Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Indagine sulle organizzazioni che abbandonano EMAS

ID 2767 | | Visite: 4837 | Documenti Ambiente ISPRAPermalink: https://www.certifico.com/id/2767

Indagine sulle organizzazioni che abbandonano EMAS

Indagine sulle organizzazioni che abbandonano EMAS: analisi delle motivazioni e proposte per un rilancio dello Schema

In Italia oltre 1000 organizzazioni sono registrate EMAS. Negli ultimi anni il numero è rimasto stabile ma c’è stato un aumento sostanziale delle organizzazioni specialmente di piccole dimensioni che non hanno rinnovato la registrazione.

Per analizzare i motivi dietro la scelta di non rinnovare lo Schema e per identificare le misure che sarebbero più efficaci per incoraggiare le organizzazioni a tornare EMAS è stata condotta un’indagine approfondita che si è svolta in due fasi.

Nella prima attraverso dei focus groups con organizzazioni registrate sono stati identificati gli aspetti più critici di EMAS e, sulla base dei risultati, costruito un questionario indirizzato alle organizzazioni che non hanno rinnovato EMAS tre il 2010 e il 2015. Su una popolazione di 379 organizzazioni, le rispondenti sono state 99.

I motivi principali per cui le organizzazioni hanno abbandonato EMAS sono i costi, la mancanza di semplificazioni e incentivi e la scarsa conoscenza dello Schema da parte dei consumatori. Considerando le misure per incentivare le organizzazioni a tornare a EMAS, le più significative riguardano la possibilità di usufruire di incentivi e misure di semplificazione di lungo periodo, e un accesso facilitato ai finanziamenti pubblici.

ISPRA 2016
 
Descrizione Livello Dimensione Downloads
Allegato riservato Indagine organizzazioni abbandono EMAS.pdf
ISPRA 2016
2023 kB 8

Tags: Ambiente EMAS

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Apr 17, 2024 79

Rettifica regolamento (UE) 2023/1542 - 17.04.2024

Rettifica regolamento (UE) 2023/1542 - 17.04.2024 ID 21698 | 17.04.2024 Rettifica del regolamento (UE) 2023/1542 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 luglio 2023, relativo alle batterie e ai rifiuti di batterie, che modifica la direttiva 2008/98/CE e il regolamento (UE) 2019/1020 e abroga… Leggi tutto
DPCM 22 febbraio 2024
Apr 12, 2024 117

DPCM 22 febbraio 2024

DPCM 22 febbraio 2024 ID 21682 | 12.04.2024 DPCM 22 febbraio 2024 - Adozione della nota metodologica relativa all'aggiornamento e alla revisione della metodologia per i fabbisogni dei comuni per il 2023 ed il fabbisogno standard complessivo per ciascun comune delle regioni a statuto ordinario. (GU… Leggi tutto
Regolamento delegato  UE  2024 873
Apr 04, 2024 215

Regolamento delegato (UE) 2024/873

Regolamento delegato (UE) 2024/873 / Procedure di assegnazione gratuita quote di emissioni ID 21631 | 04.04.2024 Regolamento delegato (UE) 2024/873 della Commissione, del 30 gennaio 2024, che modifica il regolamento delegato (UE) 2019/331 per quanto riguarda le norme transitorie per l’insieme… Leggi tutto
The implementation of the DNSH priciple EU 2024
Apr 02, 2024 108

The implementation of the ‘Do No Significant Harm’ principle in selected EU instruments

The implementation of the ‘Do No Significant Harm’ (DNS) principle in selected EU instruments / A comparative analysis ID 21608 | 02.04.2024 / In allegato In its more common formulation in the European Union (EU) policy context, the Do No Significant Harm principle aims to ensure that EU policies… Leggi tutto

Più letti Ambiente