Slide background
Slide background




IARC Monographs Volume 124

ID 12277 | | Visite: 1241 | Documenti Chemicals EntiPermalink: https://www.certifico.com/id/12277

IARC Vol 124

IARC Monographs Volume 124

Night Shift Work / Lavoro notturno IARC

Lo IARC, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, con la Monografia Volume 124, analizza la correlazione e gli effetti del lavoro notturno con alcuni fattori chiave dello sviluppo del cancro quali l'immunodepressione, l'infiammazione cronica e la proliferazione cellulare.

Il "lavoro notturno" implica il lavoro, inclusi i viaggi che comportano il cambio di fuso orario, in quelle che sono le ore di sonno per la maggior parte della popolazione. L'interruzione dei ritmi circadiani delle funzioni del corpo come risultato di alterazioni della normale esposizione a luce/buio è l'effetto più importante del lavoro notturno.

Il ritmo circadiano, in cronobiologia e in cronopsicologia, è un ritmo caratterizzato da un periodo di circa 24 ore. Il termine "circadiano", coniato da Franz Halberg, viene dal latino circa diem e significa appunto "intorno al giorno".

I ritmi circadiani sono importanti per determinare i modelli di sonno e veglia di tutti gli animali, inclusi gli esseri umani. Vi sono chiari modelli dell'attività cerebrale, di produzione di ormoni, di rigenerazione cellulare e altre attività biologiche collegate a questo ciclo giornaliero.

Il ritmo è collegato al ciclo luce-buio.

Circadian Rhythms   Internal Body Cock

Fig. 1 - Ritmo circadiano

La "Notte" è generalmente definita come il periodo dal tramonto all'alba in 24 ore.  La notte biologica umana dipende da ritmi circadiani individuali, ma normalmente include l'orario dalle 23:00 alle 07:00 nel quale la maggior parte degli adulti usualmente dorme.

Il lavoro notturno è essenziale per garantire che produzione e attività possano proseguire 24 ore su 24. Nella moderna "società 24/7" (24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana) la natura del lavoro notturno sta cambiando come risultato della diversificazione di modelli di orario di lavoro. La sua prevalenza è diversa tra i settori e si verifica più comunemente in sanità, produzione, trasporti, vendita al dettaglio, e servizi. Si stima che 1 su 5 lavoratori di tutto il mondo siano impegnati nel turno lavorativo di notte, sebbene definizioni, qualità e portata dei dati statistici varino. La globalizzazione del mercato del lavoro ha portato ad un aumento dell'uso del lavoro notturno su turni nei paesi a basso e medio reddito. Approcci normativi per il lavoro notturno e il loro grado di implementazione varia notevolmente tra regioni e settori.

I lavoratori del turno di notte possono essere co-esposti a rischio biologico, chimico e da agenti cancerogeni. Inoltre, diversi fattori individuali, legati allo stile di vita e ambientali possono mediare, confondere o moderare il potenziale rischio di contrarre il cancro nei turni di notte.

Esposizione a turni di lavoro notturni e cambio di fuso orario possono essere valutati in ambito di studi epidemiologici con questionari, interviste o diari, così come usando dei dati registrati (es. busta paga) o pianificazione delle ore di lavoro. La quantità di dettagli e la qualità delle informazioni sull'esposizione durante il lavoro notturno a turni negli studi epidemiologici varia notevolmente tra i singoli studi.

L'obiettivo del programma IARC è stato quello di analizzare il fenomeno coinvolgendo gruppi di lavoro internazionali ed esperti interdisciplinari, in modo da analizzare valutazioni, documenti, evidenze dell'influenza del lavoro notturno sulla possibilità di contrarre il cancro.

Ci sono stati, pertanto, molti studi condotti su gruppi professionali specifici (come ad esempio gli infermieri) e sulla popolazione in generale che hanno permesso nel tempo di migliorare i metodi valutativi. 

Nota

Riassumendo, lo studio dello IARC ha portato ad una evidente correlazione tra il lavoro notturno ed alcuni fattori chiave dello sviluppo del cancro: immunodepressione, infiammazione cronica, proliferazione cellulare. Nei casi studiati si è, inoltre, riscontrato un aumento significativo dei livelli di estrogeni nelle lavoratrici notturne ed una diminuzione generale nella produzione di melatonina.

Monographs on the Identification of Carcinogenic Hazards to Humans Volume 124

...
segue in allegato

Collegati



Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Agente chimico

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Regolamento UE 2021 979
Giu 18, 2021 12

Regolamento (UE) 2021/979

Regolamento (UE) 2021/979 | Modifica Alleg. da VII a IX REACH Regolamento (UE) 2021/979 della Commissione del 17 giugno 2021 che modifica gli allegati da VII a XI del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione… Leggi tutto
Report ECHA 2021
Giu 01, 2021 109

Report on the operation of REACH and CLP 2021

Report on the operation of REACH and CLP 2021 Europe’s workers, consumers and the environment are better protected from harmful chemicals thanks to the EU’s chemicals laws, REACH and CLP. Despite progress, changes are needed to ensure they work more effectively to protect European citizens and… Leggi tutto
Giu 01, 2021 72

Regolamento (CE) n. 340/2008

Regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione, del 16 aprile 2008 , relativo alle tariffe e agli oneri pagabili all’Agenzia europea per le sostanze chimiche a norma del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione,… Leggi tutto
Giu 01, 2021 83

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/876

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/876 della Commissione del 31 maggio 2021 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1907/2006 per quanto riguarda le domande di autorizzazione e le relazioni di revisione per gli usi di sostanze nella produzione di pezzi di ricambio per prodotti… Leggi tutto
Regolamento UE 2021 862
Mag 31, 2021 74

Regolamento (UE) 2021/862

Regolamento (UE) 2021/862 Regolamento (UE) 2021/862 della Commissione del 28 maggio 2021 che modifica il regolamento (CE) n. 2003/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai concimi allo scopo di includere nell’allegato I un nuovo tipo di concime CE GU L 190/74 del 31.5.2021 Entrata in… Leggi tutto
Regolamento UE n  257 2010
Mag 21, 2021 91

Regolamento (UE) n. 257/2010

Regolamento (UE) n. 257/2010 Regolamento (UE) n. 257/2010 della Commissione, del 25 marzo 2010, che istituisce un programma relativo a una nuova valutazione degli additivi alimentari autorizzati conformemente al Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo agli… Leggi tutto
Wildfires Triggering Natech Events
Mag 21, 2021 100

Wildfires Triggering Natech Events

Wildfires Triggering Natech Events JRC, EC 2020 The wildfire risk in Europe is increasing, as is the geographic expansion of wildfires to north and southeast Europe. When wildfires intersect with hazardous industry in Wildland Industrial Interfaces, they can trigger toxic spills, fires or… Leggi tutto
Regolamento delegato 2021 806
Mag 21, 2021 146

Regolamento delegato (UE) 2021/806

Regolamento delegato (UE) 2021/806 Regolamento delegato (UE) 2021/806 della Commissione del marzo 2021 che modifica il regolamento (UE) n. 528/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio al fine di includere il diossido di carbonio generato da propano, butano o una miscela dei due mediante… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Mag 04, 2021 46891

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto