Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Rapporto IPCC 2018 | Riscaldamento Globale di 1,5°C

ID 7041 | | Visite: 9812 | Documenti AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/7041

sr15 cover placeholder

Rapporto IPCC | Riscaldamento Globale di 1,5°C

08.10.2018 Rapporto IPCC - Cambiamenti climatici

Il nuovo Rapporto Speciale sul Riscaldamento Globale di 1,5°C è stato redatto dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC).

Gli scienziati lanciano un messaggio chiaro: è necessario limitare il riscaldamento globale a 1,5°C attraverso un cambiamento rapido di rotta, in tutti gli aspetti della società. Un obiettivo importante che richiede però azioni urgenti e "rapide e lungimiranti" transizioni in diversi settori quali suolo, energia, industria, edilizia, trasporti e pianificazione urbana. Invertire la tendenza è ancora possibile ma occorre agire subito.

Le emissioni di CO2 nette globali prodotte dall´attività umana dovrebbero, entro il 2030, diminuire di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010, raggiungendo lo zero intorno al 2050. Questo vuol dire che ogni emissione rimanente dovrebbe essere bilanciata dalla rimozione di CO2 dall´atmosfera.

Il Rapporto Speciale sul Riscaldamento Globale di 1,5°C è stato approvato dall´IPCC il 6 ottobre 2018 ad Incheon, in Corea del Sud. Il Rapporto costituirà un riferimento scientifico di grande importanza nella Conferenza sui Cambiamenti Climatici che si terrà a Katowice in Polonia a dicembre 2018, quando i governi riesamineranno il Trattato di Parigi per affrontare i cambiamenti climatici.

Novantuno autori e revisori provenienti da 40 paesi hanno redatto il rapporto IPCC in risposta ad un invito avanzato dalla Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici (United Nations Framework Convention on Climate Change, UNFCCC) nel 2015 quando fu adottato il Trattato di Parigi.

Il titolo completo del rapporto è: “Riscaldamento globale di 1,5°C, un rapporto speciale dell´IPCC sugli impatti del riscaldamento globale di 1,5°C rispetto ai livelli del periodo pre-industriale e i relativi percorsi di emissioni di gas serra, in un contesto mirato a rafforzare la risposta globale alla minaccia dei cambiamenti climatici, allo sviluppo sostenibile e agli sforzi per sconfiggere la povertà”.

"Uno dei messaggi chiave che emerge con molta forza da questo rapporto è che stiamo già vedendo le conseguenze di un riscaldamento globale di 1°C quali, tra l´altro, l´aumento di eventi meteo estremi, innalzamento del livello del mare, diminuzione del ghiaccio marino in Artico", ha detto Panmao Zhai, Co-Presidente del Working Group I dell´IPCC.

Il Rapporto IPCC

Il rapporto mette in evidenza un numero di impatti dei cambiamenti climatici che potrebbero essere evitati limitando il riscaldamento globale a 1,5°C anziché 2°C o più. Per esempio, entro il 2100 l´innalzamento del livello del mare su scala globale sarebbe più basso di 10 cm con un riscaldamento globale di 1,5°C, rispetto a 2°C.

La probabilità che il Mar Glaciale Artico rimanga in estate senza ghiaccio marino sarebbe una in un secolo con un riscaldamento globale di 1,5°C, mentre sarebbe di almeno una ogni decennio con un riscaldamento globale di 2°C. Le barriere coralline diminuirebbero del 70-90% con un riscaldamento globale di 1,5°C, mentre con 2°C se ne perderebbe praticamente la totalità (>99%).Il rapporto IPCCL´IPCC è l´organo leader mondiale per la valutazione della scienza dei cambiamenti climatici, i relativi impatti e potenziali rischi futuri, e le possibili risposte.

Il rapporto è stato redatto sotto la leadership scientifica dei tre working group dell´IPCC. Working Group I valuta le basi fisico-scientifiche dei cambiamenti climatici; Working Group II affronta il tema degli impatti, dell´adattamento e delle vulnerabilità; Working Group III si occupa della mitigazione dei cambiamenti climatici.

L´Accordo di Parigi, adottato da 195 nazioni alla 21 Conferenza delle Parti dell´UNFCCC nel dicembre 2015, conteneva l´obiettivo di rafforzare la risposta globale alla minaccia dei cambiamenti climatici "mantenendo l´aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C rispetto al periodo pre-industriale e perseguendo sforzi per limitare l´aumento della temperatura a 1,5°C sopra i livelli del periodo pre-industriale.

In quanto parte della decisione di adottare il Trattato di Parigi, l´IPCC è stato invitato a produrre nel 2018 un Rapporto Speciale sul Riscaldamento Globale. L´IPCC ha accettato l´invito, aggiungendo che il Rapporto Speciale avrebbe guardato a questi temi nel contesto di rafforzare la risposta globale alla minaccia dei cambiamenti climatici, allo sviluppo sostenibile e agli sforzi per sconfiggere la povertà.

Questo rapporto è il primo di una serie di Rapporti Speciali che saranno prodotti durante il ciclo che porterà al Sesto rapporto di Valutazione. Il prossimo anno l´IPCC pubblicherà il Rapporto Speciale sull´Oceano e la Criosfera in un Clima che Cambia, e Cambiamenti Climatici e Suolo, che ha per oggetto il modo in cui i cambiamenti climatici influiscono sull´uso del suolo.

La Sintesi per Decisori Politici presenta i risultati chiave del rapporto Speciale, si basa sulle valutazioni della letteratura scientifica, tecnica e socio-economica disponibile e rilevante per il riscaldamento globale di 1,5

Struttura del Rapporto Speciale sul Riscaldamento Globale di 1,5° IPCC:

Summary for Policymakers 
Headline Statements 

All Chapters
Technical Summary
Chapter 1
Chapter 1 Supplementary Materials 
Chapter 2 
Chapter 2 Supplementary Materials 
Chapter 3 
Chapter 3 Supplementary Materials 
Chapter 4 
Chapter 4 Supplementary Materials 
Chapter 5 
Glossary 
Changes to the Underlying Scientific-Technical Assessment to ensure consistency with the approved Summary for Policymakers 

...

Infografica sul Report a cura del CMCC

Infografica

__________

Fonte: IPCC
CMCC

Collegati:

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Infografica CMCC - Report IPCC.pdf)Infografica CMCC - Report IPCC
 
IT3972 kB1058
Scarica questo file (Changes to the Underlying Scientific-Technical Assessment.pdf)Changes to the Underlying Scientific-Technical Assessment
IPCC 2018
EN258 kB671
Scarica questo file (Glossary.pdf)Glossary
IPCC 2018
EN379 kB613
Scarica questo file (Chapter 5.pdf)Chapter 5
IPCC 2018
EN3181 kB650
Scarica questo file (Chapter 4 Supplementary Material.pdf)Chapter 4 Supplementary Material
IPCC 2018
EN1117 kB641
Scarica questo file (Chapter 4.pdf)Chapter 4
IPCC 2018
EN3514 kB1105
Scarica questo file (Chapter 3 Supplementary Material.pdf)Chapter 3 Supplementary Material
IPCC 2018
EN2040 kB631
Scarica questo file (Chapter 3.pdf)Chapter 3
IPCC 2018
EN5027 kB960
Scarica questo file (Chapter 2 – Supplementary Material.pdf)Chapter 2 – Supplementary Material
IPCC 2018
EN2699 kB628
Scarica questo file (Chapter 2.pdf)Chapter 2
IPCC 2018
EN3251 kB557
Scarica questo file (Chapter 1 – Supplementary Material.pdf)Chapter 1 – Supplementary Material
IPCC 2018
EN2074 kB681
Scarica questo file (Chapter 1.pdf)Chapter 1
IPCC 2018
EN2155 kB710
Scarica questo file (Technical Summary.pdf)Technical Summary
IPCC 2018
EN829 kB705
Scarica questo file (Headline Statements.pdf)Headline Statements
IPCC 2018
EN74 kB541
Scarica questo file (Summary for Policymakers.pdf)Summary for Policymakers
IPCC 2018
EN1080 kB789

Tags: Ambiente Clima

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano
Gen 26, 2023 24

Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano

Valori limite Antimonio nelle acque consumo umano ID 18788 | 26.01.2023 / In allegato Informazioni generali L’antimonio elementare viene utilizzato per formare leghe molto forti con il rame, il piombo e lo stagno. I composti dell’antimonio hanno diversi usi terapeutici (malattie parassitarie).… Leggi tutto
Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano
Gen 26, 2023 26

Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano

Valori limite Acrilammide nelle acque consumo umano ID 18787 | 26.01.2023 / In allegato Informazioni generali L’acrilammide è usata come intermedio chimico o come monomero nella produzione di poliacrilammide, ed ambedue sono usate per il trattamento dell’acqua destinata al consumo umano.… Leggi tutto
Valori limite nichel nelle acque consumo umano
Gen 25, 2023 75

Valori limite nichel nelle acque consumo umano

Valori limite nichel nelle acque consumo umano ID 18772 | 25.01.2023 / In allegato Informazioni generali Il nichel è un metallo argenteo, appartenente al gruppo del ferro; è duro, malleabile e duttile. Circa il 65% del nichel consumato nel mondo occidentale viene impiegato per fabbricare acciaio… Leggi tutto
Valori limite manganese nelle acque consumo umano
Gen 25, 2023 89

Valori limite manganese nelle acque consumo umano

Valori limite manganese nelle acque consumo umano ID 18768 | 25.01.2023 / In allegato Informazioni generali Il manganese è uno dei metalli più abbondanti sulla crosta terrestre, frequentemente associato al ferro. Viene utilizzato per la produzione di leghe di ferro e acciaio, per la confezione di… Leggi tutto
Valori limite mercurio nelle acque consumo umano
Gen 25, 2023 60

Valori limite mercurio nelle acque consumo umano

Valori limite mercurio nelle acque consumo umano ID 18767 | 25.01.2023 / In allegato Informazioni generali Il mercurio (Hg) è un metallo di transizione dalla tipica colorazione bianco-argentea e piuttosto ricco di elettroni, per cui risulta pesante. Rispetto ad altri metalli, è un cattivo… Leggi tutto
Valori limite piombo nelle acque consumo umano
Gen 25, 2023 72

Valori limite piombo nelle acque consumo umano

Valori limite piombo nelle acque consumo umano ID 18766 | 25.01.2023 / In allegato Informazioni generali Il piombo è il più comune degli elementi pesanti, pari a 13 mg/kg di crosta terrestre. Il piombo è utilizzato nella produzione di batterie, è presente nelle saldature, nelle leghe, nelle guaine… Leggi tutto
Sicurezza dell acqua negli edifici
Gen 25, 2023 36

Sicurezza dell'acqua negli edifici

Sicurezza dell'acqua negli edifici / Water safety in buildings Rapporti ISTISAN 12/47 Italian translation OMS Numerose esperienze hanno dimostrato che una progettazione non adeguata e una cattiva gestione dei sistemi idrici negli edifici possono causare epidemie. Possono essere diversi i tipi di… Leggi tutto

Più letti Ambiente