Slide background
Slide background




Esaclorobenzene: Salute e Sicurezza / Note e Documenti

ID 18159 | | Visite: 404 | Documenti Riservati ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/18159

Esaclorobenzene Salute e Sicurezza Note e Documenti

Esaclorobenzene: Salute e Sicurezza / Note e Documenti 

ID 18159 | 24.11.2022 / In allegato

Nota sulla salute e sicurezza relativa all'uso sul lavoro e per la popolazione dell'esaclorobenzene (HBC). Documenti allegati.

- Esaclorobenzene Salute e Sicurezza Note e Documenti
- UN 2729 Report Materia ADR
- Esaclorobenzene DORS
- Esaclorobenzene (HCB) ISS
- IARC monographs Volume 79
_______

L'esaclorobenzene (HBC), già presente nei POP senza valore limite, dal 13.12.2022 con il Regolamento delegato (UE) 2022/2291 è fissato un limite UTC di 10 mg/kg (0,001 % in peso).

La Commissione ha rilevato, infatti, la presenza di esaclorobenzene come impurità in alcune sostanze, miscele e articoli, tra cui pesticidi, solventi clorurati, inchiostri, rivestimenti, vernici e toner, applicazioni per legno e tessuti e materie plastiche.

Al fine di chiarire la situazione giuridica e facilitare l’applicazione per quanto riguarda l’uso di sostanze, miscele o articoli contenenti esaclorobenzene come contaminante non intenzionale in tracce, è fissato un limite UTC di 10 mg/kg (0,001 % in peso) per l’esaclorobenzene.

Al di sopra di tale limite non sarà più applicabile la disposizione di deroga alle misure di controllo stabilite dal Regolamento POPs, in base alla quale il divieto di fabbricazione, immissione in commercio e uso delle sostanze che, come l’esaclorobenzene, sono elencate nell’allegato I del provvedimento, non si applica nel caso di sostanze presenti sotto forma di contaminanti non intenzionali in tracce.

Identificazione

CAS Number: 118-74-1; EINECS: 204-273-9; ADR UN 2729 6.1, III.

Dove si trova

Antiossidante, intermedio chimico per la produzione di coloranti e nelle sintesi organiche, plastificante, pesticida e fungicida per semi di cereali, conservante del legno; usato anche nelle composizioni pirotecniche per usi militari.

Oltre ad essere utilizzato come fungicida, l'esaclorobenzene è stato utilizzato anche per produrre altri pesticidi, tra cui pentaclorofenolo (PCP), pentachlorothiophenol (PCTP), esaclorofenolo e cloranil.

Elenco lavorazioni associate

Conservazione del legname e stagionatura artificiale
Industria dei prodotti chimici inorganici ed organici
Industria dei prodotti tossici e corrosivi     
Produzione di coloranti e colori
Produzione di esplosivi da scoppio e da lancio; propellenti       
Produzione di gomma sintetica
Produzione di pitture e vernici             
Produzione di polimeri sintetici ed artificiali                   
Produzione di prodotti fitosanitari

Regolamento CLP

Classificazione armonizzata - Allegato VI del regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento CLP)

Indice numero

CE / Lista n.

Numero CAS

Identificazione chimica internazionale

602-065-00-6

204-273-9

118-74-1

esaclorobenzene

 Classificazione CLP

Classificazione

Etichettatura

Codici di classe e categoria di pericolo

Codici di indicazione di pericolo

Codici di indicazione di pericolo

Codici supplementari di indicazione di pericolo

Pittogrammi, codice(i) di segnalazione

Carc. 1B

H350

H350

 

GHS08

GHS09

Dgr

STOT RE 1

H372**

H372**

Acuto acquatico 1

H400

 

Acquatico cronico 1

H410

H410

H350 Può provocare il cancro (indicare la via di esposizione se è accertato che nessun’altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo)
H372** Provoca danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> in caso di esposizione prolungata o ripetuta <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun'altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>.
H400 Molto tossico per gli organismi acquatici
H410 Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata

Pittogrammi

Esaclorobenzene Salute e Sicurezza Note e Documenti Tabella Pittogrammi

IARC

Monografie IARC Vol. 79 (2001), Suppl. 7 (1987), Vol. 20 (1979).

American Conference of Governmental Industrial Hygienists. Threshold Limit Values and Biological Exposure Indices. Cincinnati, OH 2019.

L'esaclorobenzene è un idrocarburo clorurato che può contenere alcuni dibenzofurani policlorurati superiori e diossine come impurità. È stato utilizzato nella produzione di prodotti chimici industriali, compresi i pesticidi clorurati, e come fungicida e condimento per semi in agricoltura. La produzione e l'uso di esaclorobenzene sono diminuiti dagli anni '70 a causa di divieti e restrizioni sul suo utilizzo in molti paesi, ma si verifica ancora come sottoprodotto della produzione di numerosi solventi clorurati e altri prodotti chimici industriali. L'esposizione professionale all'esaclorobenzene si è verificata durante la sua produzione e il suo utilizzo nell'industria e nell'agricoltura. L'esaclorobenzene è stato rilevato in molti alimenti, ma l'assunzione alimentare è probabilmente diminuita negli ultimi anni.

Dati sulla cancerogenicità umana

Il rischio di cancro al seno è stato studiato in relazione all'esposizione accumulata per tutta la vita all'esaclorobenzene in nove studi.

Cinque piccoli studi caso-controllo che includevano meno di 50 casi di cancro al seno non hanno mostrato alcuna associazione complessiva con la concentrazione di esaclorobenzene in campioni contemporanei di tessuto mammario adiposo. Un'analisi di sottogruppo secondario in uno degli studi ha rivelato un'associazione significativa nelle donne in postmenopausa con cancro positivo al recettore degli estrogeni, basata, tuttavia, su un piccolo numero di casi.

Sono stati segnalati quattro ampi studi caso-controllo sull'esposizione all'esaclorobenzene, uno dal Canada e tre dagli Stati Uniti. In tre di questi, la concentrazione di esaclorobenzene è stata misurata in campioni biologici (grasso sierico o grasso mammario) dei soggetti dello studio, ottenuti in prossimità del momento della diagnosi del cancro al seno. Nessun aumento consistente del rischio di cancro al seno è stato riscontrato nelle donne con elevate concentrazioni di esaclorobenzene. Nel quarto studio caso-controllo (dagli Stati Uniti), per valutare il carico corporeo di esaclorobenzene sono stati utilizzati campioni di siero prelevati in banca prima della diagnosi di cancro al seno. Il rischio di cancro al seno delle donne la cui concentrazione di esaclorobenzene era nei tre quartili superiori era il doppio di quelle i cui campioni erano nel quartile inferiore. Tuttavia, non vi era evidenza di una relazione dose-risposta.

Uno studio caso-controllo su carcinoma endometriale, carcinoma pancreatico e leucemia a cellule capellute non ha prodotto risultati degni di nota per quanto riguarda l'esposizione all'esaclorobenzene.

Dati sulla cancerogenicità animale

L'esaclorobenzene è stato testato per la cancerogenicità mediante somministrazione orale in uno studio sui topi, quattro studi sui ratti e uno sui criceti. Ha prodotto tumori delle cellule epatiche in tutte e tre le specie e tumori tubulari renali nei ratti di ogni sesso in uno studio. Dopo somministrazione perinatale nei ratti, ha aumentato l'incidenza di adenomi paratiroidei nei maschi e di feocromocitomi surrenali nelle femmine. Nei criceti produceva anche emangioendoteliomi del fegato e adenomi delle cellule follicolari della tiroide. In diversi studi in cui è stato somministrato con altri composti, l'esaclorobenzene ha promosso la carcinogenesi epatica nei topi e nei ratti.

Altri dati rilevanti

L'esaclorobenzene è lipofilo, si accumula nell'uomo ed è escreto come coniugato di cisteina del pentaclorobenzene. Nei ratti, è stato dimostrato che l'esaclorobenzene segue diverse vie metaboliche, tra cui la formazione di pentaclorobenzene, tetraclorobenzene e tri-e tetraclorofenolo.

Il consumo accidentale da parte dell'uomo di una grande quantità di esaclorobenzene ha provocato porfiria cutanea tarda, tossicità epatica, effetti neurologici e alterazioni della pelle, che erano persistenti.

Negli animali da esperimento, gli effetti del trattamento con esaclorobenzene sulla tiroide comprendono una diminuzione delle concentrazioni di ormoni tiroidei a causa dell'aumento della glucuronidazione e dell'inibizione della deiodinasi di tipo 1, l'interferenza con il legame dei portatori sierici degli ormoni tiroidei e l'aumento delle concentrazioni dell'ormone stimolante la tiroide. Nel fegato di animali da esperimento, l'esaclorobenzene ha indotto gli enzimi del citocromo P450 e ha inibito l'uroporfirinogeno decarbossilasi, l'accumulo di ferro e il danno ossidativo. Si ritiene che questi effetti siano coinvolti nella produzione di tumori epatici.

In un'epidemia di avvelenamento in Turchia, l'esposizione all'esaclorobenzene attraverso il latte materno ha causato un tasso di letalità molto elevato tra i neonati. È stata segnalata una maggiore frequenza di aborti spontanei tra le donne esposte all'esaclorobenzene da bambine. La presenza di questo composto nel latte materno è stata associata a una funzione immunitaria alterata negli Inuit. L'esaclorobenzene è risultato teratogeno nei topi e sono stati osservati tassi di mortalità maggiori tra ratti e scimmie esposti in utero. Effetti sugli ormoni steroidei sono stati riportati anche nei topi femmina esposti.

In un singolo studio su lavoratori esposti a un certo numero di solventi clorurati, incluso l'esaclorobenzene, è stata riscontrata un'aumentata frequenza di linfociti micronucleati; non vi era alcuna associazione con le concentrazioni di esaclorobenzene nel sangue. I micronuclei sono stati indotti dall'esaclorobenzene negli epatociti primari umani e di ratto in vitro. Altrimenti, c'erano poche prove che l'esaclorobenzene avesse attività genetica.

Valutazione

Vi sono prove inadeguate negli esseri umani per la cancerogenicità dell'esaclorobenzene.

Esistono prove sufficienti negli animali da esperimento per la cancerogenicità dell'esaclorobenzene.

Valutazione complessiva

L'esaclorobenzene è probabilmente cancerogeno per l'uomo (Gruppo 2B)

ACGIH

American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH)

TWA 0,002 mg/m³ skin; A3 Porphyrin eff; skin dam; CNS impair

D.Lgs. 81/2008

Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

Capo I Protezione da agenti chimici

Art. 221 - Campo di applicazione

Art. 222 - Definizioni

Art. 223 - Valutazione dei rischi

Art. 224 - Misure e principi generali per la prevenzione dei rischi

Art. 225 - Misure specifiche di protezione e di prevenzione

Art. 226 - Disposizioni in caso di incidenti o di emergenze

Art. 227 - Informazione e formazione per i lavoratori

Art. 228 - Divieti

Art. 229 - Sorveglianza sanitaria

1. Fatto salvo quanto previsto dall'articolo 224, comma 2, sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 41 i lavoratori esposti agli agenti chimici pericolosi per la salute che rispondono ai criteri per la classificazione di cui al Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, e successive modificazioni ed integrazioni, come tossici acuti, corrosivi, irritanti, sensibilizzanti, tossici per il ciclo riproduttivo o con effetti sull'allattamento, tossici specifici per organo bersaglio, tossici in caso di aspirazione, cancerogeni e mutageni di categoria 2. (1)
2. La sorveglianza sanitaria viene effettuata:
a) prima di adibire il lavoratore alla mansione che comporta l'esposizione;
b) periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicità diversa decisa dal medico competente con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori, in funzione della valutazione del rischio e dei risultati della sorveglianza sanitaria;
c) all'atto della cessazione del rapporto di lavoro. In tale occasione il medico competente deve fornire al lavoratore le eventuali indicazioni relative alle prescrizioni mediche da osservare.
3. Il monitoraggio biologico è obbligatorio per i lavoratori esposti agli agenti per i quali è stato fissato un valore limite biologico. Dei risultati di tale monitoraggio viene informato il lavoratore interessato. I risultati di tale monitoraggio, in forma anonima, vengono allegati al documento di valutazione dei rischi e comunicati ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori.
4. Gli accertamenti sanitari devono essere a basso rischio per il lavoratore.
5. Il datore di lavoro, su parere conforme del medico competente, adotta misure preventive e protettive particolari per i singoli lavoratori sulla base delle risultanze degli esami clinici e biologici effettuati. Le misure possono comprendere l'allontanamento del lavoratore secondo le procedure dell'articolo 42.
6. Nel caso in cui all'atto della sorveglianza sanitaria si evidenzi, in un lavoratore o in un gruppo di lavoratori esposti in maniera analoga ad uno stesso agente, l'esistenza di effetti pregiudizievoli per la salute imputabili a tale esposizione o il superamento di un valore limite biologico, il medico competente informa individualmente i lavoratori interessati ed il datore di lavoro.
7. Nei casi di cui al comma 6, il datore di lavoro deve:
a) sottoporre a revisione la valutazione dei rischi effettuata a norma dell'articolo 223;
b) sottoporre a revisione le misure predisposte per eliminare o ridurre i rischi;
c) tenere conto del parere del medico competente nell'attuazione delle misure necessarie per eliminare o ridurre il rischio;
d) prendere le misure affinché sia effettuata una visita medica straordinaria per tutti gli altri lavoratori che hanno subito un'esposizione simile.
8. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza sanitaria diversi rispetto a quelli definiti dal medico competente.

Note
(1) Come modificato dall' art. 1, lett. f del decreto legislativo 15 febbraio 2016, n. 39

Art. 230 - Cartelle sanitarie e di rischio

Art. 231 - Consultazione e partecipazione dei lavoratori

Art. 232 - Adeguamenti normativi

Capo II Protezione da agenti cancerogeni e mutageni

Sezione I Disposizioni generali

Art. 233 - Campo di applicazione

Art. 234 - Definizioni

Sezione II Obblighi del datore di lavoro

Art. 235 - Sostituzione e riduzione

Art. 236 - Valutazione del rischio

Art. 237 - Misure tecniche, organizzative, procedurali

Art. 238 - Misure tecniche

Art. 239 - Informazione e formazione

Art. 240 - Esposizione non prevedibile

Art. 241 - Operazioni lavorative particolari

Sezione III Sorveglianza sanitaria

Art. 242 - Accertamenti sanitari e norme preventive e protettive specifiche

1. I lavoratori per i quali la valutazione di cui all'articolo 236 ha evidenziato un rischio per la salute sono sottoposti a sorveglianza sanitaria.
2. Il datore di lavoro, su conforme parere del medico competente, adotta misure preventive e protettive per i singoli lavoratori sulla base delle risultanze degli esami clinici e biologici effettuati.
3. Le misure di cui al comma 2 possono comprendere l'allontanamento del lavoratore secondo le procedure dell'articolo 42.
4. Ove gli accertamenti sanitari abbiano evidenziato, nei lavoratori esposti in modo analogo ad uno stesso agente, l'esistenza di una anomalia imputabile a tale esposizione, il medico competente ne informa il datore di lavoro.
5. A seguito dell'informazione di cui al comma 4 il datore di lavoro effettua:
a) una nuova valutazione del rischio in conformità all'articolo 236;
b) ove sia tecnicamente possibile, una misurazione della concentrazione dell'agente in aria e comunque dell'esposizione all'agente, considerando tutte le circostanze e le vie di esposizione possibilmente rilevanti per verificare l'efficacia delle misure adottate.
6. Il medico competente fornisce ai lavoratori adeguate informazioni sulla sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, ove ne ricorrano le condizioni, segnala la necessità che la stessa prosegua anche dopo che è cessata l'esposizione, per il periodo di tempo che ritiene necessario per la tutela della salute del lavoratore interessato. Il medico competente fornisce, altresì, al lavoratore indicazioni riguardo all’opportunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari, anche dopo la cessazione dell’attività lavorativa, sulla base dello stato di salute del medesimo e dell'evoluzione delle conoscenze scientifiche (1).

Note
(1) Comma sostituito dall'art. 1 del decreto legislativo 1° giugno 2020 n. 44

[...]

ADR

ONU: 2729
Classe: 6.1 materie tossiche
Gruppo di imballaggio (GI): III
Denominazione: ESACLOROBENZENE

Tabella n. ONU: 2729

Esaclorobenzene Salute e Sicurezza Note e Documenti Tabella ADR

Regolamento POPs

Regolamento (UE) 2019/1021 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019 relativo agli inquinanti organici persistenti. (GU L 169/45 del 25.06.2019)

_________

Articolo 3 Controllo della fabbricazione, dell'immissione in commercio e dell'uso, e inserimento di sostanze nell'elenco

1. Sono vietati la fabbricazione, l'immissione in commercio e l'uso delle sostanze elencate nell'allegato I, sia allo stato puro che all'interno di miscele o di articoli, fatto salvo l'articolo 4. 

[…]

Articolo 4 Deroghe alle misure di controllo

1. L'articolo 3 non si applica alle sostanze seguenti:
a) sostanze utilizzate per attività di ricerca di laboratorio o come campione di riferimento;
b) sostanze presenti in sostanze, miscele o articoli sotto forma di contaminanti non intenzionali in tracce, conformemente a quanto specificato nelle voci pertinenti dell'allegato I o II.

[…]

Articolo 7 Gestione dei rifiuti

1. Chi produce e chi detiene rifiuti prende tutte le misure ragionevoli per evitare, ove possibile, la contaminazione dei rifiuti da parte di sostanze elencate nell'allegato IV.
2. Nonostante la direttiva 96/59/CE del Consiglio, i rifiuti costituiti da qualsiasi delle sostanze elencate nell'allegato IV del presente regolamento, o che la contengono o ne sono contaminati, sono smaltiti o recuperati con tempestività e conformemente alla parte 1 dell'allegato V del presente regolamento, in modo da garantire che il contenuto di POP sia distrutto o trasformato irreversibilmente affinché i rifiuti residui e i rilasci non presentino le caratteristiche dei POP.
Nel corso di tale smaltimento o recupero, qualsiasi sostanza elencata nell'allegato IV può essere separata dai rifiuti, a condizione di essere successivamente smaltita a norma del primo comma.
3. Sono vietate le operazioni di smaltimento o recupero che possano portare al recupero, al riciclaggio, alla rigenerazione o al reimpiego in quanto tali delle sostanze elencate all'allegato IV.
4. In deroga al paragrafo 2:
a) i rifiuti che contengono una delle sostanze elencate nell'allegato IV, o che ne sono contaminati, possono essere in alternativa smaltiti o recuperati in conformità della pertinente legislazione dell'Unione, purché il tenore delle sostanze contenute nei rifiuti sia inferiore ai valori limite di concentrazione indicati nell'allegato IV;

[…]

ALLEGATO I

Parte A

Sostanze inserite nella convenzione e nel protocollo e sostanze inserite solo nella convenzione

Esaclorobenzene Salute e Sicurezza Note e Documenti Reg  POPs

(*) Modifica Regolamento delegato (UE) 2022/2291

... Segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2022 
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Tags: Chemicals Abbonati Chemicals Regolamento POPs

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

Regolamento delegato UE 2023 207  Modello certificato conformit  norme produzione biologica
Feb 01, 2023 38

Regolamento delegato (UE) 2023/207

Regolamento delegato (UE) 2023/207 / Modello certificato conformità norme produzione biologica ID 18878 | 01.02.2023 Regolamento delegato (UE) 2023/207 della Commissione del 24 novembre 2022 che modifica il regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il… Leggi tutto
Gen 30, 2023 36

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/2325

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/2325 ID 18867 | 30.01.2023 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/2325 della Commissione del 16 dicembre 2021 che stabilisce, ai sensi del regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, l'elenco dei paesi terzi e l'elenco delle autorità e degli… Leggi tutto
Gen 30, 2023 41

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/186

Regolamento di esecuzione (UE) 2023/186 ID 18866 | 30.01.2023 Regolamento di esecuzione (UE) 2023/186 della Commissione del 27 gennaio 2023 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) 2021/2325 per quanto riguarda il riconoscimento di talune autorità di controllo e taluni organismi di controllo… Leggi tutto
Parametri microbiologici acque   Escherichia coli
Gen 26, 2023 83

Parametri microbiologici acque - Escherichia coli

Parametri microbiologici acque - Escherichia coli ID 18842 | 26.01.2023 / In allegato I batteri coliformi totali che sono capaci di fermentare il lattosio a 44-45°C sono conosciuti come coliformi fecali o termotolleranti, il genere è Escherichia, ma alcuni tipi di Citrobacter, Klebsiella ed… Leggi tutto
Parametri microbiologici acque   Enterococchi
Gen 26, 2023 110

Parametri microbiologici acque - Enterococchi

Parametri microbiologici acque - Enterococchi ID 18841 | 26.01.2023 / In allegato Gli Enterococchi intestinali sono un sottogruppo di un più ampio gruppo di organismi definiti come Streptococchi fecali, che comprendono specie del genere Streptococcus. Sono batteri Gram-positivi, anaerobi… Leggi tutto
Valutazione del rischio e valore guida acque   Tallio
Gen 26, 2023 78

Valutazione del rischio e valore guida acque - Tallio

Valutazione del rischio e valore guida acque - Tallio ID 18840 | 26.01.2023 / In allegato Assorbimento e distribuzione Il tallio è rapidamente assorbito e si distribuisce rapidamente (circa 1 ora dopo l’esposizione) in tutto il corpo sia negli animali da laboratorio che negli uomini,… Leggi tutto
Valutazione del rischio e valore guida acque   Nichel
Gen 26, 2023 58

Valutazione del rischio e valore guida acque - Nichel

Valutazione del rischio e valore guida acque - Nichel ID 18839 | 26.01.2023 / In allegato Assorbimento e distribuzione In seguito ad esposizione per via orale la biodisponibilità del nichel può variare dall’1% al 40%. I fattori che ne determinano la biodisponibilità sono la solubilità del composto… Leggi tutto
Valutazione del rischio e valore guida acque   Fluoro
Gen 26, 2023 69

Valutazione del rischio e valore guida acque - Fluoro

Valutazione del rischio e valore guida acque - Fluoro ID 18838 | 26.01.2023 / In allegato Assorbimento e distribuzione Dopo l’assunzione per via orale, i composti del fluoro solubili in acqua sono rapidamente e quasi completamente assorbiti nel tratto gastro intestinale. Anche il fluoro presente… Leggi tutto
Valutazione del rischio e valore guida acque   Cromo
Gen 26, 2023 55

Valutazione del rischio e valore guida acque - Cromo

Valutazione del rischio e valore guida acque - Cromo ID 18837 | 26.01.2023 / In allegato Assorbimento e distribuzione I composti del cromo trivalente, Cr(III), presentano in generale un basso assorbimento per via orale. Nell’uomo l’assorbimento orale stimato è dello 0.4 %. L’assorbimento e la… Leggi tutto
Valutazione del rischio e valore guida acque   Boro
Gen 26, 2023 69

Valutazione del rischio e valore guida acque - Boro

Valutazione del rischio e valore guida acque - Boro ID 18836 | 26.01.2023 / In allegato Assorbimento e distribuzione I composti del boro sono rapidamente assorbiti nel tratto gastro-intestinale e distribuiti nell’organismo, come dimostrano gli aumentati livelli di boro nei tessuti e nei fluidi… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Ott 24, 2022 74650

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto