Slide background




Proposta di modifica Direttiva 2009/148/CE sull'amianto sul lavoro

ID 17707 | | Visite: 263 | News SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/17707

Proposta di modifica Direttiva 2009 148 CE amianto sul lavoro

Proposta di modifica Direttiva 2009/148/CE sull'amianto sul lavoro

ID 17707 | 29.09.2022 / In allegato Proposta

Proposta di modifica Direttiva 2009/148/CE protezione dei lavoratori dai rischi connessi all'esposizione all'amianto sul lavoro

CE 29.09.2022 - COM(2022) 489 final

...

Uno degli obiettivi dell'Unione Europea (UE) è promuovere il benessere e lo sviluppo sostenibile, basato su un'economia sociale di mercato altamente competitiva, che punta alla piena occupazione e al progresso sociale. Il diritto di ogni lavoratore a condizioni di lavoro rispettose della sua salute, sicurezza e dignità è sancito dall'articolo 31 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Il principio 10 del pilastro europeo dei diritti sociali afferma che i lavoratori hanno diritto a un elevato livello di protezione della propria salute e sicurezza sul lavoro.

Nei suoi orientamenti politici, la presidente von der Leyen si è impegnata a presentare un piano europeo per combattere il cancro, per sostenere gli Stati membri nel migliorare il controllo e la cura del cancro. La presente proposta mantiene l'impegno assunto nel piano europeo per combattere il cancro, nel piano d'azione del pilastro europeo dei diritti sociali e nel quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro per il periodo 2021-2027 di ridurre ulteriormente l'esposizione dei lavoratori a amianto, che è una sostanza cancerogena altamente pericolosa. Questa proposta, evidenziata come una delle priorità nell'ambito dell'azione - Un'economia più forte, la giustizia sociale e l'occupazione - della conferenza sul futuro dell'Europa (CoFE) è un risultato chiave del programma di lavoro 2022 della Commissione.

Anche la protezione dei lavoratori dall'esposizione all'amianto è una priorità fondamentale per il Parlamento europeo. Nella sua risoluzione dell'ottobre 2021, il Parlamento europeo ha definito un approccio globale per affrontare i problemi legati all'amianto. In risposta, la Commissione ha adottato la sua comunicazione sul lavoro verso un futuro senza amianto: un approccio europeo per affrontare i rischi per la salute dell'amianto. Affronta il rischio per la salute pubblica derivante dall'amianto in modo olistico, presentando misure a livello dell'UE per combattere l'amianto durante tutto il suo ciclo di vita.

Il cancro sul lavoro è la prima causa di decessi sul lavoro nell'UE. È causato principalmente dall'esposizione a sostanze cancerogene come l'amianto. Ben il 78% dei tumori professionali riconosciuti negli Stati membri sono legati all'amianto.

Se inalate, le fibre di amianto nell'aria possono portare, ad esempio, al mesotelioma e al cancro ai polmoni, con un ritardo medio tra l'esposizione ei primi segni di malattia di 30 anni. Pertanto, i tumori possono svilupparsi decenni dopo l'esposizione professionale , anche quando i lavoratori si sono ritirati dal lavoro. Questo rende difficile tracciare le esposizioni passate e identificare un nesso causale tra l'esposizione correlata al lavoro e i tumori. Per questo motivo, il numero delle persone affette da malattie professionali legate all'amianto potrebbe essere sottovalutato.

Il progressivo divieto all'uso dell'amianto nell'UE è iniziato nel 1988 con il divieto della crocidolite (detta anche amianto blu) ed è stato successivamente esteso ad altri materiali contenenti amianto. Dal 2005 nell'UE tutte le forme di amianto sono vietate.

La prima azione dell'UE volta a proteggere i lavoratori dai rischi specifici dell'esposizione sul luogo di lavoro all'amianto risale al 1983, quando è stata adottata la Direttiva del Consiglio 83/477/CEE. Questa direttiva è stata sostanzialmente modificata più volte fino alla sua versione codificata più recente, la Direttiva 2009/148/CE (la direttiva sull'amianto sul lavoro (AWD)). Inoltre, poiché l'amianto è una sostanza cancerogena, le disposizioni della Direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori dai rischi connessi all'esposizione a sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione sul lavoro 16 (le Sostanze Cancerogene, Mutagene e Reprotossiche Direttiva ((CMRD)) si applicano ogniqualvolta siano più favorevoli alla salute e alla sicurezza dei lavoratori. Ciò include un requisito di minimizzazione dell'esposizione poiché non è stato ancora possibile identificare una soglia di esposizione al di sotto della quale l'esposizione all'amianto non comporti un rischio di cancro. Pertanto , e in linea con il CMRD, i datori di lavoro dovrebbero garantire che il rischio connesso all'esposizione dei lavoratori all'amianto sul luogo di lavoro sia ridotto al minimo e comunque al livello più basso tecnicamente possibile.

La Direttiva 2009/148/CE protegge i lavoratori dai rischi per la loro salute derivanti o che potrebbero derivare dall'esposizione all'amianto sul lavoro, anche prevenendo tali rischi. Ai sensi dell'AWD, per tutte le attività in cui i lavoratori sono o possono essere esposti a polveri di amianto o materiali contenenti amianto, l'esposizione deve essere ridotta al minimo e comunque al di sotto del limite fisso di esposizione occupazionale vincolante (OEL) di 0,1 fibre/ cm3 come media ponderata nel tempo (TWA) di 8 ore. Ciò include le situazioni in cui i lavoratori rientrano nel luogo di lavoro dopo aver svolto attività quali demolizioni, lavori di rimozione dell'amianto, riparazioni e manutenzioni rispetto alle quali è prevedibile il superamento del valore limite fissato nonostante l'uso di misure tecniche preventive per limitare concentrazioni di amianto nell'aria. In caso di superamento del valore limite, devono essere individuate le ragioni e il datore di lavoro deve adottare adeguate misure di gestione del rischio (RMM) per porre rimedio alla situazione prima della ripresa del lavoro. Si specifica inoltre che se l'OEL non può essere rispettato con altri mezzi, i datori di lavoro devono dotare i lavoratori di adeguati dispositivi respiratori e di protezione individuale. Inoltre, ai datori di lavoro si applicano severi obblighi in termini di protezione, pianificazione e formazione.

Sebbene l'estrazione , la produzione e la lavorazione dell'amianto sia vietata, in tutta l'UE esiste un problema ereditario sostanziale, che rappresenta una sfida per la salute pubblica e occupazionale, poiché l'amianto è ancora presente in molti edifici più vecchi, che potrebbero essere ristrutturati, adattati o demoliti su i prossimi anni. La strategia dell'ondata di rinnovamento nell'ambito del Green Deal europeo mira in particolare ad accelerare il ritmo delle ristrutturazioni edilizie in tutta l'UE. Poiché il rischio di esposizione all'amianto si manifesta principalmente durante i lavori di ristrutturazione, manutenzione e demolizione è importante rafforzare le misure preventive per limitare ulteriormente l' esposizione all'amianto dei lavoratori.

Si stima che attualmente da 4,1 a 7,3 milioni di lavoratori siano esposti all'amianto. Il rischio di tale esposizione è legato principalmente alla manipolazione di materiali contenenti amianto e alla dispersione delle fibre di amianto durante i lavori di costruzione, ad esempio durante i lavori di ristrutturazione, manutenzione, riparazione e demolizione. Di tutti i lavoratori esposti all'amianto, il 97% lavora nel settore edile , comprese le professioni correlate come tetti , idraulici , falegnameria o posa di pavimenti. L'esposizione all'amianto è presente anche in altri settori economici, ad esempio la gestione dei rifiuti (2% del tutti i lavoratori esposti), attività estrattive e minerarie, antincendio, scavo e manutenzione di gallerie, campionamento e analisi dell'amianto. Esiste anche il rischio di esposizione quando vengono riparate o smantellate navi, piattaforme di perforazione e mezzi di trasporto come treni e aerei con isolamento in amianto.

Per garantire che le misure di protezione dei lavoratori dall'esposizione all'amianto siano il più efficaci possibile, l'AWD deve essere aggiornato con le nuove conoscenze scientifiche sviluppate dalla sua ultima revisione sostanziale.

L'OEL attuale di 0.1 fibre/cm 3 nell'AWD è stato fissato nel 2003 sulla base delle conoscenze scientifiche e tecnologiche disponibili all'epoca. L' AWD include requisiti minimi che dovrebbero essere rivisti sulla base dell'esperienza acquisita e dello sviluppo della tecnologia in questo settore. A seguito dei più recenti sviluppi scientifici e tecnologici, è possibile migliorare la protezione dei lavoratori esposti all'amianto e ridurre così ulteriormente la probabilità che i lavoratori contraggano malattie legate all'amianto. Inoltre, quattro Stati membri hanno già introdotto OEL più severi nella loro legislazione nazionale.

La proposta di modifica dell'AWD renderà più efficace l'OEL ai sensi della direttiva aggiornandolo sulla base delle ultime prove scientifiche disponibili. La modifica proposta è supportata dall'ultima valutazione approfondita dell'AWD (valutazione ex post del 2017 delle direttive dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro (SSL)) e dalla più recente valutazione dell'attuazione delle direttive dell'UE in materia di SSL, che copre il periodo dal 2013 al 2017. L'ultima valutazione approfondita dell'AWD ha concluso che l' AWD rimane altamente rilevante e che per aumentarne l'efficacia alla luce del progresso scientifico, si dovrebbe prendere in considerazione l'abbassamento dell'OEL fissato nell'AWD .

La Commissione ha chiesto al comitato per la valutazione dei rischi (RAC) dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) di valutare la rilevanza scientifica dell'attuale OEL per l'amianto, per informare la preparazione della proposta di modifica dell'AWD. Il parere scientifico del CCR è stato adottato nel giugno 2021. Ha confermato che l'amianto non ha un livello di esposizione sicuro, il che significa che qualsiasi esposizione all'amianto potrebbe portare a malattie. Si è quindi ricavata una relazione tra i livelli di esposizione ed il rischio associato (relazione rischio-esposizione, ERR), esprimendo l'eccesso di rischio di mortalità per cancro al polmone e mesotelioma (combinata) in funzione della concentrazione di fibre nell'aria. Inoltre, il comitato consultivo tripartito per la sicurezza e la salute sul lavoro (ACSH) ha concordato all'unanimità sulla necessità di abbassare l'attuale OEL.

Ridurre l'esposizione all'amianto sul posto di lavoro abbassando l'OEL a livello dell'UE aiuta efficacemente a prevenire casi di cancro e decessi. Di conseguenza, migliora la protezione dei lavoratori aumentando la durata, la qualità e la produttività della vita lavorativa dei lavoratori dell'UE e garantendo un livello minimo di protezione simile in tutta l'UE. Inoltre, crea condizioni di parità per le imprese, poiché impedisce alle aziende che non adottano misure adeguate di acquisire un vantaggio competitivo rispetto a quelle che lo fanno.

Se non viene intrapresa alcuna azione ea causa del periodo di latenza delle conseguenze di una prevenzione inefficace (vale a dire gli effetti sulla salute), le imprese dovrebbero sostenere costi più elevati in futuro e subire una riduzione della produttività a causa dell'assenteismo e della perdita di competenze. Per gli Stati membri, ciò comporterebbe un aumento dei costi della previdenza sociale (ad esempio a causa dei costi più elevati per le cure mediche e le prestazioni di invalidità) e il mancato gettito fiscale.

La revisione dell'OEL nell'ambito dell'AWD porterà a una maggiore armonizzazione dei valori limite in tutta l'UE, che dovrebbe creare condizioni di parità per le imprese. Le società disposte a operare in più Stati membri beneficeranno ulteriormente di valori limite applicabili semplificati. Ciò può comportare risparmi, poiché è possibile adottare soluzioni comuni in tutte le strutture, invece di dover progettare soluzioni specifiche del sito per soddisfare vari requisiti OEL.

L'azione a livello dell'UE creerà inoltre condizioni più eque per i lavoratori distaccati, transfrontalieri e mobili esposti all'amianto nel settore edile (che ha un numero significativo di lavoratori distaccati che si spostano da un sito all'altro, spesso in più Stati membri) e anche un distribuzione più equa dei costi sanitari tra gli Stati membri.

...

Fonte: CE

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato COM 2022 489 final.pdf
 
487 kB 2

Tags: Sicurezza lavoro Abbonati Sicurezza Amianto

Ultimi archiviati Sicurezza

Dic 02, 2022 4

Circolare MLPS n. 11 del 04 aprile 2006

Circolare MLPS n. 11 del 04 aprile 2006 ID 18528 | 02.12.2022 Elenco delle autorizzazioni alla costruzione ed all’impiego di ponteggi metallici fissi ... Collegati
Check List | Schede di verifica ponteggiPonteggi fissi: quadro normativo
Leggi tutto
Dic 02, 2022 8

Circolare n. 30 del 3 novembre 2006

Circolare n. 30 del 3 novembre 2006 ID 18257 | 02.12.2022 Oggetto: Art. 36-quater, D.Lgs. n. 626/94 e s.m.i. - Obblighi del datore di lavoro relativi all'impiego dei ponteggi Chiarimenti concernenti i ponteggi su ruote (trabattelli) ed altre attrezzature per l'esecuzione di lavori temporanei in… Leggi tutto
Dic 02, 2022 9

Circolare MLPS n. 3 del 25 gennaio 2008

Circolare MLPS n. 3 del 25 gennaio 2008 ID 18256 | 02.12.2022 Circolare MLPS n. 3 del 25 gennaio 2008: Artt. 36-quater e 36-quinquies, D.Lgs. n. 626/94 e s.m.i. Obblighi del datore di lavoro relativi all'impiego dei ponteggi e all'impiego di sistemi di accesso e di posizionamento mediante funi… Leggi tutto
Sentenze cassazione penale
Dic 02, 2022 21

Cassazione Penale Sent. Sez. 4 Num. 45135 | 28 novembre 2022

Cassazione Penale Sez. 4 del 28 novembre 2022 n. 45135 Rottura delle catene di sollevamento della piattaforma elevabile. Omessa manutenzione e responsabilità del datore di lavoro e del RSPP che non svolge i propri compiti consultivi Penale Sent. Sez. 4 Num. 45135 Anno 2022Presidente: FERRANTI… Leggi tutto
Nov 30, 2022 53

Circolare INAIL n. 36 del 15 settembre 2010

Circolare INAIL n. 36 del 15 settembre 2010 Denuncia di malattia professionale per via telematica: modalita di acquisizione del certificato medico. Modifica dell'articolo 53 del Testo Unico approvata con Decreto Interministeriale del 30 luglio 2010. Collegati[box-note]Decreto 30 luglio 2010… Leggi tutto
Alimentazione al lavoro un possibile modello di intervento
Nov 30, 2022 48

Alimentazione al lavoro: un possibile modello di intervento

Alimentazione al lavoro: un possibile modello di intervento ID 18234 | 30.11.2022 / In allegato Fact Sheet INAIL 2022 La scorretta alimentazione è un fattore di rischio modificabile e prevenibile che può portare all’insorgenza o al peggioramento di alcune malattie croniche non trasmissibili. Le… Leggi tutto
Nov 25, 2022 148

Circolare CNI n. 626/XIX Sess./2020

Circolare CNI n. 626/XIX Sess./2020 Elenco nazionale certificato degli ingegneri biomedici e clinici di cui all’art.10, comma 1, della legge 11 gennaio 2018, n.3 – PROCEDURE PER ISCRIZIONE. Collegati[box-note]Ingegnere biomedico: elenco nazionale certificatoLegge 11 gennaio 2018 n. 3Circolare CNI… Leggi tutto
Nov 25, 2022 119

Circolare CNI n. 680/XIX Sess./2021

Circolare CNI n. 680/XIX Sess./2021 Modalità di iscrizione all’Elenco nazionale certificato degli Ingegneri biomedici e clinici di cui all’art. 10, comma 1, della legge 11 gennaio 2018, n.3 Requisiti di iscrizione all’Elenco nazionale certificato a) Ingegneri con Laurea magistrale o specialistica… Leggi tutto

Più letti Sicurezza