Slide background
Slide background
Slide background




L'AUA: Autorizzazione Unica Ambientale

ID 8688 | | Visite: 7922 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/8688

AUA   Autorizzazione Unica Ambientale

L'AUA: Autorizzazione Unica Ambientale

L'Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) è un provvedimento autorizzativo unico, istituito dal Decreto del Presidente della Repubblica 13/03/2013, n. 59, che sostituisce e comprende i seguenti titoli abilitativi in materia ambientale, prima richiesti e ottenuti separatamente:

1. autorizzazione agli scarichi (Capo II, Titolo IV, Sezione II, Parte terza del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152);

2. autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura (articolo 9 del Decreto Legislativo 27/01/1992, n. 99);

3. autorizzazione ordinaria alle emissioni in atmosfera (articolo 269 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152);

4. autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera (articolo 272 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152);

5. comunicazione o nulla osta previsti in materia di inquinamento acustico (articolo 8, comma 4 e comma 6 della Legge 26/10/1995, n. 447);

6. comunicazioni in materia di rifiuti per l'esercizio in procedura semplificata di operazioni di recupero di rifiuti, pericolosi e non pericolosi (articoli 214 e 216 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152);

7. comunicazione preventiva per l'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste (articolo 112 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n.152).

Se l'attività svolta riguarda uno o più dei titoli abilitativi sopra elencati è obbligatorio richiedere l'AUA.

L'AUA è facoltativa solo se l'attività svolta è soggetta unicamente a comunicazione e/o ad autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera (articolo 3, comma 3 del Decreto del Presidente della Repubblica 13/03/2013, n. 59).

La domanda, corredata di tutti i documenti previsti, è inviata al SUAP competente che la trasmette immediatamente e in modalità telematica alla Provincia di Taranto e a tutti i soggetti competenti in materia ambientale (articolo 4, comma 1 del Decreto del Presidente della Repubblica 13/03/2013, n. 59).

Ogni successiva comunicazione tra la Provincia e il gestore avviene tramite il SUAP competente.

La durata dell'AUA è di 15 anni dalla data di rilascio dal provvedimento del SUAP e per il rinnovo deve essere presentata istanza al medesimo SUAP entro 6 mesi dalla data di scadenza.

Il modello della domanda di AUA è contenuto nel D.P.C.M. 8 maggio 2015, che ne ha adottato uno unico valevole su tutto il territorio nazionale (le Regioni avrebbero dovuto adeguare la propria modulistica entro il 30 giugno 2015).

Come indicato all’art. 1 del D.P.R. n. 59/2013 la disciplina di AUA si applica:

- alle PMI (micro, piccole e medie imprese);

PMI

- agli impianti non soggetti alle disposizioni in materia di autorizzazione integrata ambientale (AIA);

non si applica:

- ai progetti sottoposti alla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) laddove la normativa statale e regionale disponga che il provvedimento finale di VIA comprende e sostituisce tutti gli altri atti di assenso, comunque denominati, in materia ambientale (ai sensi dell’art. 26, comma 4, del D.Lgs. n. 152/2006).

L’AUA, in riferimento alle attività soggette a VIA, può essere richiesta se l’atto finale di valutazione non include gli altri atti di assenso in materia ambientale necessari per la realizzazione e l’esercizio dell’opera o dell’impianto.

Inoltre nei casi in cui si proceda alla verifica di assoggettabilità, l’AUA può essere richiesta solo dopo che l’autorità competente abbia valutato di non sottoporre i relativi progetti a VIA (come definito nell’art. 3, comma 4, D.P.R. n. 59/2013).

Procedura  per il rilascio dell'autorizzazione unica ambientale AUA

All’art. 4 del D.P.R. n. 59/2013 è riportata la procedura per il rilascio dell’AUA che viene descritta di seguito:

Soggetto Oggetto Procedura
Gestore Presentazione della domanda alla SUAP

La domanda per il rilascio dell'autorizzazione unica ambientale corredata dai documenti, dalle dichiarazioni e dalle
altre attestazioni previste dalle vigenti normative di settore relative agli atti di comunicazione, notifica e
autorizzazione di cui all'articolo 3, commi 1 e 2, e' presentata al SUAP.

SUAP Trasmissione e verifica domanda all’autorità competente e agli altri entri coinvolti SUAP che la trasmette immediatamente, in modalita'
telematica all'autorita' competente e ai soggetti di cui all'articolo 2, comma 1, lettera c), e ne verifica, in accordo con
l'autorita' competente, la correttezza formale. Nella domanda sono indicati gli atti di comunicazione, notifica e
autorizzazione di cui all'articolo 3, per i quali si chiede il rilascio dell'autorizzazione unica ambientale, nonche' le
informazioni richieste dalle specifiche normative di settore.
Autorità competente Richiesta integrazioni al gestore tramite il SUAP Qualora l’autorità competente riscontri la necessità di integrare la documentazione presentata, lo comunica tempestivamente e in modalità telematica al SUAP, precisando gli elementi mancanti ed il termine per il deposito delle integrazioni.
Il SUAP deve richiedere al gestore di integrare la documentazione presentata entro 30 giorni dal ricevimento dell’istanza, precisando gli elementi mancanti ed il termine per il deposito delle integrazioni.
Decorso tale termine, in assenza di comunicazioni di richiesta di integrazioni, l’istanza si intende correttamente presentata.
In caso di richiesta di integrazioni, il termine per il rilascio dell’AUA è sospeso fino al deposito dei documenti richiesti e, se l’impresa non produce la documentazione richiesta entro la scadenza indicata, l’istanza per il rilascio dell’AUA si intende archiviata.
Il gestore ha la possibilità di chiedere una proroga in ragione della complessità della documentazione da presentare; in tal caso, il termine è sospeso per il tempo della proroga.
SUAP Convocazione conferenza dei servizi A questo punto il regolamento prevede che:
a) se l’Autorizzazione Unica Ambientale sostituisce i titoli abilitativi per i quali la conclusione del procedimento è fissata in un termine inferiore o pari a 90 giorni, l’autorità competente adotta il provvedimento nel termine di 90 giorni dalla presentazione della domanda e lo trasmette immediatamente al SUAP che, rilascia il titolo. La conferenza di servizi è sempre indetta dal SUAP nei casi previsti dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e  nei casi previsti dalle normative regionali e di settore  che disciplinano il rilascio, la formazione, il rinnovo o l’aggiornamento dei titoli abilitativi compresi nell’Autorizzazione Unica Ambientale.
b) se l’Autorizzazione Unica Ambientale sostituisce i titoli abilitativi per i quali almeno uno dei termini di conclusione del procedimento è superiore a 90 giorni, il SUAP (salvo quanto previsto al comma 7 del D.P.R. n. 59/2013 che prevede la convocazione dal parte della Provincia), indice, entro 30 giorni dalla ricezione della domanda, la conferenza di servizi. In tale caso, l’autorità competente adotta l’Autorizzazione Unica Ambientale entro 120 giorni dal ricevimento della domanda o, in caso di richiesta di integrazione della documentazione in occasione della conferenza di servizi, entro il termine di 150 giorni  dal  ricevimento  della  domanda. In entrambi i casi l’autorità competente promuove il coordinamento dei soggetti competenti, anche nell’ambito della conferenza di servizi.
Autorità competente Adozione provvedimento di AUA
Trasmissione del provvedimento al SUAP
SUAP Rilascio AUA
SUAP Trasmissione domanda all’autorità competente a) Qualora sia necessario acquisire esclusivamente l’Autorizzazione Unica Ambientale ai fini del rilascio, della formazione, del rinnovo o dell’aggiornamento di titoli abilitativi interessati, il SUAP trasmette la relativa documentazione all’autorità competente che, ove previsto, convoca la conferenza di servizi. L’autorità competente adotta il provvedimento e lo trasmette immediatamente al SUAP per il rilascio del titolo.
Autorità competente Convocazione conferenza dei servizi
Adozione provvedimento
Trasmissione provvedimento al SUAP
SUAP Rilascio AUA
Autorità competente Comunicazioni tramite SUAP L’autorità competente trasmette, in modalità telematica, ogni comunicazione al gestore  tramite il SUAP e mette a disposizione  del medesimo tutte le informazioni sulla documentazione da presentare e sull’iter relativo alla procedura di Autorizzazione Unica Ambientale.
SUAP Disponibilità delle informazioni

Il SUAP, assicura a tutti gli interessati le informazioni sugli adempimenti in materia secondo quanto previsto dall'articolo 6 del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, e dall'articolo 54 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

Certifico Srl - IT | Rev. 00 2019
©Copia autorizzata Abbonati

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Linee guida AUA 2013.pdf
Confindustria 2013
329 kB 149

Tags: Ambiente Abbonati Ambiente AUA

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Regolamento delegato UE 2022 759
Mag 18, 2022 36

Regolamento delegato (UE) 2022/759

Regolamento delegato (UE) 2022/759 / Modifica Alleg. VII RED II Regolamento delegato (UE) 2022/759 della Commissione del 14 dicembre 2021 che modifica l’allegato VII della direttiva (UE) 2018/2001 per quanto riguarda la metodologia di calcolo della quantità di energia rinnovabile usata per il… Leggi tutto
Mag 16, 2022 30

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 40

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Mag 16, 2022 30

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 della Commissione del 13 maggio 2022 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2023, il 2024 e il 2025, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Interconfronto 2020 2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d acqua dolce
Mag 11, 2022 43

Interconfronto 2020-2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce

Interconfronto 2020-2021 sulla tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce Rapporto ISPRA 364/2022 Nell’ambito delle attività di armonizzazione delle metodiche di monitoraggio biologico delle acque dolci superficiali e nella prosecuzione di un percorso di collaborazione tra le Agenzie… Leggi tutto
Mag 10, 2022 54

Decreto 8 maggio 2003 n. 203

Decreto 8 maggio 2003 n. 203 Norme affinche' gli uffici pubblici e le societa' a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo. (GU n.180 del… Leggi tutto
Deliberazione n  05  del 21 aprile 2022
Mag 09, 2022 72

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022 ID 16587 | 09.05.2022 / In allegato Deliberazione Modifica e integrazione alla deliberazione n. 4 del 13 luglio 2016. Articolo 1 1. Il modello di accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui all’Allegato B della deliberazione n. 4… Leggi tutto
Rome Plus
Mag 08, 2022 127

Software Rome plus siti contaminati

Software Rome plus siti contaminati / Rev. 1.1 2021 ID 16585 | Update news 08.05.2022 / Materiale allegato Il software Rome Plus (ReasOnable Maximum Exposure Plus) è stato sviluppato da ISPRA e dalle ARPA all’interno delle attività del Gruppo di Lavoro 9 bis del Sistema Nazionale Protezione… Leggi tutto

Più letti Ambiente