Slide background




DPCM 12 Ottobre 2021

ID 14744 | | Visite: 4419 | News SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/14744

DPCM 12 Ottobre 2021 Verifica possesso green pass in ambito lavorativo

DPCM 12 Ottobre 2021 / Verifica green pass in ambito lavorativo in GU

ID 14744 | 13.10.2021 / Pubblicato in GU

Modifiche al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 giugno 2021, recante «Disposizioni attuative dell'articolo 9, comma 10, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19"».

(GU n.246 del 14.10.2021)

Il decreto interviene per fornire ai datori di lavoro pubblici e privati gli strumenti informatici che consentiranno una verifica quotidiana e automatizzata del possesso delle certificazioni.

Tali verifiche potranno avvenire attraverso:

- l’integrazione del sistema di lettura e verifica del QR code del certificato verde nei sistemi di controllo agli accessi fisici, inclusi quelli di rilevazione delle presenze, o della temperatura;
- per gli enti pubblici aderenti alla Piattaforma NoiPA, realizzata dal Ministero dell'economia e delle finanze, l’interazione asincrona tra la stessa e la Piattaforma nazionale-DGC;
- per i datori di lavoro con più di 50 dipendenti, sia privati che pubblici non aderenti a NoiPA, l’interazione asincrona tra il Portale istituzionale INPS e la Piattaforma nazionale-DGC;
- per le amministrazioni pubbliche con almeno 1.000 dipendenti, anche con uffici di servizio dislocati in più sedi fisiche, una interoperabilità applicativa, in modalità asincrona, tra i sistemi operativi di gestione del personale e la Piattaforma nazionale-DGC.

______

Art. 1

1. Al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 giugno 2021 sono apportate le seguenti modificazioni:
a) all’art. 1, comma 1, lettera c), dopo le parole «decreto legge 22 aprile 2021, n. 52», sono aggiunte le seguenti: «, o riconosciute come equivalenti»;
b) all’art. 1, comma 1, lettera d), dopo le parole «effettuato da operatori sanitari» sono aggiunte le seguenti: «o da altri soggetti reputati idonei dal Ministero della salute»;
c) all’art. 1, comma 1, lettera e), dopo le parole «effettuato da operatori sanitari» sono aggiunte le seguenti: «o da altri soggetti reputati idonei dal Ministero della salute»;
d) all’art. 1, comma 1, sono aggiunte infine le seguenti lettere:
«cc) “pacchetto di sviluppo per applicazioni”: un insieme di strumenti per lo sviluppo e la documentazione di software (Software Development Kit - SDK);
dd) “libreria software”: un insieme di funzioni e strutture dati predefinite e predisposte per essere utilizzate in un programma software.»;
e) all’art.3, comma 1, sono soppresse le parole «e tre»;
f) all’art.3, comma 3, sono aggiunte infine le seguenti parole: «e) eventuale vaccinazione pregressa.»;
g) all'art. 4, comma 1, le parole: «negli allegati B, E, F e G» sono sostituite dalle seguenti: «negli allegati B, E, F, G e H»;
h) all'art. 4, comma 1, dopo la lettera h) è aggiunta la seguente: «i) specifiche modalità automatizzate di verifica delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo.»;
i) l’art.5, comma 5, è sostituito dal seguente: «5. Il Sistema TS, secondo le modalità di cui all’Allegato C:
a) verifica i codici fiscali e il numero di dosi ricevuti dal Sistema AVN associati alle somministrazioni di vaccini anti-SARS-CoV-2, notificando alla regione di somministrazione gli eventuali casi di errore che quest’ultima provvederà a rettificare in AVN. In caso di codici fiscali errati o identificativi regionali non rilasciati dal Sistema TS, il Sistema TS acquisisce dalle regioni e province autonome anche i dati anagrafici relativi ai soggetti vaccinati;
b) per i soli dati verificati positivamente, alimenta la Piattaforma nazionale-DGC con i dati di ogni singola somministrazione di cui all’Allegato A, per la generazione della certificazione verde digitale COVID-19 di avvenuta vaccinazione; c) acquisisce tramite apposito modulo online, reso disponibile sul portale nazionale della Piattaforma-DGC, i dati relativi alle vaccinazioni effettuate all’estero dai cittadini italiani e dai loro familiari conviventi nonché dai soggetti iscritti al Servizio sanitario nazionale che richiedono l’emissione della certificazione verde COVID-19 in Italia per avere accesso ai servizi e alle attività individuati dalle disposizioni vigenti;
d) mette a disposizione la possibilità di validare le richieste di cui alla lettera c) ai fini del rilascio della certificazione verde COVID-19, secondo modalità stabilite con circolare congiunta del Ministero della salute e del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.
e) rende disponibile all’AVN e alle regioni e province autonome l’informazione sulla data di infezione successiva alla vaccinazione, tratta dai certificati di guarigione nonché della pregressa infezione, recuperata dai dati dei certificati di guarigione di cui all’art. 6 del presente decreto;
f) restituisce alle regioni e province autonome l’informazione, resa disponibile dalla PNDGC inerente la generazione o meno del DGC, unitamente ai dati relativi alle somministrazioni, avvenuta guarigione e test, comunicati al Sistema TS ai sensi del presente decreto, al fine di consentire le opportune azioni di correzione dei medesimi dati;
g) rende disponibile al Ministero della Salute la funzione di interrogazione dei dati acquisiti dal Sistema TS ai sensi del presente decreto, comprensivi dell’informazione resa disponibile dalla PN-DGC inerente la generazione o meno del DGC, per le finalità di cui all’art. 12 comma 2 lettera a). Le operazioni di interrogazione sono effettuate previo inserimento, da parte dell’operatore del numero di pubblica utilità del Ministero della salute, del codice fiscale e delle ultime otto cifre della tessera sanitaria dell’interessato e della tipologia e data dell’evento sanitario che ha generato la Certificazione verde COVID-19.»
j) all’art. 6, il comma 1 è sostituito dal seguente: «La piattaforma nazionale-DGC viene alimentata, attraverso l’interconnessione con il Sistema TS, come descritto nell’Allegato C, con i dati relativi alle certificazioni di avvenuta guarigione di cui all’Allegato A, anche con riferimento ai dati dell’eventuale pregressa somministrazione di vaccino disponibili al Sistema TS, al momento dell’emissione degli stessi»;
k) all’art.12, comma 2, lettera a), dopo le parole «informazioni generali» sono aggiunte le seguenti parole: «e assistenza tecnica» e sono soppresse le parole «tramite gli strumenti di cui all’articolo 11, comma 1, lettere b) ed e)»;
l) all’art.12, comma 2, sono soppresse le parole: «b) il call center di Immuni (800.91.24.91), che fornisce apposita assistenza tecnica per l’acquisizione delle certificazioni verdi COVID-19 tramite gli strumenti di cui all’articolo 11, comma 1, lettere a) e c);»;
m) all’art.13, comma 1, sono aggiunte infine le seguenti parole «nonché mediante le ulteriori modalità automatizzate di cui ai successivi commi descritte negli allegati G e H»;
n) all’art.13, comma 2, sono aggiunte infine le seguenti parole: «g) i dirigenti scolastici e i responsabili dei servizi educativi dell'infanzia nonché delle scuole paritarie, delle università e delle Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, e loro delegati; h) i datori di lavoro pubblici o privati, e loro delegati, relativamente alla verifica del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo con riferimento al personale e ai soggetti terzi che accedono al luogo di lavoro per ragioni diverse dalla semplice fruizione dei servizi all’utenza e i responsabili della sicurezza delle strutture in cui si svolge l’attività giudiziaria o i loro delegati relativamente ai magistrati.»;
o) l’art. 13, comma 3, è sostituito dal seguente: «3. I soggetti delegati di cui alle lettere c), d), e), f), g) e h) del comma 2 sono incaricati con atto formale recante le necessarie istruzioni sull'esercizio dell'attività di verifica.»;
p) all'art. 13, il comma 5 è sostituito dal seguente: «5. L'attività di verifica delle certificazioni non comporta, in alcun caso, la raccolta dei dati dell’intestatario in qualunque forma, salvo quelli strettamente necessari all'applicazione delle misure previste dagli articoli 9- ter ai commi 2 e 5, 9-quinquies, commi 6 e ss., e 9-septies, commi 6 e ss.»;
q) all’articolo 13, dopo il comma 8, sono inseriti i seguenti commi:
«9. Resta fermo quanto previsto dall’art. 3 del decreto legge 8 ottobre 2021, n. 139.
10. Al fine di assicurare il più efficace ed efficiente processo di verifica del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 nell'ambito lavorativo pubblico e privato ai sensi degli articoli 9-quinquies e 9-septies del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87, il Ministero della salute rende disponibili ai datori di lavoro specifiche funzionalità, descritte nell'allegato H, che consentono una verifica quotidiana e automatizzata del possesso delle certificazioni verdi in corso di validità del personale effettivamente in servizio, di cui è previsto l’accesso ai luoghi di lavoro, senza rivelare le ulteriori informazioni conservate, o comunque trattate, nell'ambito della Piattaforma nazionale-DGC, attraverso:
a) l’utilizzo di un pacchetto di sviluppo per applicazioni (Software Development Kit-SDK), rilasciato dal Ministero della Salute con licenza open source, che consente di integrare nei sistemi di controllo degli accessi, inclusi quelli di rilevazione delle presenze, le funzionalità di verifica della Certificazione verde COVID-19, mediante la lettura del QR code;
b) una interazione, in modalità asincrona, tra la Piattaforma NoiPA, realizzata dal Ministero dell'economia e delle finanze per la gestione del personale delle pubbliche amministrazioni, e la PN-DGC per la verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID-19 in corso di validità da parte dei dipendenti pubblici degli enti aderenti a NoiPA;
c) una interazione, in modalità asincrona, tra il Portale istituzionale INPS, e la PN-DGC, per la verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID-19 in corso di validità da parte dei dipendenti dei datori di lavoro, con più di 50 dipendenti, sia privati che pubblici non aderenti a NoiPA;
d) una interoperabilità applicativa, in modalità asincrona, tra i sistemi informativi di gestione del personale delle amministrazioni pubbliche con almeno 1.000 dipendenti, anche con uffici di servizio dislocati in più sedi fisiche, e la PN-DGC, per la verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID-19 in corso di validità da parte dei propri dipendenti.
11. Le funzionalità di verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID-19 di cui alle lettere b) e c) del comma 10, attivate previa richiesta del datore di lavoro, sono rese disponibili al solo personale autorizzato alla verifica per conto del datore di lavoro. La funzionalità di verifica del possesso delle Certificazioni verdi COVID 19 di cui alla lettera d) del comma 10 è attivata previa autorizzazione e accreditamento, sulla base di apposita convenzione con il Ministero della salute.
12. Il pacchetto di sviluppo per applicazioni di cui alla lettera a) del comma 10 può essere utilizzato per la verifica della Certificazione verde COVID-19 anche in ambiti diversi da quello lavorativo e può altresì essere utilizzato come riferimento per la realizzazione di ulteriori librerie software, a condizione che:
a) le suddette librerie e le soluzioni da esse derivate rispondano alle medesime specifiche tecniche e ai requisiti del pacchetto di sviluppo per applicazioni di cui alla lettera a) del comma 10, e successivi aggiornamenti, come indicato sulla piattaforma
utilizzata dal Ministero della Salute per la pubblicazione del codice sorgente;
b) sia preventivamente rilasciato il codice sorgente con licenza open source di dette librerie sulla piattaforma utilizzata dal Ministero della Salute di cui al precedente punto a).
13. Con riguardo all’uso del pacchetto di sviluppo per applicazioni, di cui al comma 10, lettera a), e delle librerie software e delle soluzioni da esse derivate, di cui al comma 12, il trattamento dei dati personali deve essere effettuato limitatamente alle informazioni pertinenti e alle operazioni strettamente necessarie alla verifica della validità delle Certificazioni verdi COVID-19. È fatto esplicito divieto di conservare il codice a barre bidimensionale (QR code) delle Certificazioni verdi COVID-19 sottoposte a verifica, nonché di estrarre, consultare, registrare o comunque trattare per finalità ulteriori rispetto a quelle previste dal presente articolo le informazioni rilevate dalla lettura dei QR code e le informazioni fornite in esito ai controlli. In caso di utilizzo di tale modalità di verifica da parte del datore di lavoro, resta salvo quanto previsto dagli articoli 88 del Regolamento (UE) 2016/679 e 113 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
14. Nelle more del rilascio e dell’eventuale aggiornamento delle certificazioni verdi Covid19 da parte della piattaforma nazionale DGC, i soggetti interessati possono comunque avvalersi dei documenti rilasciati, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche e private, dalle farmacie, dai laboratori di analisi, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta che attestano o refertano una delle condizioni di cui al comma 2, lettere a), b) e c), dell’articolo 9 del decreto-legge n. 52 del 2021, in coerenza con il disposto dell’ultimo periodo del comma 10 del medesimo articolo.
15. Nel caso in cui, all’esito delle verifiche effettuate con le modalità di cui al comma 10, lettere b), c) e d), l’interessato non risulti in possesso di una certificazione verde COVID-19 in corso di validità, lo stesso ha diritto di richiedere che la verifica della propria certificazione verde COVID-19 sia nuovamente effettuata al momento dell’accesso al luogo di lavoro mediante l’applicazione mobile descritta nell’Allegato B, paragrafo 4.»;
r) all’art.15 sono aggiunti i seguenti commi: «7. I soggetti preposti alla verifica di cui agli artt. 9-quinquies e 9-septies del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87, sono titolari del trattamento dei dati effettuato con le modalità di cui all’articolo 13, comma 10, lettere b), c) e d), descritte nell'allegato H. Il personale interessato dal processo di verifica è opportunamente
informato dal proprio datore di lavoro sul trattamento dei dati attraverso una specifica informativa, anche mediante comunicazione resa alla generalità del personale, ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679.
8. Il Ministero della salute designa il Ministero dell’economia e delle finanze quale responsabile del trattamento dei dati effettuato, ai sensi dell’articolo 13, comma 9, lettera b), tramite la Piattaforma NoiPA per la messa a disposizione delle informazioni relative alle certificazioni verdi COVID-19 del personale dipendente delle amministrazioni aderenti a NoiPA.
9. Il Ministero della salute designa l’Istituto nazionale di previdenza sociale quale responsabile del trattamento dei dati effettuato, ai sensi dell’articolo 13, comma 9, lettera c), tramite il Portale istituzionale INPS per la messa a disposizione delle informazioni relative alle certificazioni verdi COVID-19 del personale dipendente di datori di lavoro pubblici e privati.»;
s) all’articolo 18, comma 1, dopo le parole «Presidenza del Consiglio dei Ministri e» sono aggiunte le seguenti parole: «sul sito del Sistema TS»;
t) all’articolo 19, comma 3, sono soppresse le seguenti parole: «e per il call center di Immuni gestito dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri»;
u) i documenti tecnici A, B, C allegati al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 giugno 2021 sono sostituiti con le versioni allegate al presente decreto ed è aggiunto un ulteriore documento tecnico H, parimenti allegato al presente decreto. 

...

ALLEGATO A

Dati trattati dai sistemi informativi per la generazione delle certificazioni verdi COVID-19 dalla PN-DGC e dati riportati nelle certificazioni verdi COVID-19 generate dalla PN-DGC

Sommario
1. Dati trattati dai sistemi informativi per la generazione delle certificazioni verdi COVID-19 dalla PN-DGC 
1A. Certificazioni verdi COVID-19 di avvenuta vaccinazione emessi dalla PN-DGC (art. 5)
1B. Certificazioni verdi COVID-19 di avvenuta guarigione emessi dalla PN-DGC (art. 6) .
1C. Certificazioni verdi COVID-19 di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo emessi dalla PN-DGC (art. 7)
2. Dati riportati nelle certificazioni verdi COVID-19 generate dalla PN-DGC 
2A. Certificazione verde Covid-19 di avvenuta vaccinazione
2B. Certificazione verde Covid-19 di avvenuta guarigione 
2C. Certificazione verde Covid-19 di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo

ALLEGATO B

Funzioni e servizi della Piattaforma Nazionale-DGC (PN-DGC)

Sommario
1. Modalità di generazione delle certificazioni verdi COVID-19 
a. Vaccinazione 
b. Guarigione 
c. Test antigenico rapido o molecolare con esito negativo 
2. Modalità di revoca delle certificazioni verdi COVID-19
3. Regole di validazione delle certificazioni verdi COVID-19 
4. Processo di verifica tramite App 
5. Interoperabilità Europea 
6. Recupero AUTHCODE in modalità autonoma 
7. Recupero Certificazione per soggetti privi di Tessera Sanitaria

ALLEGATO C

Documento tecnico Sistema TS: funzionalità di acquisizione dati per le Certificazioni verdi COVID-19. Dati e relativo trattamento

Sommario
1. INTRODUZIONE
2. ACRONIMI E GLOSSARIO
3. DOCUMENTAZIONE CORRELATA
3.1 RIFERIMENTI NORMATIVI
3.2 DOCUMENTAZIONE TECNICA
4. SERVIZI PER LA COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DEI TAMPONI ESEGUITI PRESSO STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE
4.1 DESCRIZIONE DEI SERVIZI
4.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
4.3 ACCESSO AI SERVIZI
4.4 TRACCIATI DEI SERVIZI
4.4.1 SERVIZIO DI INVIO ESECUZIONE TEST
4.4.2 SERVIZIO DI ANNULLAMENTO ESECUZIONE TEST
4.4.3 SERVIZIO DI ELENCO TEST EFFETTUATI
4.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
5. SERVIZI PER LA COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DEI TAMPONI E DEI CERTIFICATI DI GUARIGIONE DA PARTE DEI MEDICI
5.1 DESCRIZIONE DEI SERVIZI
5.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
5.3 ACCESSO AI SERVIZI
5.4 TRACCIATI DEI SERVIZI
5.4.1 SERVIZIO DI INVIO ESECUZIONE TEST
5.4.2 SERVIZIO DI ANNULLAMENTO ESECUZIONE TEST
5.4.3 SERVIZIO DI ELENCO TEST EFFETTUATI
5.4.4 SERVIZIO DI INVIO CERTIFICATO DI GUARIGIONE
5.4.5 SERVIZIO DI ANNULLAMENTO CERTIFICATO DI GUARIGIONE
5.4.6 SERVIZIO DI ELENCO CERTIFICATI DI GUARIGIONE INSERITI
5.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
6. SERVIZI PER LA COMUNICAZIONE DEGLI ESITI DEI TAMPONI DA PARTE DELLE FARMACIE E DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE ACCREDITATE
6.1 DESCRIZIONE DEI SERVIZI
6.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
6.3 ACCESSO AI SERVIZI
6.4 TRACCIATI DEI SERVIZI
6.4.1 SERVIZIO DI INVIO ESECUZIONE TEST
6.4.2 SERVIZIO DI ANNULLAMENTO ESECUZIONE TEST
6.4.3 SERVIZIO DI ELENCO TEST EFFETTUATI 2
6.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
7. SERVIZI PER LA COMUNICAZIONE DEI CERTIFICATI DI GUARIGIONE DA PARTE DEGLI OPERATORI SANITARI DELLE ASL / AZIENDE OSPEDALIERE
7.1 DESCRIZIONE DEI SERVIZI
7.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
7.3 ACCESSO AI SERVIZI
7.4 TRACCIATI DEI SERVIZI
7.4.1 SERVIZIO DI INVIO CERTIFICATO DI GUARIGIONE
7.4.2 SERVIZIO DI ANNULLAMENTO CERTIFICATO DI GUARIGIONE
7.4.3 SERVIZIO DI ELENCO CERTIFICATI DI GUARIGIONE INSERITI
7.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
8. RECUPERO DATI DI CONTATTO PER LE SOMMINISTRAZIONI
8.1 MODALITÀ DI FRUIZIONE
8.2 ACCESSO AL SERVIZIO
8.3 TRACCIATO
8.4 REGISTRAZIONE DELLE TRASMISSIONI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
9. COMUNICAZIONE DATI INFEZIONE PREGRESSA O SUCCESSIVA VERSO AVN
9.1 MODALITÀ DI FRUIZIONE
9.2 ACCESSO AL SERVIZIO
9.3 TRACCIATO
9.4 REGISTRAZIONE DELLE TRASMISSIONI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
10. SERVIZIO PER IL RECUPERO DEGLI AUTHCODE ASSOCIATI AI DIGITAL GREEN CERTIFICATE DA PARTE DEGLI OPERATORI DELL CALL CENTER DEL MINISTERO DELLA SALUTE
10.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO
10.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
10.3 ACCESSO E AUTORIZZAZIONE AL SERVIZIO
10.4 TRACCIATO DEL SERVIZIO
10.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
11. SERVIZIO PER LA VERIFICA DELLO STATO DI EMISSIONE DEL DIGITAL GREEN CERTIFICATE DA PARTE DEGLI OPERATORI DEL MINISTERO DELLA SALUTE
11.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO
11.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
11.3 ACCESSO E AUTORIZZAZIONE AL SERVIZIO
11.4 TRACCIATO DEL SERVIZIO
11.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
12 RESTITUZIONE ALLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME DEI DATI INVIATI PER IL DGC E IL RELATIVO STATO DI EMISSIONE
12.1 MODALITÀ DI FRUIZIONE
12.2 ACCESSO AL SERVIZIO
12.3 TRACCIATO
12.4 REGISTRAZIONE DELLE TRASMISSIONI E TEMPI DI CONSERVAZIONE
13 SERVIZI PER LA VERIFICA DEI DATI DA PARTE DELLA PN-DGC AI FINI DEL RECUPERO DGC
13.1 DESCRIZIONE DEI SERVIZI
13.2 MODALITÀ DI FRUIZIONE
13.3 ACCESSO AI SERVIZI
13.4 TRACCIATI DEI SERVIZI
13.5 REGISTRAZIONE DEGLI ACCESSI APPLICATIVI E TEMPI DI CONSERVAZIONE

ALLEGATO H

Modalità per il controllo automatizzato del possesso della Certificazione verde COVID-19

SOMMARIO
1. Introduzione
2. Verifica Certificazione verde COVID-19 tramite SDK
2.1 MODALITÀ DI DOWNLOAD DELLA SDK
2.2 MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SDK
3. Verifica Certificazione verde COVID-19 tramite NoiPA.
3.1 DESCRIZIONE DEL FLUSSO TRAMITE NOIPA
3.2 MODALITÀ DI UTILIZZO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE
4. Verifica Certificazione verde COVID-19 tramite PORTALE INPS
4.1 SERVIZIO ESPOSTO DALLA PIATTAFORMA DGC
4.2 DESCRIZIONE DEL FLUSSO TRAMITE INPS
4.3 FRUIZIONE DEL SERVIZIO DA PARTE DI INPS
4.4 NUOVO SERVIZIO DI VERIFICA GREENPASS SU INPS
5. Verifica Certificazione verde COVID-19 mediante interoperabilità applicativa

Modifiche del DPCM 12 ottobre 2021 in blu / Testo Consolidato allegato (o al link DPCM 17 giugno 2021)

DPCM 17 Giugno 2021 Consolidato Settembre 2021

Collegati



Scarica questo file (DPCM 12 Ottobre 2021 Privati - GU 246 del 14.10.2021.pdf)DPCM 12 Ottobre 2021 GU 246 del 14.10.2021 1508 kB(169 Downloads)
Scarica questo file (D.P.C.M. 12 Ottobre 2021 Firmato.pdf)D.P.C.M. 12 Ottobre 2021 Firmato IT1262 kB(986 Downloads)

Tags: Sicurezza lavoro Coronavirus

Ultimi archiviati Sicurezza

Ott 20, 2021 38

Circolare n. 46 dell'11 luglio 2000

Circolare n. 46 dell'11 luglio 2000 Circolare n. 46 dell'11 luglio 2000 Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all’art. 30 del D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164 Estratto Si ritiene inoltre opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un… Leggi tutto
Fire protection in schools   CFPA Europe
Ott 20, 2021 41

Guidelines fire protection in schools

Guidelines fire protection in schools / CFPA Europe September 2021 CFPA-E Guideline No 39:2021 F / September 2021 This Guideline is concerned with fire safety in schools, new and existing. In these activities, there is a great variety in the age of occupants and in their awareness concerning the… Leggi tutto
Fondo vittime amianto 2021
Ott 13, 2021 65

Fondo per le vittime dell'amianto 2021

Fondo per le vittime dell'amianto 2021 Quali sono e come funzionano le prestazioni in favore dei soggetti colpiti da malattia asbesto-correlate e dei loro superstiti Per le competenze attribuitegli dal legislatore in materia di malattie professionali, l’Inail svolge un ruolo centrale nella lotta… Leggi tutto

Più letti Sicurezza