Slide background
Slide background




Imballaggi | Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto (TWD)

ID 14321 | | Visite: 2420 | Documenti Riservati ChemicalsPermalink: https://www.certifico.com/id/14321

Imballaggi avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto TWD

Imballaggi | Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto: TWD - Tactile Warnings of Danger

ID 14321 | 17.08.2021 / Documento completo in allegato

Le disposizioni avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto (TWD - Tactile Warnings of Danger) si applicano solo agli imballaggi di prodotti destinati al pubblico, per esempio ai prodotti in vendita/offerta presso un rivenditore al dettaglio o un punto vendita e direttamente accessibili al pubblico nonché ai prodotti venduti attraverso un sito web. I requisiti per la TWD non sono applicabili agli imballaggi dei prodotti destinati esclusivamente agli utilizzatori professionali.

Ai sensi del Regolamento (CE) n. 1272/2008, una sostanza chimica fornita al pubblico deve essere imballata con un TWD - Tactile Warnings of Danger, (indipendentemente dalla capacità della confezione) se quella sostanza chimica è classificata per uno o più di questi pericoli:

- tossicità acuta 1-4 - per via orale (H300, H301 e H302), per via cutanea (H310, H311 e H312) o per inalazione (H330, H331 e H332);
- corrosione cutanea 1, sottocategorie 1A, 1B, 1C (H314);
- mutagenicità sulle cellule germinali 2 (H341);
- cancerogenicità 2 (H351);
- tossicità per la riproduzione 2 (H361);
- sensibilizzazione delle vie respiratorie 1, 1A e 1B (H334);
- STOT SE 1 o 2 (H370, H371);
- STOT RE 1 o 2 (H372 e H373);
- pericolo in caso di aspirazione 1 (H304);
- gas infiammabili 1 e 2 (H220 e H221);
- liquidi infiammabili 1 e 2 (H224 e H225) o
- solidi infiammabili 1 e 2 (H228).

Una TWD non è richiesta  su aerosol infiammabili o non infiammabili che non sono classificati nei pericoli di cui sopra.

Oltre a richiedere l'uso di un TWD, il Regolamento (CE) n. 1272/2008 prescrive anche che il TWD sia conforme allo standard ISO 11683

EN ISO 11683:1997 Imballaggi - Avvertenze tattili di pericolo - Requisiti

La norma specifica i requisiti per un'avvertenza tattile di pericolo su imballaggi che contengono determinate sostanze e preparati pericolosi.
...

Dimensioni del simbolo

Laddove fisicamente possibile, si deve usare il simbolo normale. Si deve usare il simbolo di dimensioni ridotte, da 9 mm, soltanto laddove non sia fisicamente possibile applicare il simbolo normale. Si deve usare il simbolo con 3 puntini soltanto laddove non sia possibile applicare il simbolo da 9 mm. Si deve usare il simbolo da 3 mm soltanto laddove non si possibile applicare il simbolo con i 3 puntini.

Ubicazione dell'avvertenza tattile di pericolo

L'avvertenza tattile di pericolo deve essere ubicata in maniera tale che qualsiasi altro disegno stampato a rilievo non provochi confusione.

Durata del simbolo tattile

L'avvertenza deve rimanere tattile durante il periodo d'uso previsto della confezione nelle usuali condizioni di manipolazione.

Se si forniscono prodotti chimici pubblico e le sostanze sono classificate per uno (o più) dei pericoli che richiedono un TWD, si deve essere in grado di dimostrare la conformità alla norma ISO 11683, garantendo che:

- Il TWD è sufficientemente prominente dalla superficie
- Il TWD è posizionato in modo appropriato sulla confezione

Figura 1 TWD

Immagine 1 - Esempio di un'etichetta frontale con un'avvertenza tattile di pericolo sull'imballaggio. Avvertimento tattile di pericolo.
(Fonte: Aise.eu)

....

CLP Regolamento (CE) n. 1272/2008

Articolo 35 Imballaggio

1. Gli imballaggi contenenti sostanze o miscele pericolose sono soggetti alle seguenti prescrizioni:
a) l'imballaggio è concepito e realizzato in modo da impedire qualsiasi fuoriuscita del contenuto, tranne nei casi in cui sono prescritti speciali dispositivi di sicurezza;
b) i materiali che costituiscono l’imballaggio e la chiusura non debbono poter essere deteriorati dal contenuto, né poter formare con questo composti pericolosi;
c) tutte le parti dell’imballaggio e della chiusura sono solide e robuste, in modo da escludere qualsiasi allentamento e da sopportare in piena sicurezza le normali sollecitazioni di manipolazione;
d) gli imballaggi muniti di un sistema di chiusura che può essere riapplicato sono progettati in modo da poter essere richiusi varie volte senza fuoriuscite del contenuto.
2. Gli imballaggi contenenti una sostanza o miscela pericolosa fornita al pubblico non hanno una forma o un disegno che attiri o risvegli la curiosità attiva dei bambini o sia tale da indurre i consumatori in errore, né hanno una presentazione o un disegno simili a quelli utilizzati per prodotti alimentari, mangimi, medicinali o cosmetici, atti a indurre i consumatori in errore.
Se contiene una sostanza o miscela conforme alle disposizioni dell'allegato II, punto 3.1.1, l'imballaggio è munito di una chiusura di sicurezza per i bambini conforme alle disposizioni dell'allegato II, punti 3.1.2, 3.1.3 e 3.1.4.2.
Se contiene una sostanza o miscela conforme alle disposizioni dell'allegato II, punto 3.2.1, l'imballaggio è munito di un'indicazione di pericolo riconoscibile al tatto conforme alle disposizioni dell'allegato II, punto 3.2.2.
Se un detergente liquido per bucato destinato ai consumatori, quale definito all'articolo 2, paragrafo 1 bis, del regolamento (CE) n. 648/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, è contenuto in un imballaggio solubile monouso, si applicano i requisiti aggiuntivi di cui all'allegato II, punto 3.3.
3. L'imballaggio di sostanze e miscele è considerato conforme ai requisiti di cui al paragrafo 1, lettere a), b) e c), se soddisfa le norme in materia di trasporto di merci pericolose per via aerea, marittima, su strada, per ferrovia o per via fluviale.

...

ALLEGATO II DISPOSIZIONI PARTICOLARI RELATIVE ALL'ETICHETTATURA E ALL'IMBALLAGGIO DI TALUNE SOSTANZE E MISCELE

3.2. Avvertenze riconoscibili al tatto
3.2.1. Imballaggi che devono recare un’avvertenza riconoscibile al tatto
3.2.1.1. Quando le sostanze o miscele sono fornite al pubblico e classificate per tossicità acuta, corrosive per la pelle, mutagene per le cellule germinali di categoria 2, cancerogene di categoria 2, tossiche per la riproduzione di categoria 2, sensibilizzanti delle vie respiratorie, STOT di categoria 1 o 2, pericolose in caso di aspirazione, gas infiammabili, liquidi infiammabili di categoria 1 o 2, solidi infiammabili, l’imballaggio, di qualunque capienza reca un’avvertenza di pericolo riconoscibile al tatto.
3.2.1.2. La sezione 3.2.1.1 non si applica ai recipienti di gas trasportabili. Aerosol e contenitori muniti di un dispositivo di nebulizzazione sigillato e contenenti sostanze o miscele classificate come pericolose in caso di aspirazione non devono recare un’avvertenza riconoscibile al tatto, a meno che non siano classificati per uno o più degli altri rischi di cui nella sezione 3.2.1.1.
3.2.2. Disposizioni riguardanti le avvertenze riconoscibili al tatto
Le specifiche tecniche relative ai dispositivi di avvertenza di pericolo riconoscibile al tatto sono conformi alla norma EN ISO 11683 modificata "Imballaggi - Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto - Requisiti".

Orientamenti per l’etichettatura e l’imballaggio a norma del regolamento (CE) n. 1272/2008

Le disposizioni Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto (TWD) si applicano solo agli imballaggi di prodotti destinati al pubblico, per esempio ai prodotti in vendita/offerta presso un rivenditore al dettaglio o un punto vendita e direttamente accessibili al pubblico nonché ai prodotti venduti attraverso un sito web. I requisiti per la WD non sono applicabili agli imballaggi dei prodotti destinati esclusivamente agli utilizzatori professionali.

Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto (TWD)

La TWD consente alle persone non vedenti o con disabilità visive di capire se il collo che la reca contiene una sostanza o una miscela pericolosa. La TWD deve essere posizionata sull’imballaggio in modo che possa essere sentita prima di accedere al contenuto.

L’avvertenza deve essere collocata in modo tale che non si crei confusione con eventuali altri motivi in rilievo. La collocazione esatta della TWD deve essere conforme allo standard EN ISO 11683.

La TWD deve inoltre rimanere riconoscibile al tatto per tutto il periodo di utilizzo previsto del collo in condizioni normali di manipolazione. La TWD non è necessaria sugli imballaggi esterni, come ad esempio una confezione di cartone a protezione di una bottiglia di vetro.

L’allegato II del CLP prescrive la conformità della TWD allo standard EN ISO 11683 modificato. Il simbolo standard obbligatorio per la TWD (il simbolo “normale” secondo lo standard ISO) è un triangolo equilatero. In casi eccezionali (qualora l’apposizione del simbolo normale non fosse materialmente possibile), è possibile utilizzare i tre puntini. Se non è materialmente possibile utilizzare neanche i tre puntini, è possibile ricorrere al simbolo composto da tre mm.

Un imballaggio di qualsiasi capienza fornito al pubblico deve essere dotato di una TWD per le sostanze e le miscele classificate per:

-  tossicità acuta 1-4 - per via orale (H300, H301 e H302), per via cutanea (H310, H311 e H312) o per inalazione (H330, H331 e H332);
- corrosione cutanea 1, sottocategorie 1A, 1B, 1C (H314);
- mutagenicità sulle cellule germinali 2 (H341);
- cancerogenicità 2 (H351);
- tossicità per la riproduzione 2 (H361);
- sensibilizzazione delle vie respiratorie 1, 1A e 1B (H334);
- STOT SE 1 o 2 (H370, H371);
- STOT RE 1 o 2 (H372 e H373);
- pericolo in caso di aspirazione 1 (H304);
- gas infiammabili 1 e 2 (H220 e H221);
- liquidi infiammabili 1 e 2 (H224 e H225) o
- solidi infiammabili 1 e 2 (H228).

Ai sensi del punto 3.2.1.2 dell’allegato II del CLP, la TWD non è obbligatoria per i contenitori di gas mobili. La TWD non è obbligatoria nemmeno per gli aerosol e i contenitori muniti di dispositivo sigillato di polverizzazione contenenti sostanze o miscele classificate come pericolose in caso di aspirazione, a meno che non siano classificate per uno o più degli altri pericoli sopra indicati.

La tabella seguente riporta una panoramica delle classificazioni di pericolo in conseguenza delle quali si applicano le disposizioni del CLP per la TWD. La tabella 1 elenca le sostanze per le quali si applicano le disposizioni del CLP per la TWD quando queste sostanze sono presenti in altre sostanze o miscele in una determinata concentrazione.

Tabella - Classificazioni di pericolo che richiedono il rispetto delle prescrizioni del CLP relative alle avvertenze riconoscibili al tatto

Classe di pericolo e categoria Avvertenze riconoscibili al tatto
 Tossicità acuta da 1 a 3 x
 Tossicità acuta 4 x
 STOT SE 1 x
 STOT SE 2 x
 STOT RE 1  x 
 STOT RE 2   x 
 Corrosione cutanea (categoria 1, sottocategorie: 1A, 1B e 1C) x
 Sensibilizzazione delle vie respiratorie (categoria 1, sottocategorie: 1A e 1B) x
Pericolo in caso di aspirazione 1 NB: TWD non è necessaria se la sostanza o la miscela viene fornita sotto forma di aerosol o in un contenitore munito di un dispositivo sigillato di polverizzazione e se non è classificata per un altro pericolo per cui si applica la TWD. x
Mutagenicità sulle cellule germinali 2 x
Cancerogenicità 2 x
Tossicità per la riproduzione 2 x
Gas infiammabili 1 e 2 x
Liquidi infiammabili 1 e 2 x
Solidi infiammabili 1 e 2 x

[...] Segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2021
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Imballaggi Avvertenze di pericolo riconoscibili al tatto TWD Rev. 0.0 2021.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2021
384 kB 34

Tags: Chemicals Regolamento CLP Abbonati Chemicals

Articoli correlati

Ultimi archiviati Chemicals

D Lgs  2 marzo 2007 n  50 buona pratica di laboratorio  BPL
Dic 01, 2022 86

Decreto Legislativo 2 marzo 2007 n. 50

Decreto Legislativo 2 marzo 2007 n. 50 / Buona Pratica di Laboratorio (BPL) ID 18244 | 01.12.2022 Decreto Legislativo 2 marzo 2007 n. 50Attuazione delle direttive 2004/9/CE e 2004/10/CE, concernenti l'ispezione e la verifica della Buona Pratica di Laboratorio (BPL) e il ravvicinamento delle… Leggi tutto
Direttiva 2004 10 CE BPL
Dic 01, 2022 77

Direttiva 2004/10/CE

Direttiva 2004/10/CE / Principi di buona pratica di laboratorio Direttiva 2004/10/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 febbraio 2004, concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative all'applicazione dei principi di buona pratica… Leggi tutto
Nov 18, 2022 212

Regolamento delegato (UE) 2019/624

Regolamento delegato (UE) 2019/624 Regolamento delegato (UE) 2019/624 della Commissione, dell'8 febbraio 2019, recante norme specifiche per l'esecuzione dei controlli ufficiali sulla produzione di carni e per le zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi in conformità al… Leggi tutto
REACH Authorisation List
Nov 14, 2022 83

REACH Authorisation Decisions List: Last update 09.11.2022

REACH Authorisation Decisions List / Last update: 09.11.2022 REACH Authorisation Decisions List of authorisation decisions adopted on the basis of Article 64 of Regulation (EC) No 1907/2006 (REACH). The list also includes reference to related documentation concerning all applications for… Leggi tutto
Relazione sulle sostanze recuperate esentate dalla registrazione REACH
Nov 08, 2022 98

Relazione sulle sostanze recuperate esentate dalla registrazione REACH

Relazione sulle sostanze recuperate esentate dalla registrazione REACH Helsinki, 8 novembre 2022 / ECHA/NR/22/17 I risultati di un progetto pilota di applicazione del Forum sulle sostanze recuperate dai rifiuti rivelano che il 26 % delle sostanze controllate viola il regolamento REACH. Gli… Leggi tutto

Più letti Chemicals

Regolamento  CE  n  178 2002
Ott 24, 2022 72269

Regolamento (CE) N. 178/2002

Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza… Leggi tutto