Slide background
Slide background
Slide background




Recupero dei vapori di benzina | Quadro normativo

ID 12369 | | Visite: 2119 | Documenti Riservati AmbientePermalink: https://www.certifico.com/id/12369

Recupero dei vapori di benzina   Quadro normativo

Recupero dei vapori di benzina Direttive VOC I e II | Quadro normativo

ID 12369 | 17.12.2020 / Documento completo allegato

Le Direttive di riferimento per il recupero dei Vapori di Benzina sono:

Direttiva 1994/63/CE - Fase I Recupero dei Vapori di Benzina (VOC-I) stoccaggio benzina
Direttiva 2009/126/CE - Fase II Recupero dei vapori di benzina) (VOC II) stazioni di servizio.

La benzina è una miscela complessa di composti organici volatili (VOC) che evaporano rapidamente contribuendo a diversi problemi ambientali. Questi includono livelli eccessivi di benzene tossico nell'aria ambiente e formazione fotochimica di ozono. L'ozono troposferico è un inquinante atmosferico che causa malattie respiratorie come l'asma e un gas serra che contribuisce al riscaldamento globale.

Due direttive affrontano specificamente questo problema:

Fase I Recupero dei Vapori di Benzina (VOC-I)

La direttiva 1994/63/CE (Fase I Recupero dei Vapori di Benzina) mira a prevenire le emissioni di COV durante lo stoccaggio della benzina nei terminali e la sua successiva distribuzione alle stazioni di servizio. La direttiva contiene misure che i terminali dovrebbero adottare per ridurre le perdite per evaporazione dai serbatoi di stoccaggio, come i tetti galleggianti e i rivestimenti riflettenti. Richiede inoltre, quando la benzina viene caricata su cisterne e trasportata alle stazioni di servizio, il recupero dei vapori e il loro ritorno all'autocisterna o al terminal.

Fase II Recupero dei vapori di benzina (VOC II)

La direttiva 2009/126/CE (Fase II Recupero dei vapori di benzina) garantisce il recupero dei vapori di benzina che altrimenti verrebbero emessi nell'aria durante il rifornimento dei veicoli nelle stazioni di servizio. La direttiva 2014/99/UE della Commissione ha successivamente adattato la presente direttiva al progresso tecnico per quanto riguarda l'uso delle norme EN 16321-1:2013 ed EN 16321-2:2013.

EN 16321-1:2013
 
Recupero dei vapori di benzina durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio - Parte 1: Metodi di prova per la valutazione dell'efficienza dei sistemi di recupero dei vapori di benzina

La presente norma è la versione ufficiale in lingua inglese della norma europea EN 16321-1 (edizione settembre 2013). La norma specifica i metodi di misura e di prova per la valutazione dell’efficienza dei sistemi di recupero dei vapori di benzina nelle stazioni di servizio.

EN 16321-2:2013

Recupero dei vapori di benzina durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio - Parte 2: Metodi di prova per la verifica dei sistemi di recupero dei vapori nelle stazioni di servizio

La presente norma è la versione ufficiale della norma europea EN 16321-2 (edizione settembre 2013). La norma specifica i metodi di prova per la verifica dei sistemi di recupero dei vapori nelle stazioni di servizio. La norma non specifica i metodi di prova per la verifica della tenuta all’aria e al vapore dei sistemi di recupero dei vapori nelle stazioni di servizio.

Inoltre, alcune delle attività coinvolte nello stoccaggio e nella distribuzione della benzina, come le raffinerie, sono coperte dalla direttiva sulle emissioni industriali (Direttiva 2010/75/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 novembre 2010, sulle emissioni industriali (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) (GU L 334 del 17.12.2010)

EFFETTI DIRETTIVE

Nel 2017 la Commissione ha completato una valutazione REFIT di entrambe le direttive. Ciò ha concluso che la direttiva 1994/63/CE ha portato a una riduzione di circa il 59% delle emissioni annuali di COV derivanti dalle attività che copre. Ciò corrisponde a circa il 2% delle riduzioni di emissioni di COV ottenute dal 1995. Le attuali emissioni delle attività controllate da questa direttiva rappresentano circa lo 0,1% delle emissioni totali di COV prodotte dall'uomo nell'UE-28.

È più difficile identificare l'impatto della stessa direttiva 2009/126/CE. Tuttavia, si ritiene che circa il 54% della riduzione delle emissioni di COV che copre derivi dall'installazione di apparecchiature di recupero dei vapori Stage II. Ciò corrisponde a circa l'1% delle riduzioni totali delle emissioni di COV di origine antropica dal 1995. Le attuali emissioni delle attività controllate da questa direttiva rappresentano circa lo 0,6% delle emissioni totali di COV prodotte dall'uomo dell'UE-28.

Nel complesso la valutazione ha confermato che la legislazione funziona bene. I dettagli completi della valutazione possono essere trovati nella relazione pubblicata. Il documento di lavoro dei servizi della Commissione (SWD(2017)66 final) fornisce i risultati complessivi della valutazione (Vedi allegato).

Nel 2017 la Commissione ha anche pubblicato una relazione (COM(2017) 118 final) sull'attuazione della direttiva 2009/126/CE (Vedi allegato).

RECEPIMENTI

VOC I

Decreto-legge 30 novembre 1995 n. 508
Disposizioni urgenti in materia di prevenzione dell'inquinamento atmosferico da benzene, nonché di esercizio, manutenzione e controllo degli impianti termici. (GU n. 280 del 30/11/1995) (decaduto)

Decreto-legge 24 gennaio 1996 n. 33
Disposizioni urgenti in materia di prevenzione dell'inquinamento atmosferico da benzene (GU n.23 del 29-01-1996) (decaduto)

Decreto-legge 27 maggio 1996 n. 294
Disposizioni urgenti in materia di prevenzione dell'inquinamento atmosferico da benzene. (GU n. 123 del 28/05/1996) (decaduto)

Decreto-legge 11 giugno 1996 n. 315
Modifiche alla legge 28 dicembre 1993 n. 549, recante misure a tutela dell'ozono stratosferico. (GU n. 137 del del 13/06/1996) (decaduto)

LEGGE 4 NOVEMBRE 1997 N. 413
Misure urgenti per la prevenzione dell'inquinamento atmosferico da benzene. (GU n. 282 del 3 dicembre 1997)

VOC II

Decreto Legislativo 30 luglio 2012 n. 125

Attuazione della direttiva 2009/126/CE, relativa alla fase II del recupero di vapori di benzina durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio.

(GU n.182 del 06-08-2012)

DIRETTIVA 2009/126/CE (VOC II)

Direttiva 2009/126/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativa alla fase II del recupero di vapori di benzina durante il rifornimento dei veicoli a motore nelle stazioni di servizio

SINTESI

I vapori di benzina emessi durante il rifornimento dei veicoli a motore sono nocivi per la salute umana e l’ambiente. Con una direttiva del 2009, l’Unione europea (UE) sta intervenendo per recuperare tali vapori.

OBIETTIVI DIRETTIVA

Assicura il recupero di vapori di benzina nocivi che possono essere emessi durante il rifornimento di un veicolo a motore in una stazione di servizio. Le pompe di benzina di molte stazioni di servizio dell’UE dovranno essere dotate di sistemi per il recupero di questo vapore.

PUNTI CHIAVE

- La presente direttiva si applica alle stazioni di servizio nuove o oggetto di una ristrutturazione completa che hanno un flusso annuo di oltre 500 m3 di benzina, nonché alle stazioni di servizio con un flusso annuo di oltre 100 m3 situate in edifici utilizzati in modo permanente come luoghi di residenza. Esse hanno l’obbligo di installare dei sistemi di recupero dei vapori di benzina di fase II (sistemi PVR, petrol vapour recovery).
- Le stazioni di servizio esistenti più grandi, il cui flusso è superiore a 3 000 m3 devono installare sistemi PVR entro il 2018.
- L’apparecchiatura PVR deve essere certificata dal produttore in conformità con le norme tecniche pertinenti, e deve essere in grado di catturare almeno l’85 % dei vapori di benzina.
- L’efficienza delle apparecchiature PVR deve essere verificata almeno una volta l’anno oppure ogni tre anni se la stazione di servizio dispone di attrezzature di controllo automatico.
- Le stazioni di servizio che abbiano installato un sistema di recupero dei vapori di benzina di fase II devono informarne i consumatori collocando un cartello, un adesivo o qualsiasi altra forma di notifica sul distributore di benzina o nelle sue vicinanze.
- I metodi di verifica e le norme utilizzate per determinare l’efficienza dei sistemi PVR sono armonizzati ai sensi della direttiva 2014/99/UE.

CONTESTO

La benzina è una miscela complessa di composti organici volatili che evaporano facilmente nell’aria, dove contribuiscono all’insorgenza di diversi problemi di inquinamento. Questi includono livelli eccessivi di benzene tossico nell’aria e la formazione fotochimica di ozono, un inquinante atmosferico in grado di provocare malattie respiratorie come l’asma. Inoltre, l’ozono è un gas serra.
...
Segue in allegato

Certifico Srl - IT | Rev. 0.0 2020
©Copia autorizzata Abbonati 

Collegati

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Recupero dei vapori di benzina - Quadro normativo Rev. 0.0 2020.pdf
Certifico Srl - Rev. 0.0 2020
140 kB 67
Allegato riservato COM(2017) 118 final.pdf
EC 2017
465 kB 17
Allegato riservato SWD(2017) 66 final EN.pdf
EC 2017
121 kB 20

Tags: Ambiente Abbonati Ambiente COV

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Mag 16, 2022 23

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 33

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Mag 16, 2022 22

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/741 della Commissione del 13 maggio 2022 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2023, il 2024 e il 2025, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto
Interconfronto 2020 2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d acqua dolce
Mag 11, 2022 40

Interconfronto 2020-2021 tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce

Interconfronto 2020-2021 sulla tassonomia delle diatomee bentoniche d’acqua dolce Rapporto ISPRA 364/2022 Nell’ambito delle attività di armonizzazione delle metodiche di monitoraggio biologico delle acque dolci superficiali e nella prosecuzione di un percorso di collaborazione tra le Agenzie… Leggi tutto
Mag 10, 2022 51

Decreto 8 maggio 2003 n. 203

Decreto 8 maggio 2003 n. 203 Norme affinche' gli uffici pubblici e le societa' a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo. (GU n.180 del… Leggi tutto
Deliberazione n  05  del 21 aprile 2022
Mag 09, 2022 70

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022

Deliberazione n. 05 del 21 aprile 2022 ID 16587 | 09.05.2022 / In allegato Deliberazione Modifica e integrazione alla deliberazione n. 4 del 13 luglio 2016. Articolo 1 1. Il modello di accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà di cui all’Allegato B della deliberazione n. 4… Leggi tutto
Rome Plus
Mag 08, 2022 119

Software Rome plus siti contaminati

Software Rome plus siti contaminati / Rev. 1.1 2021 ID 16585 | Update news 08.05.2022 / Materiale allegato Il software Rome Plus (ReasOnable Maximum Exposure Plus) è stato sviluppato da ISPRA e dalle ARPA all’interno delle attività del Gruppo di Lavoro 9 bis del Sistema Nazionale Protezione… Leggi tutto
Mag 08, 2022 96

Nota tecnica SNPA utilizzo software analisi di rischio siti contaminati

Nota tecnica per SNPA sull’utilizzo dei software per l’analisi di rischio sito-specifica dei siti contaminati Analisi di rischio sanitario-ambientale L'analisi di rischio sanitario-ambientale è attualmente lo strumento più avanzato di supporto alle decisioni nella gestione dei siti contaminati che… Leggi tutto
Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati
Mag 08, 2022 152

Criteri metodologici analisi assoluta di rischio siti contaminati

Criteri metodologici per l'applicazione dell'analisi assoluta di rischio ai siti contaminati ID 16583 | 08.05.2022 / Manuale ed Appendici in allegato APAT (Agenzia per la Protezione dell’Ambiente e per i Servizi Tecnici) Revisione 2 - Marzo 2008In allegato:Rev. 2 Marzo 2008Rev. 1 Agosto 2006Rev. 0… Leggi tutto

Più letti Ambiente