Slide background
Slide background
Slide background




Decisione di esecuzione (UE) 2021/2326

ID 15319 | | Visite: 699 | Legislazione AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/15319

Migliori tecniche disponibili BAT grandi impianti di combustione

Decisione di esecuzione (UE) 2021/2326 | BAT Grandi impianti di combustione

Decisione di esecuzione (UE) 2021/2326 della Commissione del 30 novembre 2021 che stabilisce le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT), a norma della direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, per i grandi impianti di combustione

GU L 469/1 del 30.12.2021

Qualora la Corte di giustizia annulli la sentenza nella causa T-699/17, di modo che la decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 resti valida, la presente decisione cessa di applicarsi alla data di pronuncia della sentenza nella causa C-207/21P

...

La Commissione Europea,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

vista la direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 novembre 2010, relativa alle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento), in particolare l’articolo 13, paragrafo 5,

considerando quanto segue:

(1) Le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT - Best Available Techniques) fungono da riferimento per stabilire le condizioni di autorizzazione per le installazioni di cui al capo II della direttiva 2010/75/UE e le autorità competenti devono fissare valori limite di emissione tali da garantire che, in condizioni di esercizio normali, non si superino i livelli di emissione associati alle migliori tecniche disponibili indicati nella decisione relativa alle conclusioni sulle BAT.
(2) Il forum istituito con decisione della Commissione, del 16 maggio 2011, che istituisce un forum per lo scambio di informazioni ai sensi dell’articolo 13 della direttiva 2010/75/UE in materia di emissioni industriali, e composto da rappresentanti degli Stati membri, dei settori industriali interessati e delle organizzazioni non governative che promuovono la protezione dell’ambiente, ha trasmesso alla Commissione in data 20 ottobre 2016 il proprio parere in merito al contenuto proposto del documento di riferimento sulle BAT per i grandi impianti di combustione. Il parere è accessibile al pubblico.
(3) Gli elementi fondamentali del documento di riferimento sulle BAT sono stati approvati con decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 della Commissione come conclusioni sulle BAT.
(4) Con sentenza del 27 gennaio 2021 nella causa T-699/17 («la sentenza nella causa T-699/17») il Tribunale ha annullato la decisione di esecuzione (UE) 2017/1442.
(5) Nella sentenza nella causa T-699/17 il Tribunale ha inoltre affermato che l’annullamento della decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 con effetto immediato comprometterebbe gli obiettivi di garantire un elevato livello di tutela dell’ambiente e di migliorare la qualità dell’ambiente, quali previsti all’articolo 191, paragrafo 2, TFUE, all’articolo 37 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, e ai considerando 2 e 44 nonché all’articolo 1 della direttiva 2010/75/UE, ai quali la decisione di esecuzione in parola contribuisce.
(6) Di conseguenza il Tribunale ha disposto che gli effetti della decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 siano mantenuti fino all’entrata in vigore, entro un termine ragionevole che non può eccedere i dodici mesi a decorrere dalla data di pronuncia della sentenza nella causa T-699/17, di un nuovo atto diretto a sostituirla e adottato secondo le regole della maggioranza qualificata previste all’articolo 3, paragrafo 3, del protocollo n. 36 allegato ai trattati.
(7) Il 2 aprile 2021 la Commissione ha impugnato la sentenza nella causa T-699/17 (causa C-207/21P). Poiché l’impugnazione non ha effetto sospensivo, è necessario adottare una nuova decisione di esecuzione al fine di ottemperare alla sentenza nella causa T-699/17 e garantire la piena ed effettiva attuazione della direttiva 2010/75/UE nel periodo precedente la pronuncia della Corte di giustizia nella causa C-207/21P. La nuova decisione deve essere adottata previo parere del comitato istituito a norma dell’articolo 75, paragrafo 1, della direttiva 2010/75/UE, emesso secondo le regole della maggioranza qualificata previste all’articolo 3, paragrafo 3, del protocollo n. 36 allegato ai trattati.
(8) Avendo la sentenza nella causa T-699/17 mantenuto gli effetti della decisione di esecuzione (UE) 2017/1442, è necessario garantire continuità giuridica tra quest’ultima e la presente decisione. In particolare le conclusioni sulle BAT di cui all’allegato della decisione di esecuzione (UE) 2017/1442, che sono il nucleo del documento di riferimento sulle BAT, dovrebbero essere riadottate senza modifiche. Mantenere gli effetti della decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 implica anche che, nella definizione di impianto nuovo che figura nelle conclusioni sulle BAT, il riferimento alla «pubblicazione delle presenti conclusioni sulle BAT» debba intendersi come riferimento alla data di pubblicazione della decisione, vale a dire il 17 agosto 2017.
(9) A fini di certezza del diritto occorre stabilire norme sull’applicabilità della presente decisione nel caso in cui la Corte di giustizia decidesse di annullare la sentenza nella causa T-699/17.
(10) Le misure di cui alla presente decisione sono conformi al parere del comitato istituito a norma dell’articolo 75, paragrafo 1, della direttiva 2010/75/UE,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Sono adottate le conclusioni sulle migliori tecniche disponibili (BAT) per i grandi impianti di combustione riportate in allegato.

Articolo 2

Qualora la Corte di giustizia annulli la sentenza nella causa T-699/17, di modo che la decisione di esecuzione (UE) 2017/1442 resti valida, la presente decisione cessa di applicarsi alla data di pronuncia della sentenza nella causa C-207/21P.

________

CONCLUSIONI SULLE MIGLIORI TECNICHE DISPONIBILI (BAT - BEST AVAILABLE TECHNIQUES)

Le presenti conclusioni relative alle migliori tecniche disponibili (BAT - Best Available Techniques) si riferiscono alle seguenti attività di cui all’allegato I della direttiva 2010/75/UE:

- 1.1: combustione di combustibili in installazioni con una potenza termica nominale totale pari o superiore a 50 MW, solo quando questa attività ha luogo in impianti di combustione con una potenza termica nominale totale pari o superiore a 50 MW;
- 1.4: gassificazione di carbone o altri combustibili in installazioni con una potenza termica nominale totale pari o superiore a 20 MW, solo quando questa attività è direttamente associata a un impianto di combustione;
- 5.2: smaltimento o recupero dei rifiuti in impianti di incenerimento dei rifiuti o in impianti di coincenerimento dei rifiuti per i rifiuti non pericolosi con una capacità superiore a 3 t all’ora oppure per i rifiuti pericolosi con una capacità superiore a 10 t al giorno, solo quanto questa attività ha luogo in impianti di combustione contemplati al precedente punto 1.1.
In particolare, le presenti conclusioni sulle BAT riguardano le attività a monte e a valle direttamente associate alle attività summenzionate, incluse le tecniche applicate di prevenzione e controllo delle emissioni.
I combustibili considerati nelle presenti conclusioni sulle BAT sono tutte le materie combustibili solide, liquide e/o gassose, nella fattispecie:
- i combustibili solidi (ad esempio, carbone, lignite, torba);
- la biomassa (quale definita all’articolo 3, punto 31, della direttiva 2010/75/UE);
- i combustibili liquidi (ad esempio, olio combustibile pesante e gasolio);
- i combustibili gassosi (ad esempio, gas naturale, gas contenente idrogeno e gas di sintesi);
- combustibili specifici (ad esempio, i sottoprodotti dell’industria chimica e della siderurgia);
- i rifiuti, tranne i rifiuti urbani misti quali definiti all’articolo 3, punto 39, e gli altri rifiuti enumerati all’articolo 42, paragrafo 2, lettera a), punti ii) e iii), della direttiva 2010/75/UE.
Le presenti conclusioni sulle BAT non riguardano le seguenti attività:
- la combustione di combustibili in unità con potenza termica nominale inferiore a 15 MW;
- gli impianti di combustione con arco di vita limitato o gli impianti di teleriscaldamento che beneficiano di una deroga ai sensi degli articoli 33 e 35 della direttiva 2010/75/UE, fino allo scadere della deroga indicata nell’autorizzazione, per quanto concerne i BAT-AEL relativi agli inquinanti contemplati dalla deroga, nonché agli altri inquinanti le cui emissioni sarebbero state ridotte dalle misure tecniche a cui si è derogato;
- la gassificazione dei combustibili, quando non è direttamente associata alla combustione dei gas di sintesi che ne derivano;
- la gassificazione dei combustibili e la successiva combustione dei gas di sintesi, quando tali attività sono direttamente associate alla raffinazione di petrolio e di gas;
- le attività a monte e a valle non direttamente associate alle attività di combustione o gassificazione;
- la combustione nei forni o nei riscaldatori di processo;
- la combustione negli impianti di post combustione;
- la combustione in torcia;
- la combustione nelle caldaie di recupero e nei bruciatori dei composti ridotti dello zolfo nelle installazioni per la produzione di pasta per carta e carta, già contemplata nelle conclusioni sulle BAT per la produzione di pasta per carta, carta e cartone;
- la combustione dei combustibili di raffineria sul sito della raffineria, già contemplata nelle conclusioni sulle BAT sulla raffinazione di petrolio e di gas;
- lo smaltimento o il recupero dei rifiuti in:
- impianti di incenerimento dei rifiuti quali definiti all’articolo 3, punto 40, della direttiva 2010/75/UE;
- impianti di coincenerimento dei rifiuti dove oltre il 40 % del calore liberato proviene da rifiuti pericolosi;
- impianti di coincenerimento dei rifiuti che bruciano solo rifiuti, salvo quelli costituiti almeno parzialmente di biomassa quale definita all’articolo 3, punto 31, lettera b), della direttiva 2010/75/UE; già contemplati nelle conclusioni sulle BAT per l’incenerimento dei rifiuti.
Altre conclusioni e documenti di riferimento sulle BAT che possono rivestire un interesse ai fini delle attività contemplate dalle presenti conclusioni sulle BAT sono:
- sistemi comuni di trattamento/gestione delle acque reflue e dei gas di scarico nell’industria chimica (CWW);
- serie dei BREF sulle sostanze chimiche (LVOC ecc.);
- effetti economici e effetti incrociati (Economic and Cross-MEDIA Effects - ECM);
- emissioni prodotte dallo stoccaggio (Emissions from storage - EFS);
- efficienza energetica (Energy Efficiency - ENE);
- sistemi di raffreddamento industriali (Industrial Cooling Systems - ICS);
- produzione di ferro e acciaio (Iron and Steel Production - IS);
- monitoraggio delle emissioni in atmosfera e nell’acqua da installazioni soggette alla direttiva sulle emissioni industriali (Reference Document on the General Principles of Monitoring - ROM);
- produzione di pasta per carta, carta e cartone (Production of Pulp, Paper and Board - PP);
- raffinazione di petrolio e di gas (Refining of Mineral Oil and Gas - REF);
- incenerimento dei rifiuti (Waste Incineration - WI);
- trattamento dei rifiuti (Waste Treatments - WT).

[...] Segue in allegato

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Decisione di esecuzione UE 2021 2326.pdf
BAT Grandi impianti di combustione
2090 kB 18

Tags: Ambiente Emissioni Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Mag 16, 2022 25

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 35

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Mag 16, 2022 26

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 della Commissione del 13 maggio 2022 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2023, il 2024 e il 2025, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Interconfronto 2020 2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d acqua dolce
Mag 11, 2022 42

Interconfronto 2020-2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce

Interconfronto 2020-2021 sulla tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce Rapporto ISPRA 364/2022 Nell’ambito delle attività di armonizzazione delle metodiche di monitoraggio biologico delle acque dolci superficiali e nella prosecuzione di un percorso di collaborazione tra le Agenzie… Leggi tutto
Mag 10, 2022 52

Decreto 8 maggio 2003 n. 203

Decreto 8 maggio 2003 n. 203 Norme affinche' gli uffici pubblici e le societa' a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo. (GU n.180 del… Leggi tutto
Deliberazione n  05  del 21 aprile 2022
Mag 09, 2022 71

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022 ID 16587 | 09.05.2022 / In allegato Deliberazione Modifica e integrazione alla deliberazione n. 4 del 13 luglio 2016. Articolo 1 1. Il modello di accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui all’Allegato B della deliberazione n. 4… Leggi tutto
Rome Plus
Mag 08, 2022 120

Software Rome plus siti contaminati

Software Rome plus siti contaminati / Rev. 1.1 2021 ID 16585 | Update news 08.05.2022 / Materiale allegato Il software Rome Plus (ReasOnable Maximum Exposure Plus) è stato sviluppato da ISPRA e dalle ARPA all’interno delle attività del Gruppo di Lavoro 9 bis del Sistema Nazionale Protezione… Leggi tutto
Mag 08, 2022 98

Nota tecnica SNPA utilizzo software analisi di rischio siti contaminati

Nota tecnica per SNPA sull’utilizzo dei software per l’analisi di rischio sito-specifica dei siti contaminati Analisi di rischio sanitario-ambientale L'analisi di rischio sanitario-ambientale è attualmente lo strumento più avanzato di supporto alle decisioni nella gestione dei siti contaminati che… Leggi tutto

Più letti Ambiente