Slide background
Slide background
Slide background
Slide background




Conferenza di Sharm el Sheikh sui cambiamenti climatici (COP 27)

ID 17996 | | Visite: 2174 | News ambientePermalink: https://www.certifico.com/id/17996

COP 27 2022

Conferenza di Sharm el Sheikh sui cambiamenti climatici (COP 27)

ID 17996 | Update 20.11.2022 / In allegato Decisione finale

Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Sharm el Sheikh, 6-20 novembre 2022).

Update 20 novembre 2022

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27 si è conclusa oggi con un accordo rivoluzionario per fornire finanziamenti "perdite e danni" ai paesi vulnerabili colpiti duramente dai disastri climatici.

"Questo risultato ci spinge in avanti", ha affermato Simon Stiell, segretario esecutivo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici. "Abbiamo determinato una via da seguire in una conversazione decennale sui finanziamenti per perdite e danni, deliberando su come affrontare gli impatti sulle comunità le cui vite e mezzi di sussistenza sono stati rovinati dai peggiori impatti del cambiamento climatico".

In un contesto geopolitico difficile, la COP27 ha portato i paesi a fornire apacchetto di decisioniche ha ribadito il loro impegno a limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. Il pacchetto ha inoltre rafforzato l'azione dei paesi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e adattarsi agli inevitabili impatti del cambiamento climatico, oltre a potenziare il sostegno finanziario, tecnologico e di capacità necessario ai paesi in via di sviluppo.

La creazione di uno specifico fondo per danni ha segnato un importante punto di progresso, con il tema inserito nell'agenda ufficiale e adottato per la prima volta alla COP27.

I governi hanno preso la rivoluzionaria decisione di istituire nuovi accordi di finanziamento, nonché un fondo dedicato, per assistere i paesi in via di sviluppo nella risposta a perdite e danni. I governi hanno anche concordato di istituire un "comitato di transizione" per formulare raccomandazioni su come rendere operativi sia i nuovi accordi di finanziamento che il fondo alla COP28 del prossimo anno. La prima riunione del comitato di transizione dovrebbe svolgersi entro la fine di marzo 2023. Le parti hanno inoltre concordato le disposizioni istituzionali per rendere operativa la rete di Santiago per perdite e danni, per catalizzare l'assistenza tecnica ai paesi in via di sviluppo che sono particolarmente vulnerabili alle avversità effetti del cambiamento climatico.

La COP27 ha visto progressi significativi in ​​materia di adattamento, con i governi che hanno concordato la strada da seguire per l'obiettivo globale sull'adattamento, che si concluderà alla COP28 e informerà il primo Global Stocktake, migliorando la resilienza tra i più vulnerabili. Alla COP27 sono stati assunti nuovi impegni, per un totale di oltre 230 milioni di dollari, al Fondo di adattamento. Questi impegni aiuteranno molte comunità più vulnerabili ad adattarsi ai cambiamenti climatici attraverso soluzioni di adattamento concrete. Il presidente della COP27 Sameh Shoukry ha annunciato l'Agenda per l'adattamento di Sharm el-Sheikh, migliorando la resilienza per le persone che vivono nelle comunità più vulnerabili dal punto di vista climatico entro il 2030. Il Comitato permanente per le finanze delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici è stato invitato a preparare un rapporto sul raddoppio dei finanziamenti per l'adattamento da esaminare alla prossima COP28 anno.

La decisione di copertura, nota come ilPiano di attuazione di Sharm el-Sheikh, sottolinea che una trasformazione globale verso un'economia a basse emissioni di carbonio dovrebbe richiedere investimenti per almeno 4-6 trilioni di dollari all'anno. La fornitura di tali finanziamenti richiederà una trasformazione rapida e completa del sistema finanziario e delle sue strutture e processi, coinvolgendo governi, banche centrali, banche commerciali, investitori istituzionali e altri attori finanziari.

È stata espressa seria preoccupazione per il fatto che l'obiettivo delle parti dei paesi sviluppati di mobilitare congiuntamente 100 miliardi di dollari all'anno entro il 2020 non sia stato ancora raggiunto, con i paesi sviluppati sollecitati a raggiungere l'obiettivo e le banche multilaterali di sviluppo e le istituzioni finanziarie internazionali invitate a mobilitare finanziamenti per il clima .

Alla COP27 sono proseguite le deliberazioni sulla definizione di un "nuovo obiettivo quantificato collettivo sui finanziamenti per il clima" nel 2024, tenendo conto delle esigenze e delle priorità dei paesi in via di sviluppo.

"In questo testo ci sono state rassicurate sul fatto che non c'è spazio per il regresso", ha detto Stiell. "Dà i segnali politici chiave che indicano che sta avvenendo la riduzione graduale di tutti i combustibili fossili".

Il Vertice mondiale dei leader, tenutasi nell'arco di due giorni durante la prima settimana della conferenza, ha convocato sei tavole rotonde ad alto livello. Le discussioni hanno evidenziato soluzioni - su temi quali la sicurezza alimentare, le comunità vulnerabili e la giusta transizione - per tracciare un percorso per superare le sfide climatiche e come fornire i finanziamenti, le risorse e gli strumenti per realizzare efficacemente l'azione per il clima su larga scala.

COP27 ha riunito più di 45.000 partecipanti per condividere idee, soluzioni e costruire partnership e coalizioni. Le popolazioni indigene, le comunità locali, le città e la società civile, compresi i giovani e i bambini, hanno mostrato come stanno affrontando il cambiamento climatico e hanno condiviso il modo in cui influisce sulle loro vite.

Le decisioni prese ribadiscono anche l'importanza fondamentale di consentire a tutte le parti interessate di impegnarsi nell'azione per il clima; in particolare attraverso il piano d'azione quinquennale sull'azione per l'empowerment climatico e la revisione intermedia del piano d'azione di genere. Questi risultati consentiranno a tutte le parti di lavorare insieme per affrontare gli squilibri nella partecipazione e fornire alle parti interessate gli strumenti necessari per guidare un'azione per il clima più ampia e inclusiva a tutti i livelli.

Ai giovani in particolare è stata data maggiore importanza alla COP27, con il segretario esecutivo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che ha promesso di sollecitare i governi non solo ad ascoltare le soluzioni proposte dai giovani, ma a incorporare tali soluzioni nel processo decisionale e politico. I giovani hanno fatto sentire la loro voce attraverso il primo padiglione nel suo genere per bambini e giovani, nonché il primo Forum sul clima guidato dai giovani.

Parallelamente ai negoziati formali, lo spazio Global Climate Action alla COP27 ha fornito una piattaforma per i governi, le imprese e la società civile per collaborare e mostrare le loro soluzioni climatiche reali. I campioni di alto livello del cambiamento climatico delle Nazioni Unite hanno tenuto un programma di due settimane di oltre 50 eventi. Ciò includeva una serie di importanti iniziative guidate dall'Africa per ridurre le emissioni e costruire la resilienza climatica e un lavoro significativo sulla mobilitazione dei finanziamenti.

“Abbiamo davanti a noi una serie di pietre miliari. Dobbiamo lavorare insieme, con determinazione, attraverso tutti i processi, siano essi nazionali, regionali o altri come il G20. Ogni singolo traguardo è importante e crea slancio", ha affermato Stiell. “Il prossimo passo per il cambiamento è proprio dietro l'angolo, con la gestione del Primo Inventario Globale da parte degli Emirati Arabi Uniti. Per la prima volta faremo il punto sull'attuazione dell'accordo di Parigi. Valuterà in modo indipendente i progressi che abbiamo fatto e se i nostri obiettivi sono adeguati. Informerà ciò che tutti, ogni singolo giorno, ovunque nel mondo, devono fare per evitare la crisi climatica”.

Stiell ha ricordato ai delegati nella plenaria di chiusura che il mondo è in un decennio critico per l'azione per il clima. UN rapporto severo dal cambiamento climatico delle Nazioni Unite ha sostenuto le sue osservazioni, così come le discussioni durante le due settimane di conferenza. Secondo il rapporto, l'attuazione degli attuali impegni da parte dei governi nazionali ha messo il mondo sulla buona strada per un mondo più caldo di 2,5°C entro la fine del secolo. Il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici indica che le emissioni di gas serra devono diminuire del 45% entro il 2030 per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

Il presidente della COP27, Sameh Shoukry, ha dichiarato: "Il lavoro che siamo riusciti a svolgere qui nelle ultime due settimane e i risultati che abbiamo raggiunto insieme sono una testimonianza della nostra volontà collettiva, come comunità di nazioni, di esprimere un messaggio chiaro che risuona forte oggi, qui in questa stanza e in tutto il mondo: quella diplomazia multilaterale funziona ancora…. nonostante le difficoltà e le sfide dei nostri tempi, la divergenza di opinioni, il livello di ambizione o apprensione, rimaniamo impegnati nella lotta contro il cambiamento climatico…. siamo stati all'altezza della situazione, abbiamo assunto le nostre responsabilità e abbiamo preso le decisioni politiche importanti e decisive che milioni di persone in tutto il mondo si aspettano da noi".

Parlando dell'anno a venire, Stiell ha affermato che il cambiamento climatico delle Nazioni Unite aiuterà le parti e le future presidenze della COP a percorrere questo percorso verso la nuova fase di attuazione.

Segue una sintesi di alcuni degli altri risultati chiave della COP27.

Tecnologia
COP27 ha visto il lancio di un nuovo programma di lavoro quinquennale alla COP27 per promuovere soluzioni tecnologiche per il clima nei paesi in via di sviluppo.

Mitigazione
La COP27 ha fatto progredire notevolmente il lavoro sulla mitigazione. A Sharm el-Sheikh è stato lanciato un programma di lavoro sulla mitigazione, volto a intensificare con urgenza le ambizioni e l'attuazione della mitigazione. Il programma di lavoro inizierà subito dopo la COP27 e proseguirà fino al 2030, con almeno due dialoghi globali tenuti ogni anno. Ai governi è stato inoltre chiesto di rivedere e rafforzare gli obiettivi del 2030 nei loro piani climatici nazionali entro la fine del 2023, nonché di accelerare gli sforzi per ridurre gradualmente l'energia a carbone senza sosta e eliminare gradualmente i sussidi inefficienti ai combustibili fossili.

Il testo della decisione riconosce che la crisi energetica globale senza precedenti sottolinea l'urgenza di trasformare rapidamente i sistemi energetici per renderli più sicuri, affidabili e resilienti, accelerando le transizioni pulite ed eque verso le energie rinnovabili durante questo decennio critico di azione.

I delegati del Global Stocktake
alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27 hanno concluso il secondo dialogo tecnico del primoinventario globale, un meccanismo per aumentare l'ambizione ai sensi dell'accordo di Parigi. Il Segretario generale delle Nazioni Unite convocherà un "vertice sull'ambizione climatica" nel 2023, prima della conclusione del bilancio alla COP28 del prossimo anno.

________

06.11.2022

La Conferenza delle Parti sul Clima rappresenta un momento decisivo nella lotta al cambiamento climatico. La scienza ha stabilito senza dubbio che la finestra d'azione si sta chiudendo rapidamente, alla COP27 il compito di mantenerla aperta.

Si tratta di un appuntamento di straordinaria importanza al quale sono rivolte enormi aspettative sia per quanto riguarda l'analisi puntale e precisa della situazione in relazione ai cambiamenti climatici a fronte delle drammatiche situazioni che si sono presentate nel corso del 2022.

Lunedì 7 e martedì 8 novembre si terrà il vertice dei capi di stato e di governo, il "Summit di attuazione per il clima". I tavoli di discussione riguarderanno 6 argomenti chiave: Transizione giusta, Sicurezza alimentare, Finanza innovativa per il clima e lo sviluppo, Investire sul futuro dell'energia, Sicurezza idrica, Cambiamento climatico e sostenibilità delle comunità vulnerabili. Mercoledì 9 novembre sarà il giorno della Finanza, giovedì 10 della Scienza e dei Giovani, venerdì 11 della Decarbonizzazione, sabato 12 dell'Adattamento e dell'Agricoltura, lunedì 14 del Genere e dell'Acqua, martedì 15 della Società civile e dell'Energia, mercoledì 16 della Biodiversità, giovedì 17 delle Soluzioni. Venerdì 18 la conferenza si concluderà con la trattativa fra i paesi e il documento finale.

Il ruolo che l’Italia svolgerà alla Cop 27 non si fonda solo sull’impegno del governo italiano nel promuovere l’Accordo di Parigi in tutti gli scenari internazionali, ma anche nel valorizzare il più possibile le esperienze e le buone pratiche dei tanti stakeholder del nostro paese impegnati nel contrasto al cambiamento climatico.

Ad organizzarli saranno le università, i centri di ricerca, le fondazioni, le ONG, le regioni e le aziende italiane, che presenteranno e discuteranno esperienze e azioni concrete che attraversano le sfide globali dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile.

Numerose anche le occasioni di confronto promosse dallo stesso Mite, come pure di Cassa Depositi e Prestiti, dall’Agenzia italiana per la cooperazione internazionale, in collaborazione o con la partecipazione delle agenzie delle Nazioni Unite e attori di spicco del panorama internazionale.

_________

Obiettivi e visione COP 27

Risultati inclusivi, basati su regole e ambiziosi, sostanziali, commisurati alla sfida basata sulla scienza e guidati da principi basati su accordi, decisioni, promesse e impegni, da RIO 1992 a Glasgow 2021.

Cerchiamo di accelerare l'azione globale per il clima attraverso la riduzione delle emissioni, l'aumento degli sforzi di adattamento e il potenziamento dei flussi finanziari adeguati. Riconosciamo che la "transizione giusta" rimane una priorità per i paesi in via di sviluppo in tutto il mondo.

COP 27 2022 Mitigazione

Mitigazione

Dobbiamo unirci per limitare il riscaldamento globale ben al di sotto di 2 gradi centigradi e lavorare sodo per mantenere vivo l'obiettivo di 1,5 gradi centigradi. Ciò richiede azioni audaci e immediate e una maggiore ambizione da parte di tutte le parti, in particolare di coloro che sono in grado di farlo e di coloro che possono dare l'esempio e lo fanno.

La COP27 sarà un momento per i paesi per adempiere ai loro impegni e impegni verso il raggiungimento degli obiettivi dell'accordo di Parigi per migliorare l'attuazione della Convenzione.

Quest'anno dovrebbe assistere all'attuazione dell'invito del patto di Glasgow a rivedere l'ambizione negli NDC e creare un programma di lavoro per l'ambizione sulla mitigazione.

COP 27 2022 Adattamento

Adattamento

Gli eventi meteorologici estremi causati da ondate di caldo, inondazioni, incendi boschivi sono diventati una realtà quotidiana della nostra vita.

I leader mondiali, i governi e gli stati parti della convenzione hanno ribadito il loro impegno alla COP26 per una maggiore azione globale sull'adattamento nella COP26.

L'obiettivo globale sull'adattamento è stato uno dei risultati significativi della COP26. Dobbiamo garantire che la COP27 compia i progressi fondamentali necessari ed esortare tutte le parti a dimostrare la volontà politica necessaria se vogliamo catturare e valutare i nostri progressi verso il rafforzamento della resilienza e assistere le comunità più vulnerabili

Al di là dell'obiettivo globale sull'adattamento, la COP27 dovrebbe assistere a un'agenda globale d'azione sull'adattamento rafforzata, confermando ciò che abbiamo concordato a Parigi e ulteriormente elaborato nel patto di Glasgow per quanto riguarda il porre l'adattamento in prima linea nell'azione globale.

COP 27 2022 Finanza

Finanza

Nella COP27 è essenziale compiere progressi significativi sulla questione cruciale dei finanziamenti per il clima, mentre andiamo avanti su tutti i punti finanziari all'ordine del giorno.

L'importanza dell'adeguatezza e della prevedibilità dei finanziamenti per il clima è fondamentale per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi, a tal fine è necessaria una maggiore trasparenza dei flussi finanziari e un accesso facilitato per soddisfare le esigenze dei paesi in via di sviluppo, in particolare Africa, PMS e SIDS.

Gli impegni e le promesse esistenti, annunciati da Copenaghen e Cancun, attraverso Parigi e fino a Glasgow, richiedono un seguito al fine di fornire chiarezza su dove siamo e cosa occorre fare di più.

I progressi nella consegna dei 100 miliardi di dollari annui creeranno maggiore fiducia tra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo, dimostrando che gli impegni effettivi vengono rispettati.

COP 27 2022 Collaborazione

Collaborazione

Migliorare e facilitare l'accordo nei negoziati è della massima importanza affinché la Presidenza della COP27 ottenga risultati tangibili in modo equilibrato. Il progresso della partnership e della collaborazione aiuterà a raggiungere i nostri quattro obiettivi e garantire che il mondo stia adottando un modello economico più resiliente e sostenibile in cui gli esseri umani sono al centro dei colloqui sul clima.

I negoziati delle Nazioni Unite sono basati sul consenso e il raggiungimento di un accordo richiederà la partecipazione inclusiva e attiva di tutte le parti interessate.

Stiamo lavorando instancabilmente per garantire un'adeguata rappresentanza e partecipazione di tutte le parti interessate alla COP27, in particolare le comunità vulnerabili e i rappresentanti dei paesi della regione africana che sono sempre più colpiti dagli impatti dei cambiamenti climatici.

Dobbiamo trasformare il risultato di Glasgow in azione e iniziare con la sua attuazione.

Garantire che gli esseri umani siano al centro dei colloqui sul clima è imperativo.

I governi, il settore privato e la società civile devono lavorare, in tandem, per trasformare il modo in cui interagiamo con il nostro pianeta. Dobbiamo introdurre nuove soluzioni e innovazioni che aiutino ad alleviare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici. Dobbiamo anche replicare e potenziare rapidamente tutte le altre soluzioni rispettose del clima verso l'attuazione nei paesi in via di sviluppo.

...

Fonte: COP 27

Collegati

DescrizioneLinguaDimensioneDownloads
Scarica questo file (Decision - CP.27.pdf)Decision - CP.27
 
EN195 kB42
Scarica questo file (COP 27 Programma eventi padiglione Italiano.pdf)COP 27 Programma eventi padiglione Italiano
 
IT307 kB59

Tags: Ambiente Clima

Articoli correlati

Ultimi archiviati Ambiente

Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici UE 2021
Nov 28, 2022 53

Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici UE

Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici UE / 2021 ID 182011 | 28.11.2022 / In allegato La commissione europea il 24 febbraio 2021 ha adottato la nuova "Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici", sottolineando che i cambiamenti climatici sono già in atto e che per questo dobbiamo… Leggi tutto
Nov 28, 2022 58

Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Approvato con: Decreto Direttoriale n. 86 del 16 giugno 2015 Collegati
Decreto Direttoriale n. 86 del 16 giugno 2015Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici
Leggi tutto
DD n  86 del 16 giugno 2015
Nov 28, 2022 41

Decreto Direttoriale n. 86 del 16 giugno 2015

Decreto Direttoriale n. 86 del 16 giugno 2015 / Approvazione Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Approvazione del documento "Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici" Vedi Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici:… Leggi tutto
Nov 25, 2022 52

Decreto Ministeriale 1° agosto 1997

Decreto Ministeriale 1° agosto 1997 Metodi ufficiali di analisi fisica del suolo (GU n. 204 del 2 settembre 1997 SO n. 273) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi mineralogica del suolo- Decreto 23 febbraio 2004 - Metodi ufficiali di… Leggi tutto
Nov 25, 2022 46

Decreto 8 luglio 2002

Decreto 8 luglio 2002 Metodi di analisi microbiologica del suolo (GU n. 179 del 1 agosto 2002 SO n. 179) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi mineralogica del suolo- Decreto 23 febbraio 2004 - Metodi ufficiali di analisi biochimica del… Leggi tutto
Nov 25, 2022 48

Decreto 23 marzo 2000

Decreto 23 marzo 2000 Approvazione dei “Metodi ufficiali di analisi delle acque per uso agricolo e zootecnico”. (GU n. 87 del 13 aprile 2000 SO n. 60) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi mineralogica del suolo- Decreto 23 febbraio… Leggi tutto
Decreto 21 marzo 2005
Nov 25, 2022 70

Decreto 21 marzo 2005

Decreto 21 marzo 2005 / Metodi ufficiali analisi mineralogica del suolo 2005 Metodi ufficiali di analisi mineralogica del suolo. (GU n. 79 del 6 aprile 2005 S.O. n. 60) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi mineralogica del suolo- Decreto… Leggi tutto
Regolamento di esecuzione UE 2022 2299
Nov 25, 2022 77

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2299

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2299 / Struttura relazioni intermedie nazionali integrate sull’energia e il clima ID 18171 | 25.11.2022 Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2299 della Commissione del 15 novembre 2022 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) 2018/1999 del Parlamento… Leggi tutto
Decreto 23 febbraio 2004
Nov 25, 2022 78

Decreto 23 febbraio 2004

Decreto 23 febbraio 2004 / Metodi ufficiali di analisi biochimica del suolo 2004 Approvazione dei metodi ufficiali di analisi biochimica del suolo. (GU n.61 del 13.03.2004 - S.O. n. 42) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi mineralogica… Leggi tutto
Decreto ministeriale 13 settembre 1999
Nov 25, 2022 50

Decreto Ministeriale 13 settembre 1999

Decreto Ministeriale 13 settembre 1999 / Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo 1999 Approvazione dei «Metodi ufficiali di analisi chimica del suolo» (GU n.248 del 21.10.1999 - S.O. n. 185) [box-info]Metodi ufficiali analisi del suolo - Decreto 21 marzo 2005 - Metodi ufficiali di analisi… Leggi tutto

Più letti Ambiente