Slide background




Rapporto ECDC rischio trasmissione SARS-CoV-2 da individui vaccinati

ID 13219 | | Visite: 2591 | News SicurezzaPermalink: https://www.certifico.com/id/13219

Rapporto ECDC rischio trasmissione SARS CoV 2 da individui vaccinati

Rapporto ECDC rischio trasmissione SARS-CoV-2 da individui vaccinati 

ECDC, 29 Marzo 2021

Il rapporto dell'ECDC esamina il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2 da individui vaccinati / precedentemente infetti.

“È molto incoraggiante vedere che le reinfezioni da SARS-CoV-2 sono piuttosto rare. Accogliamo con favore anche le prime indicazioni positive che il rischio di trasmissione successiva sembra essere ridotto in coloro che sono vaccinati. Sebbene l'effetto di nuove varianti di preoccupazione sui modelli di trasmissione debba essere attentamente monitorato, ci aspettiamo comunque che il numero totale di infezioni diminuirà in modo significativo con l'aumentare della copertura vaccinale ”, ha affermato Andrea Ammon, Direttore dell'ECDC.

A più di un anno dall'inizio della pandemia SARS-CoV-2, oltre 120 milioni di persone sono state infettate dal virus in più di 200 paesi. Le reinfezioni a seguito di infezioni naturali con la stessa o una nuova variante di SARSCoV-2 sono state segnalate sporadicamente e rimangono dubbi sulla durata dell'immunità a seguito di infezione naturale e sulla possibilità che individui reinfettati asintomatici siano in grado di trasmettere il virus.

I vaccini COVID-19 sono stati valutati per la loro efficacia ed efficacia contro l'infezione sintomatica da COVID-19 e per ridurre e / o prevenire la malattia COVID-19 lieve, moderata o grave, inclusa la mortalità. Tuttavia, le sperimentazioni sui vaccini non sono state progettate per misurare la riduzione del rischio di trasmissione da individui vaccinati infetti a contatti sensibili.

In questo contesto, è importante comprendere le prove scientifiche disponibili sulla misura in cui la precedente infezione da SARS-CoV-2 o la vaccinazione COVID-19 impedisce la trasmissione successiva da individui infetti a contatti sensibili. Pertanto, l'ECDC ha condotto una revisione della letteratura pubblicata sulla durata e le caratteristiche dell'immunità a seguito di un'infezione naturale da SARS-CoV-2 dovuta a qualsiasi variante o dopo la vaccinazione COVID-19 con uno qualsiasi dei vaccini autorizzati dall'UE ora disponibili.

La revisione delle prove sull'immunità naturale e sulle possibilità di trasmissione da contatti precedentemente infetti a contatti sensibili ha rilevato che:

- Attualmente mancano prove da studi specificamente progettati per valutare l'impatto di una precedente infezione sul rischio di trasmissione. L'infezione da SARS-CoV-2 non fornisce immunità sterilizzante per tutti gli individui e alcuni che vengono reinfettati potrebbero essere ancora in grado di trasmettere l'infezione da SARS-CoV-2 a contatti sensibili.
- Ci sono prove che la reinfezione rimane un evento raro. I risultati degli studi di coorte confermano che l'effetto protettivo della precedente infezione da SARS-CoV-2 varia dall'81% al 100% dal giorno 14 successivo all'infezione iniziale, per un periodo di follow-up da cinque a sette mesi. La protezione contro la reinfezione è inferiore negli individui di età pari o superiore a 65 anni.
- Questi studi sono stati condotti prima dell'emergere delle varianti SARS-CoV-2 di preoccupazione (COV) e quindi vi sono prove preliminari limitate che l'immunità indotta contro varianti di SARS-CoV-2 circolanti in precedenza potrebbe non avere la stessa potenza o durata contro i COV identificati fino ad oggi (in particolare le varianti B.1.351 e P.1.)
- Con l'aumentare del numero di individui che acquisiscono l'immunità naturale, si prevede che il numero totale di infezioni diminuisca in modo significativo, portando a una riduzione complessiva della trasmissione, a meno che i cambiamenti genetici nelle varianti circolanti inducano una significativa fuga immunitaria.

La revisione delle prove sull'immunità e le possibilità di trasmissione da individui infetti e precedentemente vaccinati a contatti sensibili ha rilevato che:

- La prova diretta dell'impatto della vaccinazione sul rischio di trasmissione è disponibile solo da uno studio, un ampio studio sulla trasmissione familiare basato su registri dalla Scozia. Questo studio suggerisce che la vaccinazione di un membro della famiglia riduce il rischio di infezione nei membri della famiglia sensibili di almeno il 30%.
- Ci sono prove che la vaccinazione riduce significativamente la carica virale e le infezioni sintomatiche / asintomatiche negli individui vaccinati, il che potrebbe tradursi in una trasmissione ridotta, sebbene l'efficacia del vaccino vari in base al prodotto vaccinale e al gruppo target. Alla luce di questo fatto, si prevede che il numero totale di infezioni diminuirà in modo significativo con l'aumentare della copertura vaccinale, a condizione che vi sia una corrispondenza tra i ceppi vaccinali e i ceppi virali circolanti. Ciò porterà a una riduzione complessiva della trasmissione.
- I periodi di follow-up per le persone vaccinate non sono ancora sufficientemente lunghi per trarre conclusioni sulla durata della protezione contro l'infezione a lungo termine. I titoli anticorpali negli individui vaccinati raggiungono il picco 3-4 settimane dopo la vaccinazione.
- Molti degli studi sull'efficacia del vaccino sono stati effettuati prima della comparsa dei COV SARS-CoV-2. Negli studi che affrontano le varianti, ci sono prove preliminari limitate di ridotta efficacia del vaccino, in particolare per B.1.351 e forse anche per P.1.

Il follow-up di coorti con precedente infezione e vaccinazione da SARS-CoV-2 è necessario per valutare meglio l'entità e la durata della protezione dalla reinfezione che porta alla malattia asintomatica / sintomatica e l'effetto della protezione contro l'ulteriore trasmissione ai contatti.

Come virus RNA (acido ribonucleico), SARS-CoV-2 continuerà ad evolversi nel tempo ed è già stato documentato il suo potenziale di sfuggire alle difese immunitarie umane indotte da infezioni naturali o vaccinazioni. È probabile che in futuro i COV continueranno ad evolversi e giocheranno un ruolo significativo nel porre pressione immunologica sui virus circolanti. Non è possibile prevedere quando e dove ciò accadrà, tuttavia, la co-circolazione dei tre COV (B.1.1.7, B.1.351 e P.1) è stata notata in diversi paesi dell'UE / SEE.

...

Fonte: ECD

Tags: Coronavirus

Ultimi archiviati Sicurezza

Giu 26, 2022 29

Piano nazionale tutela e salute ambienti confinati

Piano nazionale di prevenzione per la tutela e la promozione della salute degli ambienti confinati Il presente Rapporto elaborato dalla Commissione Tecnico scientifica per l’elaborazione di proposte di intervento in materia di inquinamento indoor, in seguito denominata “Commissione indoor”,… Leggi tutto
Giu 21, 2022 38

Legge 30 settembre 2004 n. 252

Legge 30 settembre 2004 n. 252 Delega al Governo per la disciplina in materia di rapporto di impiego del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU n.240 del 12.10.2004)________ Aggiornamenti all'atto 01/04/2005 DECRETO-LEGGE 31 marzo 2005, n. 45 (in G.U. 01/04/2005, n.75) convertito… Leggi tutto
Giu 21, 2022 55

Legge 13 maggio 1961 n. 469

Legge 13 maggio 1961 n. 469 Ordinamento dei servizi antincendi e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e stato giuridico e trattamento economico del personale dei sottufficiali, vigili scelti e vigili del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. (GU n.145 del 15.06.1961 - SO)_________ Aggiornamenti… Leggi tutto
Giu 21, 2022 40

Legge 27 dicembre 1941 n. 1570

Legge 27 dicembre 1941 n. 1570 Nuove norme per l'organizzazione dei servizi antincendi. (GU n.27 del 03.02.1942)_______ Aggiornamenti all'atto 08/11/1946 DECRETO DEL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO 20 settembre 1946, n. 271 (in G.U. 08/11/1946, n.254) 25/11/1946 DECRETO DEL CAPO PROVVISORIO DELLO… Leggi tutto

Più letti Sicurezza