Slide background
Slide background

SEVESO III: Piani di Emergenza Esterni PEE

ID 2283 | | Visite: 5850 | Incidente RilevantePermalink: https://www.certifico.com/id/2283

Linee guida elaborazione Piano di Emergenza Esterno (PEE) Attività a rischio di incidente rilevante (Seveso)

Per le attività a rischio di incidente rilevante (ARIR), le prefetture, d'intesa con le regioni e con gli enti locali interessati, e dopo aver consultato la popolazione, predispongono il piano di emergenza esterno (PEE) allo stabilimento, coordinandone l'attuazione.

Le imprese che svolgono attività a rischio di incidente rilevante (ARIR) devono essere pronte a intervenire, in caso di emissione di sostanze pericolose, attivando i propri piani di emergenza interni (PEI), per limitare le conseguenze dannose per l'uomo o per l'ambiente. Il piano deve essere elaborato tenendo conto dell’esperienza e delle conoscenze delle persone che lavorano nello stabilimento e nelle imprese subappaltatrici di lungo termine. Tutto il personale deve essere informato, formato e addestrato sul comportamento da adottare in caso di incidente e sulle misure e azioni di sicurezza adottate dal piano interno, per essere in grado di gestire il rischio con responsabilità, secondo i ruoli assegnati.

Le prefetture, d'intesa con le regioni e con gli enti locali interessati, e dopo aver consultato la popolazione, predispongono il piano di emergenza esterno allo stabilimento, coordinandone l'attuazione. Il documento, che viene pubblicizzato in ambito locale a tutta la popolazione, deve essere comunicato a:

  • ministero dell'Interno;
  • dipartimento della Protezione civile;
  • ministero dell'Ambiente;
  • sindaci sul territorio;
  • regione;
  • provincia.

Il dipartimento dei Vigili del fuoco ha il compito di controllare le misure adottate compiendo verifiche ispettive e sopralluoghi post-incidentali; inoltre, in collaborazione con il ministero delle Attività Produttive, effettua il controllo di sicurezza sul sistema elettrico nazionale, fornisce pareri antincendio e autorizza la costruzione o l'esercizio di centrali elettriche, di terminali di rigassificazione di gas naturale liquefatto (GPL) e di elettrodotti. In collaborazione con gli stati membri dell'Unione europea, effettua anche verifiche ispettive congiunte, le Mutual Joint Visits, organizzate dalla Commissione europea. Mensilmente si riunisce il Comitato CTR Seveso/Rischi Industriali a cui partecipano i funzionari analisti di rischio delle direzioni regionali dei vigili del fuoco.

La materia è regolata dalla direttiva comunitaria chiamata “Seveso III”, emanata a seguito dell’incidente del 1976 (direttiva 2012/18/UE del 4 luglio 2012, pubblicata il 24 luglio 2012 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. 197, da recepire entro il 1° giugno 2015), che impone agli stati dell’Unione europea una politica di prevenzione dai grandi rischi industriali e il censimento degli stabilimenti che lavorano sostanze pericolose.

I dati che riguardano le attività a rischio di incidente rilevante vengono raccolti ed elaborati e poi condivisi con gruppi di lavoro europei e internazionali (OCSE). La diffusione delle conoscenze sul tema viene promossa attraverso convegni, corsi di formazione e di addestramento destinati al personale tecnico della pubblica amministrazione incaricato dei controlli. L’attività di formazione è promossa in collaborazione con le regioni, l'Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) e le  Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA).

Direttiva 2012/18/UE - Seveso III

Decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105

Pin It


Scarica questo file (ENI All.V DLgs 334 Giugno 2015.pdf)ENI All.V DLgs 334 Giugno 2015Esempio Scheda informativa Lavoratori e CittadiniIT3418 kB(1514 Downloads)
Scarica questo file (ENI Notifica Giugno 2015.pdf)ENI Notifica Giugno 2015Esempio notificaIT2305 kB(571 Downloads)

Tags: Chemicals Rischio Incidente Rilevante

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

IARC Monograph 100D
Set 22, 2019 25

IARC Monographs 100D: Radiation

IARC Monographs 100D: Radiation IARC Monographs on the Evaluation of Carcinogenic Risks to Humans Volume 100D (2012) ***This book was highly commended in the Public Health category of the British Medical Association's 2013 annual Medical Book Competition.*** Volume 100 of the IARC Monographs, A… Leggi tutto
DPCM 11 luglio 2019
Set 09, 2019 100

DPCM 7 agosto 2019 | Suppl. 9.8 Farmacopea Europea 9ª Ed.

DPCM 7 agosto 2019 | Suppl. 9.8 Farmacopea Europea 9ª Ed. Entrata in vigore dei testi, nelle lingue inglese e francese, pubblicati nel Supplemento 9.8 della Farmacopea europea 9ª edizione ed eliminazione delle monografie diidroergotamina tartrato, filo di poliammide-6 sterile per uso veterinario in… Leggi tutto
Rettifica
Set 06, 2019 110

Rettifica regolamento (UE) 2019/1148

Rettifica regolamento (UE) 2019/1148 Rettifica del regolamento (UE) 2019/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, relativo all'immissione sul mercato e all'uso di precursori di esplosivi, che modifica il regolamento (CE) n. 1907/2006 e che abroga il regolamento (UE) n.… Leggi tutto
Linee guida rischio pesticidi per le api EFSA
Set 04, 2019 78

Linee guida rischio pesticidi per le api | EFSA

Linee guida valutazione del rischio pesticidi per le api | EFSA Update Luglio 2019 L'EFSA ha reso note le modalità con cui intende rivedere le proprie linee guida per la valutazione del rischio da pesticidi per le api nell'Unione europea. Come chiarito nella descrizione, parti interessate ed… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Mar 02, 2019 19488

Regolamento (CE) n. 2023/2006 (Regolamento GMP)

Regolamento (CE) n. 2023/2006 Regolamento (CE) N. 2023/2006 della Commissione del 22 dicembre 2006 sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari (Regolamento GMP - Good Manufacturing Practices) ... Il presente regolamento… Leggi tutto
Regolamento  CE  852 2004
Mar 06, 2019 19373

Regolamento (CE) N. 852/2004

Regolamento (CE) N. 852/2004 Regolamento (CE) N. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sull'igiene dei prodotti alimentari GU L 139/1 del 30.4.2004 Testo consolidato 2009Modificato da: Regolamento (CE) n. 1019/2008 della Commissione del 17 ottobre 2008 (GU L 277 7… Leggi tutto