico

5 - Indicazioni per la progettazione, la realizzazione e la gestione degli impianti: passa in rassegna gli impianti idrosanitari, gli impianti aeraulici e quelli di rafreddamento a torri evaporative.

Min. Salute 2015

In sintesi

Legionellosi
Con il termine “Legionellosi” sono indicate tutte le forme di infezioni causate da varie specie di batteri appartenenti alla famiglia della Legionella.
Fino ad oggi sono state individuate più di 40 specie diverse e il numero dei casi dal 1997 ad oggi risulta essere in costante crescita non tanto per un progressivo aumento della diffusione del batterio bensì per una maggiore conoscenza e notifica della presenza di Legionella.

Come ci si ammala
Respirando acqua contaminata diffusa in aerosol: cioè in goccioline finissime.
La malattia non si contrae bevendo acqua contaminata e neppure per trasmissione tra uomo e uomo.

Forme cliniche
Può manifestarsi sotto due forme:
- Febbre di Pontiac. Incubazione: 1-2 giorni. Sintomi: forte febbre, dolori muscolari, mal di testa e disturbi intestinali. Non c’è polmonite anche se è presente la tosse.
- Malattia del Legionario. Incubazione: 2-10 giorni. Sintomi: febbre elevata, dolori muscolari, mal di testa e disturbi intestinali, dolori al torace, insufficienza renale.
Spesso confusa con polmonite

Impianti a rischio
Tutti quelli che comportano un moderato riscaldamento dell’acqua (da 25 a 42°C) e la sua nebulizzazione (cioè la formazione di microgocce aventi diametri variabili da 1 a 5 micron) tra cui impianti idrosanitari e di condizionamento.

Soggetti a rischio
Può colpire anche persone sane e in buona salute, tuttavia sono più a rischio soggetti:
- di sesso maschile
- in età avanzata
- fumatori
- consumatori di alcool
- affetti da malattie croniche e con immunodeficienza acquisita in seguito ad interventi terapeutici o infezione da HIV.

Come si sviluppa il batterio
La sola presenza di batteri non costituisce pericolo per le persone. I batteri divantano pericolosi quando:
- la temperatura varia da 25 a 42°C (la crescita dei batteri è massima a 37°C)
- c’è presenza di ossigeno ed elementi nutritivi
- esistono le condizioni per la formazione di microgocce (da 1 a  5 micron)

Min. Salute 2015

Certifico Srl - IT
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati



Scarica questo file (Linee guida indicazioni ai laboratori con attivita' di diagnosi microbiologica legionellosi.pdf)Linee guida indicazioni ai laboratori di diagnosi microbiologicheConf. Rappporti SR 2005IT66 kB(90 Downloads)
Scarica questo file (Linee guida indicazioni legionellosi per i gestori di strutture turistico-alberghiere e termali.pdf)Linee guida indicazioni legionellosi gestori strutture turistico-alberghiereConf. Rappporti SR 2005IT121 kB(87 Downloads)
Scarica questo file (Linee guida prevenzione e controllo legionellosi 2000.pdf)Linee guida prevenzione e controllo legionellosiConf. Rappporti SR 2000IT1033 kB(100 Downloads)
Scarica questo file (Linee guida prevenzione e controllo Legionellosi 2015.pdf)Linee guida prevenzione e controllo LegionellosiMin. Salute 2015IT1657 kB(216 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Rischio chimico Abbonati Sicurezza

Articoli correlati

Ultimi archiviati Sicurezza

Valutazione rischio stress lavoro correlato Personale PS
Ott 21, 2018 21

Circolare 2 marzo 2015

Circolare 2 marzo 2015 Valutazione del rischio stress lavoro-correlato nel personale che presta servizio nelle strutture centrali e periferiche dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza MLPS________ La valutazione del rischlo stress lavoro-correlato è parte integrante della valutazione dei… Leggi tutto
Circolare 18 novembre 2010
Ott 21, 2018 50

Circolare 18 novembre 2010 rischio da stress lavoro-correlato - Indicazioni CCP

Circolare 18 novembre 2010 rischio da stress lavoro-correlato - Indicazioni CCP Approvazione delle indicazioni necessarie alla valutazione del rischio da stress lavoro-correlato di cui all'articolo 28, comma 1- bis, del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81MLPS 2010 [panel]Ministero del Lavoro e delle… Leggi tutto
Ott 21, 2018 19

Accordo quadro europeo sullo stress nei luoghi di lavoro

Accordo quadro europeo sullo stress nei luoghi di lavoro Lo stress da lavoro è stato identificato a livello europeo, nazionale ed internazionale come elemento di preoccupazione sia per gli imprenditori che per i lavoratori. Avendo individuato la necessità di una specifica azione congiunta su questo… Leggi tutto
Ott 21, 2018 19

Piano di monitoraggio gestione dello stress lavoro-correlato

Piano di monitoraggio gestione dello stress lavoro-correlato Piano di monitoraggio e d’intervento per l’ottimizzazione della valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Descrizione ed analisi del problema I mutamenti socio-economici e i cambiamenti nelle caratteristiche della forza lavoro… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Ott 18, 2018 23

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 n. 46401 | 12 Ottobre 2018

Infortunio mortale durante il montaggio in opera di torri metalliche anemometriche: DUVRI Penale Sent. Sez. 4 Num. 46401 Anno 2018 Presidente: IZZO FAUSTORelatore: BELLINI UGOData Udienza: 13/06/2018 [panel]Ritenuto in fatto 1. La Corte di Appello di Bologna con sentenza in data 1.6.2017,… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Ott 18, 2018 19

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 n. 46411 | 12 Ottobre 2018

Macchinario privo di certificazione e di dispositivi di emergenza Penale Sent. Sez. 4 Num. 46411 Anno 2018 Presidente: IZZO FAUSTORelatore: DI SALVO EMANUELEData Udienza: 22/06/2018 [panel]Ritenuto in fatto e considerato in diritto 1. V.G. ricorre per cassazione avverso la sentenza in epigrafe… Leggi tutto

Più letti Sicurezza

EN 689
Lug 13, 2018 30231

UNI EN 689:1997 Guida Valutazione esposizione per inalazione

UNI EN 689:1997 Valutazione del rischio chimico [panel]Update 13.07.2018La norma UNI EN 689:1997 è stata sostituita dall'edizione 2018 (UNI EN 689:2018); la norma è uno dei metodi standardizzati di misurazione degli agenti chimici prevista nel D.Lgs. 81/2008 ALL. XLI secondo l'Art. 225 c.2.Vedi… Leggi tutto