Slide background
Slide background
Slide background




Relazione speciale 18/2020 Sistema di scambio di quote UE

ID 11576 | | Visite: 1035 | Documenti Ambiente UEPermalink: https://www.certifico.com/id/11576

Relazione 18 2020

Relazione speciale 18/2020 Il sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE

La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra è una delle principali sfide dei nostri tempi. L’Unione europea ha fissato una serie di valori-obiettivo relativi al cambiamento climatico, da conseguire nel 2020, 2030 e 2050. Se l’UE è solidamente sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi che si è prefissata per il 2020, non lo è invece per gli obiettivi - più ambiziosi - da conseguire entro il 2030 e il 2050. Il “Green Deal” della Commissione, presentato nel 2019, ha proposto di passare ad un valore obiettivo di riduzione delle emissioni compreso tra il 50 % e il 55 %, da raggiungersi entro il 2030, e di realizzare entro il 2050 l’azzeramento delle emissioni nette di gas a effetto serra. Questi obiettivi presuppongono un notevole aumento degli sforzi da compiere.

Il sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE rappresenta una delle principali politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici attuate dall’UE e costituisce il primo mercato di CO2 del mondo. Mira a fornire un meccanismo efficiente di riduzione delle emissioni. Nel quadro dell’ETS dell’UE, le imprese devono ottiene quote di emissioni che coprano le rispettive emissioni di biossido di carbonio. L’opzione di default è che dette quote siano vendute tramite asta, ma possono anche essere assegnate gratuitamente.

Il presente audit è stato incentrato sull’assegnazione gratuita di quote. Nelle fasi 3 e 4 dell’ETS dell’UE (periodi 2013-2020 e 2021-2030), le quote gratuite mirano a mitigare il rischio di rilocalizzazione delle emissioni, mentre il prezzo del carbonio è inteso fornire un incentivo progressivo alla decarbonizzazione. Ciò viene promosso tramite il ricorso a parametri di riferimento derivati dagli attori che conseguono i migliori risultati in un dato settore. In otto Stati membri, anche il settore dell’energia ha ricevuto quote gratuite legate alla modernizzazione della produzione di energia elettrica.

______

Indice
Paragrafo
Sintesi I - VI
Introduzione
Estensione e approccio dell’audit
Osservazioni
Le quote gratuite hanno prodotto risultati interlocutori quando usate come strumento di modernizzazione del settore dell’energia elettrica
Nel settore dell’energia elettrica, dal 2021 si applicano condizioni più rigorose in materia di utilizzo di quote gratuite
I dati disponibili indicano risultati non efficaci dell’assegnazione gratuita come strumento di modernizzazione del settore dell’energia nella fase 3
L’assegnazione gratuita di quote agli operatori dell’industria e dell’aviazione ha tenuto conto in modo limitato della capacità di trasferire i costi, rallentando tendenzialmente la decarbonizzazione
L’assegnazione gratuita di quote agli operatori dell’industria e dell’aviazione non ha tenuto conto della capacità di detti settori di trasferire i costi
I settori che producono oltre il 90 % delle emissioni industriali hanno ricevuto tutte o gran parte delle rispettive quote a titolo gratuito
Ai fini della mitigazione del rischio di rilocalizzazione delle emissioni causato dall’ETS dell’UE, la Commissione ha esaminato altri approcci, ma non li ha proposti
Il sistema dei benchmark utilizzato per assegnare quote gratuite sta progressivamente migliorando gli incentivi alla riduzione delle emissioni
Il sistema basato su benchmark fornisce incentivi alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra
L’efficace utilizzo dei benchmark incontra alcune difficoltà tecniche
Ci si attende che la fase 4 dell’ETS dell’UE fornirà migliori informazioni sugli incentivi alla decarbonizzazione
L’assegnazione gratuita di quote ha favorito gli spostamenti in aereo rispetto a quelli in treno
Conclusioni e raccomandazioni
Allegato
Allegato I – Quadro giuridico dell’ETS dell’UE per la fase 4
Termini e abbreviazioni
Risposte della Commissione
Équipe di audit
Cronologia

...

Fonte: UE

Collegati:

Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Relazione speciale 18 2020.pdf
UE 2020
2971 kB 5

Tags: Ambiente Emissioni Abbonati Ambiente

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Mag 28, 2022 19

Regolamento (UE) 2022/520

Regolamento (UE) 2022/520 Regolamento (UE) 2022/520 della Commissione del 31 marzo 2022 che modifica il regolamento (CE) n. 1418/2007 relativo all’esportazione di alcuni rifiuti destinati al recupero, elencati nell’allegato III o III A del regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del… Leggi tutto
Linee guida pianificazione integrata inquinamento acustico urbano
Mag 24, 2022 80

Linee guida pianificazione integrata inquinamento acustico urbano

Linee Guida per una pianificazione integrata dell'inquinamento acustico in ambito urbano (HUSH Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans) L’inquinamento acustico ambientale è considerato uno dei maggiori problemi ambientali, con elevato e diffuso impatto sulla… Leggi tutto
Regolamento delegato UE 2022 759
Mag 18, 2022 103

Regolamento delegato (UE) 2022/759

Regolamento delegato (UE) 2022/759 / Modifica Alleg. VII RED II Regolamento delegato (UE) 2022/759 della Commissione del 14 dicembre 2021 che modifica l’allegato VII della direttiva (UE) 2018/2001 per quanto riguarda la metodologia di calcolo della quantità di energia rinnovabile usata per il… Leggi tutto
Mag 16, 2022 57

Direttiva 2002/63/CE

Direttiva 2002/63/CE Direttiva 2002/63/CE della Commissione, dell'11 luglio 2002, che stabilisce metodi comunitari di campionamento ai fini del controllo ufficiale dei residui di antiparassitari sui e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale e che abroga la direttiva 79/700/CEE GU L… Leggi tutto
Mag 16, 2022 74

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601

Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 Regolamento di esecuzione (UE) 2021/601 della Commissione del 13 aprile 2021 relativo a un programma coordinato di controllo pluriennale dell’Unione per il 2022, il 2023 e il 2024, destinato a garantire il rispetto dei livelli massimi di residui di… Leggi tutto

Più letti Ambiente