Slide background
Slide background
Slide background




Decreto MATTM 104 del 15/04/2019

ID 8374 | | Visite: 3354 | Legislazione AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/8374

Decreto MATTM 104 del 15 04 2019

Decreto 104 del 15/04/2019 - Relazione di riferimento

Regolamento modalità redazione della relazione di riferimento di cui all'articolo 5, comma 1, lettera v)-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152/06

Pubblicato in GU n.199 del 26-08-2019 come Decreto 15 aprile 2019 n. 95.

Entrata in vigore del provvedimento: 10/09/2019

_______

Decreto n. 104 del 15/04/2019 recante "Modalità per la redazione della relazione di riferimento di cui all'articolo 5, comma 1, lettera v)-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152/06" con particolare riferimento alle metodiche di indagine ed alle sostanze pericolose da ricercare con riferimento alle attività di cui all'allegato VIII alla Parte Seconda del predetto decreto.

...

Art. 1  Oggetto, ambito di applicazione ed esclusioni

1. Il presente decreto, in attuazione dell'articolo 29-sexies, comma 9-sexies, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, stabilisce le modalità per la redazione della relazione di riferimento di cui all'articolo 5, comma 1, lettera v-bis), del medesimo decreto legislativo (di seguito denominata: relazione di riferimento).
2. Sono escluse dall'ambito di applicazione del presente decreto le installazioni collocate interamente in mare su piattaforme offshore, afferenti alla categoria 1 .4-bis, dell'allegato VIII, alla parte seconda, del decreto legislativo 3 aprile 2006, 152

[...]

Allegato 1  (Articolo 4)

PROCEDURA PER L'INDIVIDUAZIONE DI SOSTANZE PERICOLOSE PERTINENTI

Al fine di individuare le sostanze pericolose pertinenti e effettuata la presente procedura, che si articola nelle seguenti fasi:

Fase 1: nella quale si valuta la presenza di sostanze pericolose usate, prodotte o rilasciate dall'installazione, determinandone la classe di pericolosità;
Fase 2: nella quale si valuta l'eventuale superamento di specifiche soglie di rilevanza in relazione alla quantità di sostanze pericolose individuate nella Fase 1;
Fase 3: nella quale, se le specifiche soglie di rilevanza risultano superate all'esito della Fase 2, si valuta la possibilità di contaminazione del suolo o delle acque sotterranee in base alle proprietà chimico-fisiche delle sostanze, alle caratteristiche idrogeologiche del sito ed ( eventualmente) alla sicurezza dell'impianto.

All'esito della Fase 3, se risulta la possibilità di contaminazione del suolo o delle acque sotterranee, si intende con ciò verificata la presenza di sostanze pericolose pertinenti e la sussistenza dell'obbligo di procedere alla redazione della relazione di riferimento, ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera c ), in relazione a tali sostanze.

________ 

La Relazione di riferimento

Articolo 5, comma 1, lettera v)-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152/06

v-bis) 'relazione di riferimento': informazioni sullo stato di qualità del suolo e delle acque sotterranee, con riferimento alla presenza di sostanze pericolose pertinenti, necessarie al fine di effettuare un raffronto in termini quantitativi con lo stato al momento della cessazione definitiva delle attività. Tali informazioni riguardano almeno: l'uso attuale e, se possibile, gli usi passati del sito, nonché, se disponibili, le misurazioni effettuate sul suolo e sulle acque sotterranee che ne illustrino lo stato al momento dell'elaborazione della relazione o, in alternativa, relative a nuove misurazioni effettuate sul suolo e sulle acque sotterranee tenendo conto della possibilità di una contaminazione del suolo e delle acque sotterranee da parte delle sostanze pericolose usate, prodotte o rilasciate dall'installazione interessata. Le informazioni definite in virtù di altra normativa che soddisfano i requisiti di cui alla presente lettera possono essere incluse o allegate alla relazione di riferimento.

Nella redazione della relazione di riferimento si terrà conto delle linee guida eventualmente emanate dalla Commissione europea ai sensi dell'articolo 22, paragrafo 2, della direttiva 2010/75/UE;
...

...

Fonte: MATTM

Il D.M. n. 104/2019 colma il vuoto del D.M. n. 272/2014 annullato da Tar Lazio

Il Decreto n. 104/2019 MATTM sana il vuoto normativo dovuto all'annullamento del D.M. 13 novembre 2014 n. 272 Decreto recante le modalità per la redazione della relazione di riferimento di cui all’art. 5, comma 1, lettera v-bis) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, da parte del Tar Lazio con la sentenza 20 novembre 2017, n. 11452.

Collegati:



Scarica questo file (Decreto 15 aprile 2019 n. 95.pdf)Decreto 15 aprile 2019 n. 95 IT285 kB(350 Downloads)

Tags: Ambiente Abbonati Ambiente VIA | VAS | VIS

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Ott 01, 2020 4

Rettifica decisione di esecuzione (UE) 2019/2010 | 10.2020

Rettifica decisione di esecuzione (UE) 2019/2010 | 10.2020 Rettifica della decisione di esecuzione (UE) 2019/2010 della Commissione, del 12 novembre 2019, che stabilisce le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT), a norma della direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del… Leggi tutto
Set 30, 2020 12

Decreto 16 gennaio 2004 n. 44

Decreto 16 gennaio 2004 n. 44 Recepimento della direttiva 1999/13/CE relativa alla limitazione delle emissioni di composti organici volatili di talune attivita' industriali, ai sensi dell'articolo 3, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203. (GU n.47 del… Leggi tutto
Set 30, 2020 13

Decreto 21 gennaio 2000 n. 107

Decreto 21 gennaio 2000 n. 107 Regolamento recante norme tecniche per l'adeguamento degli impianti di deposito di benzina ai fini del controllo delle emissioni dei vapori. (GU n.100 del 02.05.2000) Entrata in vigore del decreto: 17.5.2000 [box-warning]Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs… Leggi tutto
Set 30, 2020 9

Decreto 20 gennaio 1999 n. 76

Decreto 20 gennaio 1999 n. 76 Regolamento recante norme per l'installazione dei dispositivi di recupero dei vapori di benzina presso i distributori. (GU n.73 del 29.03.1999) Entrata in vigore del decreto: 29.3.1999
Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs 152/2006
Leggi tutto
Set 30, 2020 14

Decreto 21 dicembre 1995

Decreto 21 dicembre 1995 Disciplina dei metodi di controllo delle emissioni in atmosfera dagli impianti industriali. (GU Serie Generale n.5 del 08.01.1996)
Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs 152/2006
Collegati[box-note]TUA | Testo Unico AmbienteD.Lgs. 3 aprile 2006… Leggi tutto
Set 30, 2020 13

D.P.R. 25 luglio 1991

Decreto del Presidente della Repubblica 25 luglio 1991 Modifiche dell'atto di indirizzo e coordinamento in materia di emissioni poco significative e di attivita' a ridotto inquinamento atmosferico, emanato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 21 luglio 1989. (GU n.175 del… Leggi tutto
Set 30, 2020 11

Decreto Ministeriale 12 luglio 1990

Decreto Ministeriale 12 luglio 1990 Linee guida per il contenimento delle emissioni inquinanti degli impianti industriali e la fissazione dei valori minimi di emissione. (GU n.176 del 30.07.1990 - Suppl. Ordinario n. 51)
Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs 152/2006
Leggi tutto
Set 30, 2020 12

Decreto 8 maggio 1989

Decreto 8 maggio 1989 Limitazione delle emissioni nell'atmosfera di taluni inquinanti originati dai grandi impianti di combustione. (GU n.124 del 30.05.1989)
Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs 152/2006
Collegati[box-note]TUA | Testo Unico AmbienteD.Lgs. 3 aprile… Leggi tutto
Set 30, 2020 14

Decreto ministeriale 10 marzo 1987 n. 105

Decreto ministeriale 10 marzo 1987 n. 105 Limiti alle emissioni in atmosfera - impianti termoelettrici a vapore Gazzetta ufficiale 24 marzo 1987 n. 69
Provvedimento abrogato dall'art. 280 Dlgs 152/2006
Collegati[box-note]TUA | Testo Unico AmbienteD.Lgs. 3 aprile 2006 n.… Leggi tutto
Inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici
Set 29, 2020 21

Inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici

Inquinamento atmosferico e cambiamenti climatici. Elementi per una strategia nazionale di prevenzione L'Inquinamento atmosferico e i Cambiamenti climatici rappresentano gravi rischi per la salute pubblica. Politiche integrate volte a contrastare l'IA ed a mitigare i CC possono ottenere vantaggi… Leggi tutto

Più letti Ambiente