Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas

ID 15631 | | Visite: 737 | Documenti impianti riservatiPermalink: https://www.certifico.com/id/15631

UNI TS 11297 2008 Metodologia valutazione rischi dispersione gas

Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas / In accordo Specifica Tecnica UNI/TS 11297:2008

ID 15631 | 02.02.2022 / In allegato Estratto UNI/TS 11297 e modello Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas.

In allegato, in accordo Specifica Tecnica UNI/TS 11297:2008
- Modello di Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas (*)(**)

- Estratto Specifica Tecnica UNI/TS 11297:2008

(*) Documento previsto in prima applicazione dal dall’art. 11 comma 9 della deliberazione AEEG n. 168/04 (cessata):

11.9 A partire dall’1 gennaio 2007 il distributore è tenuto a predisporre per ogni impianto di distribuzione il “Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersioni di gas” mediante l’applicazione della metodologia definita dal Cig di cui all’Articolo 29, comma 29.5.
....

29.5 Ai fini dell’attuazione di quanto previsto dall’Articolo 11, comma 11.7, il Cig definisce una metodologia per la valutazione dei rischi di dispersioni di gas su tubazioni in ghisa, in acciaio non protetto catodicamente o in altro materiale non previsto dalle norme tecniche vigenti finalizzata all’individuazione delle priorità degli interventi di sostituzione o risanamento di tali tubazioni.
...

(**) Documento attualmente previsto dall'Art. 14.4 della Deliberazione 27 dicembre 2019 569 2019 R GAS (in vigore):

Allegato A RQDG
...
14.4 L’impresa distributrice è tenuta a predisporre per ogni impianto di distribuzione il “Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersioni di gas” in conformità alle norme tecniche vigenti.

SPECIFICA TECNICA UNI/TS 11297:2008 - Metodologia di valutazione rischi di dispersione gas

La specifica tecnica fornisce i criteri per:

- la redazione del "Rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas (1) ";
- la definizione, con riferimento a ciascuna tipologia di materiale costituente la tubazione della priorità degli interventi di sostituzione o risanamento delle condotte (2).
Nel presente documento sono trattate le condotte di ghisa grigia congiunti canapa-piombo, di acciaio non protetto o di altro materiale non previsto dalle norme vigenti (3).

La presente specifica tecnica è stata elaborata sotto la competenza dell’ente federato all’UNI CIG -Comitato Italiano Gas

(1) Documento previsto dall’art. 11 comma 9 della deliberazione AEEG N° 168/04.
(2) Riferimento dall’art. 29 comma 5 della deliberazione AEEG N° 168/04.
(3) Per esempio PVC, fibrocemento.
...

RAPPORTO ANNUALE DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI DISPERSIONE GAS

Il distributore predispone il "Rapporto annuale sui rischi di dispersione gas ", per ciascun impianto di distribuzione, considerando la numerosità delle dispersioni segnalate da terzi nel corso dell’anno di riferimento (1) e nell’anno precedente all’anno di riferimento (1), specificando per ciascun impianto di distribuzione il tipo di materiale e la classe di pressione della tubazione stradale presente.

Sono escluse dalla valutazione le dispersioni verificatesi a seguito di danneggiamento della rete provocato da terzi.

Le tubazioni stradali devono essere pertanto suddivise in funzione:

a) della classe di pressione

- alta e media pressione (P > 40 mbar);
- bassa pressione (P ≤ 40 mbar).

b) del materiale costituente la tubazione

- polietilene;
- acciaio protetto catodicamente;
- acciaio non protetto catodicamente;
- ghisa grigia con giunti canapa-piombo (GP);
- ghisa con altri tipi di giunzione (GA);
- altri materiali (PVC, fibrocemento, ecc.).

(1) Anno precedente a quello di comunicazione dei dati previsti ad AEEG (ARERA).

La determinazione dell’indice di rischio relativo a ciascun impianto di distribuzione si ottiene dall’applicazione della seguente formula:

UNI TS 11297 2008 Metodologia valutazione rischi dispersione gas   Formula

dove:

f i è il coefficiente da applicare alla lunghezza della tubazione in bassa pressione in funzione dello specifico materiale;
L i è la lunghezza in metri della tubazione in bassa pressione per tipologia di materiale;
f j è il coefficiente da applicare alla lunghezza della tubazione in alta e media pressione in funzione dello specifico materiale;
L j è la lunghezza in metri della tubazione in alta e media pressione per tipologia di materiale;
D t è il numero delle dispersioni segnalate da terzi riscontrate nei tratti di tubazione stradale per l’anno di riferimento;
D t-1 è il numero delle dispersioni segnalate da terzi riscontrate nei tratti di tubazione stradale per l’anno precedente all’anno di riferimento;
LR S3 è il livello di riferimento relativo al numero annuo di dispersioni per chilometro di rete su segnalazioni di terzi (0,1).

Nel seguente prospetto sono riportati i valori dei coefficienti f i e f j da utilizzare in funzione della classe di pressione e tipologia di materiale.

Prospetto 1 - Parametri f i e f j "Coefficienti correttivi della dispersione"

UNI TS 11297 2008 Metodologia valutazione rischi dispersione gas   Prospetto 1
...

CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE TUBAZIONI

Con l’obiettivo di individuare e selezionare le tratte di tubazioni stradali con carattere prioritario d’intervento (sostituzione e/o il risanamento delle tubazioni stradali) è effettuata una classificazione delle stesse in funzione dei parametri fisici che concorrono a determinare il rischio associato ad una dispersione gas, inteso come prodotto tra la probabilità che si manifesti una dispersione e le conseguenze che da essa possono derivare.

La metodologia individuata viene applicata pertanto per tipologia di materiale costituente la tubazione, in questo caso solo per le tubazioni di ghisa grigia con giunti in canapa e piombo, di acciaio non protetto e di altri materiali non previsti dalla normativa vigente, con il solo obiettivo di determinare, con riferimento ad uno specifico impianto di distribuzione, le tratte/zone di rete aventi carattere prioritario d’intervento.

Le fasi operative attraverso le quali viene elaborato il programma di sostituzione/risanamento delle tubazioni stradali sono:

- zonizzazione della rete di distribuzione;
- determinazione del punteggio di demerito;
- classificazione delle zone/tratte di rete.

UNI TS 11297 2008 Metodologia valutazione rischi dispersione gas   Fig  1

Fig. 1 - Fasi operative per l’elaborazione del programma di sostituzione/risanamento delle tubazioni stradali
...

METODOLOGIA DEL "PUNTEGGIO DI DEMERITO"

Generalità

La metodologia adottata per determinare la classificazione delle condotte in oggetto è quella cosiddetta del "punteggio di demerito ". Tale metodologia può essere eseguita sia sulla singola tratta o, più efficacemente, su "zone" di rete costituite da un’aggregazione di singole tratte contigue dello stesso materiale al fine di rendere, come già anticipato, tecnicamente e/o economicamente più favorevole l’attuazione dei piani specifici di sostituzione e/o risanamento delle stesse.

La presente specifica tecnica non si applica ai piani di sostituzione delle condotte derivati da:

1) necessità di carattere strettamente tecnico-operativo connesse a occasioni o previsioni di notevole sviluppo dei consumi;
2) richiesta di spostamento delle tubazioni gas da parte di Enti terzi interessati per il collocamento o la modifica di altri sottoservizi;
3) rifacimenti integrali delle pavimentazioni da parte delle Amministrazioni Comunali.

Può accadere che per una determinata rete di distribuzione non siano facilmente disponibili in maniera completa ed aggiornata alcune delle informazioni previste dalla metodologia di calcolo; anche in questi casi è possibile procedere alla determinazione del punteggio di demerito delle tratte/zone di tubazioni in esercizio, escludendo dalla metodologia di calcolo e per l’intera rete, l’influenza dello specifico parametro.
...

Priorità zone d’intervento

Nel rispetto del criterio di calcolo stabilito le singole tratte o, nel caso di raggruppamento, le zone d’intervento, devono essere ordinate per valori decrescenti di punteggio di demerito.

Le zone d’intervento, devono essere ordinate per valori decrescenti di punteggio di demerito.

La sostituzione delle tubazioni deve avvenire secondo l’ordine definito.

...
segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2022
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Tags: Impianti Abbonati Impianti Impianti gas

Articoli correlati

Più letti Impianti

Ultimi archiviati Impianti

Rapporto statistico solare fotovoltaico GSE 2021
Giu 12, 2022 100

Rapporto statistico solare fotovoltaico GSE 2021

Rapporto statistico solare fotovoltaico GSE 2021 GSE 09 Giugno 2022 Il Rapporto traccia il quadro statistico del settore fotovoltaico in Italia, descrivendo le caratteristiche, la diffusione e gli impieghi degli impianti in esercizio sul territorio italiano alla fine del 2021. In continuità con le… Leggi tutto
Orientamenti sui piani per la ripresa e la resilienza REPowerEU
Mag 31, 2022 117

Orientamenti sui piani per la ripresa e la resilienza REPowerEU

Orientamenti sui piani per la ripresa e la resilienza nel contesto di REPowerEU GU C 214/1 del 31.5.2022 ... Dall’adozione del regolamento sul dispositivo per la ripresa e la resilienza contesto geopolitico è cambiato notevolmente. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha avuto gravi… Leggi tutto
Verso abitazioni ad alta efficienza energetica e prive di amianto
Mag 26, 2022 126

Verso abitazioni ad alta efficienza energetica e prive di amianto

Verso abitazioni ad alta efficienza energetica e prive di amianto JRC (Joint Research Centre) - 2022 Il Green Deal europeo mira a una società più verde e decarbonizzata con edifici meno energivori e più sani. Gli edifici esistenti svolgono un ruolo chiave nel raggiungimento di questo obiettivo a… Leggi tutto
Relazione Annuale CTI 2021
Mag 24, 2022 107

Relazione Annuale del CTI sull'attività nel 2021

Relazione Annuale del CTI sull'attività nel 2021 ID 16705 | 20 Maggio 2022 Il 2021 è stato un anno di transizione verso scenari futuri ancora incerti, ma l'esperienza maturata dal CTI nel 2020 ha consentito di affrontare l'incertezza del momento in modo ottimale tanto da confermare gli ottimi… Leggi tutto
Piano REPowerEU
Mag 19, 2022 300

Piano REPowerEU

Piano REPowerEU ID 16671 | 19.05.2022 / In allegato Comunicazione Piano La Commissione europea ha presentato il 18 maggio 2022, il piano REPowerEU (COM(2022) 230), la risposta alle difficoltà e alle perturbazioni del mercato energetico globale causate dall'invasione russa dell'Ucraina. C'è una… Leggi tutto